formula 1

Doppietta con pasticcio per la McLaren
Hamilton che grinta, Verstappen infantile

La prima vittoria in F1 di Oscar PIastri è arrivata dopo un anno e mezzo di presenza nel Mondiale, 35 Gran Premi. Terzo e sec...

Leggi »
formula 1

Budapest - La cronaca
Piastri e Norris, dominio con polemica

Ultimo giro - Piastri vince il suo primo GP di F1, secondo Norris ed è doppietta McLaren. Bella gara di Hamilton terzo con la...

Leggi »
Formula E

Londra – Gara 2
Wehrlein campione, disfatta Jaguar

Michele Montesano Non poteva esserci finale più avvincente. La decima stagione di Formula E si è decisa negli ultimi giri del...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet – Gara 3
Nakamura-Berta vince di strategia

1 – Kean Nakamura-Berta – Prema – 13 giri in 32’35”5972 – Gustav Jonsson – Van Amersfoort – 0”8703 – Tomass Stolcermanis – Pr...

Leggi »
Regional by Alpine

Le Castellet - Gara 2
Giusti domina sul bagnato

Con una splendida prova di forza su asfalto bagnato, Alessandro Giusti è riuscito a ripetere sul circuito Paul Ricard di Le C...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – Finale
Rovanperä 1°, a Tänak il Super Sunday

Michele Montesano Ancora una doppietta Toyota, ancora una vittoria da parte di Kalle Rovanperä. Conquistando il Rally di Lett...

Leggi »
28 Ago [18:02]

Kurt Busch annuncia il ritiro
Da "testa calda" a uomo squadra

Marco Cortesi

Kurt Busch si ritira. Il pilota di Las Vegas, una delle personalità più forti e controverse della recente storia NASCAR, nonché uno dei più rilevanti talenti "puri" della categoria, si è arreso all’infortunio subito un anno fa a Pocono quando, in qualifica, aveva riportato un trauma cranico da un incidente all’apparenza innocuo.

Campione Cup nel 2004, Busch aveva sempre pagato a caro prezzo un carattere difficile, scontroso sia con gli avversari, sia con le proprie squadre e con la stampa. Dopo essere passato dal team Roush a Penske, era stato incerimoniosamente cacciato dal capitano per una serie di episodi controversi, partendo dagli insulti al reporter Jerry Punch fino a dei tremendi "team radio" diventati virali.

Da lì, una lunga ricostruzione professionale e personale, ripartendo da zero, da due piccoli team come Phoenix Racing e Furniture Row. Con quest'ultimo, il ritorno al successo nella massima serie che pose le basi tecniche per il titolo con Martin Truex.

Poi, le stagioni ai team Stewart-Haas e Ganassi, molto più tranquille, nei quali non solo arrivarono altre affermazioni ma portarono a mettere a frutto le sue grandi doti di sviluppo, anche al servizio dei compagni. Questa, la dote desiderata dal 23XI Racing di Denny Hamlin e Michael Jordan, che l'avevano fortemente voluto. E anche lì, in mezza stagione arrivò una gran vittoria e tanti piazzamenti.

In tutto, Busch ha centrato 34 successi in carriera. Dopo l'incidente, una serie di tentativi di recupero tramite terapie specifiche. A 45 anni però, recuperare non è la cosa più semplice. E' arrivato così l'annuncio del ritiro, che però sembra preludere a nuove avventure in altri ruoli nel mondo NASCAR. Per il prossimo anno, rimarrà con 23XI come consulente e manager.