Formula E

Le prime impressioni di Giovinazzi:
"In Formula E guida del tutto diversa"

Antonio Giovinazzi disputerà la sua prima gara in Formula E il 28 gennaio a Diriyah, fino a quel momento avrà guidato la mono...

Leggi »
formula 1

La F1 sul circuito di Jeddah,
cittadino con medie pazzesche

Una media sul giro prevista di 252,8 chilometri orari, seconda solo a Monza, a dispetto di ben 27 curve. 6175 metri di lunghe...

Leggi »
Formula E

Test a Valencia - 2° giorno
Mercedes al comando con Vandoorne

Due Mercedes davanti a tutti. Quella ufficiale di Stoffel Vandoorne, e quella della scuderia clienti Venturi con Edoardo Mort...

Leggi »
Formula E

Come sarà la monoposto Gen3?
Foto anteprima dalla Formula E

Le immagini diffuse al pubblico restano volutamente misteriose, ma squadre, piloti e alcuni partner selezionati hanno già sco...

Leggi »
Formula E

Test a Valencia - 1° giorno
Frijns al top, poi la "qualifica"

1 - Sam Bird (Jaguar) - Jaguar - 1'27"169 - 37 giri2 - Lucas Di Grassi (Mercedes) - Venturi - 1'27"270 - 28...

Leggi »
formula 1

Verstappen gioca il primo match point,
ma qual è lo stato di forma contro Hamilton?

È una vigilia particolare per Max Verstappen, quella che conduce verso Jeddah. Il primo Gran Premio d'Arabia Saudita sarà...

Leggi »
24 Ott [22:41]

Verstappen e Hamilton da antologia
Leclerc porta la Ferrari al 4° posto

Massimo Costa - XPB Images

Due mostri. Due giganti. Max Verstappen e Lewis Hamilton hanno mostrato al mondo cosa vuol dire essere Max Verstappen e Lewis Hamilton. La partenza, prima di tutto, è stata fantastica, ma corretta. L'inglese della Mercedes ha avuto uno scatto furioso, l'olandese della Red Bull-Honda ha provato a stringerlo, ma neanche tanto. Alla prima staccata, Hamilton è passato per primo, Verstappen ha tentato una reazione, è anche stato affiancato da Sergio Perez, che però non ha affondato lasciando andare il compagno.

A quel punto, Hamilton ha spinto fortissimo, ma Verstappen non lo ha mollato rimanendo a 7-8 decimi, finché la Red Bull ha giocato di anticipo sorprendendo la Mercedes, chiamando al pit-stop Max al giro 10. Hamilton è rimasto in pista, ma la Red Bull con le gomme dure cominciava a viaggiare rapido rispetto al rivale con le medie. Il sette volte iridato ha infilato la corsia box al giro 13, un ritardo eccessivo. E difatti, mentre percorreva la corsia box per tornare in gara, Verstappen transitava sul rettifilo di arrivo prendendosi la prima posizione.

Il vantaggio dell'olandese è stato di 6", tanti. Hamilton ha gestito le gomme, come il leader della corsa, poi ha cominciato a premere sull'acceleratore e si è portato a 3" dalla Red Bull al giro 28. Allora, spaventati, dal muretto box diretto da Christian Horner è arrivato l'ordine per Verstappen di rientrare per il secondo pit-stop, per montare nuovamente gomme dure. Hamilton si è così ritrovato in prima posizione, ha allungato molto rispetto al rivale per quanto riguarda la durata degli pneumatici, questo per cercare di avere un rendimento migliore nei giri finali.



Hamilton ha effettuato il secondo pit-stop al giro 37 (nella foto sopra) e quando è tornato in pista aveva 8" da Verstappen, nuovamente primo. E' quindi iniziato uno snervante duello a distanza tra i due contendenti al titolo mondiale. Giro dopo giro, Hamilton ha guadagnato decimi su Verstappen e a due tornate dal traguardo era a 1". Uno sforzo incredibile quello del pilota Mercedes, ma altrettanto ha fatto il pilota Red Bull nel mantenere una eccezionale freddezza e nel non commettere mai una minima sbavatura. Hamilton non è riuscito per pochi centesimi a entrare nella zona drs per tentare l'affondo sulla Red Bull. 

E così, Verstappen ha potuto festeggiare la sua 18esima vittoria in F1, la prima in territorio statunitense e portarsi a 287,5 punti in classifica generale contro i 275,5 di Hamilton, il quale ha potuto incassare il punticino del giro più veloce. Dunque, 12 lunghezze separano questi due mostri del volante.

Agli altri, le briciole. Sergio Perez con la seconda Red Bull ha conquistato il terzo gradino del podio con una gara regolare (a 42"3 da Verstappen) bissando così la stessa posizione ottenuta a Istanbul e trovando il quarto posto nella classifica generale, scavalcando di 1 punto Lando Norris. Notevole la prestazione della Ferrari che ha trovato un be quarto posto con Charles Leclerc. Il monegasco ha tenuto un ottimo passo mostrando che il nuovo motore ha permesso di compiere notevoli progressi alla SF21. Leclerc si è tenuto dietro la McLaren-Mercedes di Daniel Ricciardo, che ha terminato quinto a 24" dalla rossa.



Sesta posizione per uno spento Valtteri Bottas, che ormai ci ha abituato a questi notevoli alti e bassi. Dopo la grande prestazione della Turchia, il finlandese ha vivacchiato e chi si aspettava una logica rimonta dalla nona posizione, è rimasto fortemente (una volta di più) deluso dal comportamento di Bottas. Che proprio all'ultimo giro ha tolto la sesta piazza a Carlos Sainz. Il ferrarista spagnolo è stato penalizzato dalla partenza con le gomme soft, non è riuscito ad avvantaggiarsi nei giri iniziali, poi ha lottato bene contro le due McLaren finché in un contatto con Ricciardo (nella foto sopra) ha danneggiato l'ala anteriore. Tra l'altro, Sainz ha anche perso tempo nel secondo pit-stop.

Norris ha portato a casa un ottavo posto che non deve soddisfarlo troppo. Sorrisi invece, per Yuki Tsunoda, ottimo nono all'arrivo mentre l'altra Alpha Tauri-Honda di Pierre Gasly si è dovuta ritirare. Bella gara di Sebastian Vettel, decimo dopo essere partito dall'ultima fila con l'Aston Martin-Mercedes. Il suo compagno Lance Stroll è stato mandato in testacoda alla prima curva dopo il via da Nicholas Latifi (nella foto sotto) e la sua corsa è stata rovinata fin da subito.

Prestazione grintosa per Antonio Giovinazzi con l'Alfa Romeo-Ferrari, 11esimo alla bandiera a scacchi e protagonista di un gran duello con Fernando Alonso. Kimi Raikkonen ha gettato al vento il decimo posto per un testacoda nel finale. Giornata nera per l'Alpine-Renault che ha visto ritirarsi sia Esteban Ocon sia Fernando Alonso. Poco da dire per le Williams-Mercedes, in difficoltà sul tracciato di Austin, e per le Haas-Ferrari, solito fanalino di coda della F1.



Domenica 24 ottobre 2021, gara

1 - Max Verstappen (Red Bull-Honda) - 56 giri
2 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1"333
3 - Sergio Perez (Red Bull-Honda) - 42"223
4 - Charles Leclerc (Ferrari) - 52"246
5 - Daniel Ricciardo (McLaren-Mercedes) - 1'16"854
6 - Valtteri Bottas (Mercedes) - 1'20"128
7 - Carlos Sainz (Ferrari) - 1'23"545
8 - Lando Norris (McLaren-Mercedes) - 1'24"395
9 - Yuki Tsunoda (Alpha Tauri-Honda) - 1 giro
10 - Sebastian Vettel (Aston Martin-Mercedes) - 1 giro
11 - Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo-Ferrari) - 1 giro
12 - Lance Stroll (Aston Martin-Mercedes) - 1 giro
13 - Kimi Raikkonen (Alfa Romeo-Ferrari) - 1 giro
14 - George Russell (Williams-Mercedes) - 1 giro
15 - Nicholas Latifi (Williams-Mercedes) - 1 giro
16 - Mick Schumacher (Haas-Ferrari) - 2 giri
17 - Nikita Mazepin (Haas-Ferrari) - 2 giri

Ritirati
Fernando Alonso
Esteban Ocon
Pierre Gasly

Il campionato piloti
1.Verstappen 287,5; 2.Hamilton 275,5; 3.Bottas 185; 4.Perez 150; 5.Norris 149; 6.Leclerc 128; 7.Sainz 122,5; 8.Ricciardo 105; 9.Gasly 74; 10.Alonso 58; 11.Ocon 46; 12.Vettel 36; 13.Stroll 26; 14.Tsunoda 20; 15.Russell 16; 16.Latifi 7; 17.Raikkonen 6; 18.Giovinazzi 1.

Il campionato costruttori
1.Mercedes 460,5; 2.Red Bull-Honda 437,5; 3.McLaren-Mercedes 254; 4.Ferrari 250,5; 5.Alpine-Renault 104; 6.Alpha Tauri-Honda 94; 7.Aston Martin-Mercedes 62; 8.Williams-Mercedes 23; 9.Alfa Romeo-Ferrari 7.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone