8 Gen [17:09]

Daytona, 3° giorno
A Nasr la mini-pole

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

Felipe Nasr ha segnato il giro più veloce del giorno finale del Roar a Daytona. Il brasiliano ha segnato la pole nella qualifica che assegna la posizione in corsia box per la 24 ore. Il brasiliano ha mantenuto al top il team Action Express con la Cadillac, mentre anche le altre due sessioni sono state condotte dalle vetture americane, rispettivamente con Eddie Cheever III e Jordan Taylor per i team Spirit of Daytona e Taylor. Alla fine delle attività, i giri della “qualifica” sono stati quelli più veloci per i primi quattro, con Action Express al primo e terzo posto, e Spirit of Daytona secondo grazie a Tristan Vautier. Piano piano si è riavvicinato al vertice anche il team Penske, che sicuramente non ha voluto mettere in mostra le proprie Acura anche con un pensiero al prossimo BOP. Dane Cameron è stato il migliore per il Capitano, mentre ha ben figurato anche Ricky Taylor.

Miglioramenti per Fernando Alonso e lo United Autosport, con il dodicesimo tempo della qualifica ed il ventunesimo della graduatoria complessiva ottenuti dallo spagnolo della McLaren. Il campione del mondo di F1 ha preceduto anche una delle Ligier ufficiali Nissan, mentre il secondo esemplare si è piazzato in top-10 insiema alla prima delle Mazda by Joest.

In GTLM, Joey Hand ha confermato la “pole” virtuale per la Ford e per il team Ganassi ma a sorpresa si è inserito Oliver Gavin con la Corvette, finora in ombra. L’altra Ford con Ryan Briscoe si è issata al terzo posto grazie a Ryan Briscoe, mentre lo schieramento della Porsche è stato capitanato da Earl Bamber con la vettura numero 912. Sesto posto per la Ferrari Risi di Alessandro Pier Guidi.

In GT Daytona, al vertice si è visto Mirko Bortolotti con la Lamborghini Grasser in qualifica, ed è stato suo anche il miglior tempo generale del primo turno, mentre Matteo Cairoli è restato in seconda posizione. Più staccate le Ferrari, con Alessandro Balzan comunque sempre leader.

Domenica 7 gennaio 2018, qualifica

1 - Nasr/Curran/Conway/Middleton (Cadillac DPi) - AXRacing - 1'35"806
2 - McMurry/Vautier/Cheever (Cadillac DPi) – SDR - 1'36"037
3 - Barbosa/Albuquerque/Fittipaldi (Cadillac DPi) – AXRacing - 1'36"135
4 - Taylor/Van Der Zande/Hunter-Reay (Cadillac DPi) – Taylor - 1'36"481
5 - Cameron/Montoya/Pagenaud (Acura DPi) – Penske - 1'36"988
6 - Castroneves/Rahal/Taylor (Acura DPi) – Penske - 1'37"231
7 - Van Overbeek/Derani/Lapierre (Nissan DPi) – ESM - 1'37"245
8 - Bomarito/Pigot/Tincknell (Mazda DPi) – Joest - 1'37"263
9 - Tung/Brundle/Felix da Costa/Habsburg (ORECA LMP2) - Jackie Chan - 1'37"274
10 - Trummer/Alon/Cindric/DeFrancesco (ORECA LMP2) – JDC-Miller - 1'37"323
11 - Miller/Cullen/Drumwright (Multimatic/Riley LMP2) – Bar1 - 1'37"331
12 - Hanson/Norris/Alonso (Ligier LMP2) – United - 1'37"515
13 - Stroll/Rosenqvist/Juncadella/Frijns (ORECA LMP2) - Jackie Chan - 1'37"697
14 - French/Masson/O'Ward (ORECA LMP2) – Perf"Tech - 1'37"707
15 - Owen/de Sadeleer/Di Resta/Senna (Ligier LMP2) – United - 1'37"779
16 - Sharp/Dalziel/Pla (Nissan DPi) – ESM - 1'37"857
17 - Saavedra/Yacaman/Gonzalez/Boulle (Ligier LMP2) – PR1 - 1'37"905
18 - Miller/Cullen/Drumwright (Multimatic/Riley LMP2) – Bar1 - 1'39"920
19 - Bennett/Braun/Dumas/Duval (ORECA LMP2) – CORE - 1'40"018
20 - Jarvis/Nunez/Rast (Mazda DPi) – Joest - 1'42"104
21 - Hand/Mueller/Bourdais (Ford GT) – Ganassi - 1'43"610
22 - Gavin/Milner/Fassler (Chevrolet Corvette C7R) – Corvette - 1'43"640
23 - Briscoe/Westbrook/Dixon (Ford GT) – Ganassi - 1'43"714
24 - Vanthoor/Bamber/Bruni (Porsche 911 RSR) – Porsche - 1'43"888
25 - Magnussen/Garcia/Rockenfeller (Chevrolet Corvette C7R) – Corvette - 1'43"998
26 - Pier Guidi (Ferrari 488 GTE) - Risi - 1'44"037
27 - Sims/De Phillippi/Auberlen/Eng (BMW M8 GTLM) – Rahal - 1'45"056
28 - Krohn/Edwards/Catsburg/Farfus (BMW M8 GTLM) – Rahal - 1'46"717
29 - Ineichen/Bortolotti/Perera/Breukers (Lamborghini Huracan GT3) – Grasser - 1'47"374
30 - Potter/Lally/Davis/Winkelhock (Audi R8 LMS GT3) – Magnus - 1'47"436
31 - Long/Nielsen/Renauer/Jaminet (Porsche 911 GT3 R) – Wright - 1'47"481
32 - Legge/Parente/Hindman/Allmendinger (Acura NSX GT3) – Shank - 1'47"605
33 - Gilsinger/Eversley/Rayhall/Falb (Acura NSX GT3) – Hart - 1'47"665
34 - Hawksworth/Heinemeier Hansson/Pruett/Farnbacher (Lexus RCF GT3) – 3GT - 1'47"691
35 - MacNeil/Balzan/Jeannette/Segal (Ferrari 488 GT3) - Scuderia Corsa - 1'47"726
36 - Van Der Linde/van der Linde/Mies/Schmidt (Audi R8 LMS GT3) – Land - 1'47"765
37 - Van Splunteren/Perez Companc/Engelhart/Lenz (Lamborghini Huracan GT3) – Grasser - 1'47"778
38 - Perez de Lara/Fuentes/Creel/Molina (Ferrari 488 GT3) – Risi - 1'47"814
39 - Keating/Bleekemolen/Christodoulou/Stolz (Mercedes-AMG GT3) – Riley - 1'47"886
40 - Marks/Aschenbach/Farnbacher/Ledogar (Acura NSX GT3) – Shank - 1'47"905
41 - Habul/Jaeger/Engel/Grenier (Mercedes-AMG GT3) – Riley - 1'47"912
42 - Dalla Lana/Lamy/Lauda/Serra (Ferrari 488 GT3) - AF Corse - 1'47"988
43 - Sweedler/Bell/Montecalvo/Bird (Ferrari 488 GT3) - Scuderia Corsa - 1'48"042
44 - Baumann/Marcelli/Junqueira (Lexus RCF GT3) – 3GT - 1'48"094
45 - Lindsey/Bergmeister/Pappas (Porsche 911 GT3 R) - Park Place - 1'48"142
46 - Klingmann/Yount/Kvamme (BMW M6 GT3) – Turner - 1'48"354
47 - Koch/Foley III/Perez/Spinelli (Mercedes-AMG GT3) – P1 - 1'49"287
48 - Sellers/Snow/Caldarelli/Miller (Lamborghini Huracan GT3) – Miller - st
49 - Smith/Walls/Proczyk/Muller (Porsche 911 GT3 R) – Manthet - st
50 - Pilet/Tandy/Makowiecki (Porsche 911 RSR) – Porsche - st

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone