formula 1

Budapest - Qualifica
McLaren super, Norris e Piastri in 1.fila

San Paolo 2012, Budapest 2024. Sono trascorsi ben 12 anni da quando la McLaren aveva monopolizzato la prima fila di un Gran P...

Leggi »
Rally

Rally di Lettonia – 3° giorno finale
Rovanperä-Ogier nel segno Toyota

Michele Montesano Non si arresta la marcia di Kalle Rovanperä. Il campione in carica del WRC ha ormai messo saldamente le man...

Leggi »
Formula E

Londra – Gara 1
Wehrlein vince e vede il titolo

Michele Montesano Tra i due litiganti il terzo gode. A due gare dal termine del campionato, il titolo di Formula E sembrava d...

Leggi »
FIA Formula 2

Budapest - Gara 1
Verschoor squalificato, vince Maini

Davide Attanasio - XPB ImagesNon esiste limite al peggio per Richard Verschoor (Trident). Ancora una volta, dopo aver vinto u...

Leggi »
F4 Italia

Le Castellet – Gara 1
Prima vittoria di Bohra

In una gara che ha visto pochi sorpassi e – per la prima volta in questa stagione – non ha richiesto l’intervento della safet...

Leggi »
Formula E

Londra - Qualifica 1
Evans in pole e accorcia su Cassidy

Michele Montesano Il finale della decima stagione di Formula E è ancora tutto da scrivere. Il doppio E-Prix di Londra segna l...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
15 Lug [23:53]

Pocono, gara: Blaney mette la seconda


Dopo essere tornato al vertice in Iowa al termine di una rincorsa per la vittoria seguita al titolo 2023, Ryan Blaney si è ripetuto su un tracciato molto diverso. Non lo short track da meno di un miglio che ha visto protagonista nel weekend l'IndyCar, ma l'enorme triangolo di Pocono, dalle caratteristiche uniche (quasi un misto tra ovale e stradale) e su cui l'esecuzione risulta spesso decisiva. Ad aiutare Blaney è stata infatti una serie di penalità che, dopo una caution occorsa al giro, ha fatto persdere posizioni a Kyle Larson, Chase Elliott, Daniel Suarez e Ty Gibbs: in tutti i casi, si è trattato di eccesso di velocità ai box in una specifica area, un microsettore probabilmente non calcolato bene.



Larson è stato probabilmente il più penalizzato, dato che dopo un inizio gara comunque tra i primi, aveva conquistato la leadership con le soste. Invece, Blaney ha potuto comandare le ultime fasi precedendo Denny Hamlin. Al comando per ampi tratti della gara, ha pagato un pit-stop non perfetto che gli ha fatto perdere posizioni. Nonostante una bella rimonta finale concretizzata nei confronti di Alex Bowman, non è riuscito a riagguantare la testa a dispetto di diversi restart. Ty Gibbs invece, che a sua volta aveva comandato inizialmente, si è dovuto ritirare per un problema al motore.

Alle spalle di un Bowman fresco vincitore di Chicago e ancora in spolvero, la quarta piazza è stata di William Byron, seguito da Joey Logano, a conferma di una crescita del team Penske che sembra specchiare quella del 2023 portata a termine col titolo.

Domenica 14 luglio 2024, gara

1 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 160 giri
2 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 160
3 - Alex Bowman (Chevy) - Hendrick - 160
4 - William Byron (Chevy) - Hendrick - 160
5 - Joey Logano (Ford) - Penske - 160 giri
6 - Tyler Reddick (Toyota) - 23XI - 160
7 - Brad Keselowski (Ford) - RFK - 160
8 - Martin Truex Jr. (Toyota) - Gibbs - 160
9 - Chase Elliott (Chevy) - Hendrick - 160
10 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 160
11 - Chris Buescher (Ford) - RFK - 160
12 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 160
13 - Kyle Larson (Chevy) - Hendrick - 160
14 - Erik Jones (Toyota) - Legacy MC - 160
15 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 160
16 - Daniel Suarez (Chevy) - Trackhouse - 160
17 - Carson Hocevar  (Chevy) - Spire - 160
18 - Austin Cindric (Ford) - Penske - 160
19 - Corey LaJoie (Chevy) - Spire - 160
20 - Josh Berry (Ford) - Stewart-Haas - 160
21 - AJ Allmendinger (Chevy) - Kaulig - 160
22 - Justin Haley (Ford) - RWR - 160
23 - Austin Dillon (Chevy) - Childress - 159
24 - Michael McDowell (Ford) - Front Row - 157
25 - Daniel Hemric (Chevy) - Kaulig - 153
26 - Cody Ware (Ford) - RWR - 134
27 - Ty Gibbs (Toyota) - Gibbs - 132
28 - John Hunter Nemechek (Toyota) - Legacy MC - 126
29 - Zane Smith (Chevy) - Spire - 126
30 - Ryan Preece (Ford) - Stewart-Haas - 121
31 - Harrison Burton (Ford) - Wood - 121
32 - Kyle Busch (Chevy) - Gibbs - 120
33 - Ricky Stenhouse Jr. (Chevy) - JTG Daugherty - 120
34 - Todd Gilliland (Ford) - Front Row - 115
35 - JJ Yeley (Chevy) - NYRacing - 112
36 - Ross Chastain (Chevy) - Trackhouse - 53
37 - Noah Gragson (Ford) - Stewart-Haas - 13

In campionato
1. Elliott 703; 2. Larson 700; 3. Reddick 688; 4. Hamlin 683; 5. Byron 646.

8 Lug [18:50]

Chicago, gara
Il ritorno di Bowman

Marco Cortesi

Alex Bowman ha vinto a Chicago la seconda apparizione della NASCAR su una pista cittadina, rimediando a 80 gare di digiuno che hanno incluso anche un brutto infortunio alle vertebre dal quale sembrava stentare a riprendersi. Bowman ha preso il comando con 7 giri alla conclusione nei confronti di Joey Hand, che nell'ultima serie di soste ai box si era ritrovato davanti a tutti per il team RFK Racing. Era stato chiamato dalla scuderia diretta da Brad Keselowski proprio per la sua expertise su piste stradali.

La gara ha visto condizioni di pista bagnata, nonostante le previsioni meteo che sembravano far presagire una giornata serena. Poco prima del via, un acquazzone ha fatto montare a tutti gomme da bagnato, presto sostituite da slick. In queste condizioni, il vincitore del 2023 Shane Van Gisbergen sembrava in grado di ripetersi dopo aver dominato il primo Stage. Invece, è tornato a piovere, ancor più forte, cosa che ha portato a diversi errori da parte dei piloti e una sospensione di quasi due ore. Uno dei contati ha visto Chase Briscoe arrivare lunghissimo, toccando Van Gisbergen e mandandolo nelle barriere. Ha fatto tutto da solo invece Kyle Larson, che con il Kiwi aveva messo in scena una battaglia incredibile nella gara Xfinity del sabato a forza di scambi continui di leadership. Larson è finito in aquaplaning e poi dritto nelle gomme senza riuscire a uscirne.

Anche lo stesso Bowman ha commesso un errore, spedendo in testacoda Bubba Wallace che, arrabbiatissimo, è andato a colpire la sua vettura dopo il traguardo. Fuori dalla lotta di vertice anche Denny Hamlin, andato lungo toccando Ricky Stenhouse.

Nel finale ha smesso di piovere, e alcuni piloti hanno scelto di montare gomme slick, nella speranza che la pista si asciugasse prima della fine, decisa in anticipo per le 20:20 visti il ritardo iniziale e l'interruzione. Tyler Reddick e Ty Gibbs hanno recuperato in fretta, ma nonostante una caution per l'uscita di Josh Berry non sono riusciti in tempo ad agguantare Bowman. Hanno ripreso Hand, che è giunto quarto, seguito da Michael McDowell, Ricky Stenhouse, Todd Gilliland e William Byron.

A dispetto delle difficoltà con la pioggia, l'evento di Chicago è stato un successo. Al contrario dello scorso anno, in cui le fortissime precipitazioni avevano costretto a cancellare gli eventi a contorno, quest'anno è stata una vera festa cittadina della Windy City con animazione e concerti (Chainsmokers e Black Keys) prima del gran finale targato NASCAR.

Domenica 7 luglio 2024, gara

1 - Alex Bowman (Chevy) - Hendrick - 58 giri
2 - Tyler Reddick (Toyota) - 23XI - 58
3 - Ty Gibbs (Toyota) - Gibbs - 58
4 - Joey Hand (Ford) - RFK - 58
5 - Michael McDowell (Ford) - Front Row - 58
6 - Ricky Stenhouse Jr. (Chevy) - JTG Daugherty - 58
7 - Todd Gilliland (Ford) - Front Row - 58
8 - William Byron (Chevy) - Hendrick - 58
9 - Kyle Busch (Chevy) - Gibbs - 58
10 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 58
11 - Daniel Suarez (Chevy) - Trackhouse - 58
12 - Daniel Hemric (Chevy) - Kaulig - 58
13 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 58
14 - Noah Gragson (Ford) - Stewart-Haas - 58
15 - Austin Cindric (Ford) - Penske - 58
16 - Justin Haley (Ford) - RWR - 58
17 - Zane Smith (Chevy) - Spire - 58
18 - Brad Keselowski (Ford) - RFK - 58
19 - Austin Dillon (Chevy) - Childress - 58
20 - Chris Buescher (Ford) - RFK - 58
21 - Chase Elliott (Chevy) - Hendrick - 58
22 - Ross Chastain (Chevy) - Trackhouse - 58
23 - Joey Logano (Ford) - Penske - 58
24 - Carson Hocevar (Chevy) - Spire - 58
25 - Harrison Burton (Ford) - Wood - 58
26 - Kaz Grala (Ford) - RWR - 58
27 - Corey LaJoie (Chevy) - Spire - 58
28 - Josh Bilicki (Ford) - RWR - 58
29 - Erik Jones (Toyota) - Legacy MC - 58
30 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 58
31 - Austin Hill (Chevy) - Childress - 58
32 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 58
33 - Martin Truex Jr. (Toyota) - Gibbs - 58
34 - Ryan Preece (Ford) - Stewart-Haas - 58
35 - John Hunter Nemechek (Toyota) - Legacy MC - 57
36 - Josh Berry (Ford) - Stewart-Haas - 57
37 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 55
38 - AJ Allmendinger (Chevy) - Kaulig - 48
39 - Kyle Larson (Chevy) - Hendrick - 33
40 - Shane Van Gisbergen (Chevy) - Kaulig - 24

In campionato
1. Larson 671; 2. Elliott 660; 3. Reddick 648; 4. Hamlin 629; 5. Truex 601.

3 Lug [21:36]

Nashville, gara
Logano vince la lotteria

Il finale dell'evento NASCAR sull'ovale di Nashville ha visto Joey Logano trionfare sul filo del carburante e garantirsi un posto nei playoff di fine anno, dopo ben cinque overtime che hanno esteso la durata della corsa di oltre 40 miglia, un decimo del totale previsto. Oltre agli incidenti veri e propri, a non permettere una conclusione in bandiera verde è stato anche il fatto che molti piloti sono rimasti senza benzina, aumentando il rischio di collisioni. Logano, invece, è riuscito a gestire il carburante fino alla fine, esibendosi anche in qualche "burnout".

Inaspettatamente, Zane Smith ha dato al piccolo team Spire un secondo posto, davanti a Tyler Reddick e Ryan Preece. Chris Buescher e Ryan Blaney hanno completato la top-5.

Della prima parte della gara, ci si ricorda poco, nonostante una lunga sospensione per un temporale.  Denny Hamlin sembrava destinato alla vittoria, dopo aver battuto Ross Chastain in duello, ma un contatto tra Austin Cindric e Noah Gragson ha portato all'overtime. Il primo protagonista a cadere è stato Chastain, mandato contro il muro da Larson, entrato in maniera scomposta al restart successivo. Al secondo tentativo di overtime, diverse auto si sono scontrate al centro del gruppo. Nel terzo overtime, Larson ha causato una nuova neutralizzazione rimanendo senza benzina e facendo girare Kyle Busch, che stava miracolosamente risalendo dopo una giornata, l'ennesiam, piuttosto difficile. Sotto caution, sia Hamlin che Martin Truex Jr, rispettivamente primo e terzo, si sono fermati per un pit-stop, mentre al restart seguente Chase Elliott è rimasto a secco.

Un testacoda con conseguente impatto contro le barriere per Josh Berry ha prolungato la gara per l'ultima volta. Chase Briscoe, che era secondo, ha subito rallentato al restart, mentre Logano e Reddick si sono contesi la vittoria, rischiando di essere sorpresi da Smith, ma Logano ha prevalso. Briscoe ha terminato sesto, seguito da Bubba Wallace, Ryan Blaney e Carson Hocevar. Truex e Hamlin hanno chiuso al quattordicesimo e quindicesimo posto.
 Christopher Bell, vincitore in New Hampshire e migliore interprete delle piste da meno di un miglio e mezzo, ha dominato la prima parte della corsa ma, trovatosi nel gruppo dopo una sosta, ha perso il ritmo e ha perso il posteriore ritrovandosi nelle barriere. Anche Brad Keselowski è uscito di scena, girandosi dopo aver toccato Austin Dillon durante un sorpasso.

Domenica 30 giugno, gara

1 - Joey Logano (Ford) - Penske - 331 giri
2 - Zane Smith (Chevy) - Spire - 331
3 - Tyler Reddick (Toyota) - 23XI - 331
4 - Ryan Preece (Ford) - Stewart-Haas - 331
5 - Chris Buescher (Ford) - RFK - 331
6 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 331
7 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 331
8 - Kyle Larson (Chevy) - Hendrick - 331
9 - Daniel Hemric (Chevy) - Kaulig - 331
10 - Noah Gragson (Ford) - Stewart-Haas - 331
11 - AJ Allmendinger (Chevy) - Kaulig - 331
12 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 331
13 - Justin Haley (Ford) - RWR - 331
14 - Alex Bowman (Chevy) - Hendrick - 331
15 - Austin Cindric (Ford) - Penske - 331
16 - Carson Hocevar  (Chevy) - Spire - 331
17 - Todd Gilliland (Ford) - Front Row - 331
18 - Chase Elliott (Chevy) - Hendrick - 331
19 - William Byron (Chevy) - Hendrick - 331
20 - Corey LaJoie (Chevy) - Spire - 331
21 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 331
22 - Daniel Suarez (Chevy) - Trackhouse - 331
23 - Ty Gibbs (Toyota) - Gibbs - 331
24 - Martin Truex Jr. (Toyota) - Gibbs - 331
25 - Brad Keselowski (Ford) - RFK - 330
26 - Josh Berry (Ford) - Stewart-Haas - 327
27 - Kyle Busch (Chevy) - Gibbs - 319
28 - Harrison Burton (Ford) - Wood - 312
29 - Corey Heim (Toyota) - 23XI - 312
30 - Ricky Stenhouse Jr. (Chevy) - JTG Daugherty - 312
31 - John Hunter Nemechek (Toyota) - Legacy MC - 306
32 - Austin Dillon (Chevy) - Childress - 305
33 - Ross Chastain (Chevy) - Trackhouse - 304
34 - Erik Jones (Toyota) - Legacy MC - 287
35 - Michael McDowell (Ford) - Front Row - 239
36 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 227
37 - Ryiley Herbst (Ford) - RWR - 201
38 - Chad Finchum (Ford) - RWR - 132

In campionato
1. Larson 664; 2. Elliott 644; 3. Hamlin 621; 4. Reddick 611; 5. Truex 591. 

25 Giu [3:46]

New Hampshire, gara
Bell vince con le rain

Christopher Bell ha centrato in New Hampshire il suo terzo successo dell'anno, che lo proietta ancora da favorito verso i playoff in particolare su un tipo di pista simile a quello dove si terrà la finalissima. L'unicità è stata stavolta quella delle gomme da bagnato, che dopo un lungo stop per pioggia sono state montate da tutte le vetture. Si è trattato del più lungo stint su gomme rain da quando è stata data alla NASCAR la possibilità di utilizzarle, sulle piste più lente. Come da regolamento, devono essere utilizzate da tutti nelle modalità date dalla NASCAR, e si è arrivati così a un finale in cui le slick sarebbero state più veloci. Tuttavia, Bell è stato il migliore nella gestione, terminando davanti alla coppia del team Stewart-Haas composta da Chase Briscoe e Josh Berry.

Nonostante la chiusura della squadra, continuano ad arrivare risultati interessanti, e in particolare sul bagnato entrambi i piloti hanno mostrato di a vere un ottimo assetto. Kyle Larson e Chris Buescher hanno completato la top-5. Va detto che ad aiutare Bell è stata anche la partecipazione nella gara della Xfinity series disputata al sabato, in condizioni simili, e che lui ha vinto.

Sesto Tyler Reddick, che quando è iniziato a piovere, sperando in una bandiera rossa finale, era rimasto in pista prendendo la leadership davanti a Michael McDowell. Quest'ultimo è stato poi messo fuori gioco da un contatto con Ryan Blaney, una situazione dispertata la sua alla ricerca di una vittoria per ottenere l'accesso ai playoff. Nono posto per Martin True in rimonta dopo un errore del team in pit-lane, e un contatto con Brad Keselowski. Top-10 per Ross Chastain nonostante un testacoda.

Il contatto più "blasonato" è stato quello che ha visto Joey Logano toccarsi contro Chase Elliott. Nella lotta per l'accesso alla seconda fase, KO di Kyle Busch con diversi incidenti, mentre Alex Bowman è stato fermato da un guaio tecnico.

Domenica 23 giugno 2024, gara:

1 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 305 giri
2 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 305
3 - Josh Berry (Ford) - Stewart-Haas - 305
4 - Kyle Larson (Chevy) - Hendrick - 305
5 - Chris Buescher (Ford) - RFK - 305
6 - Tyler Reddick (Toyota) - 23XI - 305
7 - Ricky Stenhouse Jr. (Chevy) - JTG Daugherty - 305
8 - John Hunter Nemechek (Toyota) - Legacy MC - 305
9 - Martin Truex Jr. (Toyota) - Gibbs - 305
10 - Ross Chastain (Chevy) - Trackhouse - 305
11 - Ryan Preece (Ford) - Stewart-Haas - 305
12 - Todd Gilliland (Ford) - Front Row - 305
13 - Erik Jones (Toyota) - Legacy MC - 305
14 - Harrison Burton (Ford) - Wood - 305
15 - Michael McDowell (Ford) - Front Row - 305
16 - Ty Gibbs (Toyota) - Gibbs - 305
17 - Carson Hocevar  (Chevy) - Spire - 305
18 - Chase Elliott (Chevy) - Hendrick - 305
19 - Austin Cindric (Ford) - Penske - 305
20 - Ty Dillon (Chevy) - Spire - 305
21 - Daniel Suarez (Chevy) - Trackhouse - 305
22 - Kaz Grala  (Ford) - RWR - 305
23 - Corey LaJoie (Chevy) - Spire - 305
24 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 305
25 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 305
26 - William Byron (Chevy) - Hendrick - 305
27 - Noah Gragson (Ford) - Stewart-Haas - 305
28 - Brad Keselowski (Ford) - RFK - 305
29 - Justin Haley (Ford) - RWR - 305
30 - Zane Smith (Chevy) - Spire - 304
31 - Daniel Hemric (Chevy) - Kaulig - 303
32 - Joey Logano (Ford) - Penske - 302
33 - Austin Dillon (Chevy) - Childress - 268
34 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 265
35 - Kyle Busch (Chevy) - Gibbs - 222
36 - Alex Bowman (Chevy) - Hendrick - 142

In campionato
1. Larson 620; 2. Elliott 620; 3. Hamlin 580; 4. Truex 572; 5. Reddick 560.

18 Giu [19:43]

Ritiro a fine stagione per Truex Jr
Una storia da campione

Marco Cortesi

Martin Truex Jr. ha annunciato il ritiro dalla NASCAR a fine stagione. Il pilota del New Jersey, ancora competitivo, ha deciso di dedicarsi di più alla vita privata e ad altri interessi fuori dal motorsport. A 43 anni, Truex ha vinto un titolo Cup Series e due in quella che oggi è la Xfinity Series. Ben 34 le sue affermazioni nel campionato maggiore.

Arrivato alle corse da una famiglia tradizionalmente legata al motorsport, aveva debuttato sotto le insegne del team paterno. Subito preso sotto la sua ala protettrice da Dale Earnhardt Jr, è stato presto inserito nel team Chance2 centrando i titoli Xfinity e 13 successi.

In seguito è arrivato il passaggio al team DEI in Cup Series e la prima vittoria. In seguito, la scelta di entrare nella neonata formazione Toyota, con il Michael Waltrip Racing. Quattro anni caratterizzati da una serie di alti e bassi, culminati nel 2013 con lo "spingate", un tentativo da parte della squadra di manipolare i playoff per favorirlo.

Da lì il passaggio al Furniture Row Racing e l'incredibile successo con la piccola scuderia di Barney Visser. Nel 2015, la prima apparizione nella finale a quattro per il titolo, e poi nel 2016 la conquista della Cup Series, per poco non replicato l'anno successivo. In epoca recente, nessuno era riuscito ad imporsi con una compagine mono-vettura.

Grazie alla relazione con Toyota, era arrivato l'approdo al team Gibbs, con altri risultati positivi, inclusi due secondi posti in classifica. Dopo le difficoltà con la nuova vettura nel 2022, e il mancato accesso ai playoff, erano arrivate nuove vittorie lo scorso anno. 

Truex, grande appassionato di caccia, pesca e sport all'aria aperta ad alto livello, è uno dei pochi piloti a non vivere e non recarsi mai nel North Carolina, sede dei principali team, lavorando da remoto per gli incontri pre e post gara. Si apre ora la successione. Non è detto che non torni in pista "per diletto" magari in serie minori o per alcune gare. Invece, ill favorito per il rimpiazzo full-time sembra essere Chase Briscoe, liberatosi contrattualmente con la chiusura dello Stewart-Haas Racing.

17 Giu [19:21]

Iowa, gara
Finalmente torna Blaney

Gran vittoria per Ryan Blaney all'Iowa Speedway. L'ovale corto tutto in curva della cittadina di Newton ha dato il benvenuto alla NASCAR Cup Series per la prima volta, con risultati da tutto esaurito e tribune stracolme. Blaney è stato il pilota più in palla per tutta la serata, su una pista quasi di casa (la madre proviene dalla zona), ed è tornato a prevalere da fine scorso anno.

Nell'ultimo stint dopo il pit con 84 giri al termine su 350, Blaney è tornato in pista con gomme nuove, e ha gestito il margine, anche grazie all'assenza nel finale di situazioni di caution. Gli altri a quel punto erano lontani, e non sono riusciti a rimontare come avrebbero potuto più facilmente fare, ad esempio, in un restart.

Anche se Blaney ha dominato per 201 giri, la gara ha vissuto molteplici battaglie, specialmente la sua con Kyle Larson. Nel secondo stage, Larson e Josh Berry hanno a loro offerto un fantastico confronto, con Berry finalmente competitivo con il team Stewart-Haas. Larson è stato coinvolto in un incidente al giro 220, colpito da Daniel Suarez, finendo contro Denny Hamlin.

Chris Buescher è stato escluso a causa di una foratura, problema comune per molti piloti, inclusi Ross Chastain e AJ Allmendinger, a causa della mescola più morbida di Goodyear portata per cercare di mettere più "in mano" al pilota la gestione del cosumo. Nelle prime posizioni si sono piazzati anche Ricky Stenhouse, Joey Logano, Berry, Alex Bowman e Suarez.

D‍omenica 16 giugno 2024, gara

1 - Ryan Blaney (Ford) - Penske - 350 giri
2 - William Byron (Chevy) - Hendrick - 350
3 - Chase Elliott (Chevy) - Hendrick - 350
4 - Christopher Bell (Toyota) - Gibbs - 350
5 - Ricky Stenhouse Jr. (Chevy) - JTG Daugherty - 350
6 - Joey Logano (Ford) - Penske - 350
7 - Josh Berry (Ford) - Stewart-Haas - 350
8 - Alex Bowman (Chevy) - Hendrick - 350
9 - Daniel Suarez (Chevy) - Trackhouse - 350
10 - Brad Keselowski (Ford) - RFK - 350
11 - Ross Chastain (Chevy) - Trackhouse - 350
12 - Todd Gilliland (Ford) - Front Row - 350
13 - Justin Haley (Ford) - RWR - 350
14 - Carson Hocevar (Chevy) - Spire - 350
15 - Martin Truex Jr. (Toyota) - Gibbs - 349
16 - Noah Gragson (Ford) - Stewart-Haas - 349
17 - Bubba Wallace (Toyota) - 23XI - 349
18 - Chris Buescher (Ford) - RFK - 349
19 - Austin Dillon (Chevy) - Childress - 349
20 - Harrison Burton (Ford) - Wood - 349
21 - Corey LaJoie (Chevy) - Spire - 349
22 - Tyler Reddick (Toyota) - 23XI - 349
23 - Michael McDowell (Ford) - Front Row - 349
24 - Denny Hamlin (Toyota) - Gibbs - 348
25 - Ty Gibbs (Toyota) - Gibbs - 348
26 - John Hunter Nemechek (Toyota) - Legacy MC - 348
27 - Ryan Preece (Ford) - Stewart-Haas - 348
28 - Chase Briscoe (Ford) - Stewart-Haas - 348
29 - Daniel Hemric (Chevy) - Kaulig - 348
30 - Austin Cindric (Ford) - Penske - 347
31 - Zane Smith (Chevy) - Spire - 347
32 - Erik Jones (Toyota) - Legacy MC - 347
33 - Kaz Grala (Ford) - RWR - 345
34 - Kyle Larson (Chevy) - Hendrick - 314
35 - Kyle Busch (Chevy) - Gibbs - 272
36 - AJ Allmendinger (Chevy) - Kaulig - 54

PrevPage 1 of 10Next

News

nascar
v

FirstPrevPage 1 of 3NextLast
FirstPrevPage 1 of 3NextLast