formula 1

I benefici economici del
GP di Imola? 274 milioni

Uno studio sulla ricaduta economica del Gran Premio di F1 svoltosi a Imola, ha sancito il successo della manifestazione per q...

Leggi »
dtm

L'ADAC salva il DTM
La mediazione di Berger

Il DTM è salvo. L'ADAC, Allgemeiner Deutscher Automobil Club, sarà il nuovo organizzatore e promotore della serie più fam...

Leggi »
dtm

ITR non organizzerà il DTM
Berger spera nell'ADAC

Il 6 novembre Italiaracing aveva riportato la difficoltà da parte di Gerhard Berger e della ITR nell'organizzare il campi...

Leggi »
formula 1

Brawn se ne va in pensione
Un gigante che ha vinto tutto

"Ora è il momento giusto per me di ritirarmi". Una frase chiara, che sembra non ammettere repliche. L'ha scritt...

Leggi »
formula 1

Vettel erede di Marko
nel team Red Bull?

L'idea lanciata da Helmut Marko è certamente suggestiva: Sebastian Vettel suo erede all'interno del team Red Bull. Al...

Leggi »
formula 1

Finalmente sono arrivate le
finte dimissioni di Binotto

Sono giorni non facili per il presidente della Ferrari John Elkann che ha appena licenziato il team principal Mattia Binotto,...

Leggi »
18 Nov [12:20]

Yas Marina - Libere 1
Comandano Hamilton e Russell

Massimo Costa - XPB Images

Dalla doppietta di San Paolo alla doppietta di Yas Marina. Calma, però, siamo soltanto al primo turno libero dell'ultimo Gran Premio del 2022. Ma appare un dato di fatto che le due W13 in questa fase finale della stagione hanno cambiato passo con decisione. Lewis Hamilton ha segnato il primo tempo davanti al compagno George Russell, ma perché la Mercedes appare così rapida tanto da dominare il GP del Brasile?

Le difficoltà iniziali erano causate dal porpoising eccessivo che lo staff tecnico ha faticato più del dovuto a cancellarlo per via della progettazione della monoposto, molto complessa da mettere a punto. In questi mesi, si è cercato di trovare una soluzione lavorando sul fondo, sui canali Venturi, sulle ali, sui flap e tante altre migliorie aerodinamiche. Poi, la famosa direttiva 39 atta a debellare il porpoising, ha permesso alla Mercedes di uscire dal tunnel, soprattutto nella gestione gomme in gara.

Tra Hamilton e Russell, nella classifica della prima sessione, vi sono 220 millesimi, non pochi. Charles Leclerc con la Ferrari è terza a soli 5 millesimi da Russell mentre Carlos Sainz è rimasto ai box in abiti "civili" in quanto la sua F1-75 è stata guidata dal tester russo Robert Shwartzman, che gode ora di nazionalità e passaporto istraeliano. Ottimo il lavoro svolto avendo colto il settimo tempo finale. Sia Leclerc sia Sainz si sono affrettati, tra ieri e oggi, a ribadire che il clima all'interno della Ferrari è sereno nonostante le voci di licenziamento che interessano il team principal Mattia Binotto.

La Red Bull-Honda, che pure lei si porta dietro le polemiche derivanti dalla gestione degli ultimi giri di San Paolo, vede Sergio Perez quarto di poco davanti a Liam Lawson. Il neozelandese del programma Junior ha potuto guidare la Red Bull dopo che in altre FP1 aveva assaggiato la Alpha Tauri. Lawson ha realizzato una eccellente prestazione risultando quinto, ma ciò non fa che confermare che quella RB18 numero 1 è una monoposto a dir poco sensazionale.

Tra i due giovani Lawson e Shwartzman si è inserito Sebastian Vettel, al suo ultimo fine settimana in F1. Festeggiatissimo dai suoi colleghi, dal suo team, il tedesco ha piazzato un bel sesto posto. In top 10 anche Daniel Ricciardo, Valtteri Bottas ed Alexander Albon. Tanti gli altri rookie o tester in pista: con la Sauber-Ferrari ha girato la vecchia conoscenza Robert Kubica, con la Williams-Mercedes Logan Sargeant (che ha fatto il tempo con le hard), con la seconda McLaren Pat O'Ward direttamente dalla Indycar, con la Haas-Ferrari Pietro Fittipaldi, con la Alpine-Renault Jack Doohan e infine debutto assoluto per il neo campione della F2, Felipe Drugovich, con la Aston Martin-Mercedes.

Venerdì 18 novembre 2022, libere 1

1 - Lewis Hamilton (Mercedes) - 1'26"633 - 21 giri
2 - George Russell (Mercedes) - 1'26"853 - 30
3 - Charles Leclerc (Ferrari) - 1'26"888 - 22
4 - Sergio Perez (Red Bull-Honda) - 1'26"967 - 23
5 - Liam Lawson (Red Bull-Honda) - 1'27"201 - 22
6 - Sebastian Vettel (Aston Martin-Mercedes) - 1'27"268 - 20
7 - Robert Shwartzman (Ferrari) - 1'27"429 - 24
8 - Daniel Ricciardo (McLaren-Mercedes) - 1'27"619 - 21
9 - Valtteri Bottas (Sauber Alfa Romeo-Ferrari) - 1'27"655 - 23
10 - Alexander Albon (Williams-Mercedes) - 1'27"840 - 26
11 - Pierre Gasly (Alpha Tauri-Honda) - 1'27"845 - 28
12 - Esteban Ocon (Alpine-Renault) - 1'27"891 - 27
13 - Yuki Tsunoda (Alpha Tauri-Honda) - 1'27"991 - 28
14 - Robert Kubica (Sauber Alfa Romeo-Ferrari) - 1'28"064 - 22
15 - Logan Sargeant (Williams-Mercedes) - 1'28"098 - 23
16 - Kevin Magnussen (Haas-Ferrari) - 1'28"142 - 20
17 - Pietro Fittipaldi (Haas-Ferrari) - 1'28"204 - 26
18 - Patrick O'Ward (McLaren-Mercedes) - 1'28"350 - 22
19 - Jack Doohan (Alpine-Renault) - 1'28"484 - 25
20 - Felipe Drugovich (Aston Martin-Mercedes) - 1'28"672 - 23

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone