2 Ott [1:03]

Accolto l’appello Audi di Vila Real
A Suzuka si correrà sull’East Course

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Michele Montesano

Le Audi RS 3 LMS di Jean-Karl Vernay e Frédéric Vervisch sono state ufficialmente reintegrate nella classifica finale delle manche portoghesi del WTCR. Il tribunale sportivo, dopo aver esaminato le prove portate dalla Casa dei quattro anelli, ha accettato il ricorso. Inoltre, anche le multe inflitte ai team Leopard Racing e Comtoyou, sono state momentaneamente sospese. Ricordiamo che le vetture erano state “pizzicate” con la pressione minima del turbo difforme da quella ammessa dal BoP (Balance of Performance): nello specifico 0,44% e 0,43% rispetto allo 0,30% consentito.

L’Audi, in sua discolpa, ha dichiarato che la centralina della RS 3 è la stesa della vettura di serie, quindi non è progettata per “leggere” costantemente la pressione di sovralimentazione del turbo in gara. La corte, presieduta da Rui Botica Santos, dopo aver esaminato gli elementi ha giudicato eccessivo il provvedimento intrapreso dai commissari presenti sul circuito di Vila Real, ovvero di escludere dalla classifica finale Vernay e Vervisch. I due piloti sono stati riabilitati con il francese che ha ripreso il decimo posto in gara 1 e il quinto in gara 3, mente per il belga non cambia molto in quanto è transitato sul traguardo fuori dalla zona punti.

A cambiare adesso sono sia la classifica piloti che quella riservata ai team: Norbert Michelisz resta sempre leader seguito a quindici punti da Esteban Guerrieri, mente Vernay risale al decimo posto in graduatoria. Nella classifica a squadre il Cyan Racing precede il Münnich Motorpsort di ventidue lunghezze. Il tribunale ha inoltre sospeso le ammende di 30.000€ per il Leopard Racing e di 15.000€ al Comtoyou per i prossimi due anni, applicabili in caso si verificassero nuovamente infrazioni sulla sovralimentazione del turbo.

Per quanto riguarda il prossimo evento in programma sul tracciato di Suzuka, in scena nell’ultimo weekend di ottobre, l’organizzazione ha deciso che si correrà sulla versione East Course (di 2,243 Km). Questa scelta è stata dettata dalla presenza delle barriere di uretano presenti lungo tutto il circuito, disposte per una gara motociclista che si disputerà nel weekend precedente al WTCR. L’organizzazione, non riuscendo a garantire la rimozione di tutte le barriere, ha optato per correre sulla variante corta del tracciato nipponico.

Non è la prima volta che la massima categoria del Turismo mondiale utilizzerà la versione Est di Suzuka. Infatti fu impiegata fra il 2011 e il 2013 proprio dal WTCC. In Giappone faranno il loro debutto, in veste di wild card, Ritomo Miyata e Ryuichiro Tomita con le Audi RS 3 LMS gestite dal team Hitotsuyama. La squadra, con esperienza trentennale nel mondo delle corse a quattro ruote, attualmente partecipa proprio con la vettura tedesca nel TCR Japan. Tomita non è un novizio del mondo Turismo, in quanto ha già partecipato alla 10 Ore di Suzuka proprio al fianco di Vervisch. Invece, per il ventenne Miyata si tratterà del debutto assoluto con una vettura a trazione anteriore, avendo guidato solamente nelle formule e nel Super GT. Entrambi i piloti, come da regolamento, avranno 20 Kg di zavorra a bordo delle loro auto.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone