Formula E

Le prime impressioni di Giovinazzi:
"In Formula E guida del tutto diversa"

Antonio Giovinazzi disputerà la sua prima gara in Formula E il 28 gennaio a Diriyah, fino a quel momento avrà guidato la mono...

Leggi »
formula 1

La F1 sul circuito di Jeddah,
cittadino con medie pazzesche

Una media sul giro prevista di 252,8 chilometri orari, seconda solo a Monza, a dispetto di ben 27 curve. 6175 metri di lunghe...

Leggi »
Formula E

Test a Valencia - 2° giorno
Mercedes al comando con Vandoorne

Due Mercedes davanti a tutti. Quella ufficiale di Stoffel Vandoorne, e quella della scuderia clienti Venturi con Edoardo Mort...

Leggi »
Formula E

Come sarà la monoposto Gen3?
Foto anteprima dalla Formula E

Le immagini diffuse al pubblico restano volutamente misteriose, ma squadre, piloti e alcuni partner selezionati hanno già sco...

Leggi »
Formula E

Test a Valencia - 1° giorno
Frijns al top, poi la "qualifica"

1 - Sam Bird (Jaguar) - Jaguar - 1'27"169 - 37 giri2 - Lucas Di Grassi (Mercedes) - Venturi - 1'27"270 - 28...

Leggi »
formula 1

Verstappen gioca il primo match point,
ma qual è lo stato di forma contro Hamilton?

È una vigilia particolare per Max Verstappen, quella che conduce verso Jeddah. Il primo Gran Premio d'Arabia Saudita sarà...

Leggi »
31 Lug [12:20]

Spa, gara 2
Azcona vince e allunga

Michele Montesano

È sempre più l’uomo da battere a Spa Francorchamps: Mikel Azcona ha conquistato il bis nel weekend belga della TCR Europe. Così come la scorsa stagione, in cui lo spagnolo era presente in veste di wild card, anche quest’anno il pilota Cupra ha monopolizzato il gradino più alto del podio. Anche in condizioni di aderenza precarie, con asfalto a tratti umido e in alcune zone asciutto, Azcona ha letteralmente annichilito gli avversari allungando in graduatoria generale. Spiraglio di sole per Mat’o Homola che, dopo una prima parte di stagione tribolata, è riuscito a conquistare il secondo posto nelle ultime battute ai danni di un volitivo Teddy Clairet.

L’avvio di gara 2 è avvenuto sotto il regime di safety car, dopo che la pioggia si è abbattuta sul circuito pochi istanti prima del semaforo verde. La direzione ha dichiarato gara bagnata così i piloti hanno dovuto scegliere gli pneumatici giusti con cui affrontare le ostilità.

Dopo i primi due giri affrontati dietro la vettura di sicurezza, il poleman Klim Gavrilov ha provato a guidare il gruppo ma è dovuto rientrare immediatamente ai box, la scelta di montare le wet si è rivelata decisamente sbagliata. A ereditare la prima posizione Teddy Clairet autore di un sorpasso ai danni di Isidro Callejas alla staccata de La Source. Forte della giusta scelta di pneumatici, anteriori slick e posteriori da bagnato, Azcona ha dato vita ad una rimonta forsennata. Lo spagnolo ha superato in sequenza Franco Girolami, Nicolas Baert e Callejas per mettere nel mirino il leader Clairet.

L’inseguimento dello spagnolo, ai danni del francese, è culminato nel corso della quinta tornata. Azcona ha preso le misure della Peugeot per poi completare la manovra di sorpasso all’esterno della Bus stop, al termine del sesto giro, e involarsi verso la terza vittoria stagionale. Complice le gomme posteriori wet logore, Teddy Clairet ha iniziato a perdere secondi preziosi nei confronti di Homola in grande spolvero grazie ai quattro pneumatici slick. Il duello si è risolto nel corso dell’ultimo giro quando, grazie ad una migliore trazione, il pilota Hyundai ha superato perentoriamente Clairet alla curva Campus.

Quarto posto per Callejas che ancora una volta si è rivelato il migliore fra i piloti del Brutal Fish, con Jack Young e Martin Ryba penalizzati da una scelta errata di pneumatici. Lo spagnolo ha tenuto a bada Niels Langeveld fino al calare della bandiera a scacchi. Ma la lotta più spettacolare di gara 2 ha visto protagonisti Sami Taoufik, Girolami e Baert. Il triello si è ripetuto per diverse tornate lungo il rettilineo del Kemmel con Baert e Girolami che si sono scambiati più volte la posizione. Alla fine ad avere la meglio è stato il marocchino del Sebastien Loeb Racing che ha conquistato la sesta posizione seguito da Girolami e Baert.

A chiudere la top-10 il campione in carica Mehdi Bennani e Tom Coronel. L’olandese è stato protagonista di un contattato di gara con Felice Jelmini, con quest’ultimo subito costretto ad alzare bandiera bianca per i troppi danni riportati sulla sua Hyundai Elantra N.

Sabato 31 luglio 2021, gara 2

1 - Mikel Azcona (Cupra Leon Competición) - Volcano - 10 giri
2 - Mat’o Homola (Hyundai i30 N TCR) - Janík - 1"812
3 - Teddy Clairet (Peugeot 308 TCR) - Clairet - 2"412
4 - Isidro Callejas (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 12"186
5 - Niels Langeveld (Hyundai Elantra N) - SLR - 12"693
6 - Sami Taoufik (Hyundai Elantra N) - SLR - 17"178
7 - Franco Girolami (Honda Civic TypeR) - PSS - 21"817
8 - Nicolas Baert (Audi RS 3 LMS) - Comtoyou - 22"348
9 - Mehdi Bennani (Hyundai Elantra N) - SLR - 22"778
10 - Tom Coronel (Audi RS 3 LMS) - Comtoyou - 26"019
11 - Jimmy Clairet (Peugeot 308 TCR) - Clairet - 48"206
12 - Klim Gavrilov (Audi RS 3 LMS) - VRC - 1'01"152
13 - Jack Young (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 1'19"441
14 - Dušan Borković (Audi RS 3 LMS) - Comtoyou - 1'22"508
15 - Martin Ryba (Honda Civic TypeR) - Brutal Fish - 2'29"812
16 - Jáchym Galáš (Hyundai i30 N TCR) - Janík - 2'32"663
17 - Gilles Colombani (Cupra Leon TCR) - Clairet - 2'55"165

Giro più veloce: Klim Gavrilov 2'33"318

Ritirati
Felice Jelmini (Hyundai Elantra N) - SLR
Evgenii Leonov (Cupra Leon Competición) - Volcano

Non partiti
Sylvain Pussier (Cupra Leon TCR) - Clairet

Il campionato
1.Azcona 230 punti; 2.Girolami 200; 3.Bennani 183; 4.Langeveld 163; 5.Coronel 154; 6.Baert 148; 7.J. Clairet 146; 8.Callejas 124; 9.Jelmini 123; 10.Borković 123.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone