formula 1

Il caso DAS: Red Bull presenta
reclamo contro le Mercedes W11

Massimo Costa

Ricordate il DAS, il sistema che la Mercedes aveva presentato tra lo stupore genera...

Leggi »
Mondiale Rally

Millener: "Inutile
provare in Finlandia"

Mattia Tremolada

Mentre Hyundai e Toyota sono già tornate in azione per una serie di test privati, M-Sport ...

Leggi »
PrecedentePagina 1 di 9Successiva
23 Feb [13:09]

Buriram, gara 3
Sasahara chiude vincendo

Jacopo Rubino

Va in archivio l'edizione 2019-2020 della F3 Asia, la prima disputata nel periodo invernale per venire incontro alle nuove regole FIA sulla Superlicenza. L'ultimo atto, gara 3 a Buriram, ha visto imporsi il campione uscente Ukyo Sasahara: scattato bene dalla pole-position, il giapponese ha viaggiato in controllo al comando fino alla bandiera a scacchi, bissando così il successo ottenuto in gara 2. L'alfiere della Hitech, che cede a sua volta il trono dopo il dominio incontrastato del 2018 e del 2019, non ha però conseguito punti per la classifica generale, in quanto detentore del titolo.

Il bottino pieno è stato così "ereditato" da Jack Doohan, vicecampione per la seconda volta consecutiva: l'australiano ha chiuso secondo al traguardo, partendo subito forte, ma la doppia (incredibile) foratura nelle due manches precedenti aveva già consegnato i gradi di numero 1 al rivale Joey Alders. Ormai matematicamente vincitore, l'olandese non ha dovuto preoccuparsi troppo per il fatto di avviarsi dalla nona casella, visto il deludente risultato in Q2.

Alders ha terminato settimo, nella scia di Tommy Smith, beneficiando dei 5" di penalità inflitti a Nikita Mazepin per una condotta di guida troppo aggressiva. Senza questa sanzione, il russo sarebbe stato quarto precedendo il connazionale Mikhael Belov, protagonista diun debutto molto interessante in F3 Asia, e Yu Kanamaru.

A completare il podio è stata una solida Jamie Chadwick, a coronamento di un ottimo weekend che l'ha vista sempre in top 3. Un bel segnale per le avversarie che la sfideranno in W Series, per provare a strapparle lo scettro conquistato nella scorsa annata.

Domenica 23 febbraio 2020, gara 3

1 - Ukyo Sasahara * - Hitech - 15 giri 23'17"444
2 - Jack Doohan - Pinnacle - 3"436
3 - Jamie Chadwick - Absolute - 4"872
4 - Mikhael Belov - BlackArts - 10"197
5 - Yu Kanamaru - BlackArts - 10"836
6 - Tommy Smith - Absolute - 12"291
7 - Joey Alders - BlackArts - 12"767
8 - Nikita Mazepin - Hitech - 14"352
9 - James Yu - Zen - 33"351
10 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 37"432
11 - Thomas Luedi - BlackArts - 1'02"863
12 - Paul Wong - Zen - 1'08"127
13 - Alessio Deledda - Hitech - 1 giro

* Pilota guest, non prende punti

Giro più veloce: Ukyo Sasahara 1'32"403

Non partito
Pietro Fittipaldi

Il campionato
1.Alders 266 punti; 2.Doohan 229; 3.Mazepin 186; 4.Chadwick 139; 5.Fittipaldi 119; 6.Kanamaru 104; 7.DeFrancesco 101; 8.Fernandez 96; 9.Yu70; 10.Smith 48

23 Feb [9:00]

Buriram - Gara 2
Alders festeggia il titolo 2019-2020

Jacopo Rubino

Joey Alders è il campione 2019-2020 della F3 Asia: la certezza matematica per l'olandese è arrivata con una manche di anticipo, al termine di gara 2 a Buriram. Dopo la fortunata vittoria di sabato il pilota del team BlackArts partiva da un vantaggio di 36 punti sull'antagonista Jack Doohan, fermato da un'altra foratura alla gomma posteriore destra. Esattamente come ieri, incredibile. A due minuti e mezzo dal termine, le speranze dell'australiano di tenere aperti i giochi in gara 3 sono evaporate in modo definitivo. La cattiva sorte ha davvero bersagliato il pupillo Red Bull, che scattato dalla pole-position aveva di nuovo viaggiato sempre al comando, eseguendo il compito alla perfezione,

Quinto al traguardo, a motori spenti Alders è come se avesse chiuso secondo: il campione uscente Ukyo Sasahara ha salutato per primo la bandiera a scacchi, ma è trasparente per la classifica generale; Mikhael Belov era giunto alle sue spalle, ma ha ricevuto 10" di penalità per track limits, mentre più tardi altri 5" sono stati comminati a Pietro Fittipaldi.

A ereditare le 25 lunghezze è stata così Jamie Chadwick, che idealmente si riprende la vittoria persa in gara 2 ad Abu Dhabi, quando era stata punita per start anticipato. Per la campionessa in carica della W Series il weekend in Thailandia si sta rivelando il migliore dell'avventura nella categoria asiatica.

Gli stewards sono stati severi anche con Nikita Mazepin e con il nostro Alessio Deledda, entrambi alfieri Hitech, sanzionati a loro volta con 10" per il superamento dei track limits. Il russo è diventato così ottavo, il romano decimo, ma i punti raccolti sono 2 considerando lo status di "ospite" di Sasahara, in base al regolamento FIA.

Domenica 23 febbraio 2020, gara 2

1 - Ukyo Sasahara * - Hitech - 15 giri 23'20"012
2 - Jamie Chadwick - Absolute - 5"481
3 - Joey Alders - BlackArts - 8"419
4 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 9"463
5 - Mikhael Belov - BlackArts - 11"827
6 - Yu Kanamaru - BlackArts - 14"204
7 - James Yu - Zen - 28"203
8 - Nikita Mazepin - Hitech - 28"323
9 - Tommy Smith - Absolute - 28"783
10 - Alessio Deledda - Hitech - 34"367
11 - Thomas Luedi - BlackArts - 44"415
12 - Paul Wong - Zen - 45"381
13 - Jack Doohan - Pinnacle - 2 giri

* Pilota guest, non prende punti

Giro più veloce: 1'32"260 Mikhael Belov

Il campionato
1.Alders 258 punti; 2.Doohan 204; 3.Mazepin 178; 4.Chadwick 118; 5.Fittipaldi 114; 6.DeFrancesco 101; 7.Fernandez 96; 8.Kanamaru 92; 9.Yu 66; 10.Smith 38

22 Feb [9:47]

Buriram, gara 1
Foratura Doohan, Alders ringrazia

Jacopo Rubino

Ultimo giro di gara 1 della F3 Asia a Buriram, Jack Doohan vede vicina la vittoria dopo aver viaggiato al comando dall'inizio alla fine. Ma l'epilogo è incredibile: l'australiano accusa una foratura alla gomma posteriore destra, va lungo, a fatica taglia il traguardo in ottava posizione. È l'episodio che potrebbe rivelarsi decisivo per il titolo 2019-2020, con l'alfiere del team Pinnacle che da un potenziale -8 nei confronti del capoclassifica Joey Alders scivola a -36, con 50 punti ancora in palio domani.

L'olandese riceve un regalo inaspettato dalla sorte, e mette una serie ipoteca sul campionato quando sembrava destinato a difendersi con le unghie. Quinto in griglia, Alders di forza si è preso la piazza d'onore già al primo giro, però non è stato in grado di impensierire Doohan. Ma a poche curve dalla bandiera a scacchi si è ritrovato in testa, centrando il quinto successo stagionale. Alle sue spalle ha chiuso Nikita Mazepin, giunto in Thailandia da terzo incomodo in graduatoria, ma ormai il russo è matematicamente escluso dai giochi: si trova infatti 182 punti, contro i 240 di Alders e 204 di Doohan.

Come unica consolazione, il figlio del motociclista Mick si è guadagnato la pole anche per gara 2 grazie al best lap messo a segno in 1'32"486, ma Alders avrà l'occasione di completare la pratica ed evitare rischi per gara 3, quando dovrà scattare dalla nona casella.

A completare il podio di oggi è Jamie Chadwick, protagonista di una buona prestazione. La ragazza britannica nelle fasi iniziali si era vista superare dal nostro Alessio Deledda, autore della sua miglior prova in F3 Asia. Non solo per il risultato in assoluto (settimo posto), ma anche per il carattere mostrato. Il pilota romano è stato a lungo quarto, poi ha saputo difendersi con grinta da un altro avversario temibile come Pietro Fittipaldi, vincitore 2017 della Formula V8 3.5, al via di alcuni round in IndyCar e tester Haas F1.

Con il brasiliano ha lottato l'esordiente Mikhael Belov, apparso a suo agio sulla Tatuus-Autotecnica, mentre è giunto sesto l'australiano Tommy Smith. In zona punti anche James Yu, che scattava dalla prima fila ma ha subito perso terreno, e Yu Kanamaru. Il campione uscente Ukyo Sasahara ha invece alzato bandiera bianca dopo essere incappato in un testacoda al termine del primo giro, imboccando la via dei box.

Aggiornamento: Mazepin penalizzato, Chadwick seconda


Cambia l'ordine d'arrivo di gara 1 della F3 Asia a Buriram. Nikita Mazepin, secondo al traguardo, è stato penalizzato di 5" per un "contatto evitabile", come spiegato dai commissari. A ereditare la piazza d'onore è quindi l'ottima Jamie Chadwick, mentre sul podio sale virtualmente anche Pietro Fittipaldi. Il brasiliano non aveva mai concluso in top 3 in questa stagione. Mazepin retrocede invece quinto, alle spalle anche di Mikhael Belov.

Sabato 22 febbraio 2020, gara 1 (aggiornata)

1 - Joey Alders - BlackArts - 20 giri 31'12"193
2 - Jamie Chadwick - Absolute - 5"246
3 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 7"358
4 - Mikhael Belov - BlackArts - 8"894
5 - Nikita Mazepin - Hitech - 9"695
6 - Tommy Smith - Absolute - 15"384
7 - Alessio Deledda - Hitech - 16"600
8 - Jack Doohan - Pinnacle - 21"690
9 - James Yu - Zen - 22"186
10 - Yu Kanamaru - BlackArts - 27"846
11 - Thomas Luedi - BlackArts - 1'23"144
12 - Paul Wong - Zen - 1 giro
13 - Ukyo Sasahara - 4 giri

Giro più veloce: Jack Doohan 1'32"486

Ritirati
6° giro - Leonard Hoogenboom
4° giro - Dominic Ang
3° giro - Alister Yoong

Il campionato
1.Alders 240 punti; 2.Doohan 204; 3.Mazepin 182; 4.DeFrancesco 101; 5.Fittipaldi 99; 6.Fernandez 96; 7.Chadwick 93; 8.Kanamaru 82; 9.Yu 58; 10.Smith 34




22 Feb [8:01]

Buriram, qualifiche
Doohan meglio di Alders

Jacopo Rubino

Siamo alla resa dei conti per l'edizione 2019-2020 della F3 Asia. La tappa conclusiva a Buriram assegna il titolo in ballo fra Joey Alders e Jack Doohan, divisi da soli 15 punti in classifica generale (215 a 200), mentre Nikita Mazepin recita il ruolo di terzo incomodo a 51 lunghezze di ritardo dalla vetta. Dopo qualifiche, intanto, è soprattutto Doohan a sorridere: l'australiano si è preso la pole-position di gara 1, in programma già oggi, e in gara 3 partirà dalla quarta casella, comunque davanti al leader Alders.

L'olandese rischia di non potersi limitare a gestire, avendo chiuso quinto in Q1 e addirittura nono in Q2, costretto alla rimonta proprio nella corsa più importante. Il portacolori del team BlackArts, in realtà un po' come tutti, è stato punito dai commissari con la cancellazione di alcuni tempi per il superamento dei track limits. Tentazione forte, sul circuito thailandese, viste le ampie vie di fuga in asfalto che lo caratterizzano.

Non sono state qualifiche brillanti nemmeno per Mazepin, settimo e sesto, in alternanza di posizione con il compagno Alessio Deledda: l'italiano ha dato vita alle migliori prestazioni stagionali, confermando i progressi compiuti al volante della Tatuus-Autotecnica del team Hitech. La scuderia inglese, vincitrice nel 2018 e 2019, avrà però il campione uscente Ukyo Sasahara in pole per gara 3. Il giapponese, in 1'31"840, ha infatti battuto per appena 25 millesimi una temibile Jamie Chadwick, questa volta unica ragazza presente. Alle loro spalle per un soffio il brasiliano Pietro Fittipaldi (Pinnacle), poi proprio Doohan.

Oggi è stato il crono della Q1 quello di riferimento, con il figlio di Mick che aveva girato in 1'31"740, precedendo di tre decimi un James Yu in grande forma. Terza piazza per la Chadwick, che ha davvero le carte regola per un fine settimana da protagonista, poi Fittipaldi rimasto di 5 millesimi alle spalle della campionessa W Series.

Per questo round la lista iscritti accoglie due novità significative: il russo Mikhael Belov, in arrivo dalla F4 con BlackArts, e Leonard Hoogenboom, che torna a misurarsi in monoposto dopo essere passato ai prototipi LMP3.

Sabato 22 febbraio 2020, qualifica 1

1 - Jack Doohan - Pinnacle - 1'31"740
2 - James Yu - Zen - 1'32"081
3 - Jamie Chadwick - Absolute - 1'32"101
4 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 1'32"106
5 - Joey Alders - BlackArts - 1'32"178
6 - Alessio Deledda - Hitech - 1'32"262
7 - Nikita Mazepin - Hitech - 1'32"290
8 - Ukyo Sasahara * - Hitech - 1'32"378
9 - Mikhael Belov - BlackArts - 1'32"484
10 - Tommy Smith - Absolute - 1'32"720
11 - Yu Kanamaru - BlackArts - 1'32"818
12 - Alister Yoong - Zen - 1'33"394
13 - Thomas Luedi - BlackArts - 1'34"961
14 - Paul Wong - Zen - 1'35"134
15 - Dominic Ang - Absolute - 1'35"801
16 - Leonard Hoogenboom - Absolute - s.t.

Sabato 22 febbraio 2020, qualifica 2

1 - Ukyo Sasahara * - Hitech - 1'31"840
2 - Jamie Chadwick - Absolute - 1'31"865
3 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 1'31"874
4 - Jack Doohan - Pinnacle - 1'31"915
5 - James Yu - Zen - 1'32"061
6 - Nikita Mazepin - Hitech - 1'32"212
7 - Alessio Deledda - Hitech - 1'32"431
8 - Mikhael Belov - BlackArts - 1'32"543
9 - Joey Alders - BlackArts - 1'32"575
10 - Yu Kanamaru - BlackArts - 1'32"753
11 - Tommy Smith - Absolute - 1'33"188
12 - Thomas Luedi - BlackArts - 1'34"620
13 - Paul Wong - Zen - 1'35"394
14 - Dominic Ang - Absolute - s.t.
15 - Leonard Hoogenboom - Absolute - s.t.
16 - Alister Yoong - Zen - s.t.

15 Feb [9:25]

Sepang, gara 3
Doohan fa tripletta e vede Alders

Jacopo Rubino

Jack Doohan realizza un weekend praticamente perfetto nella F3 Asia a Sepang: tre vittorie su tre, e il distacco in classifica dal leader Joey Alders che scende a soli 15 punti, rispetto ai 48 della vigilia. Il titolo 2019-2020 si deciderà nella trasferta conclusiva a Buriram (22-23 febbraio), con l'australiano del team Pinnacle che cercherà di... non riconfermarsi vicecampione. Nell'ultima gara in programma il figlio di Mick è scattato di nuovo dalla pole-position, grazie al giro più veloce siglato nella Q2, e ha controllato la situazione per l'intera distanza. Alle sue spalle ha viaggiato proprio Alders, mai abbastanza vicino da rappresentare una minaccia. L'olandese ha comunque saputo contenere i danni nel migliore dei modi.

La corsa ha perso subito la sua "mina vagante", il campione 2019 Ukyo Sasahara, rimasto inchiodato dalla seconda casella sulla griglia. Quando è riuscito a prendere il via, il giapponese della Hitech era ormai lontanissimo dal resto del gruppo. Alla fine ha addirittura preso la via dei box, non avendo speranze di centrare un risultato significativo, ed essendo peraltro trasparente in graduatoria. A completare il podio è stato invece un altro pilota del Sol Levante, Yu Kanamaru, seppur ben staccato dal duo di vertice.

Kanamaru nelle fasi conclusive ha visto comparire negli specchietti la sagoma minacciosa di Nikita Mazepin, risalito al quarto posto. Il russo ha pagato dazio per la difficile posizione di partenza (11°), a causa dei tempi cancellati in qualifica per track limits. Alle sue spalle hanno poi chiuso Pietro Fittipaldi e Jamie Chadwick, rispettivamente quinto e sesta, con la ragazza britannica che ha vissuto il suo miglior round della stagione.

Alessio Deledda, unico italiano presente, ha portato a casa un altro punto confermando i progressi compiuti dalla tappa di apertura andata in scena a dicembre, sempre sul circuito malese.

Sabato 15 febbraio 2020, gara 3

1 - Jack Doohan - Pinnacle - 15 giri 31'05"442
2 - Joey Alders - BlackArts - 3"735
3 - Yu Kanamaru - BlackArts - 16"274
4 - Nikita Mazepin - Hitech - 16"506
5 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 18"236
6 - Jamie Chadwick - Absolute - 21"215
7 - Tommy Smith - Absolute - 23"961
8 - James Yu - Zen Motorsport - 28"488
9 - Miki Koyama - BlackArts - 29"688
10 - Alessio Deledda - Hitech - 36"258
11 - Thomas Luedi - BlackArts - 1 giro
12 - Ukyo Sasahara * - Hitech - 2 giri

* Pilota guest, non prende punti

Giro più veloce: Jack Doohan 2'04"534

Il campionato
1.Alders 215 punti; 2.Doohan 200; 3.Mazepin 164; 4.DeFrancesco 101; 5.Fernandez 96; 6.Fittipaldi 87; 7.Kanamaru 81; 8.Chadwick 78; 9.Yu 56; 10.Cao, Calderon 31

15 Feb [7:51]

Sepang, gara 2
Bis di Doohan, Alders a 22 punti

Jacopo Rubino

Ancora una vittoria nella F3 Asia a Sepang per Jack Doohan: l'australiano si è aggiudicato anche gara 2, bissando il risultato di ieri, e ora si è portato a -22 punti dal leader Joey Alders, solo ottavo. Il portacolori del team Pinnacle era terzo in griglia, l'olandese scattava dalla pole grazie al giro più veloce siglato in gara 1, e già dopo la prima curva la lotta al vertice è diventata un affare fra di loro. Alders si è difeso bene, ma al quinto passaggio si è dovuto arrendere al ritmo del rivale, molto più in palla. Da quel momento Doohan ha potuto cominciare la sua fuga verso la bandiera a scacchi.

Per Alders invece le cose non sono andate come sperato, nonostante lo spettacolo offerto: l'alfiere BlackArts ha dovuto contenere una combattiva Jamie Chadwick, e nella bagarre che si è venuta a creare è scivolato di colpo in sesta posizione. Ne hanno approfittato Nikita Mazepin e Ukyo Sasahara, che hanno agguantato i due gradini più bassi del podio, con la Chadwick che ha poi cercato di risuperare il giapponese. Il suo quarto posto vale comunque quanto un terzo, dato che il campione 2019, da regolamento, è trasparente per la classifica generale.

Alla fine Alders è scivolato addirittura ottavo, infilato pure da Yu Kanamaru e James Yu, mentre Pietro Fittipaldi, in relativa sordina, ha ottenuto la quinta piazza. Punti anche per il nostro Alessio Deledda, nono al traguardo.

Sabato 15 febbraio 2020, gara 2

1 - Jack Doohan - Pinnacle - 15 giri 31'07"919
2 - Nikita Mazepin - Hitech - 7"594
3 - Ukyo Sasahara * - Hitech - 8"032
4 - Jamie Chadwick - Absolute - 8"670
5 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 9"576
6 - Yu Kanamaru - BlackArts - 10"223
7 - James Yu - Zen Motorsport - 15"284
8 - Joey Alders - BlackArts - 17"886
9 - Alessio Deledda - Hitech - 19"326
10 - Miki Koyama - BlackArts - 1 giro
11 - Tommy Smith - Absolute - 2 giri

* Pilota guest, non prende punti

Giro più veloce: Jack Doohan 2'02"295

Ritirati
2° giro - Thomas Luedi

Il campionato
1.Alders 197 punti; 2.Doohan 175; 3.Mazepin 152; 4.DeFrancesco 101; 5.Fernandez 96; 6.Fittipaldi 77; 7.Chadwick 70; 8.Kanamaru 66; 9.Yu 52; 10.Cao, Calderon 31

14 Feb [14:27]

Sepang, gara 1
Doohan non sbaglia, Alders 2°

Jacopo Rubino

Vittoria autorevole di Jack Doohan in gara 1 della F3 Asia a Sepang: partito dalla pole-position, l'australiano ha viaggiato indisturbato al comando fino alla bandiera a scacchi. La corsa è stata resa più complicata dall'asfalto umido, soprattutto nelle fasi iniziali, per la pioggia venuta a cadere dopo le qualifiche che ha convinto i commissari a concedere un doppio giro di ricognizione e ha reso necessario l'uso delle gomme rain. Il portacolori del team Pinnacle comunque non ha sbagliato nulla, festeggiando il suo terzo successo nella stagione 2019-2020. E il ritardo in graduatoria dal leader Joey Alders si accorcia da 48 a 41 punti.

L'olandese in griglia era solo settimo, ma ha portato a casa un grande secondo posto: ha cominciato subito bene e nella lotta in zona podio si è liberato di Ukyo Sasahara (apparso poco incisivo), Jamie Chadwick e Nikita Mazepin, dando vita a un paio di ruota a ruota molto appassionanti. E alla fine a salire sul gradino più basso è proprio la ragazza britannica, arrembante sin dalle fasi iniziali. Per la campionessa in carica della W Series è un risultato che, almeno in parte, "compensa" il successo perso in gara 2 a Dubai quando è stata penalizzata per essersi mossa prima dello start.

Mazepin si è invece ritrovato soltanto quinto, ancora una volta con l'impressione che quest'anno le vetture della Hitech perdano efficacia da metà distanza, forse per questioni di assetto. Davanti al russo ha infatti chiuso pure Pietro Fittipaldi, quarto, mentre Sasahara è scivolato addirittura sesto, per poi rientrare ai box ed essere classificato nono a causa di un problema ad un pneumatico, messo a dura prova dalla pista che andava ad asciugarsi. In top 10 anche l'altra ragazza al via in questo weekend, Miki Koyama, di ritorno nella categoria tra le fila BlackArts.

Venerdì 14 febbraio 2020, gara 1

1 - Jack Doohan - Pinnacle - 12 giri 28'02"250
2 - Joey Alders - BlackArts - 2"107
3 - Jamie Chadwick - Absolute - 9"426
4 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 11"559
5 - Nikita Mazepin - Hitech - 18"763
6 - Yu Kanamaru - BlackArts - 33"906
7 - Tommy Smith - Absolute - 53"835
8 - Kuai Yu - Zen - 1'08"154
9 - Ukyo Sasahara * - Hitech - 1 giro
10 - Miki Koyama - BlackArts - 1 giro
11 - Thomas Luedi - BlackArts - 1 giro

* Pilota guest, non prende punti

Giro più veloce: Joey Alders 2'17"772

Ritirati
8° giro - Alessio Deledda
5° giro - Najiy Razak
2° giro - Alister Yoong
2° giro - Dominic Ang
2° giro - Gilbert Ang

Il campionato
1.Alders 191 punti; 2.Doohan 150; 3.Mazepin 134; 4.DeFrancesco 101; 5.Fernandez 96; 6.Fittipaldi 65; 7.Kanamaru 56; 8.Chadwick 55; 9.Yu 44; 10.Cao, Calderon 31

14 Feb [9:49]

Sepang, qualifiche
Doohan piazza la doppia pole

Jacopo Rubino

Doppia pole-position di Jack Doohan nelle qualifiche della F3 Asia a Sepang, dove si ritorna per il quarto round della stagione 2019-2020. Con questo risultato il pilota australiano del team Pinnacle si mette nelle condizioni ideali per cercare di ridurre il ritardo in classifica generale sull'attuale leader Joey Alders, ora avanti di 48 lunghezze. L'occasione è ghiotta soprattutto per gara 1 di oggi, con l'olandese di casa BlackArts che nella prima sessione non è andato oltre il settimo posto, mentre in Q2 ha siglato il terzo crono.

Doohan ha trovato il suo principale antagonista nel "solito" Ukyo Sasahara, campione in carica: il giapponese della Hitech è stato battuto in Q1 di 169 millesimi, e di 254 in Q2. Il poleman nel primo turno ha siglato il tempo di 2'01"343, per poi abbassare il limite a 2'00"887 nella frazione successiva, che determina la griglia di gara 3. Da ricordare che Sasahara è però trasparente ai fini della classifica generale, in base alle regole FIA.

Terzo in Q1 ha chiuso Nikita Mazepin, ma in Q2 il russo si è ritrovato in fondo a causa del superamento dei track limits, che hanno portato alla cancellazione dei suoi 2 giri più veloci da parte dei commissari. In gara 3 sarà così costretto a rimboccarsi le maniche per recuperare terreno.

Bene James Yu, quarto in Q1 davanti a Jamie Chadwick, poi a sua volta quarta in Q2. La britannica era stata la più veloce nelle prove libere, addirittura in 2'00"518, ma non è riuscita a confermarsi sullo stesso livello. Senza Tatiana Calderon, c'è un'altra ragazza ad animare la sfida al femminile: si tratta della rientrante Miki Koyama, ormai ottima conoscitrice della vettura Tatuus-Autotecnica grazie anche all'esperienza in W Series. Naviga invece a cavallo della terza fila il brasiliano Pietro Fittipaldi.

In Malesia lo schieramento accoglie anche altre novità, come i piloti locali Najiy Razak, già visto nella F4 spagnola, e Alister Yoong, figlio dell'ex F1 Alex, che nel team Absolute sostituisce idealmente Devlin DeFrancesco. Il canadese, come annunciato da lui stesso alla vigilia dell’evento, è stato costretto a dare forfait per
scongiurare il rischio del coronavirus.

Venerdì 14 febbraio 2020, qualifica 1

1 - Jack Doohan - Pinnacle - 2'01"343
2 - Ukyo Sasahara* - Hitech - 2'01"512
3 - Nikita Mazepin - Hitech - 2'02"115
4 - James Yu - Zen - 2'02"332
5 - Jamie Chadwick - Absolute - 2'02"383
6 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 2'02"418
7 - Joey Alders - BlackArts - 2'02"629
8 - Yu Kanamaru - BlackArts - 2'02"689
9 - Alessio Deledda - Hitech - 2'03"349
10 - Tommy Smith - Absolute - 2'04"017
11 - Miki Koyama - BlackArts - 2'04"154
12 - Alister Yoong - Absolute - 2'06"298
13 - Thomas Luedi - BlackArts - 2'06"499
14 - Najiy Razak - Absolute - 2'06"868
15 - Dominic Ang - Pinnacle - 2'08"938
16 - Gilbert Ang - Zen - 2'12"293

Venerdì 14 febbraio 2020, qualifica 2

1 - Jack Doohan - Pinnacle - 2'00"887
2 - Ukyo Sasahara* - Hitech - 2'01"141
3 - Joey Alders - BlackArts - 2'01"402
4 - Jamie Chadwick - Absolute - 2'01"511
5 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 2'01"943
6 - James Yu - Zen - 2'02"350
7 - Tommy Smith - Absolute - 2'02"773
8 - Yu Kanamaru - BlackArts - 2'03"041
9 - Miki Koyama - BlackArts - 2'03"883
10 - Thomas Luedi - BlackArts - 2'06"477
11 - Nikita Mazepin - Hitech - 2'15"980

11 Feb [11:29]

Rischio Coronavirus,
DeFrancesco deve fermarsi

Jacopo Rubino

Devlin DeFrancesco non concluderà la stagione 2020 della F3 Asia, che ha in calendario ancora due appuntamenti: quello di Sepang del prossimo weekend e quello a Buriram del 22-23 febbraio. Il canadese è il primo pilota, almeno a livello internazionale, che rinuncia a scendere in pista per la minaccia del Coronaviruspartito dalla Cina, ma con valide ragioni per farlo.

"Come probabilmente sapete sono nato prematuro, e ho un sistema immunitario più debole. La decisione è stata difficile, ma devo mettere al primo posto la mia salute", ha spiegato DeFrancesco. Alla sua nascita, avvenuta con 15 settimane di anticipo, Devlin pesava meno di mezzo chilo e in una intervista di qualche anno fa al quotidiano Globe And Mail la madre Cathy raccontò che le probabilità di sopravvivenza erano così basse che venne compiuto il rito dell'estrema unzione.

Al momento il 20enne di origini italiane occupa la quarta posizione in classifica generale, con tre piazzamenti sul podio. "Voglio ringraziare il team Absolute Racing per quanto fatto nei tre round precedenti", ha sottolineato DeFrancesco. L'impegno in F3 Asia anticipava il proseguimento dell'avventura nella Formula 3 FIA tra le fila della Trident.

Nell'ambito del motorsport, fino a qui il Coronavirus ha portato alla cancellazione della gara di Formula E a Sanya, prevista il 21 marzo, mentre si attende di scoprire quali saranno i provvedimenti per il Gran Premio di Formula 1 del 19 aprile.

18 Gen [17:27]

Abu Dhabi - Gara 3
Fernandez lascia il segno

Jacopo Rubino

Dopo la prima pole festeggiata ieri, ecco la prima vittoria: Sebastian Fernandez si è ambientato in fretta alla F3 Asia, forse meglio di tutti fra i piloti in arrivo da categorie di livello superiore. Il venezuelano, prossimo alfiere ART Grand Prix nella F3 internazionale, ha conquistato gara 3 ad Abu Dhabi con relativa facilità. Due ingressi della safety-car potevano rimescolare le carte, ma il portacolori del team Pinnacle li ha saputi gestire bene.

La prima neutralizzazione è stata necessaria quasi subito, quando Yu Kanamaru ha picchiato contro le barriere di curva 15, mentre più tardi il gruppo è stato ancora ricompattato a causa di un detrito colpito da una vettura in pista.

Alla fine Fernandez ha tagliato il traguardo con quasi 3" di vantaggio sul compagno Jack Doohan, che si riprende la seconda posizione in classifica generale su Nikita Mazepin, questa volta terzo. Entrambi rosicchiano qualcosa al leader Joey Alders, sesto, il cui margine rimane comunque molto rassicurante: +50 sull'australiano e +51 sul russo, quando restano da disputare i round di Sepang (14-15 febbraio) e Buriram (22-23 febbraio).

Quarta posizione per il campione in carica Ukyo Sasahara, trasparente per la graduatoria, e così Pietro Fittipaldi (5°) e lo stesso Alders possono aumentare il proprio bottino. A seguire Devlin DeFrancesco, poi Tommy Smith e le due ragazze Jamie Chadwick e Tatiana Calderon. Il weekend della britannica si chiude con il rimpianto del successo perso in gara 2 per una penalità. Dodicesimo Alessio Deledda, che archivio il miglior fine settimana della sua esperienza in F3 Asia.

Sabato 18 gennaio 2020, gara 3

1 - Sebastian Fernandez - Pinnacle - 13 giri 31'11"399
2 - Jack Doohan - Pinnacle - 2"826
3 - Nikita Mazepin - Hitech - 4"501
4 - Ukyo Sasahara * - Hitech - 8"836
5 - Pietro Fittipaldi - Pinnacle - 9"986
6 - Joey Alders - BlackArts - 11"593
7 - Devlin Defrancesco - Absolute - 12"394
8 - Tommy Smith - Absolute - 15"245
9 - Jamie Chadwick - Absolute - 16"053
10 - Tatiana Calderon - Seven GP - 16"315
11 - James Yu - Zen - 17"104
12 - Alessio Deledda - Hitech - 34"634
13 - Khaled Al Qubaisi - Abu Dhabi - 57"467
14 - Thomas Luedi - BlackArts - 1'02"567
15 - Paul Wong - Zen - 1'23"752

* Pilota guest, non prende punti

Giro più veloce: Sebastian Fernandez 2'08"206

Ritirati
1° giro - Yu Kanamaru

Il campionato
1.Alders 173 punti; 2.Doohan 125; 3.Mazepin 124; 4.DeFrancesco 101; 5.Fernandez 96; 6.Fittipaldi 53; 7.Kanamaru 48; 8.Yu, Chadwick 40; 10.Cao, Calderon 31 punti

PrecedentePagina 1 di 9Successiva

News

F3 FIA Asia
v

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone