formula 1

Ceccarelli, Formula Medicine
"Dall'emergenza, siamo emersi"

Una stagione difficile, ma non impossibile per Formula Medicine, quella che si è conclusa. In tempi di emergenza, la strut...

Leggi »
Altre

Dakar - Finale
Mito Peterhansel, 14 edizioni vinte

Jacopo Rubino

6 edizioni vinte in moto, la prima nel 1991, e adesso 8 in auto: Stephane Peterhansel è se...

Leggi »
5 Gen [11:14]

Prove libere F1 più brevi:
al venerdì turni da 60 minuti

Jacopo Rubino - XPB Images

Non c'è ancora la conferma definitiva, ma la novità è già inserita nel regolamento sportivo 2021, consultabile sul sito FIA: le sessioni di prove libere del venerdì in Formula 1 verranno accorciate da 90 a 60 minuti. A fronte di un calendario di 23 Gran Premi, Coronavirus permettendo il più lungo di sempre, la modifica sembra confermare il desiderio di Liberty Media di un format dei weekend più snello. Forse non è una modifica drastica, come quella di concentrare l'azione in pista in due giorni testata ad Imola, ma può essere comunque significativa.

"Due sessioni di prove libere (P1 e P2), ognuna della durata di un'ora e separate da almeno due ore e mezza, si svolgeranno nel secondo giorno dell'evento", recita l'articolo 32.1 aggiornato. Con "secondo giorno" è appunto inteso il venerdì, dato che nelle procedure del Circus ogni evento si apre ufficialmente al giovedì, con la conferenza stampa piloti.

Resta invariato il turno del sabato mattina, la cui estensione di 60 minuti diventa adesso analoga a quella di FP1 e FP2. Tra la fine della seconda sessione e l'inizio della terza, tuttavia, l'intervallo minimo previsto dal regolamento cresce da 18 ore e mezza a 19.

Con prove libere più brevi, cosa cambia all'atto pratico? Forse poco nella tabella di marcia delle squadre, che potrebbero percorrere gli stessi giri, solo con ritmi più serrati. Ogni sosta ai box, però, peserà maggiormente nella preparazione per qualifiche e gara: sia per scelta, come quella di sperimentare diversi assetti, sia per risolvere eventuali problemi di affidabilità. Il lavoro al simulatore acquisterebbe così ulteriore importanza.

Dal punto di vista televisivo, Liberty taglia parte dei momenti vuoti che, a detta di molti, rendono il venerdì poco appettibile. Dall'altro lato, i circuiti rischiano di dover offrire un prodotto meno ricco al pubblico in tribuna, quando tornerà dopo l'emergenza sanitaria. In ogni caso, i 60 minuti totali "liberati" potrebbero essere destinati alle categorie di supporto, ricordando che in otto tappe ci sarà la W Series femminile, in due la Formula Regional (Spagna e Monaco), mentre F2 e F3 adotteranno calendari separati con tre manches a evento.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone