F4 Italia

Mugello - Qualifica 1
Bohra e Slater conquistano le pole

Prima la doppietta di US Racing, poi il pareggio del team Prema. E' finita 2 a 2, a decidere il tutto saranno i tempi sup...

Leggi »
World Endurance

A Interlagos arrivano i primi
aggiornamenti sulla Ferrari 499P

Michele Montesano - XPB Images Vettura che vince non si cambia, si evolve. Reduce dal trionfo della 24 Ore di Le Mans, la Fe...

Leggi »
formula 1

Nel 2025 restano sei
le Sprint Race in calendario

22 marzo - Shanghai3 maggio - Miami26 luglio - Spa18 ottobre - Austin8 novembre - San Paolo29 novembre - Lusail

Leggi »
formula 1

La rinascita della Mercedes W15
passa dalla sospensione anteriore

Michele Montesano - XPB Images La Formula 1 è fatta di piccoli dettagli. Basta un nulla, una regolazione errata o un aggiorn...

Leggi »
formula 1

Lawson a Silverstone con la Red Bull
E Perez comincia a tremare...

Domani, 11 luglio, Liam Lawson sarà a Silverstone per guidare la Red Bull RB20 di questa stagione. L'occasione che si pre...

Leggi »
formula 1

McLaren e Norris, ancora troppi
errori per poter pensare al Mondiale

Avere la monoposto attualmente più veloce del paddock F1, ma non riuscire mai a concretizzare il massimo risultato nei Gran P...

Leggi »
4 Giu [0:11]

Endurance a Le Castellet – Gara
Doppietta Mercedes, Marciello vince

Da Le Castellet – Luca Basso – Foto Speedy

La fase notturna della 1000 km di Le Castellet, gara valida come secondo round endurance del Fanatec GT World Challenge Europe powered by AWS, ha scombinato le carte in tavola. La BMW M4 GT3 di Philipp Eng, Marco Wittmann e Nick Yelloly – salita in testa dopo la foratura dell’Audi R8 LMS Evo II di Ricardo Feller, Mattia Drudi e Dennis Marschall – ha optato per una strategia basata su una possibile safety-car che, tuttavia, non si è mai vista nel corso delle sei ore totali.

Di fatto, l’equipaggio di ROWE Racing è stato costretto ad alzare il proprio ritmo nel finale, favorendo invece il ritorno delle Mercedes-AMG GT3 Evo di Raffaele Marciello-Timur Boguslavskiy-Jules Gounon e di Mario Engel-Luca Stolz-Fabian Schiller. I due equipaggi della Casa di Stoccarda sono arrivati anche ai ferri corti alla penultima ora, ma tra i due ha primeggiato quello di Akkodis ASP Team con Marciello gran protagonista nello stint finale. Vittoria meritata, dopo aver collezionato un ritiro nella tappa inaugurale di Monza.

Le temperature più fredde della notte hanno permesso alle Ferrari 296 GT3 di essere molto più performanti rispetto alle prime tre ore. Daniel Serra-Davide Rigon-Antonio Fuoco e Alessio Rovera-Robert Shwartzman-Niklas Nielsen sono stati gli ultimi ad effettuare la sosta, ma l’azzardo non è valso il podio finale. Le Rosse, alla fine, hanno concluso quinta e settima.

Quasi a sorpresa, l’Audi di Saintéloc Junior Team affidata a Simon Gachet, Christopher Mies e Patric Niederhauser ha concluso terza, brava a rimanere nelle posizioni di vertice durante tutta la corsa. BMW porta a casa un quarto posto con il già citato trio Eng-Wittmann-Yelloly, un sesto con Max Hesse-Daniel Harper-Neil Verhagen e un ottavo Maxime Martin-Augusto Farfus-Valentino Rossi.

Gran peccato per la Lamborghini Huracán GT3 Evo di Andrea Caldarelli, Mirko Bortolotti e Jordan Pepper. I piloti di Iron Lynx erano a caccia di un possibile podio, finché Caldarelli non ha subìto una foratura al pneumatico posteriore sinistro nel rettilineo di Mistral.

Straordinaria vittoria nella categoria Silver per Lorenzo Patrese e Pietro Delli Guanti. Partiti dal fondo dello schieramento, i due italiani si sono fatti valere fin dalle prime battute e, con calma e costanza, sono risaliti fino al 15esimo posto assoluto, condividendo l’abitacolo con Alex Aka. Bene anche Lorenzo Ferrari, 13esimo assieme a Thomas Drouet e Maximilian Götz, dopo essere stato addirittura coinvolto in un testacoda al primo giro.

Domenica 4 giugno 2023, classifica gara

1 – Marciello-Boguslavskiy-Gounon (Mercedes-AMG) – Akkodis ASP – 183 giri in 6’01”41507
2 – Engel-Stolz-Schiller (Mercedes-AMG) – AlManar – 9”883
3 – Mies-Niederhauser-Gachet (Audi) – Saintéloc – 17”313
4 – Eng-Wittmann-Yelloly (BMW) – ROWE – 18”279
5 – Serra-Rigon-Fuoco (Ferrari) – AF Corse – 26”733
6 – Harper-Verhagen-Hesse (BMW) – ROWE – 27”354
7 – Rovera-Shwartzman-Nielsen (Ferrari) – AF Corse – 1 giro
8 – Farfus-Martin-Rossi (BMW) – WRT – 1 giro
9 – Hofer-Baert-Soulet (Audi) – Comtoyou – 1 giro
10 – Born-Schumacher-Zug (Mercedes-AMG) – Winward – 1 giro
11 – Eteki-di Folco-Panis (Audi) – Boutsen VDS – 1 giro
12 – Kjaergaard-Goethe-Kirchhöfer (McLaren) – Garage 59 – 1 giro
13 – Ferrari-Drouet-Götz (Mercedes-AMG) – Akkodis ASP – 1 giro
14 – Maini-Baud-Haupt (Mercedes-AMG) – HRT – 1 giro
15 – Patrese-Delli Guanti-Aka (Audi) – Tresor Attempto – 2 giri
16 – Machiels-Machiels-Bertolini (Ferrari) – AF Corse – 2 giri
17 – Hui-Froggatt-Cheever (McLaren) – SKY Tempesta – 2 giri
18 – van Berlo-Hites-Schmid (Lamborghini) – GRT – 2 giri
19 – Hezemans-Dejonghe-Hutchison (Audi) – Comtoyou – 3 giri
20 – Bohn-Renauer-Renauer (Porsche) – Herberth Motorsport – 3 giri
21 – Gazeau-Meyuhas-Cola (Audi) – Boutsen VDS – 3 giri
22 – Mitchell-Mapelli-Perera (Lamborghini) – K-PAX – 3 giri
23 – Gustavsen-Nesov-Perez Companc (Mercedes-AMG) – Madpanda – 3 giri
24 – Bastard-Demoustier-Evrard (Audi) – Sainteloc – 3 giri
25 – Carroll-Proctor-Whale (BMW) – WRT – 3 giri
26 – Gorini-Borga-Jamin (Lamborghini) – AGS Events – 3 giri
27 – Mukovoz-Galbiati-Pereira (Audi) – Tresor Attempto – 3 giri
28 – Sager-Nakken-Barker (Porsche) – Dinamic GT Huber – 4 giri
29 – Frey-Bovy-Gatting (Lamborghini) – Iron Dames – 4 giri
30 – Pierce-Jewiss-Meyrick (Porsche) – Parker – 4 giri
31 – Leutwiler-Jacoma-Fontana (Porsche) – Car Collection – 4 giri
32 – Tutumlu Lopez-Tan-Miller (Ferrari) – ST with Rinaldi – 6 giri
33 – Chaves-Ramos-Prette (McLaren) – Garage 59 – 7 giri
34 – Pulcini-Beretta-Ineichen (Lamborghini) – Iron Lynx – 7 giri
35 – Boccolacci-Denoual-Caumes (Porsche) – CLRT – 8 giri
36 – Li-Brunot-Leitch (Lamborghini) – Leipert – 8 giri
37 – Walker-Bergstein-Lewandowski (Mercedes-AMG) – GetSpeed – 8 giri
38 – Rougier-Creed-Légeret (Audi) – CSA – 1’56”091 – 8 giri

Ritirati
Bortolotti-Caldarelli-Pepper (Lamborghini) – Iron Lynx
Baptista-Baptista-Baptista (Mercedes-AMG) – Akkodis ASP
Palette-Mateu-Chevalier (Porsche) – CLRT
Haase-Magnus-Vervisch (Audi) – Comtoyou
Valente-Juffali-Aron (Mercedes-AMG) – Theeba
Kingsley-Riegel-Leroux (Aston Martin) – Bullitt Racing
Güven-Müller-Engelhart (Porsche) – Dinamic GT Huber
Neary-Capo-Crestani (Lamborghini) – GRT
Sathienthirakul-Rappange-Di Amato (Porsche) – Dinamic GT Huber
Feller-Drudi-Marschall (Audi) – Tresor Orange1 – 1’54”020
Bachler-Malykhin-Sturm (Porsche) – Pure Rxcing
Preining-Heinrich-Olsen (Porsche) – Rutronik
Simmenauer-Williams-Krütten (BMW) – WRT
Vanthoor-van der Linde-Weerts (BMW) – WRT
Ward-Dontje-Ellis (Mercedes-AMG) – Winward
Scholze-Assenheimer-Peroni (Mercedes-AMG) – GetSpeed
Kell-Buchardt-Neubauer (BMW) – Walkenhorst Motorsport
Fagg-de Haan-MacDonald (McLaren) – Optimum
Balon-Collard-Lind (Lamborghini) – Barwell
 
RS RacingLP Racing