indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Qualifica
Alpine pole da usato garantito

Michele Montesano A dispetto del nuovo corso delle HyperCar, voluto da Aco e WEC, a siglare la pole position a Portimão è st...

Leggi »
formula 1

Gli incidenti di Baku: sotto accusa
le pressioni adottate in gara dai team

Sono trascorsi sette giorni dal Gran Premio di Baku e ancora non si conoscono le cause precise che hanno determinato il cedim...

Leggi »
formula 1

La Haas non è più ultima,
ma la lotta interna si scalda

Anche un 13esimo posto può valere moltissimo. Quello ottenuto da Mick Schumacher nella caotica domenica a Baku, per esempio, ...

Leggi »
Rally

Mossa a sorpresa McLaren:
dal 2022 entra in Extreme E

Sorpresa: la McLaren aprirà una nuova pagina della sua lunga storia sportiva debuttando nelle gare off-road. Quali? Quelle de...

Leggi »
IMSA

BMW conferma il programma LMDh
per il 2023 e con obiettivo Le Mans

Il nuovo direttore di BMW M Markus Flasch ha confermato che la marca bavarese realizzerà un programma LMDh per il 2023. Senza...

Leggi »
7 Giu [18:43]

F2 virtuale a Baku
Piastri domina al debutto

Mattia Tremolada

È stato un debutto strepitoso quello di Oscar Piastri nella F2 virtuale, andata in scena per l'ultima volta prima del ritorno alle competizioni reali sul tracciato di Baku. Il pilota australiano, schierato dal team Prema, con cui disputerà la stagione del FIA Formula 3, ha sbaragliato la concorrenza, conquistando pole position e vittoria nella Main Race. Già nel giro secco che ha determinato la griglia di partenza, Piastri ha rifilato tre decimi a Lirim Zendeli, sempre brillante al simulatore con la vettura del team Trident, e otto a Matteo Nannini, a sua volta al debutto con Carlin, relegando il resto del gruppo ad oltre un secondo di ritardo.

I‍n gara poi non c'è stata storia, con il campione della Formula Renault Eurocup 2019 che ha chiuso con dieci secondi di vantaggio nei confronti di Zendeli, che dopo aver fallito l'undercut nel corso del quinto giro si è accontentato della piazza d'onore. Terzo Arthur Leclerc, bravo a recuperare dalla sedicesima posizione sulla griglia. Il monegasco ha ereditato il podio da Enzo Fittipaldi, costretto a cedere due piazze per aver accumulato ben tre penalità, per un totale di 13". Tra di loro ha chiuso Victor Martins, che curiosamente è stato il contendente al titolo di Piastri nella passata stagione.

Solo sesto Guan Yu Zhou, l'unico ad aver effettuato una strategia alternativa (al pari di Olli Caldwell) ma rallentato da un paio di sbavature di troppo. Settima e ottava piazza per il duo del team Campos composto da Roberto Mehri e Jack Aitken, autore di un grosso errore durante un duello con Leclerc. Decimo Nannini, bravo a mettersi in luce nelle prime fasi dopo una brillante qualifica, ma poi costretto ad abbandonare il server a causa di un problema di connessione.

La Sprint Race ha invece regalato un finale mozzafiato, con Louis Deletraz che ha strappato la vittoria in volata sul traguardo ai danni di Mehri. Il pilota spagnolo ha anche colpito il rivale in pieno rettilineo, tagliando il traguardo in piazza d'onore ma... in senso contrario. La sua vettura è stata poi colpita da quella di Leclerc, settimo. Al via il monegasco ha tentato un disperato attacco nei confronti di Fittipaldi, girandosi e bloccando il compagno Piastri, solo nono dopo una grande rimonta.

Bello anche il duello per la terza piazza tra Zhou e Enaam Ahmed, che hanno preceduto Juan Manuel Correa e Martins. Nannini non ha preso il via della seconda manche, così come Dan Ticktum, rimasto con il pedale del freno bloccato nel corso di gara 1. Il team DAMS non ha dunque avuto rappresentanti nella Sprint Race, visto che anche Sean Gelael non è riuscito a connettersi per le due corse.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone