Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
World Endurance

Test ad Alcaniz per la Peugeot 9X8
Il team salterà la 1000 Miglia di Sebring

Michele Montesano Continua senza sosta la tabella di marcia per il ritorno nel FIA WEC da parte di Peugeot Sport. Il team s...

Leggi »
altre

Adria sotto sequestro
Buco di 53 milioni di euro

Il paddock dell'area karting era strapieno, come sempre quando si è alla vigilia del primo evento internazionale organizz...

Leggi »
formula 1

La F1 pensa all'obbligo vaccinale:
non ci saranno casi simil Djokovic

Il caso di Novak Djokovic ha dominato la scena del dibattito internazionale, non solo sportivo. Il tennista serbo, numero 1 a...

Leggi »
Rally

Oreca obiettivo Dakar 2023 con l’ibrido
Allo studio anche un motore a idrogeno

Michele Montesano La quarantaquattresima edizione della Dakar è appena andata in archivio, ma Oreca punta lo sguardo già al...

Leggi »
6 Giu [12:36]

La scomparsa di Ojjeh,
storico azionista McLaren

Jacopo Rubino - XPB Images

È scomparso a 68 anni Mansour Ojjeh, storico azionista McLaren. La notizia è stata confermata ufficialmente dalla squadra di Woking nella domenica del Gran Premio dell'Azerbaijan: "Mister Ojjeh si è spento pacificamente questa mattina a Ginevra, circondato dalla sua famiglia", si legge nella breve nota diffusa. Tutto il mondo della Formula 1 sta già esprimendo il proprio cordoglio.

Ojjeh, imprenditore franco-saudita, era diventato socio McLaren nel 1984 attraverso la sua compagnia TAG, acronimo di Techniques d'Avant Garde, dopo un breve periodo da sponsor Williams. Proprio in quella stagione il team capitanato da Ron Dennis iniziò il suo ciclo vincente a cavallo degli anni Ottanta e Novanta, conquistando il titolo con Niki Lauda (e Alain Prost secondo per mezzo punto) utilizzando i motori turbo TAG-Porsche.

Ojjeh deteneva tutt'ora il 14% del McLaren Group, oggetto di vari riassetti negli ultimi anni, restando nell'azionariato anche dopo la definitiva uscita di scena di Dennis nel 2017. Nel 2013 Ojjeh era stato sottoposto a un dobbio trapianto di polmoni, dopo aver sofferto di fibrosi polmonare, ma da allora era stato presente nel paddock F1 in varie altre occasioni: l'ultima nel 2019 in Ungheria.

"Mansour è stato nel cuore e nell'anima di questo team per quasi quarant'anni, ed è stato determinante dei suoi successi. È stato un gigante di questo sport, seppur discreto e modesto con tutte le persone che incontrava", ha commentato Zak Brown, attuale amministratore delegato del team McLaren. "I suoi modi gentili, la sua intelligenza e il suo senso dell'umorismo hanno toccato tutti coloro che hanno avuto la fortuna di conoscerlo".

Prima del via della gara di oggi a Baku, sarà osservato un minuto di silenzio già previsto per la morte di Max Mosley, ex presidente FIA, e ora dedicato anche a Ojjeh.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone