Rally

WRC 2022: al via la rivoluzione ibrida
Chi sarà il successore di Ogier?

Michele Montesano Quello che si appresta a partire non sarà il solito Rally di Montecarlo, bensì l’inizio della nuova era p...

Leggi »
formula 1

Gomme da 18 pollici in Formula 1,
la grande sfida del 150° anno Pirelli

Nasce come anno importante, il 2022 della Pirelli. È il 150esimo di attività dell'azienda, con numerose novità in ambito ...

Leggi »
World Endurance

Test ad Alcaniz per la Peugeot 9X8
Il team salterà la 1000 Miglia di Sebring

Michele Montesano Continua senza sosta la tabella di marcia per il ritorno nel FIA WEC da parte di Peugeot Sport. Il team s...

Leggi »
altre

Adria sotto sequestro
Buco di 53 milioni di euro

Il paddock dell'area karting era strapieno, come sempre quando si è alla vigilia del primo evento internazionale organizz...

Leggi »
formula 1

La F1 pensa all'obbligo vaccinale:
non ci saranno casi simil Djokovic

Il caso di Novak Djokovic ha dominato la scena del dibattito internazionale, non solo sportivo. Il tennista serbo, numero 1 a...

Leggi »
Rally

Oreca obiettivo Dakar 2023 con l’ibrido
Allo studio anche un motore a idrogeno

Michele Montesano La quarantaquattresima edizione della Dakar è appena andata in archivio, ma Oreca punta lo sguardo già al...

Leggi »
24 Nov [17:43]

Yas Marina - Gara 1
Russell, campione travolgente

Massimo Costa

George Russell è il campione 2019 della Formula 2. Gli mancavano pochi punti per entrare nella storia della categoria, e praticamente già in partenza aveva il titolo in tasca in quanto il suo unico rivale Alexander Albon ha stallato. Poteva prendersela comoda Russell, vivacchiare, e invece no. Il futuro pilota della Williams ha corso per vincere la prima gara di Yas Marina con una caparbietà impressionante.

Russell è partito male e così Nyck De Vries ha subito preso la testa della corsa, congelata per 7 giri per un brutto incidente (piloti illesi) causa stallo di Nicholas Latifi. Il canadese, in seconda fila, è prima stato colpito leggermente da Nirei Fukuzumi, poi con fragore da Arjun Maini. L'indiano è riuscito a sterzare all'ultimo, prendendo il posteriore della Dallara DAMS con l'anteriore sinistra, completamente divelta. Ma che paura. Fermo anche Albon, compagno di squadra di Latifi (mappature sbagliate in casa DAMS?) e Sergio Camara, bloccato dietro di lui.

Russell si è fermato per il cambio gomme al giro 9 e quando De Vries ha fatto altrettanto una tornata dopo (quasi tutti sono partiti con le soft), l'inglese è riuscito di slancio a passare l'olandese del team Prema appena uscito dai box. Davanti a tutti, però, c'era solitario Luca Ghiotto, praticamente l'unico a essere partito con gomme medie. L'italiano ha gestito al meglio i propri pneumatici riuscendo addirittura ad incrementare il vantaggio su Russell, da 19" a 24". Purtroppo, Ghiotto ha commesso un errore, tagliando una variante e prendendo un piccolo vantaggio. I commissari hanno verificato ed hanno notato che Ghiotto non ha alzato il piede una volta tornato in pista ed è scattata la penalità di 5".

L'italiano del team Campos ha proseguito con forza finché non è stato chiamato al cambio pneumatici al 25° giro, lasciando andare al comando Russell. Rientrato quinto, con le gomme soft, velocissimo rispetto ai rivali che arrancavano con le medie ormai stanche, Ghiotto si è avventato su Lando Norris mangiandoselo facilmente, poi è andato a prendere De Vries e lo ha infilzato come uno spiedino. Assicuratosi il terzo gradino del podio, Ghiotto vedeva Markelov e Russell davanti a sè, facili prede per completare felicemente la grigliata serale, ma la corsa era finita. Peccato. Senza quella penalità, la vittoria non era utopia, ma forse va detto che anche il team Campos poteva chiamare ai box uno o due giri prima Luca per cancellare lo svantaggio di quei 5", anche se in realtà la resa delle gomme soft è molto limitata.

Russell, pur in affanno con la resistenza delle proprie gomme, ha respinto Markelov, che aveva speso parecchie energie in precedenza lottando con Norris e De Vries. Il russo non è riuscito ad avvicinare il rivale della ART e così Russell si è preso tutto: campionato e vittoria di tappa, la settima di questa sua brillante stagione. A 20 anni, Mister George può vantare di aver conquistato da rookie i campionati GP3 e F2, impresa riuscita a Charles Leclerc.

Quarta posizione per un buon De Vries, che ha pagato il degrado anticipato delle proprie Pirelli. Quinto posto per Norris che il podio non lo vede più da fine agosto, a Spa. Dato preoccupante per quello che doveva essere il principale rivale di Russell, ma almeno Carlin ha vinto il campionato riservato ai team. Buona gara per i due piloti del team Charouz, Louis Deletraz ed Antonio Fuoco, rispettivamente sesto e settimo. Con questo piazzamento, l'italiano scatterà dalla prima fila in una gara 2 che vedrà al "palo" Roberto Merhi. Notevole il debutto di Daniel Ticktum, undicesimo. Alessio Lorandi, partito ventesimo e ultimo, per l'incidente al via e tre buoni sorpassi si è ritrovato dodicesimo alle spalle di Ghiotto. Purtroppo il pilota del team Trident è partito con gomme soft e non medie come il connazionale, e dopo il pit-stop al 9° giro ha navigato inesorabilmente tra la quindicesima e la tredicesima posizione disputando comunque una positiva prova.

Sabato 24 novembre 2018, gara 1

1 - George Russell - ART - 29 giri 1.03'33"863
2 - Artem Markelov - Russian Time - 3"301
3 - Luca Ghiotto - Campos - 8"283
4 - Nyck De Vries - Prema - 12"046
5 - Lando Norris - Carlin - 19"050
6 - Louis Deletraz - Charouz - 21"964
7 - Antonio Fuoco - Charouz - 23"633
8 - Roberto Merhi - Campos - 27"375
9 - Tadasuke Makino - Russian Time - 27"840
10 - Jack Aitken - ART - 32"786
11 - Daniel Ticktum - Arden - 42"485
12 - Dorian Boccolacci - MP Motorsport - 46"303
13 - Alessio Lorandi - Trident - 47"809
14 - Alexander Albon - DAMS - 55"571
15 - Niko Kari - MP Motorsport - 1'10"190
16 - Sergio Camara - Carlin - 1'10"766
17 - Sean Gelael - Prema - 1'29"971

Ritirati
0 giri - Nicholas Latifi
0 giri - Nirei Fukuzumi
0 giri - Arjun Maini

Il campionato
1.Russell 277; 2.Albon 211; 3.Norris 207; 4.De Vries 196; 5.Markelov 184; 6.Camara 164; 7.Fuoco 126; 8.Ghiotto 111; 9.Latifi 91; 10.Deletraz 70.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone