Rally

Rally di Lettonia – 1° giorno
Rovanperä batte Neuville e Ogier

Michele Montesano Riga ha fatto da antipasto a quello che sarà il Rally di Lettonia. I piloti del WRC si sono sfidati sulla s...

Leggi »
formula 1

L'analisi del mercato piloti 2025
Cosa accadrà nelle prossime settimane

Con il passaggio di Esteban Ocon al team Haas, diventano quattro e... mezzo i sedili vacanti nel Mondiale F1 per la prossima ...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – Shakedown
Tänak precede Neuville, Toyota insegue

Michele Montesano Il WRC, questo fine settimana, farà tappa per la prima volta nella sua storia in Lettonia. La repubblica ba...

Leggi »
formula 1

Haas e Ferrari, accordo fino al 2028
E intanto sta per arrivare Ocon

Il team Haas ha rinnovato l'accordo con la Ferrari per la fornitura dei motori. Il costruttore americano potrà avere le p...

Leggi »
World Endurance

Aston Martin: a Silverstone
il debutto della Valkyrie LMH

Michele Montesano Eppur si muove. Aston Martin ha tenuto fede alla sua tabella di marcia e, come previsto, ha portato al debu...

Leggi »
Rally

Ogier e Rovanperä al via in Lettonia
Torna Lappi in Hyundai, Sesks con Ford

Michele Montesano Questo fine settimana il Mondiale Rally farà tappa per la prima volta in Lettonia. La repubblica baltica, g...

Leggi »
12 Giu [21:09]

Le Mans – Qualifica
BMW gela tutti, Mustang in GT

Da Le Mans - Michele Montesano

Famosa per i suoi colpi di scena, la 24 Ore di Le Mans ha offerto i primi già nel corso della qualifica. Infatti a salire sugli scudi sono state BMW, in Hypercar, e Ford Mustang nella classe LMGT3, entrambe considerate tra gli outsider della 92ª edizione della maratona francese. In ogni caso a regnare è stato l’equilibrio assoluto, anche in Hypercar lo spettacolo non è mancato con cinque costruttori diversi che sono riusciti ad accedere all’Hyperpole di domani.

A meno di dieci minuti dal calare della bandiera a scacchi, Dries Vanthoor ha dato la zampata vincente siglando il giro più veloce della sessione in 3’24”465. Il belga, già nel corso delle prove libere, aveva preso le misure alla sua M Hybrid V8 LMDh ottenendo il terzo tempo assoluto. In testa fino a quel momento, Sebastien Bourdais si visto strappare il miglior crono per appena 177 millesimi. Il francese della Cadillac non ha avuto diritto di replica perché, a poco più di due minuti dalla bandiera a scacchi, Kamui Kobayashi è andato in testacoda alle curve Porsche causando la fine anticipata della qualifica. Tale manovra è stata sanzionata con l’eliminazione di tutti i tempi fatti registrare dal pilota della Toyota.

Uno strepitoso Antonio Fuoco ha siglato il terzo crono. Il calabrese ha portato la Ferrari 499P a poco più di due decimi dalla BMW precedendo l’Alpine di un velocissimo Paul-Loup Chatin. Il francese è stato in grado di battere la Cadillac di Alex Lynn e il vincitore della passata edizione Alessandro Pier Guidi. Decisamente sottotono le prestazioni delle Porsche. Kevin Estre è stato l’unico pilota ufficiale della Casa tedesca ad accedere all’Hyperpole. Sfruttando la squalifica della Toyota, Callum Illot è rientrato in extremis per la lotta di domani.

Il primo degli eliminati risulta, così, l’Alpine di Nicolas Lapierre seguito da Matt Campbell, su Porsche 963 LMDh, e la Toyota di Brendon Hartley. Fuori dalla top 10 anche la Ferrari 499P dell’AF Corse che ha preceduto la migliore delle Lamborghini SC63 guidata da Mirko Bortolotti. Più attardate le Peugeot 9X8 che hanno chiuso la qualifica in quindicesima e ventesima posizione.

Lotta feroce anche in LMP2. Autore di un crono di 3’32”827, Malte Jakobsen è riuscito a siglare il riferimento battendo di tre decimi Louis Deletraz. Lo svizzero della AO By TF si è però consolato con il miglior crono di classe ProAm. Ben Hanley, al volante della Oreca dello United Autosports, ha ottenuto il terzo tempo precedendo l’alfiere del Panis Racing Job van Uitert. Patric Piler, del Vector Sport, ha marcato il sesto crono seguito dalla DKR Engineering di Laurents Hörr. A conquistare l’ultimo posto per l’accesso all’Hyperpole è stato Oliver Jarvis.

Colpo di scena in LMGT3 con Ben Barker che ha portato in prima posizione la Ford Mustang. Il britannico del Proton Competition ha fermato le lancette del cronometro in 3’55”263. Vani I tentativi da parte di Frederik Schandorff, per meno di due decimi il pilota della McLaren si è dovuto accontentare del secondo crono. Anche tra le GT è regnato l’equilibro con sette costruttori diversi che hanno conquistato l’accesso all’Hyperpole.

Terzo Daniel Juncadella, sulla Corvette del TF Sport, che ha preceduto Franck Perera al volante della Lamborghini Iron Lynx. A seguire la Porsche 911 di Klaus Bachler e l’Aston Martin Vantage di Alex Riberas. Settimo crono per la Ferrari 296 GT3 del JMW Motorsport portata in pista da Larry ten Voorde, mentre Marco Sorensen è stato l’ultimo pilota a riuscire ad accedere all’Hyperpole.

Mercoledì 12 giugno 2024, qualifica

1 - Marciello-Wittmann-D.Vanthoor (BMW M Hybrid V8) - WRT - 3'24"465
2 - Bourdais-van der Zande-Vautier (Cadillac V-LMDh) - Cadillac - 3'24"642
3 - Fuoco-Molina-Nielsen (Ferrari 499P) - Ferrari - 3'24"731
4 - Chatin-Habsburg-Milesi (Alpine A424) - Alpine - 3'24"872
5 - Bamber-Lynn-Palou (Cadillac V-LMDh) - Cadillac - 3'24"993
6 - Pier Guidi-Calado-Giovinazzi (Ferrari 499P) - Ferrari - 3'25"049
7 - Estre-Lotterer-L. Vanthoor (Porsche 963) - Penske - 3'25"051
8 - Stevens-Nato-Ilott (Porsche 963) - Jota - 3'25"145
9 - Lapierre-Schumacher-Vaxiviere (Alpine A424) - Alpine - 3'25"278
10 - Campbell-Christensen-Makowiecki (Porsche 963) - Penske - 3'25"307
11 - Buemi-Hartley-Hirakawa (Toyota GR010) - Toyota - 3'25"446
12 - Kubica-Shwartzman-Ye (Ferrari 499P) - AF Corse - 3'25"776
13 - Bortolotti-Kvyat-Mortara (Lamborghini SC63) - Lamborghini - 3'25"973
14 - Jani-Tincknell-Andlauer (Porsche 963) - Proton - 3'25"992
15 - Jensen-Müller-Vergne (Peugeot 9X8) - Peugeot - 3'26"195
16 - Frijns-Rast-S. Van Der Linde (BMW M Hybrid V8) - WRT - 3'26"223
17 - Button-Hanson-Rasmussen (Porsche 963) - Jota - 3'26"290
18 - Derani-Aitken-Drugovich (Cadillac V-LMDh) - ActionExpress - 3'26"311
19 - Jaminet-Nasr-Tandy (Porsche 963) - Penske - 3'26"3629
20 - Vandoorne-Di Resta-Duval (Peugeot 9X8) - Peugeot - 3'27"251
21 - Caldarelli-Cairoli-Grosjean (Lamborghini SC63) - Lamborghini - 3'27"655
22 - Serravalle-Bennett-Vernay (Isotta Fraschini Tipo6) - Isotta F. - 3'29"865
23 - Fluxa-Jakobsen-Miyata (Oreca 07-Gibson) - Cool - 3'32"827
24 - Hyett-Delétraz-Quinn (Oreca 07-Gibson) - AO by TF - 3'33"134
25 - Keating-Albuquerque-Hanley (Oreca 07-Gibson) - United AS - 3'33"430
26 - Sales-Beche-Huffaker (Oreca 07-Gibson) - Panis - 3'33"827
27 - Lafargue-van Uitert-de Gerus (Oreca 07-Gibson) - Idec - 3'34"215
28 - Cullen-Pilet-Richelmi (Oreca 07-Gibson) - Vector - 3'34"262
29 - Mattschull-Binder-Horr (Oreca 07-Gibson) - DKR - 3'34"330
30 - Jarvis-Garg-Siegel (Oreca 07-Gibson) - United AS - 3'34"480
31 - Perrodo-Barnicoat-Varrone (Oreca 07-Gibson) - AF Corse) - 3'34"767
32 - Scherer-Heinemeier Hansson (Oreca 07-Gibson) - Nielsen - 3'34"794
33 - Smiechowski-Lomko-Novalak (Oreca 07-Gibson) - Inter Europol - 3'34"885
34 - Ried-Capietto-Viscaal (Oreca 07-Gibson) - Proton - 3'34"963
35 - Falb-Allen-Simmenauer (Oreca 07-Gibson) - Duqueine - 3'35"070
36 - Rao-Bell-Vesti (Oreca 07-Gibson) - Cool - 3'35"360
37 - Kaiser-Caldwell-De Angelis (Oreca 07-Gibson) - Algarve - 3'35"474
38 - Kurtz-Braun-Catsburg (Oreca 07-Gibson) - Crowdstrike APR - 3'39"222
39 - Hardwick-Robichon-Barker (Ford Mustang) - Proton - 3'55"263
40 - Iribe-Millroy-Schandorff (McLaren 720S) - Inception - 3'55"406
41 - Koizumi-Baud-Juncadella (Corvette Z06) - TF Sport - 3'56"105
42 - Schiavoni-Cressoni-Perera (Lamborghini Huracan) - Iron Lynx - 3'56"153
43 - Malykhin-Sturm-Bachler (Porsche 911 GT3 R) - Manthey - 3'56"189
44 - James-Mancinelli-Riberas (Aston Martin Vantage) - Heart - 3'56"243
45 - Petrobelli-Voorde-Yoluc (Ferrari 296) - JMW - 3'56"500
46 - Hoshino-Bastard-Sorensen (Aston Martin Vantage) - D'Station - 3'56"530
47 - Bovy-Frey-Gatting (Lamborghini Huracan) - Iron Dames - 3'56"561
48 - Kimura-Masson-Hawksworth (Lexus RC F) - Akkodis ASP - 3'56"710
49 - Cottingham-Costa-Saucy (McLaren 720S) - United AS - 3'56"738
50 - Al Harthy-Rossi-Martin (BMW M4) - WRT - 3'56"780
51 - Flohr-Castellacci-Rigon (Ferrari 296) - AF Corse - 3'56"836
52 - Hartshorne-Tuck-Mies (Ford Mustang) - Proton - 3'56"947
53 - Leung-Gelael-Farfus (BMW M4) - WRT - 3'57"026
54 - Shahin-Schuring-Lietz (Porsche 911 GT3 R) - Manthey - 3'57"221
55 - Roda-Pedersen-Olsen (Ford Mustang) - Proton - 3'57"296
56 - Van Rompuy-Andrade-Eastwood (Corvette Z06) - TF Sport - 3'57"313
57 - Hamaguchi-Pino-Sato (McLaren 720S) - United AS - 3'57"349
58 - J. Laursen-C. Laursen-Taylor (Ferrari 296) - Spirit - 3'57"441
59 - Robin-Boguslavskiy-K. van Der Linde ( (Lexus RC F) - Akkodis ASP - 3'57"591
60 - Heriau-Mann-Rovera (Ferrari 296) - AF Corse - 3'58"282
61 - Lopez-Kobayashi-de Vries (Toyota GR010) - Toyota - Senza crono
62 - Wainwright-Serra-Pera (Ferrari 296) - GR Racing - Senza crono