Rally

Rally di Montecarlo – 2° giorno mattino
Loeb al comando, paura per Fourmaux

Michele Montesano È sempre più Sebastien Loeb il dominatore del Rally di Montecarlo. Il nove volte iridato ha sempre più ne...

Leggi »
Regional Asia

Yas Marina - Qualifica 1
Minì velocissimo, Montoya sorprende

Due sessioni di qualifiche movimentate e divertenti hanno dato il via alla stagione 2022 della Formula Regional Asia, ch...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – 1° giorno
Ogier vola, Loeb lo marca a vista

Michele Montesano La novantesima edizione del Rally di Montecarlo ha aperto ufficialmente una nuova era del WRC, quella del...

Leggi »
formula 1

L'Alpine turbolenta,
fra uscite e tensioni

Via Ciryl Abiteboul, che era team principal, via Remi Taffin, capo del reparto motori, via Marcin Budkwoski, nel 2021 diretto...

Leggi »
Rally

Rally di Montecarlo – Shakedown
Ogier - Loeb è subito duello

Michele Montesano Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno del debutto per le nuove Rally1. Come da tradizione è stato ...

Leggi »
formula 1

Gare sprint 2022 a rischio?
Manca l'intesa con tutti i team

Le gare sprint del sabato, nuovo pallino di Formula 1, quest'anno dovrebbero aumentare a 6. Dovrebbero, appunto, perché i...

Leggi »
30 Ago [17:02]

Hamilton infinito, Renault che gara
Nessuna reazione dal team Ferrari

Massimo Costa - XPB Images

Lewis Hamilton è lanciatissimo nel conquistare tutti i record possibili immaginabili nel Mondiale F1. E ci riuscirà. Gli manca poco. A Spa, non c'è stata storia. L'unico timore poteva essere rappresentato dalla prima staccata alla Source dopo il via, ma l'inglese è partito bene ed ha difeso la posizione. Per Valtteri Bottas, non c'è stato niente da fare, così come per Max Verstappen che poteva giocarsi le sue residue possibilità nel corso del 1° giro. Superato questo unico ostacolo, Hamilton ha fatto gara a sè, con Bottas che non si è mai avvicinato a lui e nel finale ha pure avuto la gamba sinistra colpita da qualche formicolio, probabilmente causato da un problema alla schiena. Gara perfetta per la Mercedes che ha raccolto l'ennesima doppietta, controllando ogni fase dei 44 giri disputati.

Verstappen ha ottenuto il meglio dalla sua Red Bull-Honda, sempre pronto a cogliere qualche occasione, qualche problema delle due Mercedes. L'olandese mantiene il secondo posto nella classifica generale piloti e questo per lui è molto importante. Piuttosto, anche in Belgio il problema Alexander Albon (sesto al traguardo) è parso evidente. Ha concluso a 28" dal compagno di squadra, ha 48 punti contro i 110 di Verstappen: diciamo che in casa Red Bull ci sono stati piloti che hanno perso il posto per molto meno.

Domenica trionfale per la Renault che ha dato seguito alla buona qualifica firmando un gran quarto posto con Daniel Ricciardo, autore di una prestazione di alta qualità, e il quinto con Esteban Ocon, bravo nel superare Albon a pochi chilometri dal traguardo. Dimenticato in fretta il brutto weekend di Montmelò, la Renault è tornata nelle posizioni che contano accumulando 23 punti. Settima posizione per Lando Norris con l'unica McLaren-Renault in pista. Gara positiva per l'inglese, meno per il team di Zak Brown che non ha visto partire la vettura di Carlos Sainz per un problema della power unit Renault. Ancora una bella corsa per Pierre Gasly e per l'Alpha Tauri, ottavo con grinta. Il francese ha superato nel finale le due Racing Point-Mercedes di Lance Stroll (nono) e Sergio Perez (decimo). A inizio gara ha compiuto uno strepitoso sorpasso a Perez nella discesa che porta all'Eau Rouge, decisamente la mossa della settimana.

Fuori dai punti Daniil Kvyat con la seconda Alpha Tauri-Honda, undicesimo, va sottolineata la prova gagliarda di Kimi Raikkonen, dodicesimo con l'Alfa Romeo-Ferrari. Il finlandese a Spa si trova sempre a meraviglia. Male Antonio Giovinazzi, finito contro le barriere per un suo errore e coinvolgendo nell'incidente l'incolpevole George Russell, investito da una ruota staccatasi dall'Alfa Romeo.

Le Ferrari hanno concluso nelle stesse posizioni della qualifica, ma con Sebastian Vettel davanti, tredicesimo. Charles Leclerc ha dovuto fare un pit-stop in più per immettere aria nel sistema idraulico. Il monegasco nei primi giri, grazie alle gomme soft, era risalito ottavo, poi rapidamente ha iniziato a perdere terreno. Tra sabato e domenica, nessun miglioramento e non poteva essere diversamente. A fine gara, il team principal Mattia Binotto ha detto: "E' sbagliato parlare di crisi, siamo in mezzo a una tempesta e ne usciremo". Qualcuno dovrebbe spiegare a Binotto che dalle crisi si esce, dalle tempeste si può anche affondare...

Domenica 30 agosto 2020, gara

1 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 44 giri
2 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 8"448
3 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 15"455
4 - Daniel Ricciardo (Renault) - 18"877
5 - Esteban Ocon (Renault) - 40"650
6 - Alexander Albon (Red Bull-Honda) - 42"712
7 - Lando Norris (McLaren-Renault) - 43"774
8 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 47"371
9 - Lance Stroll (Racing Point-Mercedes) - 52"603
10 - Sergio Perez (Racing Point-Mercedes) - 53"179
11 - Daniil Kvyat (Alpha Tauri-Honda) - 1'10"200
12 - Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1'11"504
13 - Sebastian Vettel (Ferrari) - 1'12"894
14 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'14"920
15 - Romain Grosjean (Haas-Ferrari) - 1'16"793
16 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1'17"795
17 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'25"540

Ritirati
Antonio Giovinazzi
George Russell

Non partito
Carlos Sainz

Il campionato piloti
1.Hamilton 157; 2.Verstappen 110; 3.Bottas 107; 4.Albon 48; 5.Leclerc, Norris 45; 7.Stroll 42; 8.Ricciardo, Perez 33; 10.Ocon 26; 11.Sainz 23; 12.Gasly 18; 13.Vettel 16; 14.Hulkenberg 6; 15.Giovinazzi, Kvyat 2; 17. Magnussen 1.

Il campionato costruttori
1.Mercedes 264; 2.Red Bull-Honda 158; 3.McLaren-Renault 68; 4.Racing Point-Mercedes 66; 5.Ferrari 61; 6.Renault 59; 7.Alpha Tauri-Honda 20; 8.Alfa Romeo-Ferrari 2; 9.Haas-Ferrari 1.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone