formula 1

Sochi - Qualifica
Norris che pole, Sainz secondo
Hamilton sbaglia tutto, quarto

Nel giorno in cui Max Verstappen, dovendo partire dal fondo griglia per la penalità dovuta al cambio motore, la quarta unità,...

Leggi »
Regional by Alpine

Valencia - Gara 1
Colapinto trova il riscatto

1 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 21 giri 2 - David Vidales - Prema - 0"4173 - Mari Boya - VAR - 4"0924 -...

Leggi »
Regional by Alpine

Valencia - Qualifica 1
Colapinto batte Vidales

1 - Franco Colapinto - MP Motorsport - 1’28"7692 - David Vidales - Prema - 1’28"8333 - Mari Boya - VAR - 1’28"...

Leggi »
FIA Formula 3

Alla scoperta di Hauger,
la nuova speranza della Norvegia

Il Dennis Hauger nel FIA Formula 3 ha chiuso un cerchio aperto da oltre dieci anni. Nel 2010 fu infatti un pilota norvegese a...

Leggi »
FIA Formula 3

Sochi – Gara 1
Hauger campione con Prema
Vittoria per Sargeant

Ha provato in tutti i modi a conquistare la vittoria di gara 1 a Sochi ma, nonostante il secondo posto, Dennis Hauger può fes...

Leggi »
FIA Formula 2

Sochi - Qualifica
Terza pole di fila per Piastri e Prema

Terza pole position consecutiva per Oscar Piastri in questa stagione di Formula 2, davanti a tutti ancora una volta in occasi...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
25 Set [16:55]

Sochi, gara 1
Ticktum domina dalla pole

Luca Basso

Successo netto e mai messo in discussione quello di Dan Ticktum nella gara 1 della Formula 2 a Sochi. Il britannico ha guidato la corsa fin dalla partenza, tenendo a bada i propri inseguitori per tutti i 18 giri fino a tagliare il traguardo per primo. Un risultato che arricchisce il bottino del portacolori di Carlin, sempre incollato ai primi tre della classifica, nonostante non abbia più alcun legame con un team di Formula 1.

Tutto sommato, una corsa senza troppe sorprese. Juri Vips ha provato a dare fastidio a Ticktum, ma l’estone di Hitech ha successivamente mollato la presa e ha concluso in seconda posizione. L’eroe di casa Robert Shwartzman è riuscito, invece, a raggiungere il podio con la terza posizione, davanti a un bravo Jack Hughes in grado di racimolare i suoi primi punti con HWA Racelab. Il russo di casa Prema rimane anche al terzo posto in campionato, che vede in testa ancora Oscar Piastri e Guanyu Zhou.

Proprio i due protagonisti del campionato non hanno brillato nella prima corsa del weekend russo. Piastri non è stato particolarmente veloce con Prema ed è scivolato fuori dalla zona punti con il nono posto finale, mentre Zhou di UNI-Virtuosi non ha nemmeno iniziato la gara finendo in testacoda nel corso del giro d’uscita dalla pit-lane. Altri ritiri “illustri sono quelli di Liam Lawson e di Felipe Drugovich: il neozelandese di Hitech ha colpito il muro con la ruota posteriore sinistra quando si trovava in terza posizione, al contrario di Drugovich che ha perso il controllo della monoposto di UNI-Virtuosi e l’ha disintegrata contro le barriere; curiosamente, anche il brasiliano ha commesso l’errore dopo essere uscito dalla pit-lane, come il compagno di squadra Zhou.

Theo Pourchaire ha ottenuto un buon quinto posto con ART, seguito da un positivo Ralph Boschung al sesto posto con Campos. Christian Lundgaard (ART) e Richard Verschoor (MP Motorsport) hanno recuperato diverse posizioni rispetto al via e si sono classificati rispettivamente settimo e ottavo. L’italiano Alessio Deledda ha portato al termine la propria gara in fondo al gruppo.

Sabato 25 settembre 2021, gara 1

1 - Dan Ticktum - Carlin - 18 giri in 36'37"195
2 - Juri Vips - Hitech - 4"422
3 - Robert Shwartzman - Prema - 6"638
4 - Jake Hughes - HWA - 8"894
5 - Théo Pourchaire - ART – 9”824
6 - Ralph Boschung - Campos - 12"994
7 - Christian Lundgaard - ART - 13"669
8 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 14"172
9 - Oscar Piastri - Prema - 14"921
10 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 17"268
11 - Marcus Armstrong - DAMS - 18"179
12 - Jehan Daruvala - Carlin - 28"131
13 - Guilherme Samaia - Charouz - 28"764
14 - Marino Sato - Trident - 40"661
15 - David Beckmann - Campos - 57"671
16 - Roy Nissany - DAMS - 1’10"465
17 - Enzo Fittipaldi - Charouz - 1’11"672
18 - Alessio Deledda - HWA - 1’33"339

Ritirati
Liam Lawson
Bent Viscaal
Non partiti
Felipe Drugovich
Guanyu Zhou

Giro più veloce: Theo Pourchaire in 1'50"669

Il campionato
1.Piastri 153 punti; 2.Zhou 134; 3.Shwartzman 123; 4.Ticktum 119; 5.Pourchaire e Vips 102; 7.Daruvala 81; 8.Lawson 72; 9.Drugovich 59; 10.Verschoor 51.

24 Set [16:25]

Sochi - Qualifica
Terza pole di fila per Piastri e Prema

Luca Basso - XPB Images

Terza pole position consecutiva per Oscar Piastri in questa stagione di Formula 2, davanti a tutti ancora una volta in occasione della qualifica odierna di Sochi. L’australiano, al momento alla guida della classifica generale di campionato, è stato nettamente il più veloce sul tracciato russo e ha firmato il miglior tempo di 1’47”465. Una bella conferma da parte del portacolori di Prema, vera e propria rivelazione della categoria cadetta della Formula 1.

Piastri è balzato al comando nella seconda metà della sessione, prendendo il posto del rivale Guanyu Zhou che, fino a quel momento, era stato il più rapido. Dopo di ché, nell’ultimo giro lanciato disponibile, Jehan Daruvala aveva scalzato Piastri con un ottimo riferimento cronometrico, salvo poi arrendersi alla supremazia dello junior Alpine. Per l’indiano di Carlin, comunque, è arrivata una seconda posizione, davanti al sempre velocissimo Théo Pourchaire, terzo con ART, e a Zhou, incapace a rispondere all’attacco di Piastri e quarto con UNI-Virtuosi.



Ralph Boschung, nella foto sopra, ha confermato di trovarsi a suo agio sulla pista semipermanente di Sochi, stampando il quinto tempo dopo le ottime prestazioni messe in campo durante le prove libere. Dietro all’alfiere di Campos troviamo, in sesta posizione con HWA Racelab, Jake Hughes che, al contrario, non era stato particolarmente brillante stamattina. Robert Shwartzman ha chiuso al settimo posto con la seconda Prema, seguito dalle due Hitech di Liam Lawson e di Juri Vips, rispettivamente ottavo e nono. Dan Ticktum ha centrato la decima posizione e sarà lui a scattare davanti a tutti in gara 1, in programma domani mattina.

Atteso a inizio anno come uno dei possibili candidati alla lotta di campionato, Marcus Armstrong continua la propria stagione con risultati al di sotto delle aspettative con DAMS: 11esimo. Solamente 13esimo Felipe Drugovich, primo nella sessione di libere con UNI-Virtuosi, alle spalle della ART di Christian Lundgaard, 12esimo. Dopo il testacoda mattutino, Alessio Deledda ha nettamente migliorato il proprio ritmo e ha chiuso poco distante dal gruppo.

Venerdì 24 settembre 2021, qualifica

1 - Oscar Piastri - Prema -1'47"465 - 12 giri
2 - Jehan Daruvala - Carlin - 1'47"653 - 12
3 - Théo Pourchaire - ART - 1'47"891 - 12
4 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 1'47"994 - 12
5 - Ralph Boschung - Campos - 1'48"024 - 12
6 - Jake Hughes - HWA - 1'48"073 - 12
7 - Robert Shwartzman - Prema - 1'48"098 - 12
8 - Liam Lawson - Hitech - 1'48"129 - 12
9 - Juri Vips - Hitech - 1'48"171 - 12
10 - Dan Ticktum - Carlin - 1'48"190 - 12
11 - Marcus Armstrong - DAMS - 1'48"255 - 12
12 - Christian Lundgaard - ART - 1'48"286 - 12
13 - Felipe Drugovich - UNI Virtuosi - 1'48"428 - 11
14 - David Beckmann - Campos - 1'48"428 - 12
15 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'48"587 - 12
16 - Bent Viscaal - Trident - 1'48"662 - 12
17 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'48"785 - 11
18 - Roy Nissany - DAMS - 1'48"989 - 11
19 - Guilherme Samaia - Charouz - 1'49”226 - 11
20 - Marino Sato - Trident - 1'49"339 - 12
21 - Enzo Fittipaldi - Charouz - 1'49"465 - 12
22 - Alessio Deledda - HWA - 1'50"389 - 12

24 Set [13:59]

Ricambia il format di F2 e F3
Nel 2022 si torna (quasi) all'antico

Massimo Costa

Si vociferava, da qualche settimana, che il format attuale di Formula 2 e Formula 3 non avesse proprio funzionato, che fosse completamente sbagliato e andava modificato. In realtà, lo si era intuito fin da subito, quando venne reso ufficiale, e Italiaracing non mancò di sottolinearlo. La separazione tra le due categorie, un calendario con tempi vuoti enormi (un mese e mezzo, anche due), il passaggio da due a tre gare per weekend, avevano reso F2 e F3 un campionato di difficile interpretazione. Perché su un totale di 24 gare di F2, soltanto 8 avevano lo schieramento di partenza determinato dall'esito della qualifica, mentre in F3, con 21 corse, erano 7 quelle "vere".

C'è voluta la realtà dei fatti per evidenziare che così non si poteva continuare. E allora, si torna all'antico. Va dato atto che non è da tutti tornare sui propri passi e riconoscere i propri errori, anche se in realtà, nella dichiarazione ufficiale, il CEO delle due categorie, Bruno Michel, sottolinea come l'esigenza di cambiare il format sia dettato soltanto dal pessimo calendario che era stato disegnato per la stagione 2021 e non dal format sportivo.

Nel 2022, Formula 2 e Formula 3 saranno assieme nei weekend di gara (da definire i calendari), come accaduto fino al 2020 e come si sta verificando questo fine settimana a Sochi per via dell'annullamento della trasferta F3 ad Austin. Si tornerà a due corse per evento per ognuno dei due campionati con la main race che si disputerà la domenica con lo schieramento di partenza determinato dalla qualifica. Gara 1 invece, si terrà il sabato con la griglia di partenza che vedrà i primi 12 per F3 e i primi 10 in F2 , a posizioni invertite.

Rimane quindi questa "eredità" del format sportivo attuale, ma non si poteva avere tutto evidentemente. In questi due campionati, pare essere divenuta una necessità fondamentale premiare con una prima fila chi non lo merita...

24 Set [10:05]

Sochi, libere
Drugovich leader di un soffio

Luca Basso
 
Il FIA Formula 2 prosegue la stagione con il sesto (e terzultimo) appuntamento a Sochi e lo fa con Felipe Drugovich, il più veloce nella sessione unica di prove libere. Sul tracciato russo, il pilota brasiliano è salito al comando quando mancavano poco più di 25 minuti al termine, non mollando più la prima posizione fino alla bandiera a sacchi. Si tratta di un inizio di weekend promettente per il portacolori di UNI-Virtuosi, che ricordiamo essere ancora a secco di vittorie in questo 2021.

Un po’ a sorpresa, Ralph Boschung (nella foto sotto) è emerso in seconda posizione con la monoposto di Campos. Il pilota svizzero, uno tra i più esperti sulla griglia di partenza della categoria cadetta della Formula 1, ha praticamente concluso per pochissimo alle spalle di Drugovich: ben 21 millesimi di secondo di differenza tra i due. Sempre più convincente il giovanissimo talento francese Théo Pourchaire, già vincitore in occasione della Feature Race di Monaco e della prima Sprint Race di Monza, che si piazza in terza posizione con ART Grand Prix. A seguire troviamo, al momento, uno dei principali contendenti al titolo: Guanyu Zhou ha ottenuto il quarto posto con UNI-Virtuosi, davanti a un ottimo Juri Vips con Hitech.



Occhio di riguardo anche per Robert Shwartzman, con il pilota russo di Prema in grado di segnare il miglior secondo intermedio nell’ultimo giro lanciato (e con gomme usurate), prima di alzare il piede e di accontentarsi del settimo posto, dietro alla Trident di Bent Viscaal in sesta posizione. Invece, il leader della classifica Oscar Piastri ha preferito nascondere le proprie carte e ha terminato solamente in decima posizione, con Christian Lundgaard (ottavo con ART) e Richard Verschoor (nono con MP Motorsport) a precederlo.

La sorpresa ce la regala il fondo della classifica perché Dan Ticktum ha addirittura concluso 21esimo. Il pilota britannico, attualmente quarto in campionato, non ha trovato il set-up ideale e gli uomini di Carlin dovranno mettere pesantemente mano alla monoposto, prima di scendere di nuovo in pista per le qualifiche pomeridiane. Da segnalare un testacoda, senza conseguenze, di Alessio Deledda alla curva 15 negli ultimi minuti delle prove libere, che ha causato l’unico intervento della bandiera rossa in questa mattinata.

Venerdì 24 settembre 2021, libere

1 - Felipe Drugovich - UNI Virtuosi - 1'49"423 - 15 giri
2 - Ralph Boschung - Campos - 1'49"444 - 16
3 - Théo Pourchaire - ART - 1'49"602 - 17
4 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 1'49"651 - 16
5 - Juri Vips - Hitech - 1'49"680 - 15
6 - Bent Viscaal - Trident - 1'49"802 - 16
7 - Robert Shwartzman - Prema - 1'49"839 - 17
8 - Christian Lundgaard - ART - 1'49"871 - 16
9 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'49"929 - 16
10 - Oscar Piastri - Prema -1'49"991 - 16
11 - Jehan Daruvala - Carlin - 1'50"052 - 17
12 - Marcus Armstrong - DAMS - 1'50"122 - 15
13 - Roy Nissany - DAMS - 1'50"127 - 15
14 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'50"408 - 16
15 - Liam Lawson - Hitech - 1'50"466 - 15
16 - Guilherme Samaia - Charouz - 1'50"489 - 16
17 - Jake Hughes - HWA - 1'50"610 - 17
18 - David Beckmann - Campos - 1'50"764 - 16
19 - Enzo Fittipaldi - Charouz - 1'50"803 - 16
20 - Marino Sato - Trident - 1'50"944 - 16
21 - Dan Ticktum - Carlin - 1'50"992 - 15
22 - Alessio Deledda - HWA - 1'52"531 - 12

12 Set [11:43]

Monza - Gara 3
Piastri vince e allunga

Mattia Tremolada - XPB Images

Due pole position consecutive, quattro podi su cinque Feature Race e due successi. Il format confusionario della Formula 2, che prevede l'inversione della griglia di partenza in ben 16 delle 24 corse stagionali, rende difficile comprendere chi sia veramente il pilota più in palla, ma Oscar Piastri sta cercando di scongiurare ogni dubbio, con una stagione da rookie impressionante. Il pupillo di Mark Webber, sempre presente al muretto, ci aveva già abituato ad un'impresa simile nel 2020, in cui al debutto aveva vinto la competitiva Formula 3. Sempre difendendo i colori di Prema Piastri ha tutta l'intenzione di ripetersi in F2, e la vittoria di oggi lo proietta a 15 punti di vantaggio nei confronti di Guanyu Zhou, secondo alle sue spalle. Il pilota cinese è riuscito a tagliare il traguardo davanti al collega nell'Academy Alpine solamente in gara 1, e vede il proprio divario in classifica allargarsi. 

Terza posizione per Dan Ticktum, scivolato al nono posto in avvio. Il pilota inglese, partito con la mescola di gomme più dura, è rimasto in pista, mentre il resto dei piloti presenti in top-10 è rientrato ai box al nono giro, in seguito allo stop di Juri Vips. Come il compagno di squadra Liam Lawson e Marino Sato, il pilota estone è stato fermato da un problema tecnico, un incubo che attanaglia la Formula 2 dall'adozione dell'attuale telaio. Ticktum ha così mantenuto la testa, mentre Piastri si faceva strada tra gli altri piloti che non si sono fermati, seguito a ruota da Zhou e Theo Pourchaire. Il ko di Lawson, e la conseguente safety car, hanno poi permesso a Ticktum di fare a propria volta il pit durante la neutralizzazione.

Negli ultimi giri il pilota inglese ha così potuto lanciarsi in rimonta, risalendo il gruppo fino alla terza piazza, nonostante una tamponata subita da Ralph Boschung, che l'ha spedito nella via di fuga della Roggia. Niente da fare per Pourchaire, che non è riuscito a contenere il recupero del portacolori di Carlin. Jehan Daruvala ha chiuso sesto, precedendo Robert Shwartzman e la coppia di MP Motorsport composta da Richard Verschoor e Lirim Zendeli. Grazie alle numerose safety car intervenute, ben quattro, i due piloti del team olandese sono riusciti a rimediare ad un pit stop da incubo, con un problema alla posteriore sinistra di Zendeli, che ha tenuto fermo anche Verschoor, rientrato alle sue spalle.

In top-10 anche le DAMS di Roy Nissany e Marcus Armstrong. Subito fuori Guilherme Samaia, finito in testacoda alla seconda di Lesmo e poi fermo di traverso in mezzo alla carreggiata, costringendo le altre vetture a passare sull'erba. Alessio Deledda ha danneggiato il braccetto anteriore sinistro in un contatto con Enzo Fittipaldi, mentre nel finale, un incidente ha coinvolto David Beckmann e Bent Viscaal, portando all'ingresso della safety car per l'ultima volta, congelando le posizioni fino al termine della corsa.

Domenica 12 settembre 2021, gara 3

1 - Oscar Piastri - Prema - 30 giri in 56'39"491
2 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 1"043
3 - Dan Ticktum - Carlin - 1"818
4 - Théo Pourchaire - ART - 2"066
5 - Jehan Daruvala - Carlin - 2"445
6 - Robert Shwartzman - Prema - 2"728
7 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 3"330
8 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 3"560
9 - Roy Nissany - DAMS - 3"964
10 - Marcus Armstrong - DAMS - 4"477
11 - Christian Lundgaard - ART - 5"015
12 - Enzo Fittipaldi - Charouz - 8"690*
13 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 8"793
14 - Jake Hughes - HWA Racelab - 10"106
15 - Ralph Boschung - Campos - 17"038*

*5" di penalità 

Ritirati
Bent Viscaal
Liam Lawson
David Beckmann
Juri Vips
Alessio Deledda
Marino Sato
Guilherme Samaia

Giro più veloce: Liam Lawson in 1'35"000

Il campionato
1.Piastri 149 punti; 2.Zhou 134; 3.Shwartzman 113; 4.Ticktum 104; 5.Pourchaire 94; 6.Vips 90; 7.Daruvala 81; 8.Lawson 72; 9.Drugovich 59; 10.Verschoor 50.‍

11 Set [15:41]

Monza, gara 2
Daruvala vince in solitaria

Mattia Tremolada - XPB Images

Prima vittoria stagionale, e seconda in Formula 2, per Jehan Daruvala. Beneficiando dell'inversione della griglia, il pilota indiano è scattato dalla prima fila accanto a David Beckmann, già in pole in gara 1. Come nella corsa inaugurale, il pilota tedesco, approdato in Campos dopo il periodo in Charouz, non è riuscito a difendere la prima piazza, venendo subito beffato dal rivale del team Carlin. Daruvala si è poi involato in solitaria verso il successo, mettendo oltre 6" tra sé e gli inseguitori.

Beckmann ha difeso la piazza d'onore fino al 19esimo passaggio, quando, messo sotto pressione da Bent Viscaal, è arrivato lungo alla staccata della prima variante. L'olandese di Trident ne ha approfittato, conquistando il primo meritato podio della stagione, arrivato sulla pista di casa della squadra di Maurizio Salvadori. Sul podio ha trovato spazio anche l'altro team tricolore, la Prema, con Robert Shwartzman che si è ripreso il podio perso per una penalità di 5" in gara 1. Beckmann è invece scivolato in quinta posizione, alle spalle anche di Liam Lawson, autore di un sorpasso strepitoso ai danni di Juri Vips all'esterno dell'Ascari.

Il pilota estone ha tagliato il traguardo in sesta piazza dopo aver ceduto il passo a Shwartzman, bravo a passarlo all'esterno della Roggia e, come detto, a Lawson, che ha approfittato del momento complicato del compagno di squadra. Settimo Oscar Piastri, autore del giro più veloce, che gli permette di allungare su Guanyu Zhou, ottavo alle sue spalle. Ralph Boschung e Theo Pourchaire chiudono la top-10, con il vincitore di gara 1 che non è parso altrettante brillante, scivolando dall'ottava posizione in cui si trovava al primo giro, in decima.

11esimo posto in rimonta per Dan Ticktum, costretto a scattare dall'ultima casella in seguito all'incidente della prima manche. Christian Lundgaard è precipitato a fondo gruppo in seguito ad un testacoda alla Roggia, risalendo poi fino alla 14esima piazza. Alessio Deledda navigava attorno alla 13esima posizione nelle prime fasi, quando è stato colpito da Jake Hughes alla seconda variante. Il pilota inglese, suo compagno di colori in HWA, si è girato, spegnendo la vettura e ritirandosi. Guilherme Samaia è invece stato costretto alla resa da un problema tecnico.

Sabato 11 settembre 2021, gara 2

1 - Jehan Daruvala - Carlin - 22 giri in 34'37"701
2 - Bent Viscaal - Trident - 6"114
3 - Robert Shwartzman - Prema - 9"388
4 - Liam Lawson - Hitech - 9"962
5 - David Beckmann - Campos - 10"829
6 - Juri Vips - Hitech - 11"172
7 - Oscar Piastri - Prema - 11"735
8 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 12"215
9 - Ralph Boschung - Campos - 12"945
10 - Théo Pourchaire - ART - 15"425
11 - Dan Ticktum - Carlin - 15"649
12 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 17"800
13 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 21"707
14 - Christian Lundgaard - ART - 25"467
15 - Marcus Armstrong - DAMS - 26"811
16 - Enzo Fittipaldi - Charouz - 33"214
17 - Felipe Drugovich - Virtuosi - 35"354
18 - Roy Nissany - DAMS - 40"049
19 - Alessio Deledda - HWA - 43"472
20 - Marino Sato - Trident - 1'22"126

Giro più veloce: Oscar Piastri in 1'35"239

Ritirati
Jake Hughes 
Guilherme Samaia

Il campionato
1.Piastri 124 punti; 2.Zhou 116; 3.Shwartzman 105; 4.Vips 90; 5.Ticktum 89; 6.Pourchaire 82; 7.Lawson 72; 8.Daruvala 71; 9.Drugovich 59; 10.Verschoor 50.

11 Set [9:49]

Monza, gara 1
Un bravo Pourchaire fa bis

Jacopo Rubino - XPB Images

Secondo successo stagionale in Formula 2 per Theo Pourchaire, vincitore di gara 1 a Monza: il giovane francese aveva trionfato nella Feature Race di Montecarlo e questa mattina ha concesso il bis sul circuito brianzolo, con una prova matura. Da terzo, l'alfiere ART Grand Prix al giro 10 ha piegato la resistenza del polesitter David Beckmann, al giro 18 ha superato Juri Vips che fino a quel momento era stato sempre al comando, poi ha preso il largo. Questo risultato per Pourchaire arriva in un periodo in cui è stato persino al centro di voci di mercato in F1, lui che è già junior Sauber, a conferma del suo potenziale.

La corsa, nel complesso, ha avuto uno svolgimento abbastanza "tormentato", con tre momenti che hanno spezzato il ritmo. Al giro 2 la safety-car è stata chiamata per l'incidente fra Dan Ticktum e Felipe Drugovich, con il brasiliano che ha urtato il britannico in Prima Variante; proprio Drugovich, che era rientrato ai box con l'ala danneggiata, è poi stato protagonista di un'uscita contro le barriere alla Variante Ascari, facendo attivare una virtual safety car. Altra neutralizzazione, al giro 10, per il testacoda di Roy Nissany, sempre alla Ascari.

Alla ripresa Vips ha ceduto a Pourchaire, quindi è definitivamente crollato scivolando ottavo per raccogliere un solo punto. In piazza d'onore ha chiuso in recupero Guanyu Zhou, che risponde alla pole-position del venerdì di Oscar Piastri riaccorciando le distanze in classifica generale: l'australiano, comunque buon quarto in gara 1, è ora distante 5 punti. Il terzo gradino del podio lo avrebbe raggiunto Robert Shwartzman, ma il russo della Prema ha ricevuto 5" di penalità, retrocedendo sesto: nella mischia del viva era andato oltre la riga bianca della corsia di uscita dalla pit-lane durante la mischia del via. Peccato, perché Shwartzman era risalito da metà schieramento rimediando a una qualifica deludente.

Quinta posizione per Liam Lawson, rimasto in gioco grazie alle neutralizzazioni nonostante abbia dovuto cambiare l'ala anteriore rovinata in un piccolo urto con Pourchaire nelle fasi iniziali. Settimo Bent Viscaal con la scuderia italiana Trident, mentre Beckmann, curiosamente, sarà di nuovo in pole per gara 2 di oggi pomeriggio avendo terminato decimo nella prima apparizione con il team Campos.

Allo start un lungo in frenata dell'esordiente Enzo Fittipaldi ha coinvolto anche Marino Sato e Marcus Armstorng, ma è stato proprio l'alfiere Charouz ad avere la peggio, non potendo proseguire per la sospensione anteriore destra ko. Peccato anche per Ralph Boschung, anche lui costretto ad una sosta per l'ala anteriore rovinata. Tredicesimo al traguardo Alessio Deledda, in questo weekend unico pilota tricolore in Formula 2.

Sabato 11 settembre 2021, gara 1

1 - Théo Pourchaire - ART - 21 giri 39'12"495
2 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 4"360
3 - Christian Lundgaard - ART - 6"929
4 - Oscar Piastri - Prema - 7"694
5 - Liam Lawson - Hitech - 9"767
6 - Robert Shwartzman - Prema - 10"747
7 - Bent Viscaal - Trident - 11"504
8 - Juri Vips - Hitech - 12"789
9 - Jehan Daruvala - Carlin - 13"168
10 - David Beckmann - Campos - 15"232
11 - Marcus Armstrong - DAMS - 15"646
12 - Jake Hughes - HWA - 18"840
13 - Alessio Deledda - HWA - 20"397
14 - Ralph Boschung - Campos - 1 giro
15 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 3 giri

Giro più veloce: Théo Pourchaire 1'34"314

Ritirati
17° giro - Marino Sato
11° giro - Richard Verschoor
10° giro - Roy Nissany
9° giro - Guilherme Samaia
5° giro - Felipe Drugovich
3° giro - Enzo Fittipaldi
2° giro - Dan Ticktum

Il campionato
1.Piastri 120 punti; 2.Zhou 115; 3.Shwartzman 95; 4.Ticktum 89; 5.Vips 86; 6.Pourchaire 82; 7.Lawson 64; 8.Drugovich 59; 9.Daruvala 56; 10.Verschoor 50

10 Set [17:32]

Monza - Qualifica
Piastri-Prema, seconda pole di fila

Jacopo Rubino - XPB Images

A Monza come due mesi fa a Silverstone: Oscar Piastri ha di nuovo svettato nelle qualifiche di Formula 2. In 1'32"199 l'australiano ha messo a segno la sua seconda pole-position consecutiva, grazie a cui domenica partirà davanti a tutti in gara 3 e, intanto, rafforza il vantaggio in classifica generale. Il portacolori Prema, nonché junior Alpine, con i 4 punti di oggi sale da 108 a 112, andando a +9 sul principale avversario Guanyu Zhou. Ma il cinese non ha chiuso lontano, terzo, preceduto di un soffio dalla sorpresa Jehan Daruvala.

Sul circuito brianzolo Piastri era al comando già nella prima fase della sessione, in 1'32"402, tempo che ha resistito fino all'ultimo minuto e mezzo; Daruvala, Zhou e Liam Lawson hanno poi abbassato il limite, ma il campione in carica ha risposto pochi istanti dopo per restare definitivamente davanti. Daruvala (Carlin) è stato battuto di 41 millesimi, Zhou (UNI Virtuosi) di 57, Lawson (Hitech) di 184. Un piacevole regalo per René Rosin, boss Prema, nel giorno del suo compleanno.

Quinta posizione per Felipe Drugovich, seguito da Ralph Boschung che è stato anche secondo provvisorio, mostrando buone cose con la vettura del team Campos. Lo svizzero ha tenuto dietro di qualche centesimo Theo Pourchaire, mentre Dan Ticktum, il più veloce nelle prove libere, si è dovuto accontentare di chiudere ottavo. A completare la top 10 sono invece Juri Vips e David Beckmann (al debutto nei colori Campos), che per l'inversione di griglia saranno domani in prima fila di gara 1.

Qualifica negativa per l'altro portacolori Prema, Robert Shwartzman, che non è andato oltre la dodicesima casella e non potrà beneficiare dello schieramento rovesciato in Sprint Race 1. Attardati anche Christian Lundgaard e Richard Verschoor. Va detto che, alla ripresa dopo i cambi gomme di metà, i piloti sono tornati usciti dai box praticamente all'unisono, con parecchio traffico in cui districarsi per avere strada libera e trovare la scia giusta. Situazione tipica quando si corre a Monza.

Bilancio discreto per il nuovo ingresso Enzo Fittipaldi, 13esimo con la vettura Charouz ex Beckmann, mentre Roy Nissany e Marcus Armstrong hanno affrontato la qualifica dopo i guai tecnici avuti in mattinata: gli alfieri DAMS hanno chiuso rispettivamente 15esimo e 17esimo. Qualche problema ha compromesso anche la qualifica di Guilherme Samaia, penultimo.

Venerdì 10 settembre 2021, qualifica

1 - Oscar Piastri - Prema - 1'32"199
2 - Jehan Daruvala - Carlin - 1'32"240
3 - Guanyu Zhou - UNI Virtuosi - 1'32"256
4 - Liam Lawson - Hitech - 1'32"383
5 - Felipe Drugovich - UNI Virtuosi - 1'32"409
6 - Ralph Boschung - Campos - 1'32"553
7 - Théo Pourchaire - ART - 1'32"586
8 - Dan Ticktum - Carlin - 1'32"641
9 - Juri Vips - Hitech - 1'32"675
10 - David Beckmann - Campos - 1'32"699
11 - Lirim Zendeli - MP Motorsport - 1'32"885
12 - Robert Shwartzman - Prema - 1'32"942
13 - Enzo Fittipaldi - Charouz - 1'32"965
14 - Marino Sato - Trident - 1'33"023
15 - Roy Nissany - DAMS - 1'33"031
16 - Jake Hughes - HWA - 1'33"043
17 - Marcus Armstrong - DAMS - 1'33"054
18 - Bent Viscaal - Trident - 1'33"080
19 - Christian Lundgaard - ART - 1'33"155
20 - Richard Verschoor - MP Motorsport - 1'33"193
21 - Guilherme Samaia - Charouz - 1'33"478
22 - Alessio Deledda - HWA - 1'34"194

PrevPage 1 of 10Next

News

FIA Formula 2
v

FirstPrevPage 1 of 4NextLast
FirstPrevPage 1 of 4NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone