formula 1

La F1 piange Tambay, da
tempo malato di Parkinson

Se ne è andato, in silenzio, Patrick Tambay. Da tempo il 73enne pilota francese nato il 25 giugno 1949 a Parigi, soffriva di ...

Leggi »
World Endurance

Villeneuve ha provato la Vanwall LMH
a Montmelò, obiettivo Le Mans 2023?

Michele Montesano La voglia di rimettersi costantemente in discussione non è mai mancata a Jacques Villeneuve. Dopo aver vi...

Leggi »
FIA Formula 3

Fornaroli nuovo pilota Trident
Nel 2022 miglior rookie Alpine

Leonardo Fornaroli è il secondo pilota italiano dopo Gabriele Minì che parteciperà al campionato di F3. Il 18enne piacentino ...

Leggi »
formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
15 Dic [9:46]

Sepang – Gara 1
Michelisz vede il titolo

Michele Montesano

Norbert Michelisz conquista la prima vittoria nel weekend malese del WTCR. L’ungherese ha avuto vita facile conquistando un successo flag to flag quasi in solitudine. Infatti, Aurélien Panis, giunto secondo, non è riuscito minimamente ad impensierirlo. Terzo posto artigliato dal nostro Gabriele Tarquini con una bella gara ricca di sorpassi. Ma a sorprendere è stato Esteban Guerrieri: l’argentino, partito decimo, è risalito fino al quarto posto. Ottima anche la sesta posizione di Yvan Muller partito sedicesimo.

Il tracciato bagnato ha fatto sì che la partenza avvenisse sotto regime di safety-car. Anche la scelta degli pneumatici si è rivelata ostica, con alcuni piloti che hanno optato per le slick, mentre altri hanno deciso di montare sia le gomme da pioggia che quelle da asciutto. Le vere ostilità sono iniziate il secondo giro, quando Michelisz ha immediatamente preso il largo dal gruppo. Stesso discorso per Panis: il figlio d’arte ha mantenuto agevolmente il secondo posto senza mai impensierire il leader di campionato.

La bagarre è iniziata dal terzo posto in giù e inizialmente ci hanno pensato Néstor Girolami e Mikel Azcona a battagliare per il gradino più basso del podio. Uno scatenato Guerrieri ha iniziato a spingere forte sull’acceleratore entrando in lotta con le due Alfa Romeo Ferraris di Kevin Ceccon e Ma Qinghua. L’argentino ha dapprima forzato il sorpasso ai danni dell’italiano e, dopo un duello fianco a fianco, ha superato anche il cinese risalendo in settima posizione.

Il portacolori Honda si è tuffato poi all’inseguimento di Augusto Farfus sorpassandolo nella staccata di curva uno. Il brasiliano ha provato a resistere, arrivando anche al leggero contatto, ma ha lasciato passare Guerrieri. Il pilota Hyundai BRC ha iniziato subito a perdere terreno per via della scelta di pneumatici poco felice, stessa sorte subito dopo per entrambe le Alfa Romeo Giulietta.

Ottimo il gioco di squadra in casa Münnich Motorsport con Girolami che, dopo aver perso la posizione ai danni di Tarquini, ha lasciato passare il suo team mate Guerrieri, il quale si è issato così al quarto posto. Da segnalare anche la forsennata rimonta di Müller che, con numerosi sorpassi, si è ritrovato in sesta posizione alle spalle della wild card Joao Paulo de Oliveira. Ma poiché il brasiliano è trasparente ai fini della classifica, il pilota Lynk & Co. ha conquistato i punti del quinto posto. Il pilota Cupra Daniel Haglöf, grazie alla scelta azzeccata degli pneumatici, è giunto settimo al traguardo seguito da Johan Kristoffersson, il migliore in casa Volkswagen. Nono Nicky Catsburg e a chiudere la top-10 Jean Karl Vernay. 

La lotta mondiale, per quanto concerne la classifica piloti, si restringe ora a tre: con Thed Björk che, dopo una sosta per cambiare gli pneumatici, è naufragato in fondo alla classifica uscendo fuori dalla corsa per il titolo. Per quanto riguarda la classifica a squadre a comandare è ancora il Lynk & Co. di trentuno lunghezze sul team BRC Hyundai.

Domenica 15 dicembre 2019, gara 1

1 - Norbert Michelisz (Hyundai) - BRC - 10 giri
2 - Aurélien Panis (Cupra) - Comtoyou - 2"446
3 - Gabriele Tarquini (Hyundai) - BRC - 10"009
4 - Esteban Guerrieri (Honda) - Münnich - 10"878
5 - Joao Paulo de Oliveira (Honda) - KC Motorgroup - 11"287
6 - Yvan Muller (Lynk & co) - Cyan - 12"125
7 - Daniel Haglöf (Cupra) - PWR - 17"213
8 - Johan Kristoffersson (Vw) - Loeb - 20"142
9 - Nicky Catsburg (Hyundai) - BRC - 31"331
10 - Jean-Karl Vernay (Audi) - WRT - 31"772
11 - Andy Priaulx (Lynk & co) - Cyan - 36"446
12 - Mehdi Bennani (Vw) - Loeb - 37"211
13 - Attila Tassi (Honda) - KCMG - 40"633
14 - Yann Ehrlacher (Lynk & co) - Cyan - 42"004
15 - Gordon Shedden (Audi) - WRT - 43"183
16 - Benjamin Leuchter (Vw) - Loeb - 45"377
17 - Mikel Azcona (Cupra) - PWR - 58"401
18 - Ma Qinghua (Alfa Romeo) - Mulsanne - 1'00"734
19 - Mitchell Cheah (Hyundai) - Engstler - 1'03"709
20 - Kevin Ceccon (Alfa Romeo) - Mulsanne - 1'05"014
21 - Niels Langeveld (Audi) - Comtoyou - 1'07"607
22 - Nestor Girolami (Honda) - Münnich - 1'10"078
23 - Rob Huff (Vw) - Loeb - 1'17"382
24 - Tom Coronel (Cupra) - Comtoyou - 1'20"508
25 - Hafizh Syahrin (Hyundai) - Engstler - 1'24"275
26 - Douglas Khoo (Cupra) - Viper Niza - 1'36"373
27 - Thed Björk (Lynk & co) - Cyan - 2'02"312
28 - Augusto Farfus (Hyundai) - BRC- 2'22"601

Giro veloce: Joao Paulo de Oliveira 2'38"887

Ritirati
Tiago Monteiro
Frederic Vervish

Il campionato
1.Michelisz 351; 2.Guerrieri 324; 3.Muller 316; 4.Bjork 288; 5.Tarquini 222; 6.Ehrlacher 212; 7.Azcona 204; 8.Vernay 203; 9.Kristoffersson 202; 10.Girolami 201.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone