29 Giu [10:46]

La Porsche 919 regina al Nurburgring
Battuto il record di Bellof in 5'19"

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Marco Cortesi

Anche i record più celebri cadono. La Porsche ha infatti annunciato di aver infranto, oltre 35 anni dopo, il primato del Nurburgring Nordschleife che apparteneva a Stefan Bellof su Porsche 956. Il compianto pilota tedesco, tragicamente scomparso a Spa-Franchorchamps due anni dopo, aveva girato in 6’11” nell’ultima vera occasione in cui i prototipi Gruppo C avevano potuto calcare il temibile “inferno verde”. I primi test per il nuovo tentativo erano iniziati a giugno, ma la conferma, ed il tempo ufficiale, sono arrivati solo ora.

Protagonista, la Porsche 919 Hybrid Evo che aveva già fatto cadere il record proprio di Spa-Francorchamps. Al volante Timo Bernhard, uomo forte di Stoccarda, che ha vissuto tutta la sua carriera sotto le insegne Porsche e vissuto i primissimi istanti di gestazione della 919. Il tempo, un incredibile 5’19”546, quasi un minuto sotto quello di Bellof. Ancora più impressionanti i dati di velocità massima (oltre 369 kmh) e media (oltre 233 kmh).

Realizzata dalla 919 LMP1, la Evo ha più aerodinamica all’anteriore e al posteriore, delle minigonne, e ovviamente non ha le restrizioni sui sistemi di equivalenza tecnologica, oltre ad un peso per quanto possibile ridotto. Risultato, una macchina quasi più veloce di una Formula 1 e in grado di entrare nella storia: se il record di Spa sarà quasi sicuramente battuto dalle Formula 1 2018, quello del Nurburgring sembra poter diventare più duraturo, a meno che qualche rivale...

Scarica
il magazine

Il magazine di ItaliaRacing ora disponibile anche per iPad, iPhone, Android

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone