20 Ago [18:44]

Campo Grande, gare
Zonta ritorna alla vittoria

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Silvano Taormina

Felipe Fraga e Ricardo Zonta hanno timbrato il cartellino a Campo Grande suddividendosi le due vittorie in palio. Due successi maturati in maniera completamente differente. Fraga si è espresso in una notevole prova di forza, assicurandosi la prima posizione a suon di sorpassi. Zonta, invece, ha tratto giovamento da alcuni episodi che hanno movimentato la gara e spezzato il suo ritmo. Se per Fraga si tratta della seconda affermazione nel 2018, Zonta si è imposto per la prima volta in questa stagione portando a nove il numero dei vincitori diversi in dodici gare. Un ulteriore conferma dell'eterogeneità dei valori in campo.

Un doppio sorpasso premia Fraga
La prova mattutina sembrava avere tutti gli ingredienti giusti per confezionare un nuovo dominio targato Daniel Serra. Il capoclassifica, poleman al termine delle qualifiche, ha però dovuto fare i conti con il rivale Fraga. Quest'ultimo, dopo un avvio regolare, sin dai primi metri si è messo in scia al portacolori del team Eurofarma RC. Al dodicesimo giro Fraga ha approfittato di una leggera sbavatura di Serra per portarsi al comando.

Il valzer dei pit-stop, però, ha reinvertito le posizioni a causa di un pit-stop lento (mancato fissaggio dell'anteriore-destra) che ha penalizzato Fraga. Tale disavventura non ha demoralizzato il pilota del Cimed Racing, che in poche tornate si è riportato sugli scarichi di Serra. La mossa vincente si è concretizzata grazie ad un bel sorpasso all'esterno a pochi minuti dalla bandiera a scacchi. Altrettanto avvincente è stata la lotta per il gradino più basso del podio, risolta nel finale a vantaggio di Max Wilson nei confronti di Caca Bueno. Ottima la quinta posizione di Cesar Ramos, finalmente nelle posizioni che contano. A seguire Camilo e Abreu. Sfortunata la prova di Di Grassi, bloccato da una noia meccanica mentre navigava in top-five.

Dal caos emerge Zonta
Decisamente più movimentata la prova pomeridiana, la quale ha proposto Vitor Genz in pole grazie al decimo posto ottenuto in gara 1. I colpi di scena non sono mancati alla prima curva, dove si è verificata una carambola che ha messo fuori gioco Fraga e Gomes e coinvolto anche Wilson. Genz, dopo una caution iniziale, ha mantenuto il comando su Barrichello e Casagrande. Il trio di testa ha subito il ritorno di Abreu che, dalla quarta posizione, in poche tornate si è portato al comando. Al giro 12 un incidente occorso ha Ramos ha chiamato nuovamente in causa la safety-car, proprio mentre si apriva la finestra dei pit-stop. Quasi tutto il plotone è rientrato immediatamente nell'affollata pit-lane.

Alla fine colui che ha tratto maggiore giovamento da questo trambusto è stato Zonta, incredibilmente ritrovatosi in testa dopo essere scattato dalla sesta fila. Non appena la gara ha ripreso il suo andamento regolare, Barrichello ha perso del terreno a causa di un malfuzionamento del limitatore che si è attivato da solo per qualche secondo. Mentre Zonta si avviava indisturbato verso il traguardo, Casagrande e Brito inscenavano una bella lotta per completare il podio. Entrambi però, così come Serra e Camilo, a motori spenti sono stati esclusi dalla classifica per delle irregolarità durante le concitate fasi dei cambi-gomme. Le posizioni sul podio le hanno così ereditate Bueno e Abreu mentre Piquet e Lapenna hanno completato la top-five.

Leadership inviolata per Serra
Nonostante lo zero in casella di gara 2, Serra mantiene ben salda la leadership in campionato nei confronti di Wilson, Fraga e Gomes, con questi ultimi due che come lui hanno mancato il piazzamento a punti. L'ottavo posto nelle seconda gara mantiene Barrichello nelle zone calde. Da segnalare il rientro nelle serie dopo l'esperienza nel WTCC da parte di Nestor Girolami, chiamato a sostituire Salas in casa Hot Car. La Stock Car Brasil tornerà in pista tra tre settimane per l'appuntamento di Cascavel.

Domenica 19 agosto, gara 1

1 - Felipe Fraga - Cimed - 28 giri 42'12''393
2 - Daniel Serra - Eurofarma RC - 1''860
3 - Max Wilson - Eurofarma RC - 3''404
4 - Caca Bueno - Cimed - 6''567
5 - Cesar Ramos - Blau - 8''548
6 - Thiago Camilo - Ipiranga - 9''687
7 - Atila Abreu - TMG Shell - 10''782
8 - Gabriel Casagrande - Vogel - 11''815
9 - Rubens Barrichello - Full Time Sport - 16''430
10 - Vitor Genz - Eisenbahn - 17''077
11 - Marcos Gomes - Cimed - 17''678
12 - Ricardo Zonta - TMG Shell - 21''613
13 - Julio Campos - Prati Donaduzzi - 23''828
14 - Ricardo Maurício - Full Time Sport - 24''485
15 - Rafael Suzuki - Hot Car - 36''890
16 - Lucas Foresti - Cimed - 27''881
17 - Bia Figueiredo - Ipiranga - 1 giro
18 - Nestor Girolami - Hot Car - 1 giro*
19 - Diego Nunes - Full Time Bassani - 1 giro
20 - Denis Navarro - Cavaleiro - 1 giro
21 - Valdeno Brito - Eisenbahn - 1 giro

Giro più veloce: Caca Bueno 1'25''459

Ritirati
20° giro - Nelson Piquet Jr
20° giro - Antonio Pizzonia
19° giro - Bruno Baptista
15° giro - Felipe Lapenna
14° giro - Galid Osman
13° giro - Lucas Di Grassi
13° giro - Allam Khodair
13° giro - Gustavo Lima

Domenica 19 agosto, gara 2

1 - Ricardo Zonta - TMG Shell - 27 giri 42'05''498
2 - Caca Bueno - Cimed - 30''236
3 - Atila Abreu - TMG Shell - 34''708
4 - Nelson Piquet - Full Time Bassani - 35''833
5 - Felipe Lapenna - Cavaleiro - 36''838
6 - Bia Figueiredo - Ipiranga - 38''306
7 - Max Wilson - Eurofarma RC - 38''668
8 - Rubens Barrichello - Full Time Sport - 41''543
9 - Allam Khodair - Blau - 44''095
10 - Gustavo Lima - G-Force - 45''252
11 - Rafael Suzuki - Hot Car - 46''877
12 - Vitor Genz - Eisenbahn - 49''599
13 - Nestor Girolami - Hot Car - 59''604**
14 - Galid Osman - Cavaleiro - 1'10''014

Giro più veloce: Antonio Pizzonia 1'24''928

Ritirati
19° giro - Diego Nunes
18° giro - Antonio Pizzonia
16° giro - Denis Navarro
11° giro - Cesar Navarro
9° giro - Ricardo Mauricio
6° giro - Julio Campos
5° giro - Lucas Di Grassi
4° giro - Lucas Foresti
2° giro - Bruno Baptista
1° giro - Felipe Fraga
1° giro - Marcos Gomes

Squalificati
Gabriel Casagrande
Valdeno Brito
Daniel Serra
Thiago Camilo

* 20 secondi di penalità sul tempo finale per irregolarità al pit-stop
** 20 secondi di penalità sul tempo finale per iregolarità sportiva

Il campionato
1.Serra 191; 2.Wilson 148; 3.Fraga 147; 4.Gomes 135, 5.Barrichello 128; 6.Bueno 116; 7.Zonta 95; 8.Campos, Abreu 92; 10.Di Grassi, Camilo 68.

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone