F4 Nel mondo

La F4 UAE per prima schiererà le
Tatuus di seconda generazione con halo

Il FIA Formula 4 UAE Championship powered by Abarth sarà la prima serie per monoposto di Formula 4 a schierare per la stagion...

Leggi »
indycar

VeeKay in forse per Road America
Ware debutta con Coyne

Infortunio alla clavicola per Rinus VeeKay, che è ora in dubbio per la tappa IndyCar a Road America. Il giovane pilota olande...

Leggi »
formula 1

Il "nuovo" Tsunoda funziona:
in Francia per confermarsi

In Formula 1 ci sono fatti non casuali, e casuale, forse, non è stato nemmeno il settimo posto di Yuki Tsunoda a Baku. Messo ...

Leggi »
formula 1

Più spettacolo a Le Castellet?
Il nuovo asfalto come speranza

Quando il Gran Premio di Francia è stato cancellato dal calendario 2020 a causa della pandemia, probabilmente, sono stati in ...

Leggi »
formula 1

Primo GP di casa per l'Alpine,
che deve crescere sul passo-gara

Si avvicina il Gran Premio di Francia, quello di casa per l'Alpine, il marchio scelto dal gruppo Renault per identificare...

Leggi »
formula 1

Dosare le risorse fra 2021 e 2022:
il dilemma di Red Bull e Mercedes

Da un lato c'è da preparare la rivoluzione tecnica 2022, ormai dietro l'angolo, dall'altro c'è il presente, c...

Leggi »
9 Giu [17:07]

Gasly e AlphaTauri, che binomio:
sempre pronti nelle gare pazze

Jacopo Rubino

Gara pazza chiama, Pierre Gasly risponde. Di nuovo. A Baku, il terzo podio in Formula 1 del francese è maturato ancora una volta in una corsa con episodi a sorpresa, come gli era accaduto conquistando la piazza d'onore in Brasile nel 2019 e la storica vittoria a Monza dello scorso anno. Ma sarebbe riduttivo definire fortunoso il risultato centrato in Azerbaijan: Gasly si è trovato al posto giusto nel momento giusto perché assistito da un'AlphaTauri velocissima per tutto il weekend.

"La macchina è stata incredibile per l'intero fine settimana, si è davvero comportata bene, e abbiamo ottenuto un risultato fantastico per tutta la squadra", ha infatti sottolineato il transalpino. Gasly ha stupito con il miglior tempo nell'ultimo turno di prove libere, si è qualificato quarto, eguagliando il suo record personale, nel Gran Premio ha avuto il ritmo per tenersi dietro la Ferrari di Charles Leclerc. Questo nonostante una power unit Honda che ha sofferto qualche perdita di potenza, non certo l'ideale su un circuito come quello azero, dal rettilineo chilometrico.

"L'intera gara è stata impegnativa: siamo riusciti a tenere il passo dei piloti lì davanti, ma da metà in poi abbiamo accusato un problema al motore che ha cominciato a farci perdere un po' di potenza in rettilineo. Sapevo che sarebbe stata dura, ma siamo riusciti a mantenere la posizione".

Il ritiro di Max Verstappen e l'errore di Lewis Hamilton hanno aperto le porte del podio, trasformando la domenica del portacolori AlphaTauri da "bella" a "sensazionale". Ma Pierre ha dovuto tirare fuori il massimo, nei due giri decisivi: "Pensavo che Charles mi avrebbe passato in rettilineo, proprio perché avevamo perso performance, ma ho provato di tutto, volevo il podio con tutto me stesso. È stata una battaglia dura ma leale".

Ora la casa madre Red Bull ha la seconda guida che cercava con Sergio Perez, è vero, ma Helmut Marko cosa farà con un Gasly sempre più concreto, e "cecchino" se si presenta l'opportunità che vale una stagione? Per adesso se lo gode l'AlphaTauri, quinta nel Mondiale e a Baku vincitrice ai punti nel derby italiano con la Ferrari. E ormai, almeno per risultati, Gasly si è affermato come il più grande alfiere nella storia della scuderia di Faenza, anche contando le precedenti identità di Minardi e Toro Rosso.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone