dtm

Spielberg - Gara 1
Domina Cassidy, Bortolotti terzo

Campionato completamente riaperto. Come avevamo sottolineato dopo la qualifica 1, la pessima prestazione della BMW Schubert d...

Leggi »
World Endurance

Prove di futuro a Portimão per Ferrari
Tre giorni di test per LMH e 296 GT3

Michele Montesano Dopo il test di agosto, svoltosi sull’Autodromo di Imola, la Ferrari aveva fatto sparire le tracce d...

Leggi »
GT World Challenge

Rivisti gli equipaggi Iron Lynx
per l’ultimo atto di Barcellona

Michele Montesano Il team Iron Lynx affronterà l’ultima gara del Fanatec GT World Challenge Europe Endurance Cup con le for...

Leggi »
formula 1

Che Aston Martin troverà Alonso?
Molto più forte, assicura il dt Fallows

La domanda, in fondo, viene spontanea. Al di là di un contratto più vantaggioso, per stipendio e durata, Fernando Alonso ha f...

Leggi »
formula 1

La Williams non conferma Latifi
De Vries in pole per il sedile

Tre anni di Formula 1 possono bastare. Nicholas Latifi a fine anno non verrà riconfermato dalla Williams e considerando che g...

Leggi »
formula 1

Tsunoda ha ottenuto il rinnovo:
correrà anche nel 2023 in AlphaTauri

Yuki Tsunoda ha ottenuto la riconferma in AlphaTauri. Nel 2023 il pilota giapponese disputerà la sua terza campagna in Formul...

Leggi »
19 Giu [17:49]

Le Castellet - Gara 2
Leclerc-Hauger, doppietta Prema

Massimo Costa

Il format lanciato quest'anno per la F2 e la F3 non piace a molti degli addetti ai lavori, in quanto assolutamente poco meritocratico e alla fine di un weekend agonistico si fatica a comprendere quali siano stati i veri valori espressi dalla pista, ma è gradito da squadre, piloti, manager, genitori di chi guida le 30 monoposto al via perché può regalare momenti di gloria a chi difficilmente potrebbe viverli.

La seconda gara di Le Castellet, è stata la dimostrazione di come un pilota che per un errore in qualifica ha gettato al vento ogni possibilità di ben figurare risultando ultimo, può invece ribaltarla completamente. Arthur Leclerc è partito dalla piazzola del poleman grazie ad una strepitosa prima corsa che da 30esimo lo ha visto rimontare fino alla 12esima posizione, che è appunto quella che permette di passare dall'anonimato alla improvvisa ribalta.

Voglioso di rivincita e davanti agli occhi del fratello Charles, della famiglia e dello stato maggiore di Maranello, il monegasco del team Prema nonché del Ferrari Driver Academy, non ha sbagliato nulla in gara 2 tenendosi ben stretta la prima posizione dal primo metro alla bandiera a scacchi. Un dominio per Leclerc che a Montmelò, la prima prova stagionale, non aveva fatto meglio di un 13esimo posto nella terza gara.

Leclerc non ha mai permesso ai compagni di squadra Oliver Caldwell prima e Dennis Hauger poi, di avvicinarlo. L'inglese si era sbarazzato subito del norvegese, ma al 7° giro, l'ex campione italiano di F4 ha superato Caldwell salendo in seconda posizione. Caldwell ha poi perso il terzo gradino del podio quando il solito implacabile Victor Martins, già splendido in gara 1, da 11esimo al via ha compiuto l'ennesima rimonta completata al penultimo passaggio. Ancora un podio quindi per Martins, pupillo dei francesi e del programma Junior Alpine Renault, che incredibilmente a fine 2019 lo aveva bocciato, salvo poi ripescarlo 12 mesi dopo.

Hauger con un tutto sommato tranquillo secondo posto, mantiene il comando della classifica generale che, però, condivide con Martins, il quale ha recuperato 2 punti per il giro più veloce. Entrambi sono a quota 48, terzo è Caldwell con 41, poi l'ottimo Clement Novalak che ha portato a casa un positivo sesto posto alle spalle del compagno di squadra in Trident Jack Doohan. I due piloti del team diretto da Giacomo Ricci hanno condotto bene le prime due corse e puntano ai punti pesanti nella main race, quella che si basa sulla qualifica che li ha visti sesto e quarto.

Alexander Smolyar, brillante vincitore di gara 1 per il team ART, si è fermato al settimo posto mentre Calan Williams (Jenzer), terzo stamane, è giunto ottavo. Ancora una buona prova per Lorenzo Colombo, 15esimo (poi 20esimo per una penalità), mentre Matteo Nannini è risalito forte dalla 22esima posizione di partenza concludendo 13esimo. Grande delusione per Jak Crawford: 11esimo in gara 1, si è trovato in prima fila, ma ha stallato rovinando tutto. L'americano Junior Red Bull ha poi visto l'arrivo in 14esima posizione. Male anche l'altro Junior Red Bull, Jonny Edgar, disperso. A risollevare il morale ad Helmut Marko ci ha pensato nuovamente Ayumu Iwasa, nono.

Sabato 19 giugno 2021, gara 2

1 - Arthur Leclerc - Prema - 20 giri 37'46"891
2 - Dennis Hauger - Prema - 4"281
3 - Victor Martins - MP Motorsport - 8"044
4 - Oliver Caldwell - Prema - 9"383
5 - Jack Doohan - Trident - 10"067
6 - Clement Novalak - Trident - 12"757
7 - Alexander Smolyar - ART - 18"042
8 - Calan Williams - Jenzer - 20"664
9 - Ayumu Iwasa - Hitech - 22"190
10 - Frederik Vesti - ART - 24"930
11 - David Schumacher - Trident - 25"360
12 - Logan Sargeant - Charouz - 25"888
13 - Matteo Nannini - HWA Racelab - 25"934
14 - Jak Crawford - Hitech - 26"375
15 - Pierre-Louis Chovet - Campos - 30"986
16 - Juan Manuel Correa - ART - 31"484
17 - Enzo Fittipaldi - Charouz - 31"516
18 - Tijmen Van der Helm - MP Motorsport - 33"611
19 - Roman Stanek - Hitech - 34"162
20 - Lorenzo Colombo - Campos - 35"605 **
21 - Oliver Rasmussen - HWA Racelab - 36"908
22 - Kaylen Frederick - Carlin - 38"307
23 - Jonny Edgar - Carlin - 42"114
24 - Amaury Cordeel - Campos - 46"254
25 - Reshad De Gerus - Charouz - 52"030
26 - Jonathan Hoggard - Jenzer - 56"171
27 - Rafael Villagomez - HWA Racelab - 58"577
28 - Filip Ugran - Jenzer - 1'02"562

** 5" di penalità

Ritirati
Ido Cohen
Caio Collet

Il campionato
1.Hauger, Martins 48; 3.Caldwell 41; 4.Novalak 39; 5.Smolyar 36; 6.Doohan 33; 7.Vesti 25; 8.Collet 20; 9.Sargeant 18; 10.Nannini 16; 11.Leclerc 15; 12.Williams 13; 13.Edgar 11; 14.Iwasa 9; 15.Correa 6; 16.Crawford 2; 17.Stanek 1.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone