20 Ago [10:15]

British F4 a Thruxton
Il team JHR domina il weekend

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Jacopo Rubino

Fine settimana da incorniciare per il team JHR a Thruxton, settima tappa stagionale della British F4. La squadra diretta da Steven Hunter ha fatto en-plein di vittorie chiudendo in bellezza con l'1-2 di gara 3, in cui Carter Williams ha trionfato davanti al compagno Josh Skelton. Anche lo stesso Williams ha vissuto il miglior weekend del 2019, festeggiando i primi successi personali: aveva vinto già in gara 1, dopo aver superato in avvio il poleman Luke Browning. Copione quasi identico per il bis di gara 3, con Skelton capace a sua volta di mettersi alle spalle il rivale di casa Richardson.

In gara 2 con griglia invertita, mentre l'americano Williams (sesto) è incappato in un testacoda, è stato Skelton a salire in cattedra, partendo quarto dopo il gradino più basso del podio nella corsa del sabato. Secondo al traguardo, a epilogo di una spettacolare lotta con Tommy Foster (Arden), Skelton ha beneficiato della penalità di 10" inflitta a Zane Maloney per partenza anticipata: primo sotto la bandiera a scacchi, il pilota di Barbados è stato retrocesso quinto.

Maloney in questo round è così rimasto sempre già dal podio, con altri due sesti posti (e 5" di penalità in gara 1 per track limits), ma ha mantenuto la leadership di campionato. L'antagonista Sebastian Alvarez ha comunque ridotto il distacco da 54 a 37 punti, chiudendogli sempre davanti: secondo in gara 1, terzo in gara 2 e quinto in gara 3. Louis Foster, leader fino a metà maggio, rischia invece di aver perso il treno per il titolo. Il pilota Double R ha avuto parecchia sfortuna: rottura dell'ala anteriore in gara 1, con pit-stop inatteso da effettuare, e ritiro in gara 2 per una foratura. Parziale riscatto, la terza piazza di gara 3. Foster si trova ora a -73 da Maloney, e a -36 da Alvarez, ma con tre appuntamenti ancora in programma non è tagliato fuori dai giochi.

Alla fine, poca gloria anche per Browning nonostante la doppia pole siglata in qualifica: quarto in gara 1 e gara 2, nono in gara 3 per un errore che gli è costato una posizione di maggior prestigio.

Sabato 17 agosto 2019, gara 1

1 - Carter Williams - JHR - 16 giri 20'05"678
2 - Sebastian Alvarez - Double R - 3"569
3 - Josh Skelton - JHR - 4"659
4 - Luke Browning - Richardson - 7"925
5 - Tommy Foster - Arden - 10"413
6 - Zane Maloney - Carlin - 10"672
7 - Alex Connor - Arden - 12"857
8 - Alex Walker - JHR - 22"799
9 - Reema Juffali - Double R - 23"668
10 - Roberto Faria - Fortec - 25"208
11 - Mariano Martinez - Fortec - 26"157
12 - Louis Foster - Double R - 1'14"316

Giro più veloce: Sebastian Alvarez 1'14"463

Ritirati
16° giro - Bart Horsten

Sabato 17 agosto 2019, gara 2

1 - Josh Skelton - JHR - 16 giri 20'06"239
2 - Tommy Foster - Arden - 0"435
3 - Sebastian Alvarez - Double R - 3"327
4 - Luke Browning - Richardson - 5"708
5 - Zane Maloney - Carlin - 7"260 *
6 - Carter Williams - JHR - 14"095
7 - Roberto Faria - Fortec - 15"831
8 - Reema Juffali - Double R - 19"854
9 - Alex Walker - JHR - 21"432
10 - Mariano Martinez - Fortec - 47"527
11 - Alex Connor - Arden - 1'03"683

Giro più veloce: Louis Foster 1'14"38

Ritirati
9° giro - Louis Foster
8° giro - Bart Horsten

Domenica 18 agosto 2019, gara 3

1 - Carter Williams - JHR - 16 giri 20'05"579
2 - Josh Skelton - JHR - 0"342
3 - Louis Foster - Double R - 5"209
4 - Bart Horsten - Arden - 5"457
5 - Sebastian Alvarez - Double R - 5"758
6 - Zane Maloney - Carlin - 8"653
7 - Tommy Foster - Arden - 12"324
8 - Alex Connor - Arden - 16"767
9 - Luke Browning - Richardson - 18"391
10 - Roberto Faria - Fortec - 21"612
11 - Mariano Martinez - Fortec - 22"170
12 - Reema Juffali - Double R - 38"075
13 - Alex Walker - JHR - 59"784

Giro più veloce: Sebastian Alvarez 1'14"241

Il campionato
1.Maloney 310 punti; 2.Alvarez 273; 3.L.Foster 237; 4.Skelton 230,5; 5.Horsten 198,5; 6.T.Foster 165; 7.Browning 160,5; 8.Williams 157; 9.Turney 111; 10.Connor 100

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone