formula 1

Imola - Piastri penalizzato
Le Ferrari in seconda fila

Era nell'aria e puntualmente è arrivata. Oscar Piastri ha rovinato la sua eccezionale prestazione in qualifica, che lo av...

Leggi »
formula 1

Imola - Qualifica
Verstappen non fa prigionieri

Max Verstappen e la Red Bull erano in difficoltà fino al terzo turno libero di questa mattina. Stavano lavorando sodo in base...

Leggi »
indycar

Indy 500, Qualifica 1
Dominio del team Penske

Team Penske mostruoso nel primo giorno di qualifica per la Indy 500. Le tre vetture del Capitano, dopo tre anni di qualifiche...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 2
Weerts-Vanthoor fendono la notte

Michele Montesano - Foto Speedy BMW ha proseguito a dettare legge a Misano. Anche con il calare della notte la M4 GT3 si...

Leggi »
GT2 Europe

Misano – Gara 1
Gorini-Tamburini nel segno del Tridente

Michele Montesano - Foto Speedy Maserati ha vinto la gara di casa a Misano del Fanatec GT2 European Series. Leonardo Gorini e...

Leggi »
GT World Challenge

Sprint a Misano – Gara 1
Rossi e Martin concedono il bis

Michele Montesano - Foto Speedy A meno di un anno di distanza, Valentino Rossi e Maxime Martin sono tornati sul gradino più ...

Leggi »
12 Mag [17:32]

Berlino – Gara 2
Vittoria del riscatto per da Costa

Michele Montesano

Antonio Felix da Costa è tornato sul gradino più alto del podio di Formula E proprio sul circuito che l’ha visto laurearsi campione quattro anni fa. Conquistando il secondo E-Prix di Berlino, il portoghese ha inoltre condotto al successo casalingo la Porsche. Non solo, da Costa si è ripreso sul campo la vittoria che gli era stata tolta un mese fa a Misano, per via di un’irregolarità della molla del pedale dell’acceleratore. A sorridere anche Nick Cassidy che, grazie al secondo posto, ha ulteriormente allungato in classifica generale.

Un E-Prix, quello visto sul tracciato ricavato nell’ex aeroporto di Tempelhof, che ha saputo regalare ancora una volta lotte intense dal primo all’ultimo giro. Proprio allo spegnimento dei semafori Cassidy ha bruciato il poleman Dennis cercando di prendere il largo prima di azionare l’Attack Mode. Quasi tutti i piloti hanno poi seguito il leader di campionato cercando di utilizzare subito il boost di potenza. Ma, nel corso dell’undicesimo giro, Max Günther è stato speronato per poi finire a muro proprio come avvenuto nella gara di ieri.

Dopo tre tornate dietro la safety car, la lotta è ripresa con Cassidy che si è riportato in testa davanti Mitch Evans e Pascal Wehrlein. Nel mentre da Costa, partito decimo, durante le prime fasi di gara si era già issato in zona podio. Il portoghese ha poi sfruttato la seconda tornata di Attack Mode per salire al comando delle operazioni nel corso del ventunesimo passaggio. Ma il contatto tra Norman Nato e Sacha Fenestraz, con quest’ultimo spinto a muro dal pilota della Nissan poi sanzionato con dieci secondi di penalità, ha richiesto il secondo intervento della vettura di sicurezza.

Al restart Evans ha preso la testa della corsa ma, proprio come nell’E-Prix di ieri, il neozelandese è stato uno degli ultimi ad azionare il secondo Attack Mode scivolando al terzo posto. Evans ha quindi battagliato con il suo compagno di squadra Cassidy favorendo la fuga di da Costa, tornato primo, e Oliver Rowland autore di una bella rimonta. Sbarazzatosi di Evans, a quattro giri dal termine, Cassidy ha poi sopravanzato Rowland la tornata successiva. Il pilota Jaguar ha tentato un disperato recupero su da Costa ma l’alfiere Porsche era troppo distante. Il portoghese ha quindi tagliato il traguardo per primo seguito da Cassidy e Rowland.

Ancora una volta ci sono state scintille tra Wehrlein e Dennis. I due sono arrivati ai ferri corti in più di un’occasione. Non sono mancate le ruotate, con annessi pezzi di carbonio volati via, alla fine il tedesco della Porsche è riuscito ad avere la meglio sul campione in carica. Evans, sesto, ha preceduto Jehan Daruvala. Per la seconda volta in zona punti, dopo il nono posto di Misano, l’indiano ha regalato a Maserati l’unica gioia del fine settimana.

Chiamato a sostituire l’infortunato Sam Bird, Taylor Barnard è andato nuovamente a punti. Ottavo, il pilota della McLaren ha preceduto Joel Eriksson, subito competitivo a tre anni dall’ultima apparizione in Formula E. Dopo il podio conquistato ieri, quest’oggi Jean-Eric Vergne non è riuscito ad andare oltre il decimo posto.

Domenica 12 maggio 2024, gara 2

1 - Antonio Felix da Costa (Porsche) - Porsche - 41 giri
2 - Nick Cassidy (Jaguar) - Jaguar - 0"691
3 - Oliver Rowland (Nissan) - Nissan - 2"820
4 - Pascal Wehrlein (Porsche) - Porsche - 4"147
5 - Jake Dennis (Porsche) - Andretti - 4"548
6 - Mitch Evans (Jaguar) - Jaguar - 4"953
7 - Jehan Daruvala (DS Maserati) - Maserati - 6"032
8 - Taylor Barnard (Nissan) - McLaren - 6"698
9 - Joel Eriksson (Jaguar) - Envision - 7"119
10 - Jean-Eric Vergne (DS) - DS Penske - 7"357
11 - Lucas di Grassi (Mahindra) - Cupra Abt - 8"204
12 - Jake Hughes (Nissan) - McLaren - 10"349
13 - Sergio Sette Camara (ERT) - ERT - 10"403
14 - Paul Aron (Jaguar) - Envision - 11"124
15 - Kelvin van der Linde (Mahindra) - Cupra Abt - 11"780
16 - Edoardo Mortara (Mahindra) - Mahindra - 12"143
17 - Dan Ticktum (ERT) - ERT - 12"642
18 - Jordan King (Mahindra) - Mahindra - 16"494
19 - Norman Nato (Porsche) - Andretti - 20"851
20 - Stoffel Vandoorne (DS) - DS Penske - 36"753

Giro più veloce: Norman Nato 1'03"553

Ritirati
Sacha Fenestraz (Nissan) - Nissan
Maximilian Günther (DS Maserati) - Maserati

Il campionato piloti
1.Cassidy 140 punti; 2.Wehrlein 124; 3.Rowland 118; 4.Dennis 102; 5.Evans 97; 6.Vergne 84; 7.Günther 65; 8.da Costa 59; 9.Vandoorne 43; 10.Bird 38.