indycar

Bandiera rossa a Detroit
Brutto incidente per Felix Rosenqvist

Brutto incidente per Felix Rosenqvist nella prima gara del weekend IndyCar di Detroit. Il pilota svedese è finito dritto nell...

Leggi »
World Endurance

Portimao - Qualifica
Alpine pole da usato garantito

Michele Montesano A dispetto del nuovo corso delle HyperCar, voluto da Aco e WEC, a siglare la pole position a Portimão è st...

Leggi »
formula 1

Gli incidenti di Baku: sotto accusa
le pressioni adottate in gara dai team

Sono trascorsi sette giorni dal Gran Premio di Baku e ancora non si conoscono le cause precise che hanno determinato il cedim...

Leggi »
formula 1

La Haas non è più ultima,
ma la lotta interna si scalda

Anche un 13esimo posto può valere moltissimo. Quello ottenuto da Mick Schumacher nella caotica domenica a Baku, per esempio, ...

Leggi »
Rally

Mossa a sorpresa McLaren:
dal 2022 entra in Extreme E

Sorpresa: la McLaren aprirà una nuova pagina della sua lunga storia sportiva debuttando nelle gare off-road. Quali? Quelle de...

Leggi »
IMSA

BMW conferma il programma LMDh
per il 2023 e con obiettivo Le Mans

Il nuovo direttore di BMW M Markus Flasch ha confermato che la marca bavarese realizzerà un programma LMDh per il 2023. Senza...

Leggi »
14 Set [10:55]

Ningbo - Gara 1
Muller vince, Giulietta seconda

Michele Montesano

Vittoria sudata di Yvan Muller sul circuito di Ningbo nella prima gara WTCR. Per il francese è il primo successo stagionale nel WTCR ed ha portato al trionfo la Lynk & Co. in patria. Nulla ha potuto Ma Qinghua che, con la sua Giulietta By Romeo Ferraris, ci ha provato per tutta la gara a mettere in difficoltà Muller, ma si è dovuto accontentare della piazza d’onore. Ottimo terzo posto per il rookie Mikel Azcona che ha rintuzzato fino all’ultimo gli attacchi di Norbert Michelisz.

Al pronti via, Muller ha avuto una leggera esitazione e Ma ha cercato immediatamente di approfittarne. Il cinese, arrivato lungo nella frenata, ha poi dovuto guardarsi alle spalle da un arrembante Azcona che ha provato ad infilarlo. Buono lo scatto anche delle Hyundai di Michelisz e Nicky Catsburg con l’olandese che ha bruciato il suo team mate Augusto Farfus. Al termine del primo passaggio, Gabriele Tarquini è tornato mestamente ai box con un problema sul posteriore della sua i30 N. I meccanici del team BRC hanno provato a rispedire la vettura in pista anche se il distacco dal gruppo era già incolmabile. Stessa sorte per Daniel Haglöf con la sua Cupra pesantemente danneggiata all’anteriore.

La gara è proseguita senza colpi di scena nelle prime posizioni, mente nelle retrovie Kevin Ceccon ha dato spettacolo risalendo dalla ventiduesima fino alla diciassettesima posizione. È stato un vero peccato per l’italiano non trovarsi nella lotta al vertice, considerando il livello di performance mostrato dalla vettura di Ferraris in questa prima parte del weekend. A cinque giri dal termine il box Lynk & Co. ha chiesto ad Andy Priaulx di lasciare spazio ai suoi compagni di scuderia Thed Björk e Yann Ehrlacher più avanti in classifica, anche se questo ha significato regalare l’undicesimo posto a Frederic Vervisch.

Nelle fasi finali, Muller ha dovuto dare sfoggio a tutta la sua esperienza per tenere dietro Ma e sopperire all’usura degli pneumatici anteriori della sua vettura. L’esperto francese c’è riuscito ed ha così conquistato la sua prima vittoria stagionale, consegnando alla Lynk & Co. il successo casalingo. Da sottolineare la strenua resistenza di Azcona agli attacchi di Michelisz, con l’ungherese che si è accontentato del quarto posto soprattutto in ottica campionato. Quinta posizione per l’altra Hyundai di Catsburg, seguito da Aurelien Panis e Farfus. Ottavo posto per Johan Kristoffersson, migliore dei piloti Volkswagen, nono il portacolori Audi Niels Langeveld.

Gara da dimenticare per il leader di campionato Esteban Guerrieri: nella sua Honda in griglia di partenza si è azionato l’estintore all’interno dell’abitacolo. L’argentino ha preso il via dalla pit-lane e, dopo una gara difficile, è arrivato solamente diciannovesimo. Poco meglio ha fatto il suo team mate Nestor Girolami che, con il suo quindicesimo posto, ha conquistato un punto.

Sabato 14 settembre 2019, gara 1

1 - Yvan Muller (Lynk & co) - Cyan - 13 giri
2 - Ma Qinghua (Alfa Romeo) - Mulsanne - 0"263
3 - Mikel Azcona (Cupra) - PWR - 2"444
4 - Norbert Michelisz (Hyundai) - BRC - 2"843
5 - Nicky Catsburg (Hyundai) - BRC - 3"092
6 - Aurélien Panis (Cupra) - Comtoyou - 3"603
7 - Augusto Farfus (Hyundai) - BRC- 9"028
8 - Johan Kristoffersson (Vw) - Loeb - 11"440
9 - Niels Langeveld (Audi) - Comtoyou - 12"526
10 - Rob Huff (Vw) - Loeb - 13"903
11 - Frederic Vervish (Audi) - Comtoyou - 15"440
12 - Thed Björk (Lynk & co) - Cyan - 18"021
13 - Yann Ehrlacher (Lynk & co) - Cyan - 18"602
14 - Andy Priaulx (Lynk & co) - Cyan - 19"602
15 - Nestor Girolami (Honda) - Münnich - 20"069
16 - Jean-Karl Vernay (Audi) - WRT - 20"631
17 - Kevin Ceccon (Alfa Romeo) - Mulsanne - 21"118
18 - Benjamin Leuchter (Vw) - Loeb - 21"515
19 - Esteban Guerrieri (Honda) - Münnich - 23"224
20 - Mehdi Bennani (Vw) - Loeb - 26"212
21 - Tiago Monteiro (Honda) - KCMG - 26"576
22 - Gordon Shedden (Audi) - WRT - 28"614
23 - Attila Tassi (Honda) - KCMG - 29"585
24 - Tom Coronel (Cupra) - Comtoyou - 39"538

Giro veloce: Aurélien Panis 1'52"965

Ritirati
Gabriele Tarquini
Daniel Haglöf

Il campionato
1.Guerrieri 231; 2.Michelisz 222; 3.Azcona 188; 4. Bjork 185; 5.Muller 184; 6.Girolami 178; 7.Ehrlacher 151; 8.Vervish 141; 9.Ma 128; 10.Farfus 128.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone