17 Nov [3:43]

Macao - Gara 2
Muller mette la seconda

Share On Facebook Share On Twitter Share On Linkedin Share On Mail Share On Google+
Michele Montesano

Continua inarrestabile la marcia di Yvan Muller nella tappa di Macao del WTCR. L’alsaziano ha conquistato il secondo successo sulle stradine dell’ex protettorato Portoghese aiutato dal suo team mate Thed Björk. Lo scandinavo del Cyan Racing gli ha fatto da scudiero giungendo secondo al traguardo. Nuovamente sul terzo gradino del podio Kevin Ceccon, il quale ha sfruttato appieno le occasioni che gli si sono palesate davanti. Inutile dire che la lotta al campionato è diventata sempre più incandescente con una volata a tre fra Muller, Norbert Michelisz ed Esteban Guerrieri.

Muller è partito dalla quinta piazzola con un ottimo spunto guadagnando la terza posizione. Al contrario, Yann Ehrlacher ha avuto un pessimo scatto perdendo la leadership. Il nipotino ha così lasciato via libera allo zio Yvan cedendogli il secondo posto. Stessa sorte con Björk che, nell’arco del secondo passaggio, ha lasciato il via libera al francese. Guerrieri, partito quarto, ha subito approfittato delle fasi calde di gara per pressare Ehrlacher e superarlo alla curva Lisboa. L’argentino, a sua volta, è stato messo nel mirino da Ceccon che ha sfruttato la maggior potenza della sua Giulietta per superarlo in rettilineo.

Le prime quattro posizioni sono rimaste invariate fino alla bandiera a scacchi, con Guerrieri che si è accontentato del quarto posto per non perdere troppo terreno in campionato nei confronti di Michelisz. Il pilota del Münnich Motorsport nelle ultime fasi ha dovuto tenere a bada Nicky Catsburg. L’olandese poi è scivolato in dodicesima posizione per cedere il suo piazzamento a Michelisz e Gabriele Tarquini agevolando l’ungherese per la lotta al titolo piloti e la BRC squadra corse per la classifica team.

Quinta posizione per Johan Kristoffersson, migliore dei piloti Volkswagen, seguito dalle Lynk & Co. di Ehrlacher e Andy Priaulx. Detto del terzetto Hyundai, a completare la zona punti Tom Coronel, Rob Huff, attento a preservare la sua Golf per l’ultima manche dove partirà dalla pole, e Mikel Azcona.

Domenica 17 novembre 2019, gara 2

1 - Yvan Muller (Lynk & co) - Cyan - 8 giri
2 - Thed Björk (Lynk & co) - Cyan - 0"455
3 - Kevin Ceccon (Alfa Romeo) - Mulsanne - 0"932
4 - Esteban Guerrieri (Honda) - Münnich - 1"896
5 - Johan Kristoffersson (Vw) - Loeb - 5"305
6 - Yann Ehrlacher (Lynk & co) - Cyan - 8"076
7 - Andy Priaulx (Lynk & co) - Cyan - 8"662
8 - Frederic Vervish (Audi) - Comtoyou - 9"010
9 - Jean-Karl Vernay (Audi) - WRT - 10"222
10 - Norbert Michelisz (Hyundai) - BRC - 11"101
11 - Gabriele Tarquini (Hyundai) - BRC - 11"583
12 - Nicky Catsburg (Hyundai) - BRC - 12"712
13 - Tom Coronel (Cupra) - Comtoyou - 12"908
14 - Rob Huff (Vw) - Loeb - 13"925
15 - Mikel Azcona (Cupra) - PWR - 18"087
16 - Niels Langeveld (Audi) - Comtoyou - 18"589
17 - Ma Qinghua (Alfa Romeo) - Mulsanne - 19"527
18 - Tiago Monteiro (Honda) - KCMG - 20"361
19 - Nestor Girolami (Honda) - Münnich - 20"762
20 - Robert Dahlgren (Cupra) - PWR - 31"614
21 - Benjamin Leuchter (Vw) - Loeb - 31"747
22 - Attila Tassi (Honda) - KCMG - 1 giro

Giro veloce: Nicky Catsburg 2'31"449

Ritirati
Mehdi Bennani
Kai Fung Lo
Luca Engstler
Aurélien Panis

Il campionato
1.Michelisz 312; 2.Guerrieri 301; 3.Muller 295; 4.Bjork 279; 5.Tarquini 205; 6.Ehrlacher 201; 7.Azcona 199; 8.Girolami 198; 9.Kristoffersson 180; 10.Vernay 180.

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone