indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Qualifica
Alpine pole da usato garantito

Michele Montesano A dispetto del nuovo corso delle HyperCar, voluto da Aco e WEC, a siglare la pole position a Portimão è st...

Leggi »
formula 1

Gli incidenti di Baku: sotto accusa
le pressioni adottate in gara dai team

Sono trascorsi sette giorni dal Gran Premio di Baku e ancora non si conoscono le cause precise che hanno determinato il cedim...

Leggi »
formula 1

La Haas non è più ultima,
ma la lotta interna si scalda

Anche un 13esimo posto può valere moltissimo. Quello ottenuto da Mick Schumacher nella caotica domenica a Baku, per esempio, ...

Leggi »
Rally

Mossa a sorpresa McLaren:
dal 2022 entra in Extreme E

Sorpresa: la McLaren aprirà una nuova pagina della sua lunga storia sportiva debuttando nelle gare off-road. Quali? Quelle de...

Leggi »
IMSA

BMW conferma il programma LMDh
per il 2023 e con obiettivo Le Mans

Il nuovo direttore di BMW M Markus Flasch ha confermato che la marca bavarese realizzerà un programma LMDh per il 2023. Senza...

Leggi »
19 Giu [0:07]

Test a Misano, 2° giorno
Ugran per 7 millesimi su Simonazzi

Da Misano - Massimo Costa - Foto Speedy

L'ultima ora del turno finale della seconda giornata dei test Kateyama Formula 4 a Misano , sembrava una qualifica. Tiratissima. La temperatura che si era leggermente rinfrescata e il venticello che proveniva dal mar Adriatico, avevano posto le condizioni perfette per tentare il giro da qualifica dopo un pomeriggio piuttosto caldo, trascorso dai piloti a provare assetti e long run.

A scatenarsi, è stato Francesco Simonazzi (nella foto sotto), già secondo tempo nella sessione del mattino con 1'34"853 alle spalle del sempre veloce Filip Ugran, 1'34"694. Il reggiano del team DRZ Benelli, già protagonista mercoledì e nei test del Mugello, ha deciso che era giunto il momento di compiere un ulteriore passetto in avanti nella sua crescita e di provare di andare a caccia della ipotetica pole. Simonazzi, perfettamente assistito dalla squadra di Benelli e Da Riz, è riuscito con una serie di ottimi giri a issarsi in cima alla classifica con 1'34"452.



Nessuno più riusciva ad avvicinare quel crono che faceva sorridere gli uomini di DRZ Benelli, i quali stanno assaporando un pre stagione che ricorda quello vissuto con Ian Rodriguez qualche anno fa . Mentre ci si preparava nel vedere abbassare la bandiera a scacchi che poneva fine alle ostilità, è spuntata la verde Tatuus del team Jenzer condotta dal solito Ugran. Il romeno ha segnato ottimi settori e quando si è presentato sulla linea di arrivo, ha staccato il tempo di 1'34"445 che lo ha proiettato in prima posizione. Sette i millesimi di vantaggio su Simonazzi, il quale non se l'è affatto presa, rimanendo col sorriso ben fissato sul suo giovane volto per le belle due giornate di test affrontate.

Ugran dunque, al secondo anno nella F4 Italia, si è confermato al vertice come nella prima giornata e come al mattino. Non tra i protagonisti al Mugello, Ugran a Misano ha ritrovato la giusta via per riaffermare che per la rincorsa al titolo è anche con lui che si dovranno fare i conti.

Ancora una bella prova per il debuttante Francesco Pizzi, sotto nella foto. Il 15enne del team Van Amersfoort è risultato terzo al mattino con 1'34"981 e terzo al pomeriggio con 1'34"630. Poteva fare meglio senza qualche errorino nel giro buono, ma non è un problema, il ragazzo di Frascati sta crescendo molto bene ed è ben guidato da uno dei migliori piloti italiani, Gianmaria Bruni, che ne segue con attenzione la carriera.



Quarto assoluto, Jasin Ferati del team Jenzer. Il 16enne svizzero arriva dal karting e sta rapidamente maturando tanto da inserirsi tra i primissimi della classifica. Il suo tempo: 1'34"630. Ferati ha preceduto Andrea Rosso del team Cram, quinto assoluto in 1'34"723 e di un soffio davanti a Pietro Delli Guanti di Technorace, autore di due giornate di test veramente eccellenti. Dei piloti Bhaitech, il migliore è risultato Jesse Salmenautio con 1'34"840 davanti a un Leonardo Fornaroli in costante progresso con la Iron Lynx diretta da Andrea Piccini.

Ricordiamo che in queste due giornate era assente il team Prema con i suoi giovani rookie Minì, Beganovic, Bortoleto e Montoya.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone