Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
World Endurance

Test ad Alcaniz per la Peugeot 9X8
Il team salterà la 1000 Miglia di Sebring

Michele Montesano Continua senza sosta la tabella di marcia per il ritorno nel FIA WEC da parte di Peugeot Sport. Il team s...

Leggi »
altre

Adria sotto sequestro
Buco di 53 milioni di euro

Il paddock dell'area karting era strapieno, come sempre quando si è alla vigilia del primo evento internazionale organizz...

Leggi »
formula 1

La F1 pensa all'obbligo vaccinale:
non ci saranno casi simil Djokovic

Il caso di Novak Djokovic ha dominato la scena del dibattito internazionale, non solo sportivo. Il tennista serbo, numero 1 a...

Leggi »
Rally

Oreca obiettivo Dakar 2023 con l’ibrido
Allo studio anche un motore a idrogeno

Michele Montesano La quarantaquattresima edizione della Dakar è appena andata in archivio, ma Oreca punta lo sguardo già al...

Leggi »
26 Apr [16:49]

F.4 tedesca a Oschersleben
Il weekend da sogno di Mick Schumacher

Stefano Semeraro

Prima nono. Poi, dodicesimo. Alla fine, primo. Mick Schumacher ha debuttato alla grande, nella F.4 tedesca. Nessuno sa cosa succede veramente a Gland, nella enorme villa svizzera dove suo padre con molta probabilità avrà avuto uno schermo acceso e sintonizzato sulla gara. Ma se Michael Schumacher è riuscito a vedere la gara di Oschersleben, si sarà sentito un padre orgoglioso. Mick in gara 3 ha avuto fortuna perché è partito davanti grazie alla griglia rovesciata ed ha potuto anche beneficiare dell'aiutino della Safety Car, entrata in posta nel finale, ma è stato bravo, bravissimo a sfruttare l'occasione.

Anche perché non era facile, soprattutto fuori dalla pista. In un weekend in cui F.1 e Moto Gp erano in pausa, tutta l'attenzione si è concentrata su di lui, sul suo debutto nella nuova serie tedesca. Sedici anni appena, ma decine di giornalisti, di flash, di telecamere puntate addosso. «Ma sarà sempre così, i giornalisti non se ne andranno mai?», ha chiesto a Sabine Kehm, la storica addetta stampa di papà Michael che ha fatto il possibile per proteggerlo, per difenderlo dall'aggressività dei media. Del resto la storia era troppo forte, troppo emozionante per non smuovere i media e gli appassionati.

Quel volto tanto simile a quello del papà sette volte campione del mondo, quel casco verde con i sette allori mondiali stampati sopra, a ricordare che le glorie dei padri possono ricadere sui figli: con tutti i vantaggi e i problemi che questo comporta. Come in un copione perfetto è arrivato anche l'happy end, la vittoria in gara 3 strappata al compagno di squadra della Van Amersfoort Racing, Joseph Mawson, che lo stava rimontando, ma è stato frenato proprio dalla safety car, e il quinto posto in classifica generale dopo la prima tappa del campionato.

Il sabato aveva già alzato la coppa del miglior rookie («onestamente non me lo aspettavo»), stappato lo champagne, sorriso ai fotografi. Certo, Mick nei kart andava già forte, è stato vicecampione mondiale, ma ora si fa davvero sul serio. Mamma Corinna è rimasta a casa, accanto al papà, a Oscherlsleben però Mick aveva accanto nonno Rolf e Peter Kaiser, lo storico trainer di Schumacher senior. L'altro grande protagonista del weekend è stato Martin Dienst, 18 anni, vincitore di gara 1 e 2 il sabato. Il pilota delll'Htp junior team in gara 2 si è piazzato fra l'altro davanti il compagno di squadra Janneau Esmeijer, mentre nella gara del debutto della serie si era imposto su Aron Ralf, il 17enne della prema, e sull'italiano Mattia Drudi, a podio dopo una gara grintosa sin dalla partenza.

Per una serie tedesca, ma con tanta Italia in pista, considerato che le monoposto sono realizzate da Tatuus e il motore fornito dalla Abarth, non ci poteva essere una partenza più convincente e fortunata.   

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone