formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
formula 1

Mercedes lancia un assist al gruppo
Volkswagen: "Eliminare la MGU-H"

Come fare per coinvolgere in F1 un maggior numero di motoristi e che magari travolti dall'entusiasmo decidano di entrare ...

Leggi »
indycar

Laguna Seca - Gara
Herta non sbaglia, Palou vede il titolo

Colton Herta si è preso la rivincita per il difficile finale di Nashville nella "sua" Laguna Seca. Il californiano ...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 3
Øgaard firma la doppietta

1 - Sebastian Øgaard - Campos - 16 giri2 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 0”2363 - Filip Jenic - Teo Martin - 2”2094...

Leggi »
dtm

Assen - Gara 2
Vince Auer, Lawson secondo

Lucas Auer festeggia la sua prima vittoria stagionale nel DTM: l'austriaco ha fatto sua gara 2 ad Assen dopo essere parti...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 2
Macia penalizzato, primo Van’t Hoff

È stata una corsa davvero bella e combattuta quella che ha aperto la seconda giornata di gare dell’appuntamento di Valencia d...

Leggi »
20 Giu [10:03]

Zandvoort - Qualifica 2
Settima pole di Saucy, bene Minì e Pizzi

Da Zandvoort - Mattia Tremolada

‍Un innocuo testacoda nel finale del turno non ha impedito a Gregoire Saucy di centrare la settima pole position stagionale, quarta consecutiva, nel secondo turno di qualifica di Zandvoort. Ancora una volta il pilota svizzero è stato imprendibile per tutti fin dalle fasi iniziali, facendo segnare il tempo di 1'31"869 nel primo tentativo. Un riferimento che è poi andato a ritoccare fino al definitivo 1'31"193, ma che gli sarebbe comunque bastato per assicurarsi la seconda fila dello schieramento, a riprova dell'enorme margine di vantaggio che Saucy ha nei confronti dei rivali. Ancora una volta niente da fare per Gabriele Minì, che dopo aver fatto segnare il miglior tempo nel primo settore ha chiuso a tre decimi di ritardo dal compagno di squadra, conquistando nuovamente una comunque brillante prima fila e la pole position tra i rookie.

Minì ritroverà poco distante un ottimo Francesco Pizzi, suo rivale al titolo della F4 Italia nel 2020, bravo a conquistare la prima top-5 assoluta stagionale dopo un inizio in salita. Già ieri il 16enne di Frascati era stato molto rapido, chiudendo ai margini dei primi dieci, e dando comunque un deciso segnale di ripresa. Sulla pista di casa, i team Van Amersfoort e MP Motorsport sono parsi decisamente competitivi. Oltre a Pizzi, VAR ha piazzato Mari Boya in decima piazza, mentre la squadra diretta da Sander Dorsman ha ritrovato finalmente Franco Colapinto, terzo dopo aver raccolto i primi punti della stagione nella gara di ieri. Bene anche Oliver Goethe, sesto, e Kas Haverkort, ottavo, nonostante al pilota olandese sia stato cancellato il miglior riferimento per track limits.

Numerosi i piloti che sono andati incontro allo stesso destino, tra cui Isack Hadjar, che complice un errore nelle prime fasi e la cancellazione dei propri due migliori tempi, ha chiuso in penultima posizione, rimanendo per pochissimo entro il 110%, fissato a 1'40"312. Attardati per lo stesso motivo Andrea Rosso, 21esimo con il nuovo telaio preparato da FA Racing nella notte, Nicola Marinangeli 26esimo e Dino Beganovic, solamente 29esimo. In difficoltà Nico Gohler e Lena Buhler, finiti fuori gioco provocando due lunghi periodi di Full Course Yellow, che hanno diminuito sensibilmente il tempo a disposizione.

Dopo aver regalato a G4 Racing i primi due punti in campionato, Michael Belov ha colto una convincente quarta posizione, rimediando alla cancellazione del proprio primo giro cronometrato, che aveva chiuso pochi istanti dopo l'esposizione della FCY, come accaduto anche a Pietro Delli Guanti, 18esimo. Quest'oggi è parso in difficoltà il team R-Ace, con Zane Maloney soltanto 11eismo dopo la battuta a vuoto di ieri e il 14esimo posto di Hadrien David, che in gara 1 aveva scalzato il pilota delle Barbados come primo inseguitore di Saucy. Gli altri contendenti al titolo si trovano attardati, con la nona piazza di Paul Aron, la 15esima di Alex Quinn e la 24esima di David Vidales.

Domenica 20 giugno 2021, qualifica 2

1 - Gregoire Saucy - ART - 1'31"193
2 - Gabriele Minì - ART - 1'31"560
3 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 1'31"781
4 - Michael Belov - G4 Racing - 1'31"949
5 - Francesco Pizzi - VAR - 1'32"010
6 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1'32"015
7 - William Alatalo - Arden - 1'32"034
8 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1'32"075
9 - Paul Aron - Prema - 1'32"076
10 - Mari Boya - VAR - 1'32"116
11 - Zane Maloney - R-Ace - 1'32"216
12 - Thomas Ten Brinke - ART - 1'32"230
13 - Patrik Pasma - KIC - 1'32"313
14 - Hadrien David - R-Ace - 1'32"341
15 - Alex Quinn - Arden - 1'32"358
16 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1'32"479
17 - Elias Seppanen - KIC - 1'32"561
18 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1'32"584
19 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1'32"592
20 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1'32"657
21 - Andrea Rosso - FA Racing - 1'32"709
22 - Axel Gnos - G4 Racing - 1'33"100
23 - Emidio Pesce - DR Formula - 1'33"196
24 - David Vidales - Prema - 1'33"236
25 - Brad Benavides - DR Formula - 1'33"294
26 - Nicola Marinangeli - Arden - 1'33"389
27 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1'33"784
28 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1'34"014
29 - Dino Beganovic - Prema - 1'34"866
30 - Nico Gohler - KIC - 1'39"652
31 - Isack Hadjar - R-Ace - 1'40"091
32 - Lena Buhler - R-Ace - 1'43"329

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone