GT Internazionale

IGTC – 12 Ore di Bathurst
Vittoria al cardiopalma per Mercedes

Michele Montesano Con il trionfo nella 12 Ore di Bathurst Jules Gounon, Luca Stolz e Kenny Habul hanno aperto la stagione 2...

Leggi »
formula 1

Verstappen, il simulatore nel motorhome
“Lo userò dopo le sessioni in pista”

Helmut Marko l’aveva sparata grossa negli scorsi giorni, affermando che Max Verstappen avrebbe fatto installare un simulatore...

Leggi »
indycar

Alla scoperta di Thermal Club
La città morta e il Coachella Festival

Marco Cortesi‍La scelta del circuito di Thermal Club, in California, per i test collettivi dell'IndyCar ha destato molta ...

Leggi »
World Endurance

ByKolles perde la causa contro
Sanderson, a rischio il marchio Vanwall

Michele Montesano Per la Vanwall la presenza nel FIA WEC si sta rivelando sempre più una corsa a ostacoli. La ByKolles, str...

Leggi »
formula 1

La Red Bull mostra a
New York la livrea della RB19

La presentazione della nuova Red Bull? No, la RB19 non c'era e la vedremo forse in un filming day a Silverstone o diretta...

Leggi »
formula 1

La Ford ritorna nel Mondiale F1
Sarà il motorista della Red Bull

Pochi istanti prima della presentazione della Red Bull 2023, è arrivato l'annuncio ufficiale del ritorno in Formula 1 del...

Leggi »
PrevPage 1 of 6Next
15 Nov [12:40]

La tappa finale di Le Castellet
Il team Ravetto&Ruberti campione

Foto Delien

E' andato in scena a Le Castellet l'ultimo appuntamento 2022 della Ultimate Cup. Per quanto riguarda la categoria Monoposto, il campione in carica Nicolas Prost fin dalle qualifiche ha messo in chiaro le proprie intenzioni di riconquistare il titolo ottenendo due pole al volante della Tatuus Regional del team CMR precedendo Loris Kyburz del team Graff nella Q1 e Shannon Lugassy, suo compagno in CMR, nella Q2.

Prost si è imposto con una certa facilità nelle prime due gare laureandosi campione della serie. Kyburz, anch'egli alla guida di una Tatuus Regional, ha chiuso secondo la prima corsa, ma ha fallito l'approdo al podio nelle successive due frazioni. Lugassy invece, ha ottenuto un terzo e due secondi posti. Bene si è comportato anche Paul Trojani, altro pilota del team Graff, che ha concluso per due volte terzo benché sia appena la sua seconda presenza nella Ultimate Cup. Tra le F.Renault 2.0 l'ha spuntata Christophe Hurni.

Nella classe GT Hyper Sprint, nella gara disputata venerdì, della durata di 25 minuti, Jeremy Colanchon si è imposto con la Bentley Continental GT3 del team CMR che divide con il padre Philippe, alla sua prima gara. Sabato, nella seconda corsa sempre di 25', E' stato Edoardo Bertolini con la Ferrari della Scuderia Ravetto&Ruberti a conquistare la prima posizione. La squadra italiana ha vinto meritatamente il campionato UGT3A con la Ferrari 488 GT3.

Nella serie GT Endurance Cup, la pole è andata alla Mercedes Racetivity di Samani-Collard davanti alla vettura gemella del team ASP condotta da Chartier-Capillaire. La gara di 4 Ore, 18 le vetture al via, partita presto la mattina del sabato, alle ore 8.15, è stata vinta da Samani-Collard, già primi a Navarra, precedendo Halliday-Pagny-Bouvet su Ferrari, laureatisi campioni della categoria.

La categoria Proto ha invece visto il dominio della Ligier LMP3 di Trouillet-Page-Garcia del team Graff, neo campioni 2022, che dopo 4 ore di gara ha preceduto di 1'16"435 la Duqueine LMP3 di Orey-Kern-Bell. A seguire, tre Nova Proto e poi varie Norma in una corsa che ha avuto 19 iscritti.

9 Ott [9:14]

Lotte fino a sera a Magny-Cours
nelle gare Ultimate Cup del sabato

Il penultimo weekend stagionale della Ultimate Cup Series, sul circuito di Magny-Cours, ha visto disputarsi le prime gare nella giornata di sabato, con le monoposto, la Coupe Pièces Auto GT Hyper Sprint e la KENNOL GT Endurance Cup ad animare la scena.

Nel campionato Single Seater, a dividersi le vittorie sono state Nicolas Prost e Tasanapol Inthraphuvasak. Il thailandese ha siglato la doppia pole in qualifica, ma in gara 1 ha commesso un errore in curva 2 che ha permesso al detentore del titolo di passare al comando. Dopo una fase di safety-car, la bandiera verde è stata sventolata per l'ultimo giro con Prost a trionfare davanti al pilota del team Graf, e Sacha Maguet a completare il podio. Il 16enne Inthraphuvasak si è rifatto in gara 2 e gara 3, con Prost due volte secondo. Il francese nell'ultima manche si era preso la vetta in partenza, ma due giri più tardi ha dovuto subire l'attacco al tornantino Adelaide. Insieme a loro sul podio sono saliti Shannon Lugassy (CMR) in gara 2 e Loris Kyburz (Graff) in gara 3.

Dopo la vittoria di venerdì sera in gara 1 firmata da Amaury Bonduel, Nigel Bailly ha fatto sue gara 2 e gara 3 della GT Hyper Sprint. Il pilota paraplegico, al volante della Bentley Continental GT3 del team CMR, nella seconda corsa ha avuto la meglio sull'Audi DTM della scuderia Racetivity guidata da Eric Debard, dopo un'intesa battaglia; gara 3 da 50 minuti ha visto imporsi Bailly con circa 3" di vantaggio su Marc Waechter, al volante della Renault RS01 della G2 Racing. Triplo successo nel weekend per Maxime Mainguy (Breizh Motorsport) nella classe Porsche Cup, e per Grégory Launier nella UGTC4B su BMW M2 CS.



Il piatto forte del sabato è stato la 4 Ore della GT Endurance Cup, conquistata da Jean-Paul Pagny, David Hallyday e Jean-Bernard Bouve sulla Ferrari della scuderia Visiom, capace di applicare la strategia ideale. Il cantante Halliday è riuscito a strappare la vetta al poleman Charles-Henri Samani, e poi la 488 GT3 numero 2 ha viaggiato da battistrada per 99 dei 132 giri totali, bissando il trionfo del round di Le Castellet. Samani, insieme ad Emmanuel Collard, ha poi chiuso terzo con la Mercedes della Racetivity, mentre la piazza d'onore è stata appannaggio di un'altra Mercedes, quella di Nicolas Chartier e Vincent Capillaire (Akkodis ASP). Podio assoluto sfiorato per Joffrey Dorchy e Julien Froment, iscritti alla Porsche Cup, peccato per il ritiro della Renault dell'AB Sport Auto per problemi tecnici.

PrevPage 1 of 6Next

News

Ultimate Cup
v

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone