6 Mar [17:12]

Montmelò, 4° turno: Cecotto al top

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Dall’inviato Antonio Caruccio

Passaggio di testimone in questo secondo giorno. Rimasta sempre bagnata la pista, senza lasciare nessuno scampo come invece si sperava per montare le slick, a conquistare il miglior tempo nella quarta sessione è stato Johnny Cecotto, che è riuscito a battere d’un soffio James Calado. L’inglese di ART, più veloce questa mattina, ha riavvicinato nel finale il venezuelano di Arden senza successo. Terzo tempo per Felipe Nasr, confermatosi al vertice con Carlin. Ottimo quarto Kevin Giovesi. Il lombardo di Lazarus ha completato una giornata positiva riuscendo a cogliere un tempo importante che lo mantiene nella zona alta della classifica. Chiude quinto Adrian Quaife-Hobbs, a suo agio con l’asfalto viscido e che nella prima ora aveva conquistato il primato, salvo poi continuare a lavorare su diverse scelte di set-up a discapito della prestazione pura.

Buono però il bilancio complessivo di MP Motorsport, che piazza anche la seconda vettura affidata a Daniel De Jong in settima posizione. Buoni riscontri per Rapax. La compagine veneta piazza Simone Trummer al sesto posto e Stefano Coletti al nono. Tra il monegasco e Tom Dillmann, nono alle sue spalle con Russian Time, c’è un solo millesimo di differenza. Si conferma tra i primi anche Julian Leal, ottavo con Racing Engineering. Ventiquattresimo Riccardo Agostini, alla prima presa di contatto con una GP2 in condizioni da bagnato. Robin Frijns, oggi in Trident passerà domani a difendere i colori di Russian Time.

Nella foto, Johnny Cecotto

I tempi del 4° turno, mercoledì 6 marzo 2013

1 – Johnny Cecotto – Arden – 1’52”781 – 18 giri
2 – James Calado – ART - 1’52”878 – 28
3 – Felipe Nasr – Carlin – 1’52”892 – 24
4 – Kevin Giovesi – Lazarus – 1’53”081 - 21
5 – Adrian Quaife-Hobbs – MP – 1’53”243 - 30
6 – Simon Trummer – Rapax – 1’53”414 – 32
7 – Daniel De Jong – MP – 1’53”515 – 26
8 – Julian Leal – Racing Engineering – 1’53”524 – 37
9 – Stefano Coletti – Rapax – 1’53”818 – 14
10 – Tom Dillmann – Russian Time – 1’53”819 – 23
11 – Fabio Leimer – Racing Engineering – 1’53”920 - 22
12 – Conor Daly – Hilmer – 1’53”983 – 22
13 – Stephane Richelmi – Dams – 1’54”137 – 29
14 – Marcus Ericsson – Dams – 1’54”161 – 36
15 – Sergio Canamasas – Caterham – 1’54”240 – 18
16 – Renè Binder – Lazarus - 1’54”349 – 14
17 – Robin Frijns – Trident – 1’54”360 – 18
18 – Ma Quing Hua – Caterham – 1’54”494 – 33
19 – Mitch Evans – Arden – 1’54”513 – 17
20 – Rodolfo Gonzalez– Trident - 1’54”563 – 27
21 – Rio Haryanto – Addax – 1’54”662 – 35
22 – Jake Rosenzweig – Addax – 1’54”845 – 23
23 – Jolyon Palmer – Carlin - 1’54”940 – 23
24 – Riccardo Agostini – Hilmer – 1’55”359 – 24
25 – Christopher Zanella – Russian Time – 1’55”425 - 12
26 – Daniel Abt – ART – 1’55”770 – 26

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone