formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
formula 1

Mercedes lancia un assist al gruppo
Volkswagen: "Eliminare la MGU-H"

Come fare per coinvolgere in F1 un maggior numero di motoristi e che magari travolti dall'entusiasmo decidano di entrare ...

Leggi »
indycar

Laguna Seca - Gara
Herta non sbaglia, Palou vede il titolo

Colton Herta si è preso la rivincita per il difficile finale di Nashville nella "sua" Laguna Seca. Il californiano ...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 3
Øgaard firma la doppietta

1 - Sebastian Øgaard - Campos - 16 giri2 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 0”2363 - Filip Jenic - Teo Martin - 2”2094...

Leggi »
dtm

Assen - Gara 2
Vince Auer, Lawson secondo

Lucas Auer festeggia la sua prima vittoria stagionale nel DTM: l'austriaco ha fatto sua gara 2 ad Assen dopo essere parti...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 2
Macia penalizzato, primo Van’t Hoff

È stata una corsa davvero bella e combattuta quella che ha aperto la seconda giornata di gare dell’appuntamento di Valencia d...

Leggi »
16 Giu [8:18]

Cedimenti gomme Pirelli a Baku:
ecco le cause e controlli più severi

Jacopo Rubino - XPB Images

È arrivato l'esito delle analisi Pirelli sui cedimenti dei pneumatici posteriori sinistri di Max Verstappen e Lance Stroll al Gran Premio dell'Azerbaijan di Formula 1: l'azieda italiana ha ufficialmente affermato come i problemi siano riconducibili "alle condizioni di utilizzo degli stessi", facendo intendere che Red Bull e Aston Martin possano aver agito su pressioni e temperature in modo rischioso.

"In entrambi i casi, i pneumatici mostrano una rottura circonferenziale sul fianco interno, fenomeno che può essere riconducibile alle condizioni di utilizzo degli stessi", si legge più dettagliatamente nel comunicato ufficiale, "nonostante siano stati rispettati i parametri di partenza prescritti su pressioni minime e temperatura massima delle termocoperte".

Questo perché nel regolamento F1 c'è (o c'era) una zona grigia: i team devono attenersi a una pressione minima quando le coperture vengono montate sulle auto, ma non ci sono più controlli una volta che si scende in pista. Da lì squadre possono quindi trovare un modo per far scendere i valori di gonfiaggio in base alle proprie esigenze d'assetto, aumentando tuttavia le sollecitazioni sulle gomme.

Viene confermata l'ipotesi emersa in anticipo qualche giorno fa, legata appunto alle pressioni, mentre è stata esclusa la variabile detriti tenuta inizialmente in considerazione. "Le verifiche non hanno evidenziato, su nessun pneumatico, alcun difetto di produzione o qualità, né segni di affaticamento o delaminazione", ha inoltre sottolineato Pirelli dopo gli studi effettuati nel quartier generale di Milano.

Messa più o meno velatamente sul banco degli imputati, la Red Bull ha prontamente risposto con un'altra nota, in cui si ribadisce: "Abbiamo sempre aderito ai parametri Pirelli e continueremo a seguire le loro indicazioni".

Per scongiurare altri episodi simili, comunque, i controlli sulle pressioni dei pneumatici diventano subito più severi, con una direttiva tecnica consegnata dalla FIA a tutte le scuderie che sarà valida già dal Gran Premio di Francia di questo weekend. I pneumatici verranno esaminati anche dopo il loro impiego: per prove libere e qualifiche la procedura avverrà a campione, per la gara si analizzerà ogni treno, per essere certi che le pressioni siano state mantenute entro i parametri stabiliti. Ovviamente saranno vietate operazioni di ri-gonfiaggio, e in caso di numeri fuori limite o di violazioni delle linee guida potrà scattare una segnalazione ai commissari.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone