formula 1

È sempre Red Bull, Ferrari benino
Delusione Mercedes e Aston Martin

Nel Gran Premio del Bahrain del 2023, si era registrata la doppietta Red Bull-Honda proprio come quest'anno. Il terzo cla...

Leggi »
World Endurance

Lusail – Gara: dominio Porsche
Tripletta in Hypercar, vittoria in LMGT3

Michele Montesano La stagione 2024 del FIA WEC è iniziata nel segno della Porsche. Sempre al vertice, fin dalle prime sessio...

Leggi »
formula 1

Sakhir - La cronaca
Verstappen trionfa su Perez e Sainz

Verstappen trionfa nel primo GP stagionale, doppietta Red Bull con Perez secondo. Sainz porta la Ferrari sul terzo gradino de...

Leggi »
FIA Formula 2

Sakhir – Gara 2
Doppietta del leader Maloney

Un weekend da incorniciare per Zane Maloney in Bahrain. Nella Feature Race della Formula 2, il barbadiano è riuscito a beffar...

Leggi »
FIA Formula 3

Sakhir - Gara 2
Dominio di Browning

Dominio di Luke Browning nella main race della Formula 3 a Sakhir. Il pilota inglese del team Hitech, già vincitore della gar...

Leggi »
formula 1

Sakhir - Qualifica
Verstappen gela tutti con la pole

E alla fine c'è sempre lui, anzi, ci sono sempre loro, là davanti. Max Verstappen e la Red Bull-Honda si sono presi la po...

Leggi »
19 Giu [12:09]

Budapest, gare: Mercedes al top
Oregon torna al successo in volata

Michele Montesano - Foto Speedy

Saltata la gara Endurance di Spa-Francorchamps, Fabian Schiller e Al Faisal Al Zubair sono tornati in azione sul tracciato dell’Hungaroring conquistando il loro secondo successo stagionale nel GT Open. La coppia Mercedes GetSpeed ha poi completato l’ottimo fine settimana ungherese conquistando il terzo podio nella seconda manche, andata alla Lamborghini Oregon di Maximilian Paul e Pierre Louis Chovet in un finale rocambolesco. Ma a comandare la classifica generale, seppur con soli tre punti di margine, è ancora l’equipaggio McLaren Optimum Motorsport composto da Samuel De Hann e Charlie Fagg.



L’avvio di gara 1 ha visto l’allungo da parte di Martin Kodrić. Scattato dalla pole, il portacolori del Bonaldi Motorsport è stato bravo a gestire anche il restart a seguito dell’uscita di pista della Ferrari 296 GT3 di Frederic Jousset. Kodrić ha quindi tenuto a bada Karol Basz, poi scivolato a centro gruppo per noie meccaniche riscontrate sulla Mercedes AMG, e l’alfiere dell’Oregon Paul. Mentre ad animare la prima frazione di gara è stato il duello per il quinto posto tra Eddie Cheever e Al Zubair.

La sosta ai box obbligatoria ha però rivoluzionato la classifica. Rilevato il volante da Paul, Chovet si è ritrovato in prima posizione. Messo sotto investigazione per un’irregolarità al pit-stop, il francese dell’Oregon ha provato ad allungare su Diego Menchaca, a sua volta penalizzato di 18” per non aver rispettato il tempo handicap in fase di cambio pilota con Marcos Siebert. Così ad uscire sulla distanza è stato Schiller (nella foto sopra) che dapprima si è sbarazzato di Marco Pulcini per poi guadagnare il comando sorpassando Menchaca e Chovet.

Secondo posto per l’Audi di Stefan Reicher e Christopher Haase, quest’ultimo autore di una spettacolare rimonta nel suo stint. Ricevuta la penalità di 5” per eccesso di track limits, Paul e Chovet si sono dovuti accontentare della terza piazza davanti la McLaren di De Hann e Fagg. Settimo posto assoluto e vittoria di classe ProAm per Cheever-Pulcini. Al loro secondo successo stagionale, l’equipaggio Ferrari AF Corse ha chiuso davanti alla Mercedes di Steve Jans e Axel Blom. Dominio in classe Am per Heiko Neumann e Timo Rumpfkeil, la coppia del Motopark Mercedes ha battuto l’alfiere Lamborghini Giuseppe Cipriani.



La seconda manche si è invece decisa nell’ultimo giro in un finale thrilling. Un problema tecnico, riscontrato sull’Audi R8, ha tolto fuori dai giochi il poleman Haase. A ereditare la leadership è stato così Schiller. Ma il portacolori della Mercedes Motopark è stato poi beffato dall’overcut messo a segno dal box dell’Optimum Motorsport che, dopo l’ottimo primo stint di Fagg, ha rispedito al comando della gara De Hann. L’inglese ha provato ad allungare sui rivali ma, nel corso degli ultimi minuti, si è visto sempre più ridurre il suo margine.

Approfittando della bagarre tra De Hann e Nicola Marinangeli, Paul si è riportato a ridosso dei primi seguito a ruota da Siebert. L’epilogo è giunto a poche curve dalla bandiera a scacchi quando Marinangeli ha rotto gli indugi provando una manovra decisa nei confronti di De Hann. Il portacolori dell’AF Corse, dopo aver ‘accompagnato’ fuori pista la McLaren, ha cecato di allungare su Paul. Tuttavia il tedesco non si è fatto cogliere impreparato riuscendo a sorpassare la Ferrari 488 GT3 in volata sul traguardo (nella foto sopra). Paul e Chovet hanno quindi regalato il primo successo del 2023 all’Oregon Team, mentre Marinangeli è stato penalizzato di 5” per la manovra sopra le righe dell’ultimo giro scivolando al quinto posto.

A ereditare il podio sono stati così i due equipaggi Mercedes, nell’ordine Menchaca-Siebert e Al Zubair-Schiller. La McLaren di De Haan-Fagg ha chiuso invece in quarta piazza. Prima vittoria stagionale in ProAm, e ottavo posto assoluto, per i campioni in carica Basz-Jedlinski seguiti dalla Ferrari 296 GT3 di Jousset e David Fumanelli, quest’ultimo ancora una volta decisivo sia in qualifica, sua la pole di classe, che in gara. Successo in Am per Giuseppe Cipriani. Nonostante la penalità di 5” per aver oltrepassato i track limits, il portacolori del Barane Rampante ha portato la sua Lamborghini Huracan davanti la Mercedes AMG di Kiki San Nana e Adam Osieka.

Sabato 17 giugno 2023, gara 1

1 - Al Zubair/Schiller (Mercedes AMG) - GetSpeed - 39 giri 1h11'33"706
2 - Reicher/Haase (Audi R8) - Eastalent - 5.810
3 - Chovet/Paul (Lamborghini Huracán) - Oregon - 10.442 *
4 - De Haan/Fagg (McLaren 720S) - Optimum - 20.554
5 - Menchaca/Siebert (Mercedes AMG) - Motopark - 26.108 **
6 - Marinangeli/Agostini (Ferrari 488) - AF Corse - 26.485
7 - Pulcini/Cheever (Ferrari 488) - AF Corse - 34.714
8 - Blom/Jans (Mercedes AMG) - GetSpeed - 34.938
9 - Kodrić/Lewandowski (Lamborghini Huracán) - Bonaldi - 38.945
10 - Neumann/Rumpfkeil (Mercedes AMG) - Motopark - 41.153
11 - Kwanda/Engstler (Audi R8) - Engstler - 43.917
12 - Perolini/Arrow (Lamborghini Huracán) - Oregon - 44.939 *
13 - Barr/Pitamber (Mercedes AMG) - SPS - 49.008
14 - Jedlinski/Basz (Mercedes AMG) - Olimp - 51.428 *
15 - Rosi/Schirò (Ferrari 296) - Kessel - 54.746
16 - Kolb/Lietz (Porsche 911) - Lionspeed - 54.947
17 - Giuseppe Cipriani (Lamborghini Huracán) - Barone Rampante - 1:00.687
18 - Pavlović/Javanil (Lamborghini Huracán) - Bonaldi - 1:03.606
19 - Müller/Mettler (Mercedes AMG) - CBRX by SPS - 1:09.205 *
20 - Nana/Osieka (Mercedes AMG) - GetSpeed - 1:09.763
21 - Saada/Grunewald (Ferrari 488) - AF Corse - 1:12.847
22 - Jackson/Jefferies (Ferrari 296) - racing one - 1:15.527
23 - Forgione/Montermini (Ferrari 488) - AF Corse - 1:41.739
24 - De Meeus/Stanley (Ferrari 488) - AF Corse - 1 giro
25 - Kirchmayr/Baron (Ferrari 488) - Baron - 1 giro *
26 - S.Proctor/L.Proctor (McLaren 720S) - Greystone - 1 giro
27 - Cozzi/Sernagiotto (Ferrari 488) - AF Corse - 1 giro
28 - Aust/Schell (Ferrari 488) - racing one - 1 giro
29 - Jedlinski/Korzeniowski (Ferrari 488) - Olimp - 1 giro
30 - Jousset/Fumanelli (Ferrari 296) - Kessel - 1 giro
31 - Letlaka/Bachmann (Aston Martin Vantage) - Street Art - 2 giri

* Penalità di 5" per abuso di track limits
** Penalità 18" per non aver scontato il tempo handicap durante la sosta

Ritirati
Libor Milota (Mercedes AMG) - Mirage

Domenica 18 giugno 2023, gara 2

1 - Chovet/Paul (Lamborghini Huracán) - Oregon - 34 giri - 1h01'19"098
2 - Menchaca/Siebert (Mercedes AMG) - Motopark - 0"682
3 - Al Zubair/Schiller (Mercedes AMG) - GetSpeed - 1"055
4 - De Haan/Fagg (McLaren 720S) - Optimum - 2"006
5 - Marinangeli/Agostini (Ferrari 488) - AF Corse - 5"287 *
6 - Barr/Pitamber (Mercedes AMG) - SPS - 19"513
7 - Kwanda/Engstler (Audi R8) - Engstler - 23"047
8 - Jedlinski/Basz (Mercedes AMG) - Olimp - 32"822
9 - Jousset/Fumanelli (Ferrari 296) - Kessel - 33"583
10 - Kolb/Lietz (Porsche 911) - Lionspeed - 34"487
11 - Müller/Mettler (Mercedes AMG) - CBRX by SPS - 37"683
12 - Rosi/Schirò (Ferrari 296) - Kessel - 40"016 **
13 - Perolini/Arrow (Lamborghini Huracán) - Oregon - 42"464
14 - Kodrić/Lewandowski (Lamborghini Huracán) - Bonaldi - 43"289
15 - Pulcini/Cheever (Ferrari 488) - AF Corse - 45"692
16 - Blom/Jans (Mercedes AMG) - GetSpeed - 49"349
17 - Giuseppe Cipriani (Lamborghini Huracán) - Barone Rampante - 54"032 **
18 - Nana/Osieka (Mercedes AMG) - GetSpeed - 58"265
19 - Jackson/Jefferies (Ferrari 296) - racing one - 1'01"442 ***
20 - Kirchmayr/Baron (Ferrari 488) - Baron - 1'11"916
21 - Saada/Grunewald (Ferrari 488) - AF Corse - 1'14"335
22 - Libor Milota (Mercedes AMG) - Mirage - 1'23"769 **
23 - Pavlović/Javanil (Lamborghini Huracán) - Bonaldi - 1'25"516
24 - Cozzi/Sernagiotto (Ferrari 488) - AF Corse - 1'25"602 **
25 - S.Proctor/L.Proctor (McLaren 720S) - Greystone - 1'27"652 **
26 - Neumann/Rumpfkeil (Mercedes AMG) - Motopark - 1'30"179
27 - De Meeus/Stanley (Ferrari 488) - AF Corse - 1'33"397
28 - Forgione/Montermini (Ferrari 488) - AF Corse - 1'39"530 **
29 - Aust/Schell (Ferrari 488) - racing one - 1 giro
30 - Letlaka/Bachmann (Aston Martin Vantage) - Street Art - 2 giri

* Penalità di 5" per aver causato una collisione
** Penalità di 5" per abuso di track limits
*** Penalità di 10" per non aver scontato correttamente la sosta con tempo handicap

Ritirati
Jedlinski/Korzeniowski (Ferrari 488) - Olimp
Reicher/Haase (Audi R8) - Eastalent

Il campionato
1.De Haan/Fagg 66 punti; 2.Menchaca/Siebert 63; 3.Reicher/Haase 54; 4.Al Zubair/Schiller 52; 5.Chovet/Paul 33; 6.Marinangeli/Agostini 31; 7.Cairoli/Au 16; 8.Pitamber/Barr 15; 9.Kodrić 12; 10.Mur.