formula 1

FIA e F1, missione compiuta:
approvate le regole sui motori 2026

Finalmente. Dopo mesi, per non dire un paio d'anni, di trattative e discussioni, sono ufficialmente confermate le regole ...

Leggi »
formula 1

Misure anti porpoising dal 2023:
la delibera FIA con un compromesso

Nel Consiglio Mondiale di oggi, oltre ad approvare le power unit 2026, la FIA ha deliberato le misure in vigore dal 2023 cont...

Leggi »
formula 1

Verstappen non ha dubbi: "La Ferrari
più competitiva della mia Red Bull"

Il suo ruolino di marcia è impeccabile, la stagione 2022 è senza dubbio una delle migliori della sua carriera. Otto le vitto...

Leggi »
World Endurance

Ferrari prosegue i test della LMH
Cosa nasconde la livrea mimetica

Michele Montesano È un’estate intensa e priva di soste quella del reparto Ferrari Competizioni GT. Gli uomini di Maranello ...

Leggi »
Regional by Alpine

Intervista a Dino Beganovic
“Tanto lavoro con Prema dietro i miei successi”

Una partenza eccezionale, con sette podi nelle prime sette gare della stagione. Quello di Dino Beganovic, pilota della Ferrar...

Leggi »
Formula E

Vandoorne, l'ennesimo campione che
la F1 ha snobbato con troppa fretta

Nelson Piquet, Sebastien Buemi, Lucas Di Grassi, Jean-Eric Vergne (due volte), Antonio Felix Da Costa, Nyck De Vries, Stoffel...

Leggi »
24 Lug [12:16]

Vallelunga, gara 1
Girolami vince nel forfait Lynk & Co

Da Vallelunga - Michele Montesano

Si sperava che il capitolo nero, targato Nürburgring 2022, per il WTCR fosse solamente un brutto ricordo, ma a Vallelunga l’incubo per gli pneumatici Goodyear è tornato. Ancora una volta le numerose gomme delaminate si sono rivelate il tallone d’Achille delle vetture Turismo. Il produttore americano sarà sicuramente nell’occhio del ciclone e, date le circostanze, non è detto che gara 2 verrà disputata.

Il momento chiave è avvenuto già al termine del giro di schieramento, quando il Cyan Racing ha richiamato tutti i suoi piloti ai box per ritirarsi anticipatamente dalla gara (nella foto sotto). Lo avevano detto in Lynk & Co già nella giornata di ieri quando, nel corso delle prime prove libere, Yvan Muller aveva subito una delaminazione all’anteriore sinistra finendo nella ghiaia ad oltre 220 km/h. Considerato che, dati alla mano, le Goodyear non sarebbero durate oltre 15 giri sulle 03 TCR, il team svedese ha deciso di non prendere parte alla prima manche.



Allo start il poleman Nestor Girolami ha contenuto i 2 piloti Hyundai BRC Mikel Azcona e Norbert Michelisz cercando di arrivare alla staccata dei Cimini con un buon margine. L’argentino del Münnich Motorsport ha quindi continuato a tenere a bada Azcona, mentre l'ungherese è stato sopravanzato, nel tratto più guidato della seconda tornata, dalle Audi di Nathanaël Berthon e Gilles Magnus.

All’ottavo passaggio è scattato il primo campanello d’allarme per Goodyear, quando sia Mehdi Bennani che Tiago Monteiro sono stati costretti a rientrare ai box con gli pneumatici delaminati. In particolare il portoghese ha quasi rischiato di perdere il controllo della sua Honda Civic per colpa dello scoppio improvviso della gomma anteriore sinistra, la più sollecitata sulla pista di Vallelunga.

Stessa sorte è toccato a Berthon, autore del giro più veloce della gara, che al dodicesimo giro ha controllato l’Audi RS3 LMS arrivata lunga al curvone con una gomma dechapata. Il francese ha coinvolto anche Rob Huff costretto a uscire fuori pista per evitarlo. L’inglese è poi rientrato a sua volta ai box con la Cupra zoppicante a causa di un’ennesima foratura.



La direzione gara ha deciso di chiamare in pista l’intervento della safety car per consentire ai commissari di pulire la pista dai numerosi detriti. Al restart Girolami, insignito del Tricea Hero Trophy per essere stato il più veloce nelle qualifiche ad affrontare l'iconica curva del tracciato capitolino, ha gestito nuovamente il ritorno di Azcona (nella foto sopra) andando a conquistare la vittoria. Gradino più basso del podio per Magnus che ha rintuzzato gli attacchi finali di Michelisz. Quinto Attila Tassi che ha preceduto Tom Coronel vincitore del WTCR Trophy.

Brivido all’ultimo giro per Esteban Guerrieri rallentato da un problema meccanico. Una fumata proveniente dal retrotreno della Honda ha fatto temere il peggio, visto che già nelle qualifiche la Civic Type R ha subito noie al turbo. Ma l’argentino è riuscito a chiudere al settimo posto precedendo Huff e le Audi griffate Comtoyou Rcing di Bennani e Berthon, fanalino di coda Monteiro.

Domenica 24 luglio 2022, gara 1

1 - Néstor Girolami (Honda Civic TypeR) - Münnich - 22 giri
2 - Mikel Azcona (Hyundai Elantra N) - BRC - 0"248
3 - Gilles Magnus (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1"788
4 - Norbert Michelisz (Hyundai Elantra N) - BRC - 2"099
5 - Attila Tasi (Honda Civic TypeR) - Engstler - 6"706
6 - Tom Coronel (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 12"152
7 - Esteban Guerrieri (Honda Civic TypeR) - Münnich - 59"004
8 - Rob Huff (Cupra Leon Competición) - Zengő - 1 giro
9 - Nathanaël Berthon (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1 giro
10 - Mehdi Bennani (Audi RS3 LMS) - Comtoyou - 1 giro
11 - Tiago Monteiro (Honda Civic TypeR) - Engstler - 2 giri

Giro più veloce: Nathanaël Berthon 1'15"763

Ritirati
Santiago Urrutia (Lynk & Co 03) - Cyan
Yann Ehrlacher (Lynk & Co 03) - Cyan
Ma Qing Hua (Lynk & Co 03) - Cyan
Yvan Muller (Lynk & Co 03) - Cyan
Thed Björk (Lynk & Co 03) - Cyan

Il campionato
1.Azcona 184 punti; 2.Girolami 153; 3.Huff 138; 4.Urrutia 137; 5.Ehrlacher 133; 6.Magnus 117; 7.Ma 97; 8.Berthon 94; 9.Michelisz 85; 10.Guerrieri 83.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone