formula 1

Gasly e la Red Bull che lo snobba:
"Avrei meritato un'altra chance"

Non è facile essere PIerre Gasly. Ci spieghiamo. Il francese ha fino ad oggi disputato due stagioni eccezionali con l'Alp...

Leggi »
formula 1

Briatore chiama, Domenicali risponde
Per l'ex team principal, un incarico?

Ci voleva Stefano Domenicali per riportare in F1 Flavio Briatore. L'ex team principal di Benetton e Renault, campione del...

Leggi »
formula 1

Per il GP dell'Arabia Saudita
arrivano le regole su come vestirsi...

Il circuito è ancora in via di definizione, i lavori sono clamorosamente in ritardo, ma intanto gli organizzatori del GP di J...

Leggi »
formula 1

Mazepin non fa sconti a se stesso
"L'autostima scende agli inizi in F1"

E' molto interessante l'intervista che Nikita Mazepin ha rilasciato alla Gazzetta dello Sport. Il pilota russo del te...

Leggi »
GT Internazionale

IGTC a Indianapolis
Vittoria Audi, tre italiani a podio

Vittoria marchiata Audi alla 8 Ore di Indianapolis, secondo appuntamento valido per l'Intercontinental GT Challenge 2021 ...

Leggi »
Rally

Rally di Spagna – Finale
Neuville vince, Evans tiene aperti i giochi

Michele Montesano Si è confermato un vero specialista dell’asfalto Thierry Neuville. Dopo aver dominato nella sua Ypres, il...

Leggi »
8 Ott [18:05]

Most, qualifiche
Azcona per un soffio su Michelisz

Michele Montesano

Terminata la lunga pausa estiva, durata quasi due mesi, il WTCR ha riacceso i motori in Repubblica Ceca. Sul tracciato di Most a siglare la pole position è stato Mikel Azcona che ha inaugurato nel migliore dei modi un fine settimana di fuoco. Infatti lo spagnolo sarà impegnato su due fronti fra Mondiale Turismo e la TCR Europe. Nemmeno il tempo di festeggiare la prima fila che l'alfiere dello Zengő Motorsport sarà costretto a volare alla volta del Montmelò, per cercare di chiudere i giochi e laurearsi campione continentale già nella gara di domani.

Azcona, nonostante un incremento di peso di 20 kg della sua Cupra, era salito già in cattedra in occasione delle FP1 siglando il miglior crono. Nel corso dei primi 2 segmenti della qualifica, lo spagnolo ha occupato costantemente la seconda posizione per poi dare la zampata vincente nel Q3. Nulla ha potuto Norbert Michelisz che, seppur nel suo tentativo abbia siglato i migliori due intertempi, ha dilapidando il vantaggio nell’ultimo settore. L’ungherese, per soli 91 millesimi, scatterà dalla seconda piazzola di gara 2. Terzo crono per il leader di campionato Yann Ehrlacher, autore di qualche piccola sbavatura che gli è costato più di 1 decimo al traguardo. Nonostante ben 60 kg di zavorra, Esteban Guerrieri è riuscito a portare la sua Honda Civic Type R al quarto pasto, davanti alla Hyundai Elantra N di Jean-Karl Vernay.

Nathanaël Berthon è stato il primo a subire la tagliola del Q2, il pilota Audi scatterà dalla sesta piazzola in occasione della prima manche. La Quarta fila è stata monopolizzata dalle Lynk & Co. di Thed Björk e Yvan Muller. Le vetture del Cyan Racing sono state costrette a montare uno splitter più rigido per non incappare in possibili squalifiche. Nono tempo per l’alfiere del Münnich Motorsport Nestor Girolami. Chi avrà da festeggiare sarà Petr Fulín che a Most ha mandato in visibilio il suo pubblico. Con il decimo crono il pilota ceco si è guadagnato la partenza dal palo in gara 1 (per via della griglia invertita). Solamente dodicesimo Gabriele Tarquini decisamente non a suo agio nell’arco di tutto il fine settimana.

Ci sono state esclusioni eccellenti già nel corso del Q1. Rob Huff, tredicesimo, ha preceduto Tom Coronel e un delusissimo Santiago Urrutia. Non è andata meglio alle due Honda di Tiago Monteiro e Attila Tassi che scatteranno rispettivamente dalla sedicesima e diciassettesima piazzola. Fanalino di coda Gilles Magnus che si è visto ammutolire la sua Audi RS3 LMS a metà sessione causando anche l’esposizione delle bandiere rosse. Oltre agli assenti Andreas e Jessica Bäckman, a mancare all’appello sul tracciato di Most è stato anche Jordi Gené costretto a dare forfait all’ultimo istante per motivi personali.  

Venerdì 8 ottobre 2021, qualifiche

1 - Mikel Azcona (Cupra) - Zengő - 1'38"757 (Q3)
2 - Norbert Michelisz (Hyundai) - BRC - 1'38"848 (Q3)
3 - Yann Ehrlacher (Lynk & Co) - Cyan - 1'38"887 (Q3)
4 - Esteban Guerrieri (Honda) - Münnich - 1'38"890 (Q3)
5 - Jean-Karl Vernay (Hyundai) - Engstler - 1'39"068 (Q3)
6 - Nathanaël Berthon (Audi) - Comtoyou - 1'39"036 (Q2)
7 - Thed Björk (Lynk & Co) - Cyan - 1'39"071 (Q2)
8 - Yvan Muller (Lynk & Co) - Cyan - 1'39"088 (Q2)
9 - Néstor Girolami (Honda) - Münnich - 1'39"096 (Q2)
10 - Petr Fulin (Cupra) - Fulin - 1'39"407 (Q2)
11 - Frederic Vervisch (Audi) - Comtoyou - 1'39"810 (Q2)
12 - Gabriele Tarquini (Hyundai) - BRC - 1'40"643 (Q2)
13 - Robert Huff (Cupra) - Zengő - 1'39"522 (Q1)
14 - Tom Coronel (Audi) - Comtoyou - 1'39"543 (Q1)
15 - Santiago Urrutia (Lynk & Co) - Cyan - 1'39"557 (Q1)
16 - Tiago Monteiro (Honda) - Münnich - 1'39"587 (Q1)
17 - Attila Tassi (Honda) - Münnich - 1'39"647 (Q1)
18 - Luca Engstler (Hyundai) - Engstler - 1'39"831 (Q1)
19 - Bence Boldizs (Cupra) - Zengő - 1'40"580 (Q1)
20 - Gilles Magnus (Audi) - Comtoyou - No Time

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone