12 Gen [22:17]

24 Ore di Dubai
Audi 2019 al top, Malucelli 3°

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

E’ subito al vertice la nuova Audi R8 EVO 2019. La vettura di Ingolstadt, che è stata rivista per il metà vita, ha comandato la quasi totalità della 24 Ore di Dubai, centrando il successo con Christopher Haase, Frederic Vervisch, Rik Breukers e Dimitri Parhofer ed il team Car Collection Motorsport. Per la nuova R8 si è trattato di una doppietta, con il WRT che ha chiuso al secondo posto, sotto di quasi due giri, con Saud Fahad Al Saud, Michael Vergers, Christopher Mies e Dries Vanthoor.

Ma se le Audi 2019 hanno occupato anche il quinto, il sesto e il nono posto, a completare il podio assoluto è stata una Ferrari, quella della Scuderia Praha, con Pisarik-Kral-Malucelli, unico rappresentante italiano sul podio nelle classi GT3. In quarta posizione si è invece piazzata la Lamborghini Huracan Evo del team Grasser con Mirko Bortolotti, Christian Engelhart, Rolf e Ralf Ineichen. La Mercedes si è invece dovuta accontentare del successo in classe Am, con l’HTP Motorsport e il quintetto Hrachowina-Konrad-Schneider-Dontje-Bosi. Seconda di classe la Porsche di Renauer-Renauer-Bohn-Allemann.

Sesto posto nella classe per la Lamborghini del team Target, con Lind-Altoé-Boguslavskiy-Costantini-Autumn. Curiosità: la decima piazza assoluta della Porsche del centro ufficiale di Hong Kong con un equipaggio composto da dieci... caratteri: Yu-Hui-Au-Tse.

Tra le altre classi principali, il successo in Porsche Cup è andato a Moutran-Moutran-Moutran-Eastwood, mentre a prevalere in TCR sono stati su Golf DSG Menden-Danz-Mettler-Tanner e Ogay. Non hanno visto il traguardo le Nissan del team KCMG con Andrea Gagliardini affiancato a Chiyo-Matsuda-Burdon-Thong classificato 29° assoluto. Edoardo Liberati con la seconda GT-R ufficiale si è ritirato senza completare il 60% della gara. Poca fortuna anche per le Lotus "Italiane" del PB Racing comunque classificate seconda e terza di classe A3.

L'ordine di arrivo, sabato 12 gennaio 2019 (Top-20)

1 - Parhofer-Haase-Vervisch-Breukers (Audi R8) - Car Collection - 607 giri
2 - Al Saud-Vergers-Mies-Vanthoor (Audi R8) - WRT - 606
3 - Pisarik-Kral-Malucelli (Ferrari 488) - Praha - 603
4 - Bortolotti-Engelhart-Ineichen-Ineichen (Lamborghini Huracán) - GRT - 600
5 - Minsky-Bachler-Foster-Dienst-Schothorst (Audi R8) - Attempto - 597
6 - Winkelhock-Ortmann-Weishaupt-Mucke-Feller (Audi R8)) - Mucke - 597
7 - Hrachowina-Konrad-Schneider-Dontje-Bosi (Mercedes-AMG GT3) - HTP - 595
8 - Allemann-Bohn-Renauer-Renauer (Porsche 911 GT3) - Herberth - 594
9 - Kirkhhoff-Edelhoff-Grimm-Vogler (Audi R8) - Car Collection - 592
10 - Yu-Hui-Au-Tse (Porsche 911 GT3) - Porsche HK - 592
11 - Altoè-Lind-Boguslaviskiy-Costantini-Autumn (Lamborghini Huracán) - Target - 588
12 - Kelders-Paque-Desbrueres-Stievenart-Gachet (Audi R8) - Sainteloc - 586
13 - Putman-Espenlaub-Foster-Lewis (Mercedes-AMG GT3) - CP Racing - 585
14 - Schlotter-Rattenbury-Paverud-Al Mudhaf-Schandorff (Lamborghini Huracán SuperTrofeo) - Leipert - 581
15 - Al Faisal-Haupt-Buurman-Al Faisal-Christodolou (Mercedes-AMG GT3) - Black Falcon - 579
16 - Neugerbauer-Schneider-Mauricio-Dirani (Porsche 991 Cup) - MRS - 576
17 - Moutran-Moutran-Moutran-Eastwood (Porsche 991 Cup) - Duel Racing - 574
18 - Roedig-Zoechling-Matsushima-Rdest-Triller (Porsche 991 Cup) - MRS - 564
19 - Gibon-Amrouche-Ancel (Porsche 991 Cup) - Porsche Lorient - 561
20 - Hornung-Shen-Simosen-Descombes (Porsche 991 Cup) - Modena - 557

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone