14 Gen [17:20]

Abarth 124 GT4: un'opera incompiuta?

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Michele Montesano

Il Motorpsort italiano ha ricevuto un brutto colpo già nelle prime settimane del nuovo anno: molto probabilmente non vedremo mai correre sui circuiti l’Abarth 124 GT4. Pare che, proprio in questi giorni sia arrivato lo stop da parte di FCA e Abarth Racing al progetto che era ad un passo dalla messa in commercio.

Ricordiamo che da quasi un anno la 124, in allestimento GT4, sta girando per i circuiti di tutta Europa, dal Paul Ricard a Monza, messa alla frusta da collaudatori di spicco quali Andrea Piccini, con risultati a dir poco lusinghieri se confrontati con le altre vetture di questa categoria.

Lo “scorpioncino” è basato sulla vettura che corre nei rally nella categoria RGT, ma dotata del propulsore 1.750 dell’Alfa Romeo 4C portato a circa 320 cavalli ed elettronica Magneti Marelli; inoltre gode di un’aerodinamica studiata in galleria del vento e CFD dotata di uno splitter ed estrattore di notevoli dimensioni e scocca realizzata da Giannetti.

La vettura è praticamente già definita in tutti i sui dettagli mancava solo il nulla osta da parte dei vertici del Gruppo che purtroppo, almeno per ora, non è arrivato. Incomprensibile la scelta di congelare tale programma; voci di corridoio sostengono che lo stop sia motivato dai costi, anche se la categoria GT4 è stata creata proprio per cercare di mantenere i budget di sviluppo ed esercizio il più bassi possibili. Inoltre la Serie europea gode di ottima salute e vanta un parco macchine invidiabile a qualsiasi altra categoria a ruote coperte.

Come se non bastasse pare che un team svizzero si fosse già reso disponibile per gestire diverse 124 GT4. Di auto progettate per la competizione e che non hanno mai visto una gara ne è pieno il motorpsort, ma anche il gruppo Fiat. Speriamo che l’Abarth 124 GT4 non sia l’ennesima vittima sacrificale in nome della crisi economica.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone