formula 1

Il weekend di Monaco "normalizzato":
dal 2022 basta prove libere al giovedì

Anche le tradizioni non sono per sempre, e nel 2022 in Formula 1 ne sparirà una tipica del Gran Premio di Monaco: il weekend ...

Leggi »
formula 1

Honda al massimo fino alla fine:
da Spa batterie evolute per la Red Bull

Il mantra lo conosciamo da mesi: la Honda lascerà la Formula 1 a fine stagione, ma sta dando sempre il massimo per uscire di ...

Leggi »
formula 1

Whitmarsh torna in Formula 1:
ruolo dirigenziale in Aston Martin

Martin Whitmarsh rientra nel giro della Formula 1, e lo fa con il team Aston Martin: sarà responsabile della nuova divisione ...

Leggi »
F3 FIA Asia

È pronto il calendario 2022
Cinque eventi tra Yas Marina e Dubai

La bella e avvincente stagione 2021 della F3 Asia organizzata dalla Top Speed dell'italiano Davide De Gobbi è alle spalle...

Leggi »
formula 1

Prost contro le strane idee di Liberty
"La griglia invertita? Non sarebbe più F1"

C'è un signore che ha fatto la storia della F1. Un signore che ha vinto quattro campionati del mondo e da qualche stagio...

Leggi »
formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
12 Set [21:55]

Sugo, gara
Il ritorno del team Impul dopo 5 anni

Marco Cortesi

Gara ricca di sorprese quella del Super GT giapponese a Sugo. La tortuosa pista della prefettura di Miyagi ha visto prevalere ancora una Nissan, quella di Matsushita-Hiramine e del team Impul, che nelle prime fasi, con solo 16 kg di zavorra, era risultata veloce ma ha anche approfittato di una serie di problemi.

Da segnalare, prima di tutto, che su diverse vetture sono stati montati nuovi motori più aggiornati, e in particolare in Toyota qualcosa è andato storto. La sorpresa decisiva ha però riguardato la Honda Arta partita in pole con Tomoki Nojiri. Il team di Aguri Suzuki ha preso una penalità per un’infrazione al pit-stop, e ha tentato di assolverla durante una safety car. La cosa è però vietata, e la vettura numero 8 si è dovuta così femare. Matsushita e Hiramine hanno preso il comando senza più mollarlo. Per Impul è stata la prima vittoria in 5 anni.

Tornando a parlare di motori, i problemi hanno riguardato diverse scuderia, principalmente Toyota ma anche la Nissan numero 3 del team B-Max, che poteva lottare per il terzo posto. Motore KO per le Supra dei team Cerumo (sia Tachikawa-Ishiura che Oshima-Yamashita) e Bandoh (Kunimoto-Miyata), mentre sempre in Toyota, una lotta a sportellate tra i team Sard e Tom’s ha messo KO Hirakawa-Sakaguchi.

Al secondo posto alle spalle dei vincitori si sono così issati i campioni in carica Yamamoto-Makino, che hanno allungato in classifica nonostante gli 80 chili di zavorra. Terzo posto per la Honda Real di Bertrand Baguette e Koudai Tsukakoshi. Top-5 per le Toyota di Sekiguchi-Tsuboi e Kovalainen-Nakayama, sopravvissuti al contatto citato.

Al settimo posto, hanno recuperato punti Tsugio Matsuda e Ronnie Quintarelli. Avendo rotto un motore nelle prime fasi del campionato, hanno utilizzato il terzo propulsore dell’anno e questo è costato loro uno stop and go addizionale. Nonostante tutto però, la coppia nippo-tricolore ha approfittato dei vari problemi in pista girando su tempi competitivi.

Domenica 12 settembre 2021, gara

1 - Matsushita-Hiramine (Nissan GTR) – Impul - 78 giri
2 - Yamamoto-Makino (Honda NSX)– Kunimitsu - 8"511
3 - Tsukakoshi-Baguette (Honda NSX)– Real - 11"145
4 - Sekiguchi-Tsuboi (Toyota Supra) – Tom’s - 12"437
5 - Nakayama-Kovalainen (Toyota Supra) - Sard - 12"596
6 - Takaboshi-Sasaki (Nissan GTR) – Kondo - 24"626
7 - Matsuda-Quintarelli (Nissan GTR) – Nismo - 28"532
8 - Izawa-Otsu (Honda NSX)– Nakajima - 30"822
9 - Oyu-Sasahara (Honda NSX)– Mugen - 42"921

Ritirati
82° giro - Nojiri-Fukuzumi
76° giro - Hirakawa-Sakaguchi
63° giro Oshima-Yamashita
58° giro- Tachikawa-Ishiura
46° giro - Kunimoto-Miyata
38° giro - Hirate-Chiyo

Il campionato
1. Yamamoto 55; 2. Makino 52; 3. Tsukakoshi-Baguette 41; 4. Sekiguchi-Tsuboi 40; 5. Oshima/Yamashita 35.

11 Set [18:49]

Sugo, qualifica
Pole position per Nojiri-Fukuzumi

Marco Cortesi

Doppietta Honda sul tecnico tracciato di Sugo, che ospita il sesto appuntamento del SuperGT 2021. La pole position è andata a Nirei Fukuzumi, che ha messo a segno un gran giro in una sessione che ha premiato tre delle vetture con meno zavorra del lotto. Il secondo posto infatti è andato alla Honda Mugen di Sasahara-Oyu, leader delle libere, mentre la Nissan Impul di Hiramine-Matsushita si è issata terza grazie ai soli 16 chilogrammi aggiuntivi presenti.

Performance degna di nota per Bertrand Baguette, che ha fatto segnare il quarto tempo con 60 chili in più sulla NSX Real. Staccate le Toyota, anche se la vettura del team Sard aveva comandato la Q1 con Yuichi Nakayama. Kovalainen ha completato la Q2 però ottavo alle spalle della vettura Cerumo di Tachikawa-Ishiura. Fuori dalla Q2 la GT-R numero 21 di Ronnie Quintarelli e Tsugio Matsuda. Il giapponese ha mancato il "taglio" per pochissimo, in uno schieramento estremamente ravvicinato per gli standard della serie, con 15 vetture in otto decimi. In GT300, pole per la Subaru BRZ di Iguchi-Yamauchi.

Sabato 11 settembre 2021, qualifica

1 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – ARTA - 1'09"887
2 - Oyu-Sasahara (Honda NSX) – Mugen - 1'10"049
3 - Matsushita-Hiramine (Nissan GTR) – Impul - 1'10"238
4 - Tsukakoshi-Baguette (Honda NSX) – Real - 1'10"279
5 - Hirate-Chiyo (Nissan GTR) – Bmax - 1'10"332
6 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 1'10"366
7 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 1'10"415
8 - Nakayama-Kovalainen (Toyota Supra) - Sard - 1'10"623
9 - Hirakawa-Sakaguchi (Toyota Supra) – Tom’s - 1'10"744
10 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 1'10"783
11 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 1'10"791
12 - Matsuda-Quintarelli (Nissan GTR) – Nismo - 1'10"842
13 - Kunimoto-Miyata (Toyota Supra) – Bandoh - 1'10"908
14 - Sekiguchi-Tsuboi (Toyota Supra) – Tom’s - 1'11"072
15 - Takaboshi-Sasaki (Nissan GTR) – Kondo - 1'11"140

22 Ago [10:00]

Suzuka - Gara
La rivincita di Quintarelli-Matsuda

Marco Cortesi

Sospirato ritorno alla vittoria per Ronnie Quintarelli e Tsugio Matsuda nell'appuntamento di Suzuka del SuperGT giapponese 2021. La coppia della Nissan, che aveva conquistato i due round di Suzuka nel 2020, ha segnato il punteggio pieno riscattando un inizio di stagione piuttosto tormentato, cominciato con un contatto per Matsuda ad Okayama e continuato al Fuji  con la rottura del motore poco dopo il via.

Partito dal terzo posto, Quintarelli ha subito guadagnato una posizione col KO di Takuya Izawa, finito nelle barriere con i freni rotti. Al re-start dopo una lunga safety-car (i dischi incandescenti della Honda Nakajima avevano dato fuoco agli airfence) ha poi tenuto la seconda posizione contenendo il distacco. In occasione delle soste, il team NISMO si è poi fermato più o meno a metà corsa, mentre altre due Nissan, quelle dei team BMAX e Kondo, optavano per degli undercut aggressivi. Quintarelli si è così trovato a fare più giri in pieno traffico, cercando di minimizzare le perdite di tempo, ma quando è rientrato, Matsuda si è ritrovato quarto.

La tattica ha però funzionato in seguito, quando il giapponese, con gomme in migliori condizioni e senza zavorra, ha recuperato colpo su colpo. Prima ha passato la Honda di Ukyo Sasahara, in crisi con le Dunlop così veloci in qualifica, poi ha riagguantato i compagni di marca. Al giro 41, è passato al comando su Kohei Hirate con un preciso attacco al tornantino mentre un leggero acquazzone bagnava la pista, involandosi successivamente verso il traguardo con oltre 10" di vantaggio.

Al terzo posto, Mitsunori Takaboshi ha tenuto alle spalle Naoki Yamamoto completando una tripletta Nissan che, zavorre a parte, dà morale a tutto il gruppo all'ultima stagione (si spera) con la datata GT-R. In ottica campionato, importante quarto posto per la Honda Kunimitsu nonostante i chili di zavorra e il restrittore applicato al flusso carburante. Partiti undicesimi, sono stati seguiti nella loro rimonta dai primi piloti Toyota, Tsuboi-Sekiguchi. Più staccati gli ormai ex leader del campionato, Yamashita-Oshima, con la Supra Cerumo, appesantiti da 20kg più il restrittore. Yamamoto ha assunto così la testa della graduatoria, in solitaria vista l'assenza di Tadasuke Makino nell'apertura di Okayama.

In classe GT300, la vittoria è andata alla Toyota GT86 a telaio Dome di Atsushi Miyake e Yuui Tsutsumi.

Domenica 22 agosto 2021, gara:

1 - Matsuda-Quintarelli (Nissan GTR) – Nismo - 52 giri
2 - Hirate-Chiyo (Nissan GTR) – Bmax - 11"362
3 - Takaboshi-Sasaki (Nissan GTR) – Kondo - 20"127
4 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 25"214
5 - Sekiguchi-Tsuboi (Toyota Supra) – Tom’s - 26"208
6 - Matsushita-Hiramine (Nissan GTR) – Impul - 45"076
7 - Tsukakoshi-Baguette (Honda NSX) – Real - 45"527
8 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 46"485
9 - Oyu-Sasahara (Honda NSX) – Mugen - 47"175
10 - Hirakawa-Sakaguchi (Toyota Supra) – Tom’s - 48"180
11 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – ARTA - 50"825
12 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 54"806
13 - Kunimoto-Miyata (Toyota Supra) – Bandoh - 62"023
14 - Nakayama-Kovalainen (Toyota Supra) - Sard - 66"541

Ritirati
6° giro - Izawa-Otsu

Il campionato
1‍. Yamamoto 40; 2. Makino 37; 3. Oshima-Yamashita 35; 4. Sekiguchi-Tsuboi 32; 5. Tsukakoshi-Baguette 30. 

21 Ago [10:04]

Suzuka, qualifica
Doppietta di Honda e Dunlop

Marco Cortesi

Doppietta Honda e Dunlop nell'appuntamento di Suzuka del SuperGT. Dopo un gran tempo fatto segnare in Q1 da Hiroki Otsu, quasi un secondo più veloce di tutti gli altri, il compagno di colori in Nakajima Takuya Izawa ha mantenuto il primo posto nonostante una piccola uscita di pista nel suo tentativo iniziale. Alle sue spalle, la NSX Mugen di Toshiki Oyu. E' stata una qualifica-no per le gomme Bridgestone, con una sola vettura in top-5.

Al terzo posto, guadagnando una posizione rispetto al Q1, Ronnie Quintarelli ha messo in mostra un buon potenziale dopo aver comandato le libere con la GT-R gommata Michelin numero 23. E' un po' la gara della vita per l'equipaggio NISMO, molto indietro in classifica ma anche con poca zavorra. Quarta piazza per la Nissan Kondo, con gomme Yokohama e Mitsunori Takaboshi al volante. Top-5 per la Honda Arta seguita dall'omologa vettura del Real Racing.

Insolitamente, tutte nel Q2 le Nissan con i team B-Max e Impul a comporre la quarta fila. Più indietro molti dei principali attori del campionato, penalizzati, oltre che col peso, anche con il restrittore. Dunlop al vertice anche in classe GT300 con la Subaru di Iguchi-Yamauchi. In questo caso, nessuna vettura gommata Bridgestone è entrata al Q2.

Sabato 21 agosto 2021, qualifica

1 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 1’45”128
2 - Oyu-Sasahara (Honda NSX) – Mugen - 1’45”349
3 - Matsuda-Quintarelli (Nissan GTR) – Nismo - 1’45”710
4 - Takaboshi-Sasaki (Nissan GTR) – Kondo - 1’45”861
5 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – ARTA - 1’46”030
6 - Tsukakoshi-Baguette (Honda NSX) – Real - 1’46”155
7 - Hirate-Chiyo (Nissan GTR) – Bmax - 1’46”289
8 - Matsushita-Hiramine (Nissan GTR) – Impul - 1’49”072
9 - Kunimoto-Miyata (Toyota Supra) – Bandoh - 1'46"177
10 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 1'46"235
11 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 1'46"310
12 - Sekiguchi-Tsuboi (Toyota Supra) – Tom’s - 1'46"326
13 - Nakayama-Kovalainen (Toyota Supra) - Sard - 1'46"377
14 - Hirakawa-Sakaguchi (Toyota Supra) – Tom’s - 1'46"514
15 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 1'46"736

18 Lug [8:29]

Motegi, gara
Makino-Yamamoto, che battaglia

Marco Cortesi

I campioni in carica Tadasuke Makino e Naoki Yamamoto si sono confermati a Motegi, nel quarto appuntamento del SuperGT giapponese, ritornando alla vittoria dopo il successo che, sempre a Motegi, gli aveva dato il titolo a fine 2020. La Honda Kunimitsu, dopo una spettacolare battaglia durata tutta la corsa con la Toyota Bandoh, è riuscita con Yamamoto a resistere nel finale al ritorno di Ritomo Miyata. La scuderia di Masataka Bandoh, figlio del patron SuperGT, è andata vicina al colpaccio anche grazie alle gomme Yokohama estremamente veloci in particolare a inizio stint. Dopo i primi giri che avevano visto Makino al top, Yuji Kunimoto era infatti passato a condurre all'11° giro, approfittando del traffico.

Un perfetto undercut ha però riportato davanti la NSX numero 1. A quel punto, Yamamoto ha dovuto resistere all'assalto, aiutato anche da due Full Course Yellow che hanno stabilizzato il gap. Nei primi passaggi dopo la ripresa, in entrambi i casi, Miyata si è riaffacciato, con le prestazioni che andavano però a stabilizzarsi poco dopo a favore dei rivali, una volta che le Bridgestone entravano nella loro finestra operativa. Alla fine, uno solo è stato l'attacco vero, grazie anche al "gioco" di due Toyota GT300 doppiate, ma Yamamoto ha resistito, allungando poi nel finale. Una bella prova sia per Yamamoto, in particolared difficoltà nell'inizio di stagione, sia per Makino dopo la meningite che l'aveva costretto a saltare la prima gara.

Terza posizione per la prima delle Toyota Tom's, quella di Sho Tsuboi e Yuhi Sekiguchi, mentre Toshiki Oyu ha portato la Honda targata RedBull del team Mugen al quarto posto, approfittando di un errore in doppiaggio che ha messo KO il compagno di marca Hiroki Otsu.

Sono continuate in gara le difficoltà della Nissan ed in particolare del team Nismo. Ronnie Quintarelli ha mantenuto il decimo posto al via, e Tsugio Matsuda dopo la sosta è passato undicesimo. I ritiri di Otsu, e di Koudai Tsukakoshi con la Honda Real, gli hanno dato la possibilità di segnare punti, ma considerando l'assenza di zavorra, ed il sesto posto di Kohei Hirate a parità di gomme Michelin, si può parlare di un'altra gara-no. Nonostante il tredicesimo posto, complici zavorra e restrittore, Kenta Yamashita e Kazuya Oshima rono rimasti al vertice del campionato.

In classe GT300, vittoria a sorpresa per Hiroki Katoh e Ryohei Sakaguchi, lo zio di Sena Sakaguchi. Sulla loro Lotus a telaio Dome sono entrati ai box pochi secondi prima di una Full Course Yellow, balzando al comando e mantenendolo fino alla fine.

Domenica 18 luglio 2021, gara

1 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 63 giri
2 - Kunimoto-Miyata (Toyota Supra) – Bandoh - 3"221
3 - Sekiguchi-Tsuboi (Toyota Supra) – Tom’s - 11"880
4 - Oyu-Sasahara (Honda NSX) – Mugen - 29"226
5 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – ARTA - 30"521
6 - Hirate-Chiyo (Nissan GTR) – Bmax - 54"164
7 - Hirakawa-Sakaguchi (Toyota Supra) – Tom’s - 56"742
8 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 57"272
9 - Matsuda-Quintarelli (Nissan GTR) – Nismo - 57"773
10 - Nakayama-Kovalainen (Toyota Supra) - Sard - 58"320
11 - Matsushita-Hiramine (Nissan GTR) – Impul - 1'06"557
12 - Takaboshi-Sasaki (Nissan GTR) – Kondo - 1'16"082
13 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 1 giro

Ritirati
49° giro - Tsukakoshi-Baguette
43° giro - Otsu-Izawa

Il campionato
1. Oshima-Yamashita 35; 2. Yamamoto 32; 3. Makino 29; 4. Hirakawa-Sakaguchi 27; 5. Tsukakoshi-Baguette, Sekiguchi-Tsuboi 26.


17 Lug [8:58]

Motegi, qualifica
Yamamoto con la Honda in pole

Marco Cortesi

Pole posiiton di casa nel primo appuntamento del SuperGT a Motegi. Sulla pista della Honda, a prevalere è stato il campione in carica Naoki Yamamoto, sulla NSX del team Kunimitsu (©GTA). Secondo posto per la prima delle toyota Supra del team Bandoh di Ritomo Miyata, mentre in terza piazza si è piazzata la Honda Mugen, a zero kg di zavorra, di Ukyo Sasahara. Situazione particolare per la categoria, con tre costruttori di gomme ai primi tre posti, Bridgestone, Yokohama e Dunlop.

A completare la top-5, le due Toyota Supra del team Tom's: ottima in particolare la prova di Hirakawa-Sakaguchi, con 46 kg di zavorra. Unica Nissan in Q2, la GTR del team B-Max condotta da Katsumasa Chiyo e Kohei Hirate. Difficoltà per il duo Quintarelli-Matsuda, con il giapponese che non è riuscito a conquistare l'accesso al Q2 nonostante l'assenza di zavorra.

Lontani i due leader di campionato, che oltre al peso hanno anche il restrittore. Tredicesimi Oshima-Yamashita, seguiti da Tsukakoshi-Baguette.

Sabato 17 luglio 2021, qualifica

1 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 1'37"498
2 - Kunimoto-Miyata (Toyota Supra) – Bandoh - 1'37"549
3 - Oyu-Sasahara (Honda NSX) – Mugen - 1'37"768
4 - Sekiguchi-Tsuboi (Toyota Supra) – Tom's - 1'37"865
5 - Hirakawa-Sakaguchi (Toyota Supra) – Tom's - 1'38"292
6 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 1'38"401
7 - Hirate-Chiyo (Nissan GTR) – Bmax - 1'38"436
8 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 1'38"437
9 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – ARTA - 1'38"676
10 - Matsuda-Quintarelli (Nissan GTR) – Nismo - 1'38"681
11 - Takaboshi-Sasaki (Nissan GTR) – Kondo - 1'38"876
12 - Nakayama-Kovalainen (Toyota Supra) - Sard - 1'38"886
13 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 1'38"909
14 - Tsukakoshi-Baguette (Honda NSX) – Real - 1'39"055
15 - Matsushita-Hiramine (Nissan GTR) – Impul - 1'39"448

4 Mag [11:10]

Fuji - Gara
La spuntano Baguette-Tsukakoshi

Marco Cortesi

Colpi di scena a non finire nella 500 chilometri del Fuji, la gara più lunga del SuperGT 2021. L'appuntamento infrasettimanale nelle festività giapponesi della Golden Week, ha visto i team protagonisti di due soste ai box. Ad emergere vincitori sono stati, dall'undicesima posizione in partenza, Koudai Tsukakoshi e Bertrand Baguette, in un risultato del tutto in atteso.

La gara è stata condizionata dalla Full Course Yellow, utilizzata per la prima volta dopo diversi test. E proprio scommettendo sul suo primo utilizzo, Baguette-Tsukakoshi hanno fatto una mossa vincente: si sono portati in pit-lane per una sosta anticipata, e poco dopo è arrivato il rallentamento per tutti. Risultato, 11 posizioni guadagnate. Trovatisi a dover gestire due lunghi stint, gli alfieri real sono però visti raggiungere, passati prima dalla Honda ARTA di Nirei Fukuzumi, e poi dalla migliore delle Toyota, pilotata da Sho Tsuboi.

Un'altra FCY nel finale a causa di una vettura GT300 ferma ci ha però messo lo zampino: Fukuzumi ha infatti passato inavvertitamente una vettura doppiata, probabilmente in ritardo con l'attivazione del sistema, ed è stato penalizzato. Contemporaneamente, la Supra di Tsuboi non è riuscita a ripartire, restando a limitatore e fermandosi poco dopo.

Ritrovatosi per la seconda volta con un'improbabile leadership, sotto scacco dall'altra Toyota di Kenta Yamashita, Tsukakoshi ha gestito la situazione alla grande, anche approfittando del traffico.

Al terzo posto si è piazzata l'altra vettura del team Tom's, quella di Ryo Hirakawa, che nel giro finale ha anche attaccato il compagno, forse compromettendo un'ultima chance di attacco per la vittoria. Poco dietro, la Honda Kunimitsu, che ha ritrovato, accanto a Naoki Yamamoto, Tadasuke Makino dopo i problemi di salute dell'inverno.

Settima la Toyota partita in pole con Kunimoto-Miyata: le gomme Yokohama del team Bandoh, veloci in qualifica, non hanno retto il passo in gara. Nojiri e Fukuzumi, dopo il drive-through, hanno terminato ottavi.  Quinta piazza invece per la prima delle Nissan, quella di Kohei Hirate e Katsumasa Chiyo, mentre Ronnie Quintarelli, che partiva dal settimo posto, ha visto il motore della sua GT-R cedere clamorosamente dopo due giri.

Martedì 4 maggio 2021, gara

1 - Tsukakoshi-Baguette (Honda NSX) – Real - 110 giri
2 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 0"831
3 - Hirakawa-Sakaguchi (Toyota Supra) – Tom's - 1"117
4 - Yamamoto-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 1"552
5 - Hirate-Chiyo (Nissan GTR) – Bmax - 34"102
6 - Nakayama-Kovalainen (Toyota Supra) - Sard - 36"390
7 - Kunimoto-Miyata (Toyota Supra) – Bandoh - 36"443
8 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – ARTA - 45”013
9 - Hiramine-Matsushita (Nissan GT-R) - Impul - 1'20”014
10 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 1'20"667
11 - Oyu-Sasahara (Honda NSX) – Mugen - 1'26"826
12 - Takaboshi-Sasaki (Nissan GTR) – Kondo - 1 giro

Giro più veloce: Sho Tsuboi - 1'29"476

Ritirati
99° giro - Sekiguchi-Tsuboi
32° giro - Tachikawa-Ishiura
3° giro - Matsuda-Quintarelli‍

Il campionato
1. Oshima-Yamashita 35; 2. Tsukakoshi-Baguette 26; 3. Hirakawa-Sakaguchi 23; 4. Sekiguchi-Tsuboi 15; 5. Kovalainen-Nakayama 13.‍

© GTA 2021 SUPER GT Official Photo

3 Mag [19:16]

Fuji, qualifica
Pole di Miyata, Quintarelli al Q2

Marco Cortesi

Pole per casa Bandoh Toyota nel round infrasettimanale del SuperGT al Fuji, nel pieno delle festività giapponesi della "Golden Week". La casa delle tre ellissi ha nuovamente messo in campo una performance degna di nota, con sei vetture nelle prime sette posizioni e nessuna Supra fuori dal Q2. A segnare la pole Ritomo Miyata sulla vettura gommata Yokohama a digiuno di punti nel primo appuntamento, e per questo senza zavorra. In prima fila la Honda Arta di Nojiri-Fukuzumi, poi quattro Toyota Bridgestone, capitanate da Tachikawa Ishiura.

Nel Q2 è entrata anche la Nissan di Ronnie Quintarelli. Tsugio Matsuda è riuscito a passare il "taglio" e il veronese si è messo dietro Heikki Kovalainen, chiudendo settimo. Da segnalare il rientro di Tadasuke Makino dopo i problemi di salute delle prime fasi di campionato. Il giapponese è stato mandato in ospedale da una meningite e non è ancora al top. In equipaggio è iscritto Hideki Mutoh come a Okayama.

In GT300 la pole è andata a Takuto Iguchi e Hideki Yamaguchi su Subaru BRZ.

Lunedì 3 maggio, qualifica

1 - Kunimoto-Mijata (Toyota Supra) – Bandoh - 1'27"406
2 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – ARTA - 1'27"195
3 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 1'27"329
4 - Sekiguchi-Tsuboi (Toyota Supra) – Tom’s - 1'27"220
5 - Hirakawa-Yamashita (Toyota Supra) – Tom’s - 1'27"227
6 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 1'27"176
7 - Matsuda-Quintarelli (Nissan GTR) – Nismo - 1'27"478
8 - Nakayama-Kovalainen (Toyota Supra) - Sard - 1'27"418
9 - Oyu-Sasahara (Honda NSX) – Mugen - 1'27"509
10 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 1'27"555
11 - Tsukakoshi-Baguette (Honda NSX) – Real - 1'27"717
12 - Hirate-Chiyo (Nissan GTR) – Bmax - 1'27"753
13 - Matsushita-Hiramine (Nissan GTR) – Impul - 1'27"897
14 - Takaboshi-Sasaki (Nissan GTR) – Kondo - 1'28"138
15 - Yamamoto-Mutoh-Makino (Honda NSX) – Kunimitsu - 1'28"649‍

11 Apr [8:56]

Okayama - Gara
Yamashita-Oshima nel podio Toyota

Marco Cortesi

Successo di Kenta Yamashita e Kazuya Oshima nel primo round del SuperGT 2021 ad Okayama. Le Toyota Supra hanno dominato le prime quattro posizioni, anche se lo spettacolo è arrivato a piene mani. Dopo un inizio dominato da Sena Sakaguchi, poleman per il team Tom's, il testacoda di un'Audi GT300 ha rivoluzionato tutto. Per evitare che una safety-car (poi arrivata) rovinasse la strategia, tutti i team (44 vetture al via) hanno richiamato i piloti per il pit-stop causando un totale ingorgo nella corsia box.

La top-5 è risultata rivoluzionata a favore di Oshima e Yamashita. Quest'ultimo però, si è trovato alle spalle la seconda vettura Tom's, con Sho Tsuboi in cerca di rivincita. Nessun gioco di squadra in Toyota, come sempre, e Yamashita si è difeso duramente. Tsuboi alla fine ha sbagliato, arrivando lungo in una staccata e scivolando indietro quanto è bastato. Lui e Yuhi Sekiguchi hanno chiuso secondi. La Supra di Sakaguchi, ora guidata da Ryo Hirakawa, si è piazzata terza alla fine.

Unico ad impensierire la top-5 Toyota (la sesta Supra, con le gomme Yokohama, non è mai stata competitiva) è stato Koudai Tsukakoshi che ha passato nel finale Hiroaki Ishiura (Cerumo) e Yuichi Nakayama, compagno in Sard di Heikki Kovalainen anche se quest'ultimo l'ha riagguantato al photo-finish. Settimo posto per Fukuzumi-Nojiri, davanti ai campioni Yamamoto-Mutoh (sostituto di Makino).

Solo una Nissan ha dato l'impressione di potersi inserire nella lotta. Anzi, solo Ronnie Quintarelli. Partito dodicesimo dopo una qualifica difficile, Quintarelli ha recuperato cinque posizioni nei primi giri, passando poi sesto con un sorpasso super-aggressivo alla prima Honda. Installatasi a pochi decimi dalla Toyota Cerumo, la Nissan numero 23 è stata tra le più penalizzate nella sosta ai box e dalla safety car, riemergendo nona. Un contatto ha poi messo KO il suo compagno Tsugio Matsuda. Migliori alfieri Nissan, Katsumasa Chio e Kohei Hirate, però lontanissimi sia come tempi, sia come finale.

Per lo meno, in Nissan si continua a far bene in GT300: Kiyoto Fujinami e Joao Paulo de Oliveira hanno dominato le fasi dopo la sosta. Sfortunato Giuliano Alesi al debutto. Dopo una prima parte di gara a metà classifica, è rimasto completamente senza spazio in corsia box dovendo attendere a lungo il pit-stop. Sean Walkinshaw ha poi concluso in coda.

Domenica 11 aprile 2021, gara

1 - Oshima-Yamashita (Toyota Supra) – Cerumo - 82 giri
2 - Sekiguchi-Tsuboi (Toyota Supra) – Tom's - 1"187
3 - Hirakawa-Sakaguchi (Toyota Supra) – Tom's - 13"621
4 - Nakayama-Kovalainen (Toyota Supra) - Sard - 30"142
5 - Tsukakoshi-Baguette (Honda NSX) – Real - 30"562
6 - Tachikawa-Ishiura (Toyota Supra) – Cerumo - 31"677
7 - Nojiri-Fukuzumi (Honda NSX) – ARTA - 32"171
8 - Yamamoto-Mutoh (Honda NSX) – Kunimitsu - 32"929
9 - Hirate-Chiyo (Nissan GTR) – Bmax - 33"438
10 - Matsushita-Hiramine (Nissan GTR) – Impul - 46"798
11 - Oyu-Sasahara (Honda NSX) – Mugen - 52"960
12 - Kunimoto-Mijata (Toyota Supra) – Bandoh - 58"091
13 - Izawa-Otsu (Honda NSX) – Nakajima - 1 giro
14 - Takaboshi-Sasaki (Nissan GTR) – Kondo - 1 giro
15 - Matsuda-Quintarelli (Nissan GTR) – Nismo - 33 giri

© GTA 2021 SUPER GT Official Photo

PrevPage 1 of 10Next

News

super gt
v

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone