formula 1

Gasly e la Red Bull che lo snobba:
"Avrei meritato un'altra chance"

Non è facile essere PIerre Gasly. Ci spieghiamo. Il francese ha fino ad oggi disputato due stagioni eccezionali con l'Alp...

Leggi »
formula 1

Briatore chiama, Domenicali risponde
Per l'ex team principal, un incarico?

Ci voleva Stefano Domenicali per riportare in F1 Flavio Briatore. L'ex team principal di Benetton e Renault, campione del...

Leggi »
formula 1

Per il GP dell'Arabia Saudita
arrivano le regole su come vestirsi...

Il circuito è ancora in via di definizione, i lavori sono clamorosamente in ritardo, ma intanto gli organizzatori del GP di J...

Leggi »
formula 1

Mazepin non fa sconti a se stesso
"L'autostima scende agli inizi in F1"

E' molto interessante l'intervista che Nikita Mazepin ha rilasciato alla Gazzetta dello Sport. Il pilota russo del te...

Leggi »
GT Internazionale

IGTC a Indianapolis
Vittoria Audi, tre italiani a podio

Vittoria marchiata Audi alla 8 Ore di Indianapolis, secondo appuntamento valido per l'Intercontinental GT Challenge 2021 ...

Leggi »
Rally

Rally di Spagna – Finale
Neuville vince, Evans tiene aperti i giochi

Michele Montesano Si è confermato un vero specialista dell’asfalto Thierry Neuville. Dopo aver dominato nella sua Ypres, il...

Leggi »
10 Ott [16:15]

Most, gara 1
Girolami-Guerrieri doppietta Honda

Michele Montesano

Doppietta argentina griffata Honda Münnich Motorsport nel WTCR. È stato Nestor Girolami a trionfare sul circuito di Most, seguito dal compagno di scuderia Esteban Guerrieri. L’argentino è stato così il nono vincitore, su altrettante gare sinora disputate, della stagione 2021 del Mondiale Turismo. Il terzo posto finale di Yann Ehrlacher gli permette di allungare ulteriormente in classifica generale, grazie alla gara opaca di Santiago Urrutia e alla prestazione poco convincere di Jean-Karl Vernay.

Allo start l’idolo locale Petr Fulín ha avuto un avvio disastroso. Il ceco, partito dalla prima piazzola per via della griglia invertita, ha avuto problemi nel rilascio della frizione procedendo ad andatura ridotta per i primi metri. Il contatto (nella foto sotto) è stato inevitabile: Norbert Michelisz ha tamponato il posteriore della vettura di Fulín, andato in testacoda, e la Lynk & Co. di Yvan Muller. Il francese, a sua volta, ha toccato l’Audi dì Nathanaël Berthon che è si è girata sfiorando senza conseguenze il leader Girolami. Ad approfittare del groviglio della prima curva è stato Guerrieri che, partito dalla nona piazzola per scontare una penalità inflittagli nelle qualifiche, si è ritrovato incredibilmente al secondo posto. Stesso discorso per Ehrlacher balzato dalla settima alla terza posizione.



Con la safety car che ha neutralizzato la gara per due tornate, permettendo ai commissari di percorso di spostare l’Audi e la Cupra rimaste ferme nella ghiaia, i piloti hanno potuto rifiatare e controllare che le rispettive vetture non avessero riportato danni. Al restart Girolami ha preso agilmente il largo, mentre Guerrieri ha dovuto fare i conti con Ehrlacher. Il francese ha provato ad innervosire l’argentino “bussando” anche sul paraurti posteriore della Civic ma invano. Se la Lynk & Co. si è dimostrata più veloce sul dritto, la Honda era decisamente più veloce sul misto. I distacchi sono rimasti invariati, con Girolami che ha preceduto sul traguardo nell’ordine Guerrieri ed Ehrlacher.

A seguire il campione in carica è stato lo zio Muller che, dopo aver passato Thed Björk, ha scortato Ehrlacher fino alla bandiera a scacchi. Da parte sua lo svedese ha preceduto Vernay, il migliore fra i piloti Hyundai, e Michelisz. L’ungherese, per tutta la seconda metà della gara, ha dovuto fare i conti con il fresco campione della TCR Europe Mikel Azcona. Dopo aver fallito vari tentativi di attacco, lo spagnolo ha preferito preservare la vettura in vista della seconda manche, dove scatterà dalla pole. L’unico in grado di effettuare diversi sorpassi sul tortuoso tracciato di Most è stato Rob Huff, giunto nono dopo aver beffato Tom Coronel al penultimo giro.

Si è dovuto accontentare dell’undicesimo posto Gabriele Tarquini, il Cinghio ha preceduto il pilota del Cyan Racing Urrutia. È andata peggio a Tiago Monteiro, ultimo dopo aver scontato un drive throug, mentre Attilla Tassi si è ritirato ai box dopo aver subito una foratura all’anteriore sinistra della sua Honda. È continuato il weekend stregato per Gilles Magnus, il belga è stato ancora una volta rallentato da problemi al motore della sua Audi RS3 LMS.  

Domenica 10 ottobre 2021, gara 1

1 - Néstor Girolami (Honda) - Münnich - 15 giri
2 - Esteban Guerrieri (Honda) - Münnich - 1"060
3 - Yann Ehrlacher (Lynk & Co) - Cyan - 1"440
4 - Yvan Muller (Lynk & Co) - Cyan - 2"061
5 - Thed Björk (Lynk & Co) - Cyan - 2"621
6 - Jean-Karl Vernay (Hyundai) - Engstler - 5"378
7 - Norbert Michelisz (Hyundai) - BRC - 5"882
8 - Mikel Azcona (Cupra) - Zengő - 6"737
9 - Robert Huff (Cupra) - Zengő - 11"540
10 - Tom Coronel (Audi) - Comtoyou - 13"715
11 - Gabriele Tarquini (Hyundai) - BRC - 14"073
12 - Santiago Urrutia (Lynk & Co) - Cyan - 14"486
13 - Luca Engstler (Hyundai) - Engstler - 15"255
14 - Frederic Vervisch (Audi) - Comtoyou - 16"855
15 - Bence Boldizs (Cupra) - Zengő - 19"133
16 - Tiago Monteiro (Honda) - Münnich - 40"112

Giro veloce: Néstor Girolami 1'40"057

Ritirati
Attila Tassi (Honda) - Münnich
Gilles Magnus (Audi) - Comtoyou
Petr Fulin (Cupra) - Fulin
Nathanaël Berthon (Audi) - Comtoyou

Il campionato
1.Ehrlacher 122 punti; 2.Urrutia 105; 3.Vernay 99; 4.Guerrieri 99; 5.Girolami 94; 6.Muller 91; 7.Azcona 89; 8.Vervisch 84; 9.Magnus 84; 10.Björk 84.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone