formula 1

È sempre Red Bull, Ferrari benino
Delusione Mercedes e Aston Martin

Nel Gran Premio del Bahrain del 2023, si era registrata la doppietta Red Bull-Honda proprio come quest'anno. Il terzo cla...

Leggi »
World Endurance

Lusail – Gara: dominio Porsche
Tripletta in Hypercar, vittoria in LMGT3

Michele Montesano La stagione 2024 del FIA WEC è iniziata nel segno della Porsche. Sempre al vertice, fin dalle prime sessio...

Leggi »
formula 1

Sakhir - La cronaca
Verstappen trionfa su Perez e Sainz

Verstappen trionfa nel primo GP stagionale, doppietta Red Bull con Perez secondo. Sainz porta la Ferrari sul terzo gradino de...

Leggi »
FIA Formula 2

Sakhir – Gara 2
Doppietta del leader Maloney

Un weekend da incorniciare per Zane Maloney in Bahrain. Nella Feature Race della Formula 2, il barbadiano è riuscito a beffar...

Leggi »
FIA Formula 3

Sakhir - Gara 2
Dominio di Browning

Dominio di Luke Browning nella main race della Formula 3 a Sakhir. Il pilota inglese del team Hitech, già vincitore della gar...

Leggi »
formula 1

Sakhir - Qualifica
Verstappen gela tutti con la pole

E alla fine c'è sempre lui, anzi, ci sono sempre loro, là davanti. Max Verstappen e la Red Bull-Honda si sono presi la po...

Leggi »
12 Feb [6:40]

F4 UAE a Dubai - Gara 2
Taponen si ripete, Ugochukwu ko

Mattia Tremolada

Boccone amaro da digerire per Jesse Carrasquedo. Il pilota messicano, schierato dal team R-Ace, ha dominato dalla pole position (ottenuta grazie al miglior tempo fatto segnare nel corso di gara 1) alla bandiera scacchi la seconda manche del quarto appuntamento stagionale di Dubai. Tuttavia pochi istanti dopo il termine della prova, i commissari sportivi hanno aggiunto 5” di penalità al suo tempo di gara, retrocedendolo dalla prima alla decima piazza. Carrasquedo è stato ritenuto colpevole di aver oltrepassato la linea bianca per seguire la safety car in pit lane al termine del primo giro.

La vettura di sicurezza, entrata in azione in seguito all’incidente al via tra Aleksandr Bolduev e Ugo Ugochukwu, ha infatti scortato il gruppo in corsia box, in modo da permettere ai commissari di pista di rimuovere le due vetture incidentale dal rettifilo di partenza. Carrasquedo ha però proseguito lungo il tracciato per andare ad impostare l’ultima curva e quando ha preso coscienza del proprio errore è stato troppo tardi.

Il successo, il terzo nelle ultime quattro corse, è andato a Tuukka Taponen, che è così balzato dalla quarta alla seconda posizione nella classifica di campionato alle spalle di James Wharton, nuovamente in piazza d’onore alle spalle del compagno di squadra come accaduto nella manche di apertura disputata ieri. L’australiano ha approfittato del ko di uno sfortunato Ugochukwu, che nulla ha potuto per evitare la vettura di Bolduev piantata sulla sesta casella, per allungare in classifica.

Terza piazza per Noah Stromsted, al secondo podio stagionale. Federico Rifai ha eguagliato il proprio miglior risultato in quarta posizione, vincendo il duello con il campione della Formula 4 brasiliana Pedro Clerot, bravo a chiudere subito in top-5 alla prima apparizione stagionale. Sesto Valerio Rinicella, autore di una buona rimonta dall’11esima casella della griglia. A punti anche Jack Beeton, nuovo membro dell’All Road Management di Nicolas Todt, Kanato Le e la brava Bianca Bustamante, nona con la migliore vettura del team Prema.

12esima e 13esima posizione per due dei protagonisti di gara 1, Nicola Lacorte e Brando Badoer, mentre Arvid Lindblad e Flavio Olivieri sono risaliti dal fondo della griglia fino alla 19esima e 21esima piazza finale. Dopo il lungo periodo di safety car iniziale, la vettura di sicurezza è tornata in azione nelle battute conclusive in seguito al contatto tra Theodor Jensen e Georgy Zhuravskiy.

Domenica 12 febbraio 2023, gara 2

1 - Tuukka Taponen - Mumbai Falcons - 29’17”504
2 - James Wharton - Mumbai Falcons - 0”298
3 - Noah Stromsted - PHM - 0”514
4 - Federico Rifai - Xcel - 1”079
5 - Pedro Clerot - MP Motorsport - 1”547
6 - Valerio Rinicella - MP Motorsport - 1”869
7 - Jack Beeton - Pinnacle VAR - 2”334
8 - Kanato Le - Hitech - 2”650
9 - Bianca Bustamante - Prema - 3”230
10 - Jesse Carrasquedo - R-Ace - 4”217
11 - Zachary David - R-Ace - 4”248
12 - Nicola Lacorte - Prema - 4”408
13 - Brando Badoer - Pinnacle VAR - 4”634
14 - James Piszcyk - Hitech - 4”884
15 - Lena Buhler - R2RACE - 5”333
16 - Matteo Quintarelli - Yas Heat Academy - 5”895
17 - Nandhavud Bhirombhakdi - PHM - 6”427
18 - Akshay Bohra - PHM - 6”758
19 - Arvid Lindblad - Hitech - 6”922
20 - Alexander Abkhazava - R-Ace - 7”256
21 - Flavio Olivieri - Cram - 7”618
22 - Theophile Nael - Sainteloc - 8”931
23 - Keanu Al Azhari - Yas Heat Academy - 9”358
24 - Victoria Blokhina - R2RACE - 10”093
25 - Sebastian Murray - Cram - 10”461
26 - Raphael Narac - R-Ace - 10”845
27 - Kai Daryanani - Pinnacle VAR - 12”167
28 - Rishan Rajeev - Mumbai Falcons - 12”740
29 - Luciano Morano - Sainteloc - 16”297
30 - Fernando Barrichello - Rodin Carlin - 16”682
31 - William Macintyre - Hitech - 16”994
32 - Ismail Akhmed - MP Motorsport - 19”525
33 - Dion Gowda - Rodin Carlin - 19”863
34 - Hamda Al Qubaisi - Yas Heat Academy - 26”078
35 - Noah Lisle - Xcel - 1 giro

Ritirati
Valentin Kluss
Georgy Zhuravskiy
Aleksandr Bolduev
Ugo Ugochukwu
Theodor Jensen

Il campionato
1.Wharton 167 punti; 2.Taponen 151; 3.Ugochukwu 144; 4.Rinicella 135; 5.Lindblad 70; 6.David 59; 7.Kluss 50; 8.Badoer, Stromsted 43; 10.Rifai 35; 11.Nael 31; 12.Smal, Piszcyk, Macintyre, Le 22; 16.Carrasquedo 20; 17.Al Azhari 17; 18.Lisle 16; 19.Clerot 10; 20.Yamakoshi 8; 21.Al Qubaisi, Beeton 6; 23.Gowda 5; 24.Bustamante 3; 25.Abkhazava 2; 26.Bohra, Lacorte 1.