formula 1

La F1 piange Tambay, da
tempo malato di Parkinson

Se ne è andato, in silenzio, Patrick Tambay. Da tempo il 73enne pilota francese nato il 25 giugno 1949 a Parigi, soffriva di ...

Leggi »
World Endurance

Villeneuve ha provato la Vanwall LMH
a Montmelò, obiettivo Le Mans 2023?

Michele Montesano La voglia di rimettersi costantemente in discussione non è mai mancata a Jacques Villeneuve. Dopo aver vi...

Leggi »
FIA Formula 3

Fornaroli nuovo pilota Trident
Nel 2022 miglior rookie Alpine

Leonardo Fornaroli è il secondo pilota italiano dopo Gabriele Minì che parteciperà al campionato di F3. Il 18enne piacentino ...

Leggi »
formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
15 Lug [17:07]

La Dallara si prepara al futuro della Indycar

Siglato il contratto che lega la Dallara, dal 2012 al 2015, al campionato Indycar, a nella sede del costruttore parmense si inizia a pensare al futuro. Gli standard di sicurezza terranno conto sia dell’esperienza accumulata in questi anni nella categoria, sia dello stato dell’arte dei regolamenti di altri campionati. La macchina sarà presentata alla 500 miglia di Indianapolis del 2011 e sarà consegnata a tutte le squadre interessate entro dicembre 2011. Come noto, la Indycar è l’unico campionato automobilistico al mondo che comprende sia gare su circuiti stradali e cittadini (tipo F.1) sia gare su circuiti ovali.

La diversità delle configurazioni dei circuiti, coniugata alla forte pressione sulla riduzione dei costi, obbligherà gli ingegneri ad un notevole sforzo nel progettare e prevedere per molti componenti un impiego multiplo ed un veloce e preciso adattamento alle piste. Il nuovo regolamento sportivo prevederà la possibilità di personalizzare, ad un costo predefinito e contenuto, la carrozzeria da parte di team, sponsors, costruttori automotive, motoristi e società di ingegneria. Previste significative riduzioni del prezzo, del peso e di consumo di carburante, in linea con le politiche mondiali di “fuel efficiency”, molto rilevanti per l’industria automobilistica.

Allo scopo di innescare lo sviluppo di un nuovo distretto industriale legato all’economia dello Stato dell’Indiana, la Dallara stabilirà una propria base di fronte allo storico circuito dello Speedway. In questo nuovo stabilimento, la casa automobilistica parmense realizzerà le nuove vetture Indycar, gestirà servizi tecnici e commerciali e svilupperà un centro di ingegneria all’avanguardia abbinato ad un simulatore di ultima generazione, in cui piloti ed ingegneri potranno provare la nuova Indycar prima che venga costruita. Inoltre la Dallara vuole rafforzare i suoi rapporti con gli enti universitari locali senza dimenticare di coinvolgere sempre di più i tanti fans ed appassionati nei suoi futuri successi.

La Dallara ha vinto il campionato Indy per undici volte e la storica 500 miglia per dieci. A San Paolo in Brasile ha raggiunto la sua 150° vittoria. Secondo Andrea Toso, responsabile in Dallara per le vetture Indycar: “Per la nostra azienda è un eccezionale riconoscimento ricevere, al termine di un processo meticoloso e scrupoloso, l’incarico per produrre negli Stati Uniti la nuova Indycar. Abbiamo ora la responsabilità di raccogliere questa sfida e realizzare ad Indianapolis un centro di progettazione, ricerca e produzione d’avanguardia, ed una vettura che sintetizzi le conoscenze e le esperienze accumulate fino ad ora”.

A conclusione, grande la soddisfazione dell’ing. Giampaolo Dallara: “La scelta fatta dal comitato ICONIC di indicare la Dallara come fornitore dei telai per la prossima generazione di Indycar mi riempie di orgoglio. Sento forte l’impegno per realizzare un prodotto all’altezza delle aspettative e che rafforzi la nostra immagine di costruttori di vetture veloci e sicure”.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone