formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
formula 1

Mercedes lancia un assist al gruppo
Volkswagen: "Eliminare la MGU-H"

Come fare per coinvolgere in F1 un maggior numero di motoristi e che magari travolti dall'entusiasmo decidano di entrare ...

Leggi »
indycar

Laguna Seca - Gara
Herta non sbaglia, Palou vede il titolo

Colton Herta si è preso la rivincita per il difficile finale di Nashville nella "sua" Laguna Seca. Il californiano ...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 3
Øgaard firma la doppietta

1 - Sebastian Øgaard - Campos - 16 giri2 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 0”2363 - Filip Jenic - Teo Martin - 2”2094...

Leggi »
dtm

Assen - Gara 2
Vince Auer, Lawson secondo

Lucas Auer festeggia la sua prima vittoria stagionale nel DTM: l'austriaco ha fatto sua gara 2 ad Assen dopo essere parti...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 2
Macia penalizzato, primo Van’t Hoff

È stata una corsa davvero bella e combattuta quella che ha aperto la seconda giornata di gare dell’appuntamento di Valencia d...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
16 Set [14:42]

Saucy eredita la vittoria di gara 2
Colapinto retrocesso in quarta piazza

Mattia Tremolada

Come anticipato nei giorni scorsi, la classifica della seconda corsa della Formula Regional by Alpine a Spielberg è stata stravolta, venendo di fatto stilata a tavolino dai commissari di gara. A motori spenti, in seguito ad un meeting con i team principal di tutte le squadre, i commissari hanno minuziosamente contato ogni infrazione commessa da ciascun pilota, prendendo provvedimenti in tal senso.

Così, Nico Gohler, Isack Hadjar, Axel Gnos, William Alatalo, Nicola Marinangeli, Dino Beganovic e Alex Quinn hanno ricevuto 5" di penalità per track limits; Tommy Smith, Ido Cohen, Franco Colapinto, Gabriele Minì, Mari Boya, Eduardo Barrichello e Oliver Goethe 10" per lo stesso motivo, mentre Gianluca Petecof e Andrea Rosso addirittura 25", l'equivalente di un drive through. Inoltre, al tempo finale di Beganovic e Alatalo vanno aggiunti altri 10" per aver scavalcato Quinn in regime di safety car. I risultati sono comunque sub judice in seguito all'appello presentato da MP Motorsport.

La squadra olandese infatti ha perso il secondo successo consecutivo di Colapinto, vero e proprio dominatore del fine settimana ma privato della seconda vittoria stagionale, che passa nelle mani del leader di campionato Gregoire Saucy. Il pilota svizzero ottiene così l'ottavo centro del 2021, precedendo sul podio un bravo Gabriel Bortoleto e Zane Maloney. Colapinto scivola quarto davanti a Pietro Delli Guanti, protagonista di una domenica perfetta.

In zona punti anche Hadjar, che perde una posizione, David Vidales, promosso da nono a settimo, Alex Quinn, che rimane ottavo, Francesco Pizzi, che torna in zona punti col nono posto e Patrik Pasma, promosso in top-10 addirittura dalla 17esima posizione in cui aveva tagliato il traguardo. Perdono i punti conquistati Alatalo e Minì, rispettivamente settimo e decimo alla bandiera a scacchi. Significativo passo in avanti per il rookie di Monolite José Garfias, che passa dalla 27esima alla 20esima posizione.

Domenica 12 settembre 2021, gara 2

1 - Gregoire Saucy - ART - 21 giri in 32'05"984
2 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 2"959
3 - Zane Maloney - R-Ace - 5"991
4 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 8"943**
5 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 10"015
6 - Isack Hadjar - R-Ace - 11"774*
7 - David Vidales - Prema - 11"874
8 - Alex Quinn - Arden - 16"251*
9 - Francesco Pizzi - VAR - 18"262
10 - Patrik Pasma - ART - 22"201
11 - Dino Beganovic - Prema - 23"076****
12 - Gabriele Minì - ART - 23"772**
13 - Paul Aron - Prema - 24"118
14 - Mari Boya - VAR - 25"058**
15 - William Alatalo - Arden - 25"971****
16 - Lorenzo Fluxa - VAR - 26"437
17 - Elias Seppanen - KIC - 28"991
18 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 29"787**
19 - Ido Cohen - JD Motorsport - 30"719**
20 - José Garfias - Monolite - 37"805
21 - Nicola Marinangeli - Arden - 37"832*
22 - Nico Gohler - KIC - 39"223*
23 - Emidio Pesce - DR Formula - 40"211
24 - Axel Gnos - G4 Racing - 41"128*
25 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 45"789**
26 - Lena Buhler - R-Ace - 46"243
27 - Tommy Smith - JD Motorsport - 46"326**
28 - Gianluca Petecof - KIC - 46"889***
29 - Andrea Rosso - FA Racing - 47"517***

*5" di penalità per track limits
**10" di penalità per track limits
***25" di penalità per track limits
****5" di penalità per track limits e 10" di penalità per sorpasso in regime di bandiere gialle

Giro più veloce: Franco Colapinto in 1’26”569

Ritirati
Kas Haverkort
Alexandre Bardinon‍
Michael Belov
Hadrien David

Il campionato
1.Saucy 224 punti; 2.David 147; 3.Maloney 141; 4.Hadjar 110; 5.Minì, Aron 109; 7.Quinn 96; 8.Alatalo 77; 9.Colapinto 73; 10.Vidales 58; 11.Pasma 56; 12.Belov 45; 13.Boya 29; 14.Ten Brinke 28; 15.Bortoleto 26; 16.Beganovic 24; 17.Haverkort 16; 18.Rosso 14; 19.Pizzi 12; 20.Delli Guanti 10; 21.Patterson 6; 22.Goehte 3; 23.Seppanen 1.‍‍‍‍

14 Set [17:00]

I track limits congelano gara 2
Quali soluzioni per questo problema?

Mattia Tremolada

È una situazione senza precedenti quella che si sta verificando nella Formula Regional by Alpine, dove i risultati della seconda corsa di Spielberg sono stati congelati dai commissari, che ad oggi non hanno ancora rilasciato la classifica finale di gara 2. Il motivo riguarda il ripetuto abuso dei limiti della pista da parte dei piloti, argomento già al centro del fine settimana, in particolare nelle prove libere e nelle qualifiche, in cui sono stati cancellati molti tempi ai protagonisti, rei di aver messo le ruote oltre la linea bianca in curva 9 (nella foto sotto) e 10. In gara 1, invece, non erano arrivati dalla direzione gara provvedimenti e nessun pilota era stato sanzionato.

Anche nella corsa conclusiva di domenica sembrava che la gara fosse stata svolta regolarmente, ma alle ore 18:21 è stata pubblicata una nota ufficiale che recita: “In seguito al report della direzione gara a proposito dei track limits, i commissari (Matteo Perini, Steve Stringwell e Günther Kremel) ordinano alla direzione gara di analizzare tutti i filmati on board delle vetture e i video delle telecamere a circuito chiuso, al fine di contare tutti i track limits commessi in curva 9 e 10 in gara 2. Fino a quel momento, i risultati rimarranno provvisori”. Saranno puniti con 10” di penalità tutti i piloti che avranno commesso almeno cinque abusi dei limiti della pista, con la classifica che potrebbe dunque essere stravolta.



A questo punto sorge spontanea una domanda: ha senso utilizzare un metodo di giudizio così inflessibile e severo, che potenzialmente può ricostruire a tavolino la classifica di una gara bella e di alto livello, con i primi due piloti separati da un solo secondo al termine di un confronto serrato a colpi di giri più veloci. Ad occhio nudo, per chi ha seguito la gara, non è parso che i protagonisti abusassero dei limiti del tracciato in maniera eccessiva e sistematica, regalando anzi uno spettacolo di livello, a cui ormai la Formula Regional by Alpine ci ha abituato.

Ha dunque senso imporre con tanta severità di rispettare i famigerati limiti della pista? Imporre regole così rigide fa bene al motorsport? Mettere le ruote esterne oltre la linea bianca in quattro occasioni in una gara di 21 giri, rappresenta davvero un vantaggio determinante da punire con ben 10” di penalità? È assai probabile che questo pugno di ferro sia un monito in vista del prossimo appuntamento, in programma a Valencia, dove le vie di fuga in uscita dalle curve sono state asfaltate. A questo va aggiunto che i cordoli del circuito spagnolo sono bassi e piatti, e non rappresentano dunque in nessun modo un limite fisico al tracciato, invogliando i piloti ad andare oltre la riga bianca.

Certo, le regole sono regole, e come tali vanno rispettate, e il nostro non è ovviamente un invito a legalizzare l’estremo opposto, con un’eccessiva libertà che potrebbe portare a situazioni di pericolo, come accaduto nel 2019 ad Austin In Indycar (video), quando James Hinchcliffe e Felix Rosenqvist incrociarono le proprie linee completamente fuori dai limiti della pista, cosa concessa dalla direzione gara americana, decisamente più permissiva rispetto a quelle a cui siamo abituati in Europa.



Tuttavia, solamente lo scorso giugno, la federazione tedesca aveva stabilito che per tutto il fine settimana della F4 nazionale non ci sarebbero stati provvedimenti proprio per i track limits in curva 9 e 10 del circuito di Spielberg, e nel corso dell’evento non si sono create situazioni pericolose, con i piloti che non hanno fatto un eccessivo abuso degli stessi limiti della pista, portando a termine tre corse ugualmente divertenti e sicure.

Perché non imporre un limite fisico? Sempre a Spielberg, in curva 1 (foto di copertina) e 3 è presente un cordolo parallelo al senso di marcia, cui i piloti si appoggiano per rimanere nei limiti della pista. Se preso con troppa violenza, la vettura lo scavalca, facendo non solo perdere tempo al pilota, ma rendendo anche facilmente individuabili i track limits. Curva 9 e 10 sono però troppo veloci per una soluzione di questo tipo, ma la velocità di percorrenza è molto simile a quella delle curve 6 e 7 (nell'immagine sotto).



In quel punto, proprio alla vigilia della stagione 2021, la FIA ha avvicinato la ghiaia alla riga bianca, stessa soluzione adottata a Spa alla Stavelot, rendendo impossibile di fatto per una vettura fare track limits senza mettere le ruote sulla ghiaia. Una soluzione pratica, efficiente, e tante volte invocata dagli addetti ai lavori, che metterebbe fine ad una diatriba noiosa, inutile ed antisportiva. Una soluzione che, ci rendiamo conto, non può essere adottata in ogni curva, ad esempio al Raidillion di Spa potrebbe risultare pericolosa, ma che nella maggior parte delle situazioni potrebbe risolvere la questione.

12 Set [18:43]

Beganovic penalizzato,
Delli Guanti sesto e Minì a punti

Da Spielberg - Mattia Tremolada

Cambia il volto della classifica della seconda corsa di Spielberg della Formula Regional by Alpine. Dopo aver esaminato gli on board e aver ascoltato il pilota, i commissari di gara hanno deciso di infliggere 10" di penalità a Dino Beganovic, che vede così vanificata una bella rimonta dalla 11esima alla sesta posizione. Il portacolori di Prema ha scavalcato Alex Quinn dopo l'ingresso della safety car, e dal video della telecamera della sua vettura, le bandiere gialle sono ben evidenti nel momento in cui completa il sorpasso ai danni del pilota inglese. 

A beneficiarne è certamente Pietro Delli Guanti, promosso dalla settima alla sesta posizione, che diventa il miglior risultato stagionale del pilota pugliese e di Monolite. Guadagnano una casella anche William Alatalo, Alex Quinn e David Vidales, mentre entra in zona punti Gabriele Minì, che porta a casa così l'unico punticino di un fine settimana da dimenticare, portandosi a -1 da Isack Hadjar nella classifica rookie.

Domenica 12 settembre 2021, gara 2

1 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 21 giri in 32'04"927
2 - Gregoire Saucy - ART - 1"057
3 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 4"016
4 - Zane Maloney - R-Ace - 7"048
5 - Isack Hadjar - R-Ace - 7"831
6 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 11"072
7 - William Alatalo - Arden - 12"028
8 - Alex Quinn - Arden - 12"308
9 - David Vidales - Prema - 12"931
10 - Gabriele Minì - ART - 14"829
11 - Mari Boya - VAR - 16"115
12 - Dino Beganovic - Prema - 19"133*
13 - Francesco Pizzi - VAR - 19"319
14 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 20"844
15 - Ido Cohen - JD Motorsport - 21"776
16 - Gianluca Petecof - KIC - 22"946
17 - Patrik Pasma - ART - 23"258
18 - Andrea Rosso - FA Racing - 23"574
19 - Paul Aron - Prema - 25"175
20 - Lorenzo Fluxa - VAR - 27"494
21 - Elias Seppanen - KIC - 30"048
22 - Nicola Marinangeli - Arden - 33"889
23 - Nico Gohler - KIC - 35"280
24 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 36"846
25 - Axel Gnos - G4 Racing - 37"185
26 - Tommy Smith - JD Motorsport - 37"383
27 - José Garfias - Monolite - 38"862
28 - Emidio Pesce - DR Formula - 41"268
29 - Lena Buhler - R-Ace - 47"300

*10" di penalità 

Giro più veloce: Franco Colapinto in 1’26”569

Ritirati
Kas Haverkort
Alexandre Bardinon‍
Michael Belov
Hadrien David

Il campionato
1.Saucy 217 punti; 2.David 147; 3.Maloney 138; 4.Hadjar 112; 5.Minì 110; 6.Aron 109; 7.Quinn 96; 8.Colapinto 86; 9.Alatalo 83; 10.Pasma 55; 11.Vidales 54; 12.Belov 45; 13.Boya 29; 14.Ten Brinke 28; 15.Beganovic 32; 16.Bortoleto 23; 17.Haverkort 16; 18.Rosso 14; 19.Pizzi 10; 20.Delli Guanti 8; 21.Patterson 6; 22.Goehte 3; 23.Seppanen 1.‍‍‍‍

12 Set [13:29]

Spielberg - Gara 2
Colapinto impeccabile

Da Spielberg - Mattia Tremolada

Ha chiuso un weekend praticamente perfetto Franco Colapinto, che a Spielberg ha conquistato il bottino pieno, con due pole position, due giri più veloci e due vittorie. Una prova di forza del pilota argentino, che riscatta così un inizio di stagione da incubo, con la mancata partecipazione alle gare di Imola e di Monaco, e il doppio incidente di Barcellona. A Zandvoort erano arrivati i primi segnali positivi, con un quinto e un secondo posto, poi un sesto a Spa e infine la clamorosa doppietta di Spielberg. Per puntare al titolo è ormai tardi, ma il quinto posto in campionato è a meno di 25 lunghezze di distanza.

Gregoire Saucy ha provato a mettere pressione al rivale, rimanendo nella sua scia per tutta la durata della corsa, ma non è mai riuscito a portare un attacco, nemmeno alla ripartenza dopo il regime di safety car. La vettura di sicurezza è entrata in azione già al termine del primo passaggio, quando Michael Belov è stato chiuso nella morsa delle due R-Ace di Zane Maloney e Hadrien David. Il contatto tra il pilota russo e il francese è stato inevitabile, e ha portato al ritiro di entrambi. A beneficiarne è stato Gabriel Bortoleto, che ha potuto gestire in sicurezza il terzo posto, allungando sullo stesso Maloney, che piuttosto che pensare all'attacco ha dovuto guardarsi negli specchietti dal rientro di Isack Hadjar.

Con il quinto posto, e soprattutto grazie al fine settimana nero di Gabriele Minì, il pilota francese di origini algerine torna in testa alla classifica rookie, nonché al quarto posto assoluto. Sesta posizione in rimonta per Dino Beganovic, scattato 11esimo, mentre settimo ha chiuso un ottimo Pietro Delli Guanti, che conquista così i primi punti della stagione. Una bella soddisfazione per il pilota pugliese, costantemente tra i migliori debuttanti nella prima parte di stagione, e per Monolite, che coglie così un altro settimo posto dopo quello ottenuto da Dexter Patterson a Spa.

Chiudono la top-10 le Arden di William Alatalo e Alex Quinn, e la Prema di David Vidales. 13esima posizione per Francesco Pizzi, bravo a risalire lo schieramento dopo un sabato da dimenticare. Ido Cohen ha tagliato il traguardo in 15esima piazza con JD Motorsport, davanti al rientrante Gianluca Petecof. 18esimo Andrea Rosso, mentre ancora una volta Nicola Marinangeli ha mostrato di avere un buon passo in gara, rimontando dalla 32esima alla 22esima piazza.

Domenica 12 settembre 2021, gara 2

1 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 21 giri in 32'04"927
2 - Gregoire Saucy - ART - 1"057
3 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 4"016
4 - Zane Maloney - R-Ace - 7"048
5 - Isack Hadjar - R-Ace - 7"831
6 - Dino Beganovic - Prema - 9"133
7 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 11"072
8 - William Alatalo - Arden - 12"028
9 - Alex Quinn - Arden - 12"308
10 - David Vidales - Prema - 12"931
11 - Gabriele Minì - ART - 14"829
12 - Mari Boya - VAR - 16"115
13 - Francesco Pizzi - VAR - 19"319
14 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 20"844
15 - Ido Cohen - JD Motorsport - 21"776
16 - Gianluca Petecof - KIC - 22"946
17 - Patrik Pasma - ART - 23"258
18 - Andrea Rosso - FA Racing - 23"574
19 - Paul Aron - Prema - 25"175
20 - Lorenzo Fluxa - VAR - 27"494
21 - Elias Seppanen - KIC - 30"048
22 - Nicola Marinangeli - Arden - 33"889
23 - Nico Gohler - KIC - 35"280
24 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 36"846
25 - Axel Gnos - G4 Racing - 37"185
26 - Tommy Smith - JD Motorsport - 37"383
27 - José Garfias - Monolite - 38"862
28 - Emidio Pesce - DR Formula - 41"268
29 - Lena Buhler - R-Ace - 47"300

Giro più veloce: Franco Colapinto in 1’26”569

Ritirati
Kas Haverkort
Alexandre Bardinon‍
Michael Belov
Hadrien David

Il campionato
1.Saucy 217 punti; 2.David 147; 3.Maloney 138; 4.Hadjar 112; 5.Minì, Aron 109; 7.Quinn 94; 8.Colapinto 86; 9.Alatalo 81; 10.Pasma 55; 11.Vidales 53; 12.Belov 45; 13.Boya 29; 14.Ten Brinke 28; 15.Beganovic 32; 16.Bortoleto 23; 17.Haverkort 16; 18.Rosso 14; 19.Pizzi 10; 20.Patterson, Delli Guanti 6; 22.Goehte 3; 23.Seppanen 1.‍‍‍‍

12 Set [9:49]

Boya penalizzato,
Delli Guanti ottavo e terzo rookie

Da Spielberg - Mattia Tremolada

M‍ari Boya è stato penalizzato dalla direzione gara per aver abusato dei limiti della pista nel proprio giro cronometrato, perdendo l'ottava posizione conquistata. A beneficiarne è Pietro Delli Guanti, grande protagonista della sessione che aveva chiuso con il nono tempo. Il pilota di Monolite eguaglia così il proprio miglior risultato stagionale in qualifica, bissando l'ottavo posto che aveva ottenuto a Le Castellet nel Q2, salendo anche terzo tra i rookie. Alle sue spalle la quinta fila sarà tutta targata Arden, con Alex Quinn e William Alatalo. Gli ex compagni di squadra in F4 Dino Beganovic e Gabriele Minì salgono in 11esima e 12esima piazza, mentre Boya scivola in 13esima casella, trovando il compagno in VAR Francesco Pizzi accanto a sé.

Domenica 12 settembre 2021, qualifica 2

1 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 1’25”699
2 - Gregoire Saucy - ART - 1’25”754
3 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1’25”927
4 - Michael Belov - G4 Racing - 1’26"007
5 - Hadrien David - R-Ace - 1’26"040
6 - Zane Maloney - R-Ace - 1’26"057
7 - Isack Hadjar - R-Ace - 1’26"085
8 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1’26”192
9 - Alex Quinn - Arden - 1’26"193
10 - William Alatalo - Arden - 1’26"203
11 - Dino Beganovic - Prema - 1’26"231
12 - Gabriele Minì - ART - 1’26"240
13 - Mari Boya - VAR - 1’26"241
14 - Francesco Pizzi - VAR - 1’26”298
15 - David Vidales - Prema - 1’26”302
16 - Andrea Rosso - FA Racing - 1’26”366
17 - Gianluca Petecof - KIC - 1’26”426
18 - Paul Aron - Prema - 1’26"428
19 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1’26”441
20 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1’26”505
21 - Ido Cohen - JD Motorsport - 1'26"599
22 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1’26”643
23 - Patrik Pasma - ART - 1’26”798
24 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1’26”803
25 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1’26”869
26 - Elias Seppanen - KIC - 1’26”878
27 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1’26”901
28 - Nico Gohler - KIC - 1’27"051
29 - Axel Gnos - G4 Racing - 1’27”088
30 - Emidio Pesce - DR Formula - 1’27”228
31 - José Garfias - Monolite - 1’27"250
32 - Nicola Marinangeli - Arden - 1’27"700
33 - Lena Buhler - R-Ace - 1’27”753‍

12 Set [8:57]

Spielberg - Qualifica 2
Colapinto regola Saucy

Da Spielberg - Mattia Tremolada

Franco Colapinto è riuscito ad emergere dalla nebbia che avvolge il circuito di Spielberg questa mattina, confermandosi in pole position come successo nella giornata di ieri. Fresco del primo successo stagionale, arrivato in gara 1, il pilota argentino è riuscito a strappare il tempo di riferimento a Gregoire Saucy solamente sotto la bandiera a scacchi per 55 millesimi. Particolarmente compatto il gruppo, con 26 auto racchiuse in un secondo nel Q1 e 22 nel Q2, a riprova del grande equilibrio presente nella serie.

Terza posizione per un brillante Gabriel Bortoleto, che riesce a migliorare il quarto posto ottenuto nella giornata di ieri, confermando l'ottimo feeling con il tracciato di Spielberg. In risalita anche Michael Belov di G4, quarto, davanti al trio di R-Ace composto da Hadrien David, Zane Maloney e Isack Hadjar, racchiusi in soli 45 millesimi. Mari Boya, ottavo per VAR, precede l'ottimo Pietro Delli Guanti, nono assoluto e quarto tra i rookie con la monoposto di Monolite Racing. Il pilota pugliese torna così in top-10 in qualifica come già accaduto a Le Castellet, dove ottenne l'ottavo tempo.

Alle sue spalle le Arden di Alex Quinn e William Alatalo, mentre Dino Beganovic, 12esimo, è stato il più rapido della pattuglia Prema, che vede David Vidales 15esimo e Paul Aron 18esimo. La settima fila vedrà scattare appaiati i due protagonisti della passata stagione di Formula 4 Italia, Gabriele Minì e Francesco Pizzi, mentre Andrea Rosso è 16esimo davanti a Gianluca Petecof. Da segnalare un testacoda di Lena Buhler nelle battute conclusive. 

Domenica 12 settembre 2021, qualifica 2

1 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 1’25”699
2 - Gregoire Saucy - ART - 1’25”754
3 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1’25”927
4 - Michael Belov - G4 Racing - 1’26"007
5 - Hadrien David - R-Ace - 1’26"040
6 - Zane Maloney - R-Ace - 1’26"057
7 - Isack Hadjar - R-Ace - 1’26"085
8 - Mari Boya - VAR - 1’26"118
9 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1’26”192
10 - Alex Quinn - Arden - 1’26"193
11 - William Alatalo - Arden - 1’26"203
12 - Dino Beganovic - Prema - 1’26"231
13 - Gabriele Minì - ART - 1’26"240
14 - Francesco Pizzi - VAR - 1’26”298
15 - David Vidales - Prema - 1’26”302
16 - Andrea Rosso - FA Racing - 1’26”366
17 - Gianluca Petecof - KIC - 1’26”426
18 - Paul Aron - Prema - 1’26"428
19 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1’26”441
20 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1’26”505
21 - Ido Cohen - JD Motorsport - 1'26"599
22 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1’26”643
23 - Patrik Pasma - ART - 1’26”798
24 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1’26”803
25 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1’26”869
26 - Elias Seppanen - KIC - 1’26”878
27 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1’26”901
28 - Nico Gohler - KIC - 1’27"051
29 - Axel Gnos - G4 Racing - 1’27”088
30 - Emidio Pesce - DR Formula - 1’27”228
31 - José Garfias - Monolite - 1’27"250
32 - Nicola Marinangeli - Arden - 1’27"700
33 - Lena Buhler - R-Ace - 1’27”753

11 Set [14:10]

Spielberg - Gara 1
Colapinto in solitaria, Saucy quinto

Da Spielberg - Mattia Tremolada

Franco Colapinto è riuscito a concretizzare la pole position messa a segno in mattinata nella prima vittoria della stagione. Sfruttando alla perfezione la scia offertagli da Alex Quinn, il pilota argentino era riuscito a balzare dal terzo al primo posto nel finale del Q1. In gara è poi stato perfetto, scattando bene dal palo e mettendo subito un margine di sicurezza tra sé e Hadrien David, secondo. Il pilota francese non è mai riuscito a mettere in difficoltà il rivale, accontentandosi di un secondo posto sicuramente prezioso in ottica classifica, non tanto per avvicinare Gregoire Saucy, quinto, quanto per consolidare la piazza d'onore nei confronti di Zane Maloney, soltanto nono.

Terza posizione per Paul Aron, che torna sul podio da cui mancava dalla prima gara di Monaco. Quarta e quinta posizione per Quinn e Saucy, che hanno subito approfittato della partenza poco brillante di Gabriel Bortoleto, scivolato subito da quarto a sesto. Il pilota brasiliano è poi stato scavalcato anche da un ottimo Michael Belov, chiudendo settimo e primo tra i rookie. Il pilota russo di G4 è stato bravo a portarsi subito da 11esimo a ottavo, andando poi a effettuare due bei sorpassi ai danni di William Alatalo e dello stesso Bortoleto. 

Chiudono la top-10 i due vincitori di Monaco Maloney e Isack Hadjar, che hanno preceduto Mari Boya e Gabriele Minì. Il pilota italiano è parso in affanno sulla pista che lo aveva visto trionfare nella passata stagione di Formula 4, scivolando dalla decima alla 12esima piazza. Alle sue spalle i due portacolori Prema David Vidales e Dino Beganovic hanno regolato Pietro Delli Guanti, 15esimo assoluto e sesto tra i rookie. 18esima posizione per Andrea Rosso, che ha recuperato qualche piazza rispetto al via, mentre dalla 20esima alla 22esima posizione troviamo Nicola Marinangeli, competitivo nella seconda parte di gara, Emidio Pesce e Francesco Pizzi.

Alla staccata di curva 3 del primo giro, Lena Buhler ha bloccato i propri pneumatici, andando a colpire Tommy Smith e José Garfias. Il debuttante di Monolite è riuscito a proseguire, mentre il portacolori di JD Motorsport non è stato altrettanto fortunato, ritirandosi con la pilota di R-Ace. Gianluca Petecof ha alzato bandiera bianca, così come Alexandre Bardinon, che ha rotto la sospensione posteriore sinistra. I ko di Buhler e Smith, e poi quello di Bardinon, hanno portato all'ingresso della safety car in due occasioni, congelando le ostilità nei minuti finali.

Sabato 11 settembre 2021, gara 1

1 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 20 giri in 32’37”860
2 - Hadrien David - R-Ace - 0”288
3 - Paul Aron - Prema - 0”760
4 - Alex Quinn - Arden - 1”013
5 - Gregoire Saucy - ART - 1”375
6 - Michael Belov - G4 Racing - 1”586
7 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 2”093
8 - William Alatalo - Arden - 3”187
9 - Zane Maloney - R-Ace - 3”339
10 - Isack Hadjar - R-Ace - 3”730
11 - Mari Boya - VAR - 3”971
12 - Gabriele Minì - ART - 4”217
13 - David Vidales - Prema - 4”909
14 - Dino Beganovic - Prema - 5”206
15 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 5”552
16 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 5”864
17 - Patrik Pasma - ART - 6”503
18 - Andrea Rosso - FA Racing - 6”674
19 - Lorenzo Fluxa - VAR - 7”116
20 - Nicola Marinangeli - Arden - 9”138
21 - Emidio Pesce - DR Formula - 10”558
22 - Francesco Pizzi - VAR - 10”879
23 - Elias Seppanen - KIC - 11”781
24 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 13”085
25 - Ido Cohen - JD Motorsport - 13”615
26 - Nico Gohler - KIC - 14”821
27 - Axel Gnos - G4 Racing - 15”388
28 - José Garfias - Monolite - 16”488
29 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 2 giri

Ritirati
Gianluca Petecof
Alexandre Bardinon
Tommy Smith
Lena Buhler

Giro più veloce: Franco Colapinto in 1’26”710

Il campionato
1.Saucy 199 punti; 2.David 147; 3.Maloney 126; 4.Minì, Aron 109; 6.Hadjar 102; 7.Quinn 92; 8.Alatalo 77; 9.Colapinto 61; 10.Pasma 55; 11.Vidales 52; 12.Belov 45; 13.Boya 29; 14.Ten Brinke 28; 15.Beganovic 24; 16.Haverkort 16; 17.Rosso 14; 18.Pizzi 10; 19.Bortoleto 8; 20.Patterson 6; 21.Goehte 3; 22.Seppanen 1.‍‍‍

11 Set [9:44]

Spielberg - Qualifica 1
Colapinto soffia la pole a David

Da Spielberg - Mattia Tremolada

Prima pole position in Formula Regional by Alpine per Franco Colapinto, che a dispetto delle due vittorie ottenute nella Formula Renault Eurocup 2020, non era mai riuscito a chiudere davanti a tutti in qualifica. Il pilota argentino si è ripresentato al via con il team MP Motorsport nel 2021, ma fino a questo momento ha vissuto una stagione decisamente complicata, con un podio a Zandvoort e soli tre piazzamenti in zona punti, che lo collocano in 12esimo posizione in classifica.

A prendere il comando nelle prime fasi era stato un ritrovato Paul Aron, deciso a riscattare una fase centrale di campionato sottotono. A sette minuti dal termine della sessione, Hadrien David si è messo a dettare il passo in 1'25"516, precedendo proprio Aron (1'25"603) e Colapinto (1'25"610). Il portacolori di MP nel finale ha trovato un ottimo alleato in Alex Quinn, mettendosi nella scia del pilota del team Arden. Negli ultimi due passaggi ha così potuto abbassare il proprio riferimento, prima salendo in seconda piazza in 1'25"542, e poi sferrando l'affondo decisivo in 1'25"403. David, che è il principale inseguitore del leader di campionato Gregoire Saucy, può comunque sorridere, data la difficoltà riscontrata dal pilota svizzero, salito in sesta posizione solamente nel finale. A separarli ci saranno Aron, Gabriel Bortoleto, il migliore tra i rookie, e lo stesso Quinn.

Bene anche William Alatalo, settimo, davanti a Isack Hadjar, Zane Maloney e Gabriele Minì, che chiude la top-10 al terzo posto tra i piloti al debutto. Solamente 11esimo Michael Belov, grande protagonista a Spa-Francorchamps e nelle prove libere di giovedì e venerdì. Mari Boya ha preceduto le Prema di Dino Beganovic e David Vidales, mentre un buon Pietro Delli Guanti è 15esimo e sesto tra gli esordienti. Alle sue spalle ha chiuso Gianluca Petecof, campione in carica della Formula Regional European al rientro in campionato.

Attardati a causa dei track limits gli altri piloti della pattuglia tricolore, con Nicola Marinangeli 21esimo, Andrea Rosso 22esimo, Francesco Pizzi 24esimo e Emidio Pesce, più staccato in 30esima posizione. Al debutto con il team Monolite José Garfias ha terminato 28esimo, mentre Ido Cohen ha azionato per errore l'estintore, rimanendo ai box per quasi tutta la durata della sessione.

Sabato 11 settembre 2021, qualifica 1


1 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 1’25”403
2 - Hadrien David - R-Ace - 1’25”516
3 - Paul Aron - Prema - 1’25”603
4 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1’25”664
5 - Alex Quinn - Arden - 1’25”675
6 - Gregoire Saucy - ART - 1’25”696
7 - William Alatalo - Arden - 1’25”728
8 - Isack Hadjar - R-Ace - 1’25”729
9 - Zane Maloney - R-Ace - 1’25”756
10 - Gabriele Minì - ART - 1’25”759
11 - Michael Belov - G4 Racing - 1’25”773
12 - Mari Boya - VAR - 1’25”914
13 - Dino Beganovic - Prema - 1’25”917
14 - David Vidales - Prema - 1’26”086
15 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1’26”093
16 - Gianluca Petecof - KIC - 1’26”099
17 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1’26”101
18 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1’26”138
19 - Patrik Pasma - ART - 1’26”138
20 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1’26”140
21 - Nicola Marinangeli - Arden - 1’26”157
22 - Andrea Rosso - FA Racing - 1’26”273
23 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1’26”292
24 - Francesco Pizzi - VAR - 1’26”308
25 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1’26”320
26 - Elias Seppanen - KIC - 1’26”401
27 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1’26”584
28 - José Garfias - Monolite - 1’26”668
29 - Nico Gohler - KIC - 1’26”862
30 - Emidio Pesce - DR Formula - 1’27”093
31 - Axel Gnos - G4 Racing - 1’27”316
32 - Lena Buhler - R-Ace - 1’27”452
33 - Ido Cohen - JD Motorsport - 2’05”574

10 Set [17:28]

Spielberg, libere 2
Belov si avvicina a Saucy

Da Spielberg - Mattia Tremolada 

Gregoire Saucy mantiene il comando delle operazioni anche nel secondo turno di prove libere della Formula Regional by Alpine a Spielberg. Il pilota svizzero vede avvincersi nei propri specchietti Michael Belov, secondo a meno di un decimo, ma arriverà al primo turno di qualifica imbattuto, avendo fatto segnare il miglior tempo nei test collettivi di giovedì e poi in entrambe le sessioni di libere disputate quest'oggi. Tuttavia, il suo margine nei confronti del resto del gruppo è molto più sottile rispetto alle tappe precedenti, con ben cinque piloti, Saucy, Belov, Isack Hadjar, Franco Colapinto e Hadrien David, che in questo secondo turno sono riusciti a scendere sotto il muro dell''1'26".

Il pilota francese di R-Ace è finalmente riuscito a portarsi in top-5, rimediando ad un inizio di weekend in salita. In generale la squadra di Thibaut de Merindol sembra essere cresciuta, avendo piazzato tre vetture nei primi sei posti. Alle spalle del duo composto da David e Zane Maloney si è portato Alex Quinn, che ha preceduto a sua volta Paul Aron, Gabriel Bortoleto (galvanizzato dalla presenza del papà, venuto per la prima volta a vederlo gareggiare in Europa) e William Alatalo.

Ha perso terreno rispetto al primo turno Gabriele Minì, 11esimo, seppur si trovi a solo mezzo secondo di ritardo da Saucy. Gli altri piloti italiani sono poco distanti, con Pietro Delli Guanti e Andrea Rosso che condividono l'ottava fila virtuale dello schieramento, Francesco Pizzi 19esimo, Nicola Marinangeli 21esimo e Emidio Pesce, rimasto l'unico alfiere del team DR Formula, 26esimo. Ha percorso solamente sette passaggi Gianluca Petecof, che chiude il gruppo.

Venerdì 10 settembre 2021, libere 2

1 - Gregoire Saucy - ART - 1’25”883 - 25 giri
2 - Michael Belov - G4 Racing - 1’25”959 - 27
3 - Isack Hadjar - R-Ace - 1’25”969 - 26
4 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 1’25”990 - 26
5 - Hadrien David - R-Ace - 1’25”997 - 30
6 - Zane Maloney - R-Ace - 1’26”153 - 29
7 - Alex Quinn - Arden - 1’26”154 - 27
8 - Paul Aron - Prema - 1’26”190 - 26
9 - Gabriel Bortoleto - FA Racing - 1’26”194 - 26
10 - William Alatalo - Arden - 1’26”197 - 23
11 - Gabriele Minì - ART - 1’26”310 - 26
12 - David Vidales - Prema - 1’26”343 - 23
13 - Dino Beganovic - Prema - 1’26”345 - 23
14 - Mari Boya - VAR - 1’26”373 - 28
15 - Pietro Delli Guanti - Monolite - 1’26”477 - 24
16 - Andrea Rosso - FA Racing - 1’26”527 - 26
17 - Eduardo Barrichello - JD Motorsport - 1’26”569 - 27
18 - Patrik Pasma - ART - 1’26”578 - 24
19 - Francesco Pizzi - VAR - 1’26”685 - 22
20 - Lorenzo Fluxa - VAR - 1’26”689 - 25
21 - Nicola Marinangeli - Arden - 1’26”786 - 26
22 - Alexandre Bardinon - FA Racing - 1’26”804 - 26
23 - Ido Cohen - JD Motorsport - 1’26”940 - 22
24 - Kas Haverkort - MP Motorsport - 1’26”953 - 27
25 - Oliver Goethe - MP Motorsport - 1’27”008 - 25
26 - Emidio Pesce - DR Formula - 1’27”009 - 23
27 - Axel Gnos - G4 Racing - 1’27”060 - 27
28 - Nico Gohler - KIC - 1’27”273 - 26
29 - Tommy Smith - JD Motorsport - 1’27”387 - 27
30 - José Garfias - Monolite - 1’27”389 - 23
31 - Elias Seppanen - KIC - 1’27”442 - 18
32 - Lena Buhler - R-Ace - 1’27”520 - 29
33 - Gianluca Petecof - KIC - 1’28”665 - 7

PrevPage 1 of 10Next

News

Regional by Alpine
v

FirstPrevPage 1 of 6NextLast
FirstPrevPage 1 of 6NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone