indycar

Laguna Seca, qualifica
Doppietta Andretti, Herta in pole

1 - Colton Herta (Dallara-Honda) - Andretti - 1'10"7994 - Q32 - Alexander Rossi (Dallara-Honda) - Andretti - 1'1...

Leggi »
formula 1

Tutti i segreti sulla operazione
che ha portato Albon alla Williams

Qualche settimana dopo l'annuncio di Alexander Albon da parte della Williams per la stagione 2022, ingaggio voluto dalla ...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 1
Øgaard domina, Van't Hoff ko

1 - Sebastian Øgaard - Campos - 16 giri in 27'09"8912 - Josep Martí - Campos - 10"9403 - Maksim Arkhangelskii -...

Leggi »
dtm

Assen - Gara 1
Wittmann batte la penalità, Bortolotti 2°

In gara 1 del DTM ad Assen, ecco il secondo successo stagionale di Marco Wittmann: un colpaccio, perché il tedesco ci è riusc...

Leggi »
dtm

Assen - Qualifica 1
Lawson si conferma con la pole

Liam Lawson prosegue nella scia del grande weekend a Spielberg, con doppia vittoria, e partirà in pole-position per gara 1 de...

Leggi »
formula 1

Binotto "spinge" Giovinazzi
ma forse è tardi e spunta Zhou

Dopo settimane di silenzio, dopo l'annuncio di Valtteri Bottas, dopo che nel paddock fin da Budapest circolavano voci neg...

Leggi »
PrevPage 1 of 5Next
4 Set [17:49]

Zandvoort, gara
Powell vince e guida il campionato

Giulia Rango

Anche a Zandvoort continua il duello Powell-Chadwick, ma oggi è stata la Powell ad avere la meglio, e i venticinque punti guadagnati contro i diciotto della Chadwick, le permettono di raggiungere la rivale in classifica: adesso sono pari a 109 lunghezze, ma è la Powell con tre vittorie a guidare la classifica. “E’ stata una gara difficile, mi sarebbe piaciuto vincere”, queste sono le parole con cui Jamie Chadwick ha commentato il secondo posto portato a casa. C’è un’evidente amarezza nelle sue parole, ma nonostante la Powell l’abbia raggiunta, restano ancora due gare per decretare la vincitrice di questa lotta.

Diversa la reazione di Emma Kimilainen, che partita dalla pole, non ha saputo trasformarla in vittoria. Dopo essere stata superata nello stesso giro dalla due inglesi, è riuscita con fatica a tenere a bada Nerea Marti, arrivata quarta. “Mantenere la terza posizione non è stato semplice. Contenta per il podio, sono punti importanti”. Secondo podio di fila (aveva vinto a Spa) e un terzo posto importante per la classifica generale, dove si trova terza ma distaccata dalle due contendenti al titolo.

Quinta posizione per Jessica Hawkins: per lei è il miglior risultato ottenuto in questa stagione. E’ seguita da Abbie Eaton ed Abbi Pulling, che ha disputato solo la sua seconda gara in W Series e ha dimostrato di avere la stoffa per continuare a correrci. All’ultimo giro ha completato il sorpasso su Belen Garcia (che ha concluso ottava), tagliando il traguardo da settima. Nona e decima posizione per Sarah Moore e Miki Koyama. Neanche questa volta Vicky Piria è riuscita ad andare a punti: subito fuori dalla top ten.

La classifica, soprattutto la parte bassa, è rimasta abbastanza statica. Non ci sono stati particolari colpi di scena: nessuna ritirata, nessuna bandiera, e pochi sorpassi. Adesso ci aspetta una lunga pausa, per poi avere gli ultimi due appuntamenti della stagione uno dietro l’altro. E’ la fine della stagione europea: la prossima gara si terrà ad Austin, in Texas, il 23 di ottobre. In America si rinnoverà il duello tutto inglese, ma alla fine vincerà chi avrà avuto più costanza e chi avrà saputo sfruttare al meglio ogni situazione.

Sabato 4 settembre 2021, gara

1 - Alice Powell – 31’53”483
2 – Jamie Chadwick – 2”871
3 – Emma Kimilainen – 9”913
4 – Nerea Marti – 12”157
5 – Jessica Hawkins – 13”944
6 – Abbie Eaton – 14”996
7 – Abbi Pulling – 15”889
8 – Belen Garcia – 16”637
9 – Sarah Moore – 17”357
10 – Miki Koyama – 20”943
11 - Vicky Piria – 21”937
12 – Beitske Visser – 22”126
13 – Irina Sidorkova – 22”714
14 - Sabré Cook – 31”479
15 - Ayla Agren – 31”664
16 - Fabienne Wohlwend – 41”428
17 - Bruna Tomaselli – 48”240
18 - Marta Garcia – 49”462

Il campionato
1.Powell, Chadwick 109; 3.Kimilainen 75; 4.Marti 53; 5.Wohlwend 40; 6.Moore 38; 7.Siridkova 34; 8.B.Garcia 22; 9.M.Garcia 21; 10.Hawkins, Eaton 19; 12.Visser 18; 13.Koyama 13; 14.Tomaselli 12; 15.Wood, Pulling 10; 17.Rdest 2; 18.Piria, Agren 1.

3 Set [17:44]

Zandvoort, qualifica
Kimilainen, prima pole 2021

Giulia Rango

Una gara dietro l’altra: dopo Spa, la W Series è impegnata in Olanda, a Zandvoort, questo fine settimana. Sembra aver ingranato il passo delle due combattenti al titolo, Emma Kimilainen, che oggi si è presa la pole position all’ultimo secondo. Nonostante Jamie Chadwick abbia mantenuto la provvisoria prima posizione per buona parte della sessione, Alice Powell era riuscita a soffiargliela a cinque minuti dalla fine. La Kimilainen si trovava terza e senza troppe pressioni addosso, visto che l’attenzione era rivolta sulle due inglesi.

Al termine dell’ultimo tentativo, Emma si è improvvisamente ritrovata in pole position. La finlandese, vincitrice della gara in Belgio lo scorso weekend, ha trovato la fiducia necessaria per confrontarsi con la Chadwick e la Powell. Forse per lei è troppo tardi per inserirsi nella corsa al titolo, esclusi eventuali colpi di scena nelle ultime tre gare della stagione, ma può comunque lottare per assicurarsi il terzo posto in classifica (attualmente ha sessanta punti, con diciannove lunghezze di vantaggio su Nerea Marti).

Alice Powell partirà dunque dalla seconda posizione, seguita da Jamie Chadwick e Nerea Marti. Un sorprendente quinto posto è quello da cui domani partirà Abbi Pulling, che ha disputato una sola gara in W Series. Seguono Jessica Hawkins, Abbi Eaton e Sarah Moore, che dopo un buon inizio di stagione ha lasciato per strada un po’ di punti negli ultimi appuntamenti. Belen Garcia e Miki Koyama completano la top ten. E’ un peccato che Vicky Piria non sia riuscita ad entrarci, visto che per qualche minuto ha occupato la provvisoria nona posizione. Beitske Visser, che non aveva preso parte alla gara di Spa, a causa di accertamenti medici dopo lo spaventoso incidente all’Eau Rouge, partirà alle spalle dell’italiana.



Non sono mancate le bandiere rosse questo pomeriggio: dopo quelle viste nelle prove libere della Formula Uno, la qualifica della W Series è stata interrotta due volte. La prima bandiera rossa, dopo pochi minuti dall’inizio, è stata causata da Fabienne Wohlwend, andata dritta a muro sull’uscita di curva tre, nella foto sopra. La seconda è invece stata esposta a soli cinque minuti dalla bandiera a scacchi, perché Sabré Cook è finita nella ghiaia. Irina Sidorkova invece, dopo una breve escursione sull’erba, è rientrata in pista in maniera abbastanza aggressiva, il che potrebbe costarle delle posizioni di penalità in griglia. Si prospetta un finale di stagione emozionante, con Emma Kimilainen pronta a ritagliarsi uno spazio sempre più da protagonista.

Venerdì 3 settembre 2021, qualifica

1 - Emma Kimilainen - 1’34”326
2 - Alice Powell - 1’34”400
3 - Jamie Chadwick - 1’34”583
4 - Nerea Marti - 1’35”058
5 - Abbi Pulling - 1’35”178
6 - Jessica Hawkins - 1’35”195
7 - Abbie Eaton - 1’35”322
8 - Sarah Moore - 1’35”538
9 - Belen Garcia - 1’35”551
10 - Miki Koyama - 1’35”572
11 - Vicky Piria - 1’35”602
12 - Beitske Visser - 1’35”650
13 - Marta Garcia - 1’35”787
14 - Bruna Tomaselli - 1’35”881
15 - Irina Sidorkova - 1’36”155
16 - Ayla Agren - 1’36”642
17 - Sabré Cook - no time
18 - Fabienne Wohlwend - no time

28 Ago [18:59]

Spa, gara
Kimilainen vince di rimonta

Massimo Costa

Ci voleva tutta la grinta di mamma Emma Kimilainen (la 32enne finlandese ha avuto due figli nel 2013) per interrompere la striscia vincente di Jamie Chadwick ed Alice Powell nella W Series. Superato il trauma del terribile incidente verificatosi nel corso della qualifica (Ayla Agren e Beitske Visser stanno bene anche se non hanno partecipato alla corsa) e che aveva coinvolto sei pilotesse, le ragazze del campionato tutto al femminile si sono schierate per il quinto appuntamento stagionale sul circuito di Spa, con la incongnita della pista bagnata. 

Dalla pole. Chadwick ha preso comodamente la testa davanti alla sua prima rivale, la Powell mentre Kimilainen, quarta in grlglia dopo la penalità a Nerea Marti (da terza a settima), ha preso sempre più confidenza con l'asfalto infido. E nella parte finale della gara, ha dato vita ad un forcing notevole. Prima ha raggiunto la Powell e poi con una manovra coraggiosa alla curva 17 l'ha infilata di forza all'esterno. Sembrava impossibile che Kimilainen potesse raggiungere la leader Chadwick, e invece, tenendo un ritmo folle, ha acchiappato anche lei superandola di slancio.

Una gara incredibile quella di Kimilainen che già aveva vinto in W Series nel 2019 conquistando il gradino più alto del podio ad Assen. Chadwick ha tenuto la seconda posizione mentre Powell ha perso terreno venendo superata da una eccellente Marta Garcia, risalita con forza dalla settima alla terza posizione. La Powell ha così perso il podio e punti importanti per la classifica, dove ora è a sette lunghezze di distacco dalla Chadwick mentre Kimilainen si rilancia in campionato balzando al terzo posto.

Ma chi è la Kimilainen? Nata ad Helsinki 32 anni anni fa, ha iniziato a correre in kart mentre il passaggio in monoposto è avvenuto nel 2008 nella tedesca Adac Masters conclusa in decima posizione su venttre iscritti. Non male proprio. Nel 2009 è passata al campionato inglese Fomrula Palmer terminato al quinto posto. La sua carriera si è fermata alla fine di quella stagione per motivi di budget. Nel frattempo, Emma ha avuto due figli ed è tornata alle gare nel Turismo Scandinavo nel 2014 dove ha corso con ottimi risultati per tre stagioni. Poi, altri due anni di stop e il rientro in W Series nel 2019.



Sabato 28 agosto 2021, gara

1 - Emma Kimilainen - 12 giri 35'21"478
2 - Jamie Chadwick - 8"489
3 - Marta Garcia - 11"949
4 - Alice Powell - 18"182
5 - Caitlin Wood - 35"832
6 - Jessica Hawkins - 39"596
7 - Fabienne Wohlwend - 40"095
8 - Nerea Marti - 40"880
9 - Miki Koyama - 41"757
10 - Abbie Eaton - 42"989
11 - Sabrè Cook - 43"701
12 - Vicky Piria - 46"332
13 - Sarah Moore - 47"187
14 - Belen Garcia - 47"780
15 - Bruna Tomaselli - 58"499
16 - Gosia Rdest - 1'13"955

Non partiti
Ayla Agren
Beitske Visser

Il campionato
1.Chadwick 91; 2.Powell 84; 3.Kimilainen 60; 4.Marti 41; 5.Wohlwend 40; 6.Moore 36; 7.Sidorkova 34; 8.M.Garcia 21; 9.B.Garcia 18; 10. Visser 18; 11.Tomaselli, Koyama 12; 13.Eaton 11; 14.Wood 10; 15.Hawkins 9; 16.Pulling 4; 17.Rdest 2; 18.Agren, Piria 1.

27 Ago [18:06]

Spa - Qualifica
Chadwick in pole, paura all'Eau Rouge

Massimo Costa

Jamie Chadwick ha conquistato la terza pole stagionale su cinque qualifiche della W Series battendo ancora una volta la sua principale avversaria, Alice Powell, seconda con rabbia per essere stata ostacolata per un giro intero da Sabré Cook. Ma il risultato della ragazza britannica è passato in secondo piano per via del brutto incidente occorso al terzo passaggio della qualifica, con ben sei vetture coinvolte nella sempre pericolosa Eau Rouge. Tutte le sei ragazze stanno bene per fortuna, ma il botto è stato a dir poco terribile richiamando alla mente quanto accaduto nel 2019 in F2 e un mese fa durante la 24 Ore di Spa.

A pochi minuti dall'avvio del turno, è caduta qualche goccia di pioggia. Le 18 protagoniste della W Series (assente per Covid Irina Sidorkova) avevano percorso due giri, con le vetture abbastanza ravvicinate. Davanti a tutti, Sarah Moore la quale, arrivata alla piega a destra della Eau Rouge, si è intraversata, imitata da Abbey Eaton che la seguiva. Entrambe sono scivolate verso le protezioni interne del Raidillon, colpite con una certa violenza prima con la parte posteriore delle loro Tatuus poi con la fiancata sinistra.

Beitske Visser, terza del gruppetto, si è a sua volta girata da sola e ad alta velocità, col posteriore, ha colpito la fiancata della monoposto della Eaton, sollevandola. Subito dopo, in fotocopia alla Visser, è sopraggiunta Ayla Agren che è andata a urtare con la fiancata destra la Moore. Neanche il tempo di un battito di ciglia, che Belen Garcia è andata oltre il cordolo e nella via di fuga interna è piombata sulle quattro monoposto. La spagnola però, vi è arrivata di muso, non essendo finita in testacoda.


 
Garcia ha quindi tentato una disperata quanto inutile frenata ed ha centrato la Tatuus della Visser nel muso, parte destra, proiettandola in alto, addirittura sopra le gomme. Quando la Visser è ritornata sull'asfalto della via di fuga, è stata nuovamente e duramente colpita di muso da Fabienne Wohlwend, finita nel mucchio anche lei dopo aver perso la linea ideale. L'urto è stato violentissimo e per fortuna ha colpito la parte posteriore della Tatuus della olandese, tranciando completamente il motore dal telaio. La Visser è quindi stata catapultata verso il centro della pista dove si è ribaltata compiendo due giravolte e fermandosi adagiata sul fianco destro.

Dopo il lancinante rumore degli urti, sul Raidillon è calato il silenzio. Si temeva il peggio, ma le sei ragazze coinvolte sono tutte uscite da sole dalle loro monoposto distrutte. Si temeva che la Visser, la quale si è accasciata una volta uscita dalla sua vettura, avendo subìto una serie di colpi impressionanti, avesse rimediato qualche contusione, se non frattura, ed è stata trasportata al centro medico, come tutte le sue colleghe. Per fortuna, tutto sembra essersi concluso nel migliore dei modi. Visser e Agren sono state comunque trasportate all'ospedale per ulteriori controlli. Fondamentale la presenza dell'halo che ha evitato ai piloti coinvolti di essere colpite nel casco.

Venerdì 27 agosto 2021, qualifica

1 - Jamie Chadwick - 2'18"074
2 - Alice Powell - 2'18"795
3 - Nerea Marti - 2'19"201
4 - Caitlin Wood - 2'19"237
5 - Emma Kimilainen - 2'19"558
6 - Marta Garcia - 2'19"826
7 - Jessica Hawkins - 2'20"092
8 - Vicky Piria - 2'20"093
9 - Miki Koyama - 2'20"161
10 - Bruna Tomaselli - 2'20"254
11 - Sabré Cook - 2'20"640
12 - Gosia Rdest - 2'20"816
13 - Fabienne Wohlwend - 2'23"208 **
14 - Ayla Agren - 2'25"087 **
15 - Beitske Visser - 2'25"536 **
16 - Abbey Eaton - 2'25"602 **
17 - Sarah Moore - 2'26"405 **
18 - Belen Garcia - 2'29"671 **

** coinvolte nell'incidente al 3° giro della sessione
 

31 Lug [17:27]

Budapest, gara
Dominio della Chadwick

Massimo Costa

La tappa ungherese è stata molto importante per Jamie Chadwick. La ragazza inglese ha pareggiato i conti con Alice Powell non solo per quanto riguarda le pole, (2 a 2), ma anche per il numero delle vittorie. Nel quarto appuntamento stagionale della W Series, la Chadwick si è imposta per la seconda volta dopo la vittoria in Austria ed ora si è anche portata in testa al campionato. La Powell, che aveva tagliato per prima il traguardo in Stiria e Gran Bretagna, si è piazzata seconda, ma non ha mai avvicinato la Chadwick, perdendo subito il contatto con la connazionale. La ragazza che è parte del team Williams, non ha avuto rivali, passeggiando verso la bandiera a scacchi e lasciando la Powell a ben 10"237. 

Per le prime posizioni la corsa è stata piuttosto monotona. La Powell ha costantemente occupato il secondo posto tenendo lontana Nerea Marti, terza e al primo podio 2021. La spagnola è balzata al terzo posto in campionato approfittando della battuta di arresto di Sarah Moore e Fabienne Wohlwvend. Hanno tenuto le loro posizioni di partenza anche Irina Sidorkova, quarta, e Beitske Visser, quinta.

Emma Kimilainen ha effettuato un bel sorpasso nel finale su Marta Garcia strappando il sesto posto finale. Peccato per Vicky Piria che in partenza (11esima) ha stallato per qualche attimo ritrovandosi così ultima. Dispiace perché poteva essere la giusta occasione per prendere i primi punti in questo avvio di stagione piuttosto difficile per l'italiana. Ritirata Fabienne Wohlwend, che è volata via su un cordolo perdendo l'ala anteriore.

Sabato 31 luglio 2021, gara

1 - Jamie Chadwick - 19 giri 32'59"370
2 - Alice Powell - 10"237
3 - Nerea Marti - 15"395
4 - Irina Sidorkova - 20"931
5 - Beitske Visser - 21"618
6 - Emma Kimilainen - 26"423
7 - Marta Garcia - 28"706
8 - Belen Garcia - 30"790
9 - Bruna Tomaselli - 31"172
10 - Jessica Hawkins - 37"368
11 - Ayla Agren - 38"356
12 - Miki Koyama - 42"047
13 - Abbie Eaton - 47"892
14 - Sabre Cook - 48"615
15 - Sarah Moore - 49"265
16 - Vicky Piria - 50"722
17 - Caitlin Wood - 51"506

Ritirata
Fabieen Wohlvend

Il campionato
1.Chadwick 73; 2.Powell 67; 3.Marti 37; 4.Moore, Sidorkova 36; 6.Kimilainen 35; 7.Wohlwend 34; 8.B.Garcia, Visser 18; 10.Tomaselli 12;  11.Koyama, Eaton 10; 13.M.Garcia 6; 14.Pulling 4; 15.Rdest, Hawkins 2; 17.Agren 1.

30 Lug [17:35]

Budapest, qualifica
Chadwick-Powell, sfida continua

Massimo Costa

E' sempre grande sfida tra le due ragazze inglesi della W Series, Alice Powell che guida il campionato con 49 punti, e Jamie Chadwick che la segue con 48 lunghezze. Anche nella quarta prova stagionale, sul circuito di Budapest, sono state loro le protagoniste assolute della sessione di qualifica. La Chadwick, prima nel turno libero, si è confermata imbattibile su questo tracciato segnando la seconda pole 2021 in 1'42"735. La ragazza legata al team Williams F1, è stata l'unica a scendere sotto l'1'43" ed ha rifilato ben 239 millesimi alla Powell, seconda in 1'43"004.

La capoclassifica della W Series, ha tentato il tutto per tutto nell'ultimo giro dopo un avvio di sessione non facile, condizionato da un eccessivo sottosterzo. Riuscita a rimediare al problema, tornata in pista, Powell ha realizzato il tempo di 1'43"009 poi migliorato in 1'43"004 nel giro finale, ma non è bastato per andare a strappare la pole alla Chadwick. Prima fila tutta inglese quindi, e due a due per quanto riguarda il conteggio delle pole tra queste due ragazze lanciatissime nella lotta per il titolo.

E' invece completamente mancata Sarah Moore, terza in campionato con 36 punti, appena 16esima. E dire che nelle tre precedenti qualifiche non aveva mai fatto peggio dell'ottavo posto, partendo anche dalla seconda piazzola nella gara di apertura stagionale. In seconda fila troveremo Nerea Marti, che ha lottato con orgoglio fino all'ultimo e nelle prime fasi della qualifica ha anche occupato il primo posto. La spagnola si è migliorata nel finale, passando da 1'43"094 a 1'43"042. Beitske Visser è quarta in 1'43"180; per lei è il terzo quarto posto stagionale (vanta anche una seconda posizione), ma a punti ci è finita soltanto a Silverstone, sesta. Vedremo se finalmente potrà dire la sua per conquistare il podio.

Terza fila per Irina Sidorkova, tornata al vertice dopo che già aveva segnato il quinto tempo nel GP di Austria, e Bruna Tomaselli, male a Silverstone, ma tornata nelle prime posizioni a Budapest. Settima, come nelle prime due qualifiche 2021, Marta Garcia che ha preceduto Emma Kimilainen, Belen Garcia e Jessica Hawkins.

Bene Vicky Piria, 11esima e mai così in alto in questo avvio di campionato. L'umbra era risultata 12esima a Silverstone e 15esima nelle due gare austriache. Ora andrà all'attacco per conquistare i primi punti nella W Series. Delusione per Fabienne Wohlwend, seconda in gara a Silverstone e terza a Spielberg 1, qualificatasi soltanto 13esima. Ritorno nella categoria per Caitlin Wood, australiana già vista nel 2019, la quale ha preso il posto di Abbie Pulling.

Sabato 30 luglio 2021, qualifica

1 - Jamie Chadwick - 1'42"735
2 - Alice Powell - 1'43"004
3 - Nerea Marti - 1'43"042
4 - Beitske Visser - 1'43"180
5 - Irina Sidorkova - 1'43"379
6 - Bruna Tomaselli - 1'43"610
7 - Marta Garcia - 1'43"790
8 - Emma Kimilainen - 1'43"864
9 - Belen Garcia - 1'43"898
10 - Jessica Hawkins - 1'43"908
11 - Vicky Piria - 1'44"209
12 - Ayla Agren - 1'44"308
13 - Fabienne Wohlwend - 1'44"342
14 - Abbey Eaton - 1'44"581
15 - Miki Koyama - 1'44"836
16 - Sarah Moore - 1'44"869
17 - Caitlin Wood - 1'45"071
18 - Sabré Cook - 1'45"422

17 Lug [15:14]

Silverstone, gara
Powell... power, si prende tutto

Giulia Rango

La terza gara stagionale della W Series a Silverstone non è sfuggita ad Alice Powell, che sta disputando un inizio di stagione fantastico: due pole positions (Stiria e Gran Bretagna) trasformate in due vittorie. Iniziando con una prima posizione nelle libere, ha poi trasformato la pole di ieri in vittoria oggi. La Powell ha dominato tutto il weekend e adesso è salita al potere, prendendosi la leadership del campionato. La classifica tuttavia non è ancora indirizzata: la Powell è a quota 49 punti, ma ha una sola lunghezza in più della Chadwick, che arrivando terza ha guadagnato 15 punti.

Tra le due britanniche sul podio si è interposta Fabienne Wohlwend: partita seconda, ha tagliato il traguardo sempre mantenendo il secondo posto, sognando per buona parte della gara la prima vittoria in W Series. La battaglia tra la Powell e la Wohlwend per salire sul gradino più alto del podio è stata combattuta fin dalla partenza: in seguito ad un ruota a ruota tra le due, la Wohlwend è riuscita con un ottimo spunto a prendersi la leadership della gara.

A cinque minuti dalla fine però, Miki Koyama è stata costretta a parcheggiare la macchina a bordo pista e ritirarsi, così è entrata in pista la safety-car, per permettere ai commissari di spostare la vettura della giapponese. Alla ripartenza, la Wohlwend è inizialmente riuscita a mantenere la prima posizione, ma ha commesso un errore poco dopo ed è andata un po’ troppo larga sul cordolo: questo ha permesso alla Powell di superarla all’interno involandosi verso la vittoria.

Quarta posizione per Emma Kimilainen, seguita da Nerea Marti e Beitske Visser. Partita quarta, l’olandese, reduce da una brutta partenza, ha perso posizioni riuscendo a aggiustare parzialmente la gara grazie ad un prolungato e avvincente sorpasso su Sarah Moore, che ha terminato in settima posizione.

Ha mantenuto l’ottava piazza al debutto in W Series Abbi Pulling, subito andata a punti. Dietro di lei troviamo Abbie Eaton e Jessica Hawkins. A una sola posizione dalla top ten l’italiana Vicky Piria, qualificatasi 13esima, ma partita 12esima. Marta Garcia infatti, arrivata oggi tredicesima, nella scorsa gara aveva rimediato una penalità di tre posizioni che ha scontato a Silverstone in griglia di partenza. La seconda e ultima ritirata della gara è stata Belen Garcia, che si è ritrovata la macchina danneggiata a causa di un tamponamento di Jessica Hawkins.

Sabato 17 luglio 2021, gara

1 – Alice Powell – 32’39”244
2 - Fabienne Wohlwend – 1”919
3 – Jamie Chadwick – 4”030
4 - Emma Kimilainen – 5”784
5 – Nerea Marti – 8”483
6 – Beitske Visser – 9”090
7 – Sarah Moore – 10”491
8 – Abbi Pulling – 11”088
9 – Abbie Eaton – 12”145
10 – Jessica Hawkins – 13”991
11 – Vicky Piria – 14”495
12 – Bruna Tomaselli – 15”022
13 – Marta Garcia – 15”887
14 – Sabré Cook – 16”489
15 – Irina Sidorkova 17”102
16 – Ayla Agren – 30”223

Ritirati
Belen Garcia
Miki Koyama

Il campionato
1.Powell 49; 2.Chadwick 48; 3.Moore 36; 4.Wohlwend 34 5.Kimilainen 27; 6.Sidorkova, Marti 22; 8.B.Garcia 14; 9.Tomaselli, Koyama, Eaton 10; 12.Visser 8; 13.Pulling 4; 14.Rdest 2; 15.Agren, Hawkins 1.

16 Lug [17:39]

Silverstone, qualifica
Powell, seconda pole su tre

Giulia Rango
 
Come la Formula 1, anche la W Series corre a Silverstone in Gran Bretagna questo weekend, in occasione della terza gara stagionale. Dopo la prima posizione nelle libere di questa mattina, Alice Powell si è presa la sua seconda pole position in W Series e lo ha fatto a casa sua. Con un tempo di 1’57”235, diventa la favorita per la gara di domani.

Per buona parte della qualifica, la Powell è rimasta in testa migliorandosi tentativo dopo tentativo, ma per poco non si è fatta beffare a due minuti dalla fine da Fabienne Wohlwend, forse l’unica che in qualifica è riuscita a tenerle testa e che domani partirà in seconda posizione. Dopo essersi aggiudicata il titolo di vice campione Challenge Ferrari 2020 ed essere arrivata sesta nella stagione 2019, la Wohlwend ha la possibilità di prendersi la sua prima vittoria in W Series, ma dovrà fare i conti con una scatenata Alice Powell.

Terzo e quarto tempo per le contendenti al titolo del 2019, Jamie Chadwick e Beitske Visser. Mentre la campionessa in carica è prima in classifica con 33 punti, l’olandese (favorita nella lotta per la conquista del titolo) è ancora ferma a zero: nelle due gare precedenti, ha fatto bene in qualifica, ma per diversi motivi ha poi perso posizioni in gara. A seguire troviamo Emma Kimilainen, andata a podio la scorsa gara, Nerea Marti e Sarah Moore, attualmente seconda in classifica con soli tre punti di distacco dalla Chawick.

Insieme alla Wohlwend, la sorpresa di oggi è Abbi Pulling, che al debutto assoluto in W Series (è attualmente sesta nella F4 inglese) ha registrato l’ottavo tempo. Dopo di lei troviamo Marta Garcia e Jessica Hawkins, che partiranno rispettivamente dalla nona e decima posizione. Tredicesima Vicky Piria. L’italiana è ancora a zero punti, ma domani farà di tutto per entrare nella top 10.

Venerdì 16 luglio 2021, qualifica

1 - Alice Powell - 1’57”235
2 - Fabienne Wohlwend - 1’57”597
3 - Jamie Chadwick - 1’57”760
4 - Beitske Visser - 1’57”939
5 - Emma Kimilainen - 1’58”007
6 - Nerea Marti - 1’58”026
7 - Sarah Moore - 1’58”089
8 - Abbi Pulling - 1’58”202
9 - Marta Garcia - 1’58’270
10 - Jessica Hawkins - 1’58”294
11 - Belen Garcia - 1’58”416
12 - Abbie Eaton - 1’58”460
13 - Vicky Piria - 1’58”548
14 - Ayla Agren - 1’58”626
15 - Bruna Tomaselli - 1’58”639
16 - Irina Sidorkova - 1’58”808
17 - Miki Koyama - 1’58”857
18 - Sabré Cook - 1’59”420

3 Lug [17:46]

Spielberg, gara
Chadwick, dalla pole alla vittoria

Giulia Rango
 
La seconda gara della stagione al Red Bull Ring, se l'aggiudica Jamie Chadwick, che sigla la sua terza vittoria in W Series e risponde ad Alice Powell, che una settimana fa conquistava la sua prima vittoria nella categoria. Dopo un primo weekend non abbastanza soddisfacente, in cui ha terminato in sesta posizione a seguito di un’incredibile rimonta, la Chadwick, che oggi era considerata la grande favorita vista la pole position di ieri, è riuscita a vincere con una guida pulita e in solitaria.

Alla partenza infatti, si è subito staccata dal resto del gruppo, creando un gap non più colmabile per le altre. Con l’inglese sul podio, sono salite Irina Sidorkova ed Emma Kimilainen, che fino alla fine ha provato a soffiare la seconda posizione alla russa. Partita ottava, Sarah Moore ha concluso al quarto posto grazie a un impegnativo sorpasso su Bruna Tomaselli, arrivata poi quinta. Nonostante questo, la Tomaselli ha saputo reggere la pressione per quasi tutta la gara, mantenendo la quarta posizione fino a meno di due minuti dalla fine.

Seguono Abbie Eaton, Nerea Marti e Alice Powell, da cui ci si aspettava di più contando la pole e la vittoria di una settimana fa sullo stesso circuito. Chiudono le prime dieci Belen Garcia e Fabienne Wolhend. Altra delusione per Beitske Visser, la cui vettura lo scorso sabato era stata tamponata da quella di Kimilainen. L’olandese aveva terminato in dodicesima posizione e non le è andata tanto meglio questa volta: undicesima posizione per lei a causa di un problema avuto proprio alla partenza, che la vedeva al via dalla seconda piazzola. Mentre la rivale scappava via dividendosi dal resto del gruppo, la Visser è rimasta inchiodata sull’asfalto per una manciata di secondi, e solo dopo essere stata superata da diverse vetture è riuscita a partire.

Vicky Piria ha mantenuto la posizione iniziale: partita quindicesima a causa di una penalità rimediata durante la scorsa gara, ha tagliato il traguardo da quindicesima, concludendo una gara abbastanza monotona. La classifica dopo due gare vede un podio di tre britanniche: la Chadwick con 33 punti, poi la Moore a 30 e infine la Powell a quota 29. Ancora a bocca asciutta la Visser che nel 2019 aveva totalizzato ben 100 punti e che nella prossima gara si ritroverà in Gran Bretagna a Silverstone, a casa delle prime tre in campionato.

Sabato 3 giugno 2021, gara

1 – Jamie Chadwick - 31’33”119
2 – Irina Sidorkova - 6”606
3 – Emma Kimilainen - 6”929
4 – Sarah Moore - 22”939
5 – Bruna Tomaselli - 25”183
6 – Abbie Eaton - 26”075
7 – Nerea Marti - 26”485
8 – Alice Powell - 26”735
9 – Belen Garcia - 27”244
10 – Fabienne Wohlwend - 27”535
11 – Beitske Visser - 27”764
12 – Marta Garcia - 29”526
13 – Sabré Cook - 30”793
14 – Ayla Agren - 30”895
15 – Vicky Piria - 40”964
16 – Jessica Hawkins - 42”921
17 – Gosia Rdest - 43”716
18 – Miki Koyama - 1 giro

Il campionato
1.Chadwick 33; 2.Moore 30; 3.Powell 29; 4.Sidorkova 22; 5.Wohlwend 16; 6.Kimilainen 15; 7.B.Garcia 14; 8.Marti 12; 9.Tomaselli, Koyama 10; 11.Eaton 8; 12.Rdest 2; 13.Agren 1.

2 Lug [17:16]

Spielberg, qualifica
Chadwick conquista la pole

Giulia Rango

La W Series, a una settimana dall'avvio del campionato 2021, nuovamente sul Red Bull Ring di Spielberg si è presentata per il secondo appuntamento stagionale. Dopo aver dominato nelle prove libere di questa mattina, concludendo la sessione da leader, la campionessa in carica Jamie Chadwick, che aveva guadagnato già tre pole position nel 2019 (a Hockenheim, Zolder, Brands Hatch) non ha deluso le aspettative e si è presa la sua prima pole della nuova stagione.

Un dominio non proprio totale però, vista la lotta che si è sviluppata nella qualifica per partire dalla prima piazzola. L’inglese è quasi sempre rimasta tra le prime tre, ma ha alternato la prima posizione con diversi piloti, e alla fine ha avuto la meglio su tutte con un tempo di 1’28”473. Subito dopo, si è qualificata Beitske Visser, con cui si è riacceso il confronto avuto nel 2019: come in Formula 1 abbiamo Hamilton contro Verstappen, anche domani si daranno battaglia un’inglese e un’olandese.

Emma Kimilainen qualificatasi terza, ha una penalità di tre posizioni a causa di un episodio avvenuto domenica scorsa in gara: la finlandese aveva urtato la vettura della Visser, e ha poi avuto problemi all’ala anteriore durante tutto il resto della gara. Partirà quindi dalla sesta posizione. Seguono Bruna Tomaselli, Nerea Marti (in netta crescita rispetto a una settimana fa quando era risultata 16esima), Irina Sidorkova e Marta Garcia, che hanno tutte e quattro disputato una buona qualifica, mettendo alla prova la Chadwick. Chiudono le prime dieci classificate Sarah Moore, Ayla Agren e Belen Garcia, che si era qualificata come terza nel primo appuntamento, ma questa volta non è riuscita a ripetersi.

L’unica italiana Vicky Piria, dopo aver occupato la provvisoria terza posizione per un paio di minuti, si è qualificata dodicesima, ma a causa di una penalità di tre posizioni rimediata domenica in gara (contatto con la Eaton), partirà dalla quindicesima posizione. La grande delusione di oggi è Alice Powell, vincitrice della prima gara del 2021, ma che ha registrato un tempo di 1’29”633 concludendo solo in tredicesima posizione. Esattamente una settimana fa sullo stesso circuito aveva ottenuto la sua prima pole position e anche la prima vittoria. La griglia di partenza adesso si è ribaltata, e la Powell domani sarà costretta a inseguire.

Venerdì 2 luglio 2021, qualifica

1 - Jamie Chadwick – 1’28”473
2 - Beitske Visser – 1’28”591
3 - Emma Kimilainen - 1’28”822 °°
4 - Bruna Tomaselli - 1’28”865
5 - Nerea Marti – 1’29”013
6 - Irina Sidorkova – 1’29”052
7 - Marta Garcia – 1’29”109
8 - Sarah Moore - 1’29”173
9 - Ayla Agren - 1’29”276
10 - Belen Garcia – 1’29”348
11 - Abbie Eaton - 1’29”561
12 - Vicky Piria – 1’29”615 **
13 - Alice Powell – 1’29”633
14 - Fabienne Wolhend - 1’29”643
15 - Jessica Hawkins – 1’20”696
16 - Gosia Rdest - 1’29”760
17 - Miki Koyama - 1’29”773
18 - Sabré Cook - no time

** Penalizzate di 3 posizioni

PrevPage 1 of 5Next

News

W SERIES
v

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone