formula 1

23 Gran Premi per il 2023
Imola se la gioca con Le Castellet

Circola già una prima bozza del calendario del Mondiale F1 2022. I Gran Premio potrebbero essere 23, di cui due in Italia. Il...

Leggi »
formula 1

Mercedes lancia un assist al gruppo
Volkswagen: "Eliminare la MGU-H"

Come fare per coinvolgere in F1 un maggior numero di motoristi e che magari travolti dall'entusiasmo decidano di entrare ...

Leggi »
indycar

Laguna Seca - Gara
Herta non sbaglia, Palou vede il titolo

Colton Herta si è preso la rivincita per il difficile finale di Nashville nella "sua" Laguna Seca. Il californiano ...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 3
Øgaard firma la doppietta

1 - Sebastian Øgaard - Campos - 16 giri2 - Dilano Van't Hoff - MP Motorsport - 0”2363 - Filip Jenic - Teo Martin - 2”2094...

Leggi »
dtm

Assen - Gara 2
Vince Auer, Lawson secondo

Lucas Auer festeggia la sua prima vittoria stagionale nel DTM: l'austriaco ha fatto sua gara 2 ad Assen dopo essere parti...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 2
Macia penalizzato, primo Van’t Hoff

È stata una corsa davvero bella e combattuta quella che ha aperto la seconda giornata di gare dell’appuntamento di Valencia d...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
19 Set [14:32]

Assen - Gara 2
Vince Auer, Lawson secondo

Jacopo Rubino

Lucas Auer festeggia la sua prima vittoria stagionale nel DTM: l'austriaco ha fatto sua gara 2 ad Assen dopo essere partito dalla pole-position e aver condotto una marcia regolare al comando, ceduto solo per la sosta obbligatoria. Alla guida della Mercedes del team Winward (a gestione HTP), Auer non ha comunque preso il largo, almeno nei confronti di Liam Lawson che nelle fasi conclusive si è messo in scia limando un gap che era stato di circa 2".

Al neozelandese è mancato un guizzo per ingaggiare un vero duello, ma con la piazza d'onore rafforza la leadership in campionato conquistata ieri, salendo a 175 lunghezze. L'alfiere di Red Bull e AF Corse ha effettuato un sorpasso chiave sul rivale diretto Marco Wittmann al giro 7, per quella che era la seconda posizione virtuale, sfruttando i pneumatici già in temperatura sulla sua Ferrari. Come Auer, Lawson si era infatti fermato ai box al termine della quinta tornata, mentre il rivale di casa BMW ha atteso un altro passaggio.

Pagando anche i 25 chili di zavorra a bordo, per il successo del sabato, Wittmann è stato poi superato da Daniel Juncadella, già molto brillante al via. Lo spagnolo a meno di due minuti dal termine ha però perso la piazza d'onore per un problema tecnico, che lo ha costretto a parcheggiare. Il tedesco ha così ereditato il secondo gradino del podio, dopo aver resistito alla pressione di Kelvin van der Linde.

Il sudafricano, ormai ex capoclassifica, ha adottato una strategia opposta rispetto agli avversari principali: è rimasto in pista fino al giro 20, per poi rientrare in mezzo a Wittmann e Alex Albon, che peraltro lo ha messo alle corde nel finale. Ad Assen, circuito dalla carreggiata stretta e di percorrenza, i sorpassi non si sono comunque rivelati semplicissimi.

Sesto Maximilian Gotz, altro pretendente al titolo 2021, settimo Mirko Bortolotti, ancora competitivo al suo debutto nel DTM da wild-card con la Lamborghini del team T3. Secondo ieri (pur trasparente per la classifica) il trentino questa volta aveva 18 kg di zavorra da gestire. A completare la top 10 Nico Muller, che ha recuperato terreno dopo essere scattato nelle retrovie, Vincent Abril ed Esteban Muth. Undicesimo Mike Rockenfeller, che come in gara 1 ha ritardato il più possibile il cambio dei pneumatici, occupando la testa provvisoria della gara, ma con Bortolotti wild-card per lui matura l'ultimo punticino disponibile.

Domenica 19 settembre 2021, gara 2

1 - Lucas Auer (Mercedes) - Winward - 36 giri 57'38"012
2 - Liam Lawson (Ferrari) - AF Corse - 0"593
3 - Marco Wittmann (BMW) - Walkenhorst - 11"456
4 - Kelvin van der Linde (Audi) - Abt - 11"957
5 - Alexander Albon (Ferrari) - AF Corse - 12"357
6 - Maximilian Götz (Mercedes) - HRT - 13"017
7 - Mirko Bortolotti (Lamborghini) - T3 Motorsport - 13"634
8 - Nico Müller (Audi) - Rosberg - 14"014
9 - Vincent Abril (Mercedes) - HRT - 16"040
10 - Esteban Muth (Lamborghini) - T3 Motorsport - 20"272
11 - Mike Rockenfeller (Audi) - Abt - 23"320
12 - Philip Ellis (Mercedes) - Winward - 26"608
13 - Arjun Maini (Mercedes) - GetSpeed - 31"508
14 - Timo Glock (BMW) - Rowe - 39"910
15 - Maximilian Buhk (Mercedes) - Mucke - 40"230
16 - Sophia Flörsch (Audi) - Abt - 45"649
17 - Dev Gore (Audi) - Rosberg - 48"970
18 - Christian Klien (McLaren) - JP Motorsport - 1 giro

Giro più veloce: Mike Rockenfeller 1'33"743

Ritirati
34° giro - Daniel Juncadella
29° giro - Sheldon van der Linde
23° giro - Esmee Hawkey

Il campionato
1.Lawson 175 punti; 2.Wittmann 165; 3.K.van der Linde 160; 4.Gotz 155; 5.Ellis 109; 6.Albon 104; 7.Auer 96; 8.Rockenfeller 62; 9.S.van der Linde 55; 10.Muller 52

19 Set [10:48]

Assen - Qualifica 2
Prima pole 2021 per Auer

Jacopo Rubino

Quasi non pervenuto ieri, ma in pole-position per gara 2: Lucas Auer è stato il più veloce nella seconda qualifica del DTM ad Assen, siglando il miglior tempo di 1'32"414 con la Mercedes del team Winward. Per l'austriaco si tratta di un ritorno in pole in questo campionato a quasi tre anni esatti, seppur con regolamenti tecnici diversi rispetto a quelli attuali di tipo GT3.

In volata Auer ha preceduto di soli 73 millesimi Marco Wittmann, vincitore di gara 1 con la BMW di casa Walkenhorst e quindi "caricato" dei 25 chilogrammi di zavorra previsti dal regolamento. La seconda fila sarà invece occupata dalle due Ferrari dell'AF Corse: terzo crono per Liam Lawson, ora leader della classifica generale, quarto per Albon Albon, in cerca di riscatto dopo un sabato deludente. Wittmann guadagna così 2 punti bonus, contro l'unico di Lawson, e si porta a -7 in graduatoria nei confronti del neozelandese pilota Red Bull.

A seguire Kelvin van der Linde con l'Audi del team Abt, che tenterà di riprendersi la vetta del campionato. Il sudafricano si è tirato fuori dalle retrovie quasi in extremis, non avendo ancora un riferimento signficativo quando a 2'14 dal termine è stata esposta la bandiera rossa per l'uscita nella ghiaia di Sophia Florsch, peraltro sua compagna di scuderia. E proprio in quel momento van der Linde stava realizzando un buon giro veloce, quello in cui le gomme offrivano il picco prestazionale.

Sesto il nostro Mirko Bortolotti, ancora competitivo al volante della Lamborghini della scuderia T3 Motorsport che ieri ha portato sul podio in veste di wild-card di lusso. Fra i principali contendenti al titolo c'è anche Maximilian Gotz, questa mattina settimo, mentre è rimasto attardato Nico Muller, appena 16esimo.

Domenica 19 settembre 2021, qualifica 2

1 - Lucas Auer (Mercedes) - Winward - 1'32"414
2 - Marco Wittmann (BMW) - Walkenhorst - 1'32"487
3 - Liam Lawson (Ferrari) - AF Corse - 1'32"501
4 - Alexander Albon (Ferrari) - AF Corse - 1'32"536
5 - Kelvin van der Linde (Audi) - Abt - 1'32"547
6 - Mirko Bortolotti (Lamborghini) - T3 Motorsport - 1'32"575
7 - Maximilian Götz (Mercedes) - HRT - 1'32"621
8 - Daniel Juncadella (Mercedes) - Gruppem - 1'32"660
9 - Vincent Abril (Mercedes) - HRT - 1'32"798
10 - Philip Ellis (Mercedes) - Winward - 1'32"806
11 - Maximilian Buhk (Mercedes) - Mucke - 1'32"821
12 - Christian Klien (McLaren) - JP Motorsport - 1'32"886
13 - Sheldon van der Linde (BMW) - Rowe - 1'32"896
14 - Esteban Muth (Lamborghini) - T3 Motorsport - 1'32"976
15 - Nico Müller (Audi) - Rosberg - 1'33"212
16 - Arjun Maini (Mercedes) - GetSpeed - 1'33"243
17 - Timo Glock (BMW) - Rowe - 1'33"480
18 - Mike Rockenfeller (Audi) - Abt - 1'33"499
19 - Dev Gore (Audi) - Rosberg - 1'33"638
20 - Esmee Hawkey (Lamborghini) - T3 Motorsport - 1'33"893
21 - Sophia Florsch (Audi) - Abt - 1'35"218

18 Set [14:51]

Assen - Gara 1
Wittmann batte la penalità, Bortolotti 2°

Jacopo Rubino

In gara 1 del DTM ad Assen, ecco il secondo successo stagionale di Marco Wittmann: un colpaccio, perché il tedesco ci è riuscito nonostante 5" di penalità rimediati per aver superato il poleman Liam Lawson accompagnandolo oltre la pista. Proprio sul circuito olandese, considerato l'università delle due ruote, abbiamo assistito a una corsa quasi "motociclistica", per il gruppo rimasto compatto. La manovra chiave, per il pilota BMW, è stata il sorpasso al giro 27 su Mike Rockenfeller che doveva ancora fermarsi ai box e stava facendo da tappo: da quel momento il campione 2014-2016 ha staccato Lawson, costruendo in appena quattro tornate un margine superiore ai fatidici 5".

Rockenfeller, strenuo nel difendersi, ma anche aiutato dalla carreggiata "stretta" di Assen, non ha invece concesso spazi a Lawson, che si è visto anzi infilare dal nostro Mirko Bortolotti: pur da wild-card, quindi trasparente per la classifica generale, l'italiano va sul podio al debutto nel DTM con la Lamborghini del team T3 Motorsport, con cui ha battagliato ai vertici del gruppo sin dal via, essendo scattato dalla terza casella. A Bortolotti, così come ad altri colleghi, dopo la qualifica del mattino erano stati infatti ripristinati tempi inizialmente cancellati per i track limits.

Wittmann è però passato ufficialmente in testa solo all'ultimo giro, quando Kelvin van der Linde ha effettuato la sosta obbligatoria: il sudafricano, come Rockenfeller suo compagno nel team Abt, ha ritardato la fermata all'estremo dopo essere rimasto "beffato" dalla safety-car necessaria al giro 15 per la presenza di detriti sul tracciato. In quel momento entrambi, assieme a Maximilian Buhk, non avevano ancora effettuato il cambio gomme obbligatorio. Grazie alle barricate di Rockenfeller sugli avversari, van der Linde ha poi allungato ma non abbastanza per restare in top 10, dodicesimo, perdendo la vetta del campionato a favore di Lawson.

Quarto al traguardo (ma con i punti da terzo) ha chiuso Maximilian Gotz: l'alfiere Mercedes era balzato davanti a Lawson e Bortolotti anticipando il pit-stop, diventando leader virtuale, ma dopo la safety-car ha faticato un po' incassando un paio di attacchi. Dietro di lui, la McLaren del team JP Motorsport di Christian Klien: l'austriaco, così come Bortolotti, rispetto al verdetto della Q1 era "avanzato" sullo schieramento scattando sesto.



La corsa ha subito perso le Mercedes di Daniel Juncadella, Vincent Abril e Arjun Maini, che avuto la peggio nel caos allo start lanciato: Lawson da battistrada ha esitato nell'accelerare, creando confusione alle sue spalle con numerosi tamponamenti e la necessità di far intervenire la safety-car per la prima volta in giornata. Non è da escludere che il neozelandese pupillo Red Bull possa rischiare qualche penalità.

Sono poi usciti di scena anche Nico Muller e Alex Albon, che ha danneggiato il fondo della sua Ferrari su un cordolo. Di questa confusione strategica, e dei ritiri, ne ha approfittato Sophia Florsch per centrare il primo arrivo a punti della sua esperienza nel DTM. Ma per lei anche un contatto con Esmee Hawkey, l'altra ragazza in azione, incappata in una escursione nella ghiaia.

Sabato 18 settembre 2021, gara 1

1 - Marco Wittmann (BMW) - Walkenhorst - 35 giri 1'00'16"354
2 - Mirko Bortolotti (Lamborghini) - T3 - 3"100
3 - Liam Lawson (Ferrari) - AF Corse - 4"336
4 - Maximilian Götz (Mercedes) - HRT - 5"028
5 - Christian Klien (McLaren) - JP Motorsport - 5"528
6 - Sheldon van der Linde (BMW) - Rowe - 6"176
7 - Philip Ellis (Mercedes) - Winward - 6"802
8 - Esteban Muth (Lamborghini) - T3 - 7"969
9 - Sophia Flörsch (Audi) - Abt - 11"147
10 - Lucas Auer (Mercedes) - Winward - 12"615
11 - Esmee Hawkey (Lamborghini) - T3 - 16"929
12 - Kelvin van der Linde (Audi) - Abt - 31"763
13 - Mike Rockenfeller (Audi) - Abt - 43"062

Giro più veloce: Mirko Bortolotti 1'34"317

Ritirati
13° giro - Nico Muller
12° giro - Alex Albon
8° giro - Timo Glock
1° giro - Daniel Juncadella
1° giro - Arjun Maini
1° giro - Vincent Abril

Il campionato
1.Lawson 156 punti; 2.K.van der Linde 148; 3.Wittmann 148; 4.Gotz 147; 5.Ellis 109; 6.Albon 94; 7.Auer 68; 8.Rockenfeller 61; 9.S.van der Linde 55; 10.Muller 46

18 Set [10:59]

Assen - Qualifica 1
Lawson si conferma con la pole

Jacopo Rubino

Liam Lawson prosegue nella scia del grande weekend a Spielberg, con doppia vittoria, e partirà in pole-position per gara 1 del DTM ad Assen, sesta tappa stagionale: con la Ferrari del team AF Corse, il pilota Red Bull è stato il più veloce nella qualifica del sabato mattina in 1'32"186. Un tempo siglato nella prima metà del turno, poi "spezzato" dalla bandiera rossa chiamata a 5'45 dal termine per l'uscita contro le barriere di Dev Gore.

Dopo la ripresa gli avversari si sono avvicinati nel run finale, con Marco Wittmann che ha ridotto il gap ad appena 16 millesimi, chiudendo secondo. Lawson stava rispondendo, siglando riferimenti record nei primi due intermedi, ma con la pole ormai al sicuro ha scelto di rientrare ai box, annullando il giro. Grazie a questo piazzamento, maturano anche 3 punti bonus per accorcia a -9 in classifica generale sul leader Kelvin van der Linde, autore del quinto crono.

Il sudafricano di casa Audi si è reso protagonista di una piccola spallata con Philip Ellis (quarto), mentre cercava di avere strada libera davanti: il contatto non è stato duro, ma i commissari lo hanno messo comunque sotto investigazione. Quarto Maximilian Gotz con la miglior Mercedes, quella del team HRT, sesto Nico Muller che ha preceduto Vincent Abril e l'altro van der Linde, Sheldon, sulla BMW del Rowe Racing.



Solo in volata è rimasto escluso dalla top 10 il nostro Mirko Bortolotti (12°), wild-card al debutto sul palcoscenico del DTM con la terza Lamborghini della scuderia T3 Motorsport, nella foto sopra. Da portacolori ufficiale del marchio di Sant'Agata l'italiano conosce benissimo la Huracàn GT3, ma qui si utilizzano pneumatici Michelin diversi da quelli impiegati nel GT World Challenge o nell'ADAC GT Masters, dove è impegnato regolarmente. Bortolotti ha comunque battuto senza difficoltà i compagni di squadra Esteban Muth ed Esmee Hawkey.

Non ha invece brillato Alex Albon, sull'altra 488 della AF Corse: il futuro pilota Williams F1 non è andato oltre la 14esima posizione, ma c'è un discreto equilibrio in pista con 17 macchine nello spazio di 1".

Sabato 18 settembre 2021, qualifica 1

1 - Liam Lawson (Ferrari) - AF Corse - 1'32"186
2 - Marco Wittmann (BMW) - Walkenhorst - 1'32"202
3 - Maximilian Gotz (Mercedes) - HRT - 1'32"323
4 - Philip Ellis (Mercedes) - Winward - 1'32"350
5 - Kelvin van der Linde (Audi) - Abt - 1'32"444
6 - Nico Muller (Audi) - Rosberg - 1'32"487
7 - Vincent Abril (Mercedes) - HRT - 1'32"553
8 - Sheldon van der Linde (BMW) - Rowe - 1'32"561
9 - Arjun Maini (Mercedes) - GetSpeed - 1'32"598
10 - Maximilian Buhk (Mercedes) - Mucke - 1'32"651
11 - Daniel Juncadella (Mercedes) - GruppeM - 1'32"663
12 - Mirko Bortolotti (Lamborghini) - T3 - 1'32"700
13 - Lucas Auer (Mercedes) - Winward - 1'32"720
14 - Alex Albon (Ferrari) - AF Corse - 1'32"740
15 - Mike Rockenfeller (Audi) - Abt - 1'32"865
16 - Christian Klien (McLaren) - JP Motorsport - 1'32"879
17 - Timo Glock (BMW) - Rowe - 1'33"157
18 - Esteban Muth (Lamborghini) - T3 - 1'33"398
19 - Sophia Flörsch (Audi) - Abt - 1'33"450
20 - Esmee Hawkey (Lamborghini) - T3 - 1'33"772
21 - Dev Gore (Audi) - Rosberg - 1'33"914

10 Set [10:54]

Abril parzialmente riabilitato
dalla squalifica di Monza

Michele Montesano

Ci sono voluti ben 82 giorni per avere un verdetto definitivo sulla squalifica comminata a Vincent Abril a seguito del primo evento stagionale del DTM a Monza. L’AvD (Automobilclub von Deutschland), responsabile dell’organizzazione sportiva del campionato tedesco, ha confermato la sentenza del sabato ma ha riabilitato il pilota, ed il team HRT, per la qualifica e la gara di domenica.

Al termine delle qualifiche 1 di Monza (andate in scena il 19 giugno) i commissari hanno prelevato un campione di benzina che, in seguito alle analisi di laboratorio, è risultato difforme dalle specifiche previste da regolamento. La sanzione al pilota Mercedes è stata comminata addirittura nel weekend di gara successivo del Lausitzring, con Abril che si è visto escludere da entrambe le manche. La Corte d’Appello del DMSB, presieduta da Rainer Wicke, dopo ben 3 ore di riunione ha deliberato tale sentenza: poiché la violazione era rilevabile solamente per le qualifiche del sabato la penalità, inizialmente prevista anche per qualifica e gara di domenica, è stata revocata.

All’atto pratico Abril ha perso la pole position e il secondo posto della gara del sabato, pari ad un totale di 21 punti. Mentre il sesto posto in qualifica e l’undicesimo nella gara di domenica sono stati confermati. Ma ai fini della classifica assoluta non è cambiato assolutamente nulla.

Resta un mistero: i campioni di benzina sono stati prelevati solamente al termine delle due qualifiche e mai dopo le gare. È lecito chiedersi perché anche il risultato di gara 1 sia stato annullato. Il tribunale ha affermato che nei 100 minuti a disposizione dei team, ovvero il lasso di tempo che intercorre fra qualifica e gara, non dovrebbero essere sufficienti per svuotare completamente e riempire nuovamente il serbatoio.

Questa sentenza potrebbe essere ulteriormente rivista qualora il team HRT decidesse di ricorrere al tribunale della FIA. L’amministratore delegato del team Ulrich Fritz si è così espresso in merito alla vicenda: “Anche se abbiamo ottenuto un successo parziale, l’esito deciso dalla Corte d’Appello ci lascia con l’amaro in bocca. Infatti nel campione di carburante prelevato non sono state trovate sostanze ritenute illegali, di conseguenza non abbiamo avuto nessun vantaggio in termini prestazionali. È frustrante per tutto il team, che ha lavorato sempre con estrema onestà, e per il nostro pilota Abril.”

5 Set [15:11]

Spielberg - Gara 2
Lawson e Ferrari inarrestabili

Michele Montesano

Fine settimana perfetto quello andato in scena a Spielberg per Liam Lawson. Il pilota AF Corse Red Bull ha conquistato la seconda vittoria del weekend, portandosi al secondo posto in classifica generale del DTM. Con il successo di gara 2, il neozelandese ha mostrato ancora una volta la sua freddezza e lucidità nel gestire la pressione, rendendosi protagonista di una gara tutta in difesa. Gran parte del merito va’ dato anche al team AF Corse, perfetto nella scelta della strategia.

Allo start Lawson si è accodato al poleman Marco Wittmann. Il pilota BMW ha condotto i giochi fino al sesto giro, quando è stato chiamato ai box. Gli uomini dell’AF Corse hanno coperto la scelta del muretto Walkenhorst Motorsport, richiamando Lawson al giro seguente e rispedendolo in pista proprio davanti al tedesco. Da quel momento Wittmann è sempre rimasto nella scia della Ferrari 488 GT3, iniziando un continuo pressing nei confronti del neozelandese. Nonostante la vettura più pesante, per via della zavorra di 25 chilogrammi, Lawson ha mantenuto i nervi saldi per altri 31 giri, tagliando il traguardo con un vantaggio di 215 millesimi sul due volte campione DTM Wittmann.



Terzo, ad oltre 15 secondi dal duo di testa, Maximilian Gotz. Seppur scivolato al terzo posto in classifica generale, il tedesco ha ottenuto il suo quinto podio in otto gare disputate sinora, recuperando ulteriore terreno sul leader Kelvin van der Linde. Arrivo in parata per i piloti Mercedes Philip Ellis e Lucas Auer, rispettivamente quarto e quinto. Entrambi hanno beneficiato del weekend nero di Sheldon van der Linde che ha collezionato un doppio zero in classifica. Il sudafricano, nella seconda manche, ha dapprima subito una foratura sulla sua BMW e poi è stato costretto al ritiro.

Su una pista ostica per l’Audi R8 LMS, Kelvin van der Linde è riuscito a contenere i danni. Sui saliscendi dello Spielberg il pilota Abt Sportsline ha conquistato un insperato sesto posto. Il sudafricano, l’unico su una vettura dei quattro anelli ad entrare in top-10, è stato favorito dalla sanzione inflitta a Vincent Abril e Daniel Juncadella colpevoli di aver ripetutamente oltrepassato i track limits. Ad approfittarne anche Arjun Maini risalito al settimo posto e Maximilian Buhk nono. A chiudere la top-10 ci ha pensato Timo Glock, sull’unica BMW del Rowe Racing superstite.

Ai margini della zona podio la Lamborghini Huracan, griffata T3 Motorsport, del debuttante Maximilian Paul. Il derby tutto al femminile ha visto Sophia Florsch, quindicesima, avere la meglio sull’inglese Esmee Hawkey. Fanalino di coda Alex Albon, costretto ad una doppia sosta ai box per via della gomma anteriore sinistra dechappata quando era in lotta per l’ottava piazza.

Domenica 5 settembre 2021, gara 2

1 - Liam Lawson (Ferrari) - AF Corse - 39 giri - 57'32"602
2 - Marco Wittmann (BMW) - Walkenhorst - 0"215
3 - Maximilian Gotz (Mercedes) - HRT - 15"907
4 - Philip Ellis (Mercedes) - HTP Winward - 23"243
5 - Lucas Auer (Mercedes) - HTP Winward - 24"958
6 - Kelvin Van der Linde (Audi) - Abt - 25"582
7 - Arjun Maini (Mercedes) - Get Speed - 26"524
8 - Vincent Abril (Mercedes) - HRT - 28"949
9 - Maximilian Buhk (Mercedes) - Mucke - 30"324
10 - Timo Glock (BMW) - Rowe - 32"167
11 - Maximilian Paul (Lamborghini) - T3 Motorsport - 33"766
12 - Daniel Juncadella (Mercedes) - Gruppe M - 34"219
13 - Esteban Muth (Lamborghini) - T3 Motorsport - 37"302
14 - Nico Muller (Audi) - Rosberg - 40"798
15 - Sophia Florsch (Audi) - Abt - 45"690
16 - Emsee Hawkey (Lamborghini) - T3 Motorsport - 54"437
17 - Alexander Albon (Ferrari) - AF Corse - 1'20"715

Giro veloce: Marco Wittmann 1'29"442

Ritirati
Dev Gore (Audi) - Rosberg
Sheldon Van der Linde (BMW) - Rowe
Mike Rockenfeller (Audi) - Abt

Il campionato
1.K.Van der Linde 147 punti; 2.Lawson 135; 3.Gotz 131; 4.Wittmann 121; 5.Ellis 99; 6.Albon 94; 7.Auer 64; 8.Rockenfeller 61; 9.Muller 46; 10.Juncadella 43.

5 Set [11:05]

Spielberg, qualifica 2
Wittmann per un soffio su Lawson

Michele Montesano

Seconda pole stagionale nel DTM per Marco Wittmann che sul tracciato dello Spielberg ha messo tutti in riga. Nella giornata di oggi sono state le BMW a dettare l’andatura fin dai primi minuti delle qualifiche, ma uno straripante Liam Lawson è riuscito a frapporsi fra il poleman e Sheldon van der Linde.

Già nei primi tentativi lanciati Wittmann ha imposto il suo ritmo. Ma, con una tracciato in continua evoluzione, il tedesco è stato costretto a scendere nuovamente in pista per cercare di migliorare il suo crono. Dopo aver registrato 1’27”892, il portacolori del Walkenhorst Motorsport ha sudato freddo quando ha visto Lawson siglare il miglior secondo settore. Il pilota AF Corse però non è stato altrettanto veloce nell’ultimo tratto, dovendosi accontentare del secondo posto per soli 26 millesimi. A rallentare la corsa del neozelandese di casa Red Bull sono stati i 25 chilogrammi supplementari per la vittoria di ieri.

Terzo tempo per Sheldon van der Linde, il sudafricano del Rowe Racing non è riuscito a ripetersi nel suo secondo tentativo lanciato. Con un guizzo finale Maximilian Gotz è riuscito ad acciuffare il quarto crono. Il pilota Mercedes, anche nella gara di oggi, cercherà di recuperare altri punti dal leader di campionato Kelvin van der Linde. Terza fila griffata tutta Mercedes con Philip Ellis che ha avuto la meglio su Lucas Auer, proprio l’austriaco si è visto cancellare il suo primo tempo per aver superato i track limits.

Con il settimo crono, Kelvin van der Linde si è confermato quale miglior pilota Audi. Ancora una volta il leader di campionato sarà chiamato ad una gara tutta in rimonta. Ottavo posto per Vincent Abril seguito da Alex Albon, il pilota Red Bull non ha trovato il giusto ritmo per scalare la classifica. A chiudere la top-10 la Mercedes GetSpeed di Arjun Maini. Quattordicesimo, e primo fra i driver Lamborghini, il debuttante Maximilian Paul che ha preceduto Daniel Juncadella, il più lento fra i piloti Mercedes.  

Domenica 5 settembre 2021, qualifica 2

1 - Marco Wittmann (BMW) - Walkenhorst - 1'27"892
2 - Liam Lawson (Ferrari) - AF Corse - 1'27"918
3 - Sheldon Van der Linde (BMW) - Rowe - 1'28"092
4 - Maximilian Gotz (Mercedes) - HRT - 1'28"133
5 - Philip Ellis (Mercedes) - HTP Winward - 1'28"198
6 - Lucas Auer (Mercedes) - HTP Winward - 1'28"316
7 - Kelvin Van der Linde (Audi) - Abt - 1'28"350
8 - Vincent Abril (Mercedes) - HRT - 1'28"378
9 - Alexander Albon (Ferrari) - AF Corse - 1'28"409
10 - Arjun Maini (Mercedes) - Get Speed - 1'28"425
11 - Timo Glock (BMW) - Rowe - 1'28"482
12 - Maximilian Buhk (Mercedes) - Mucke - 1'28"492
13 - Nico Muller (Audi) - Rosberg - 1'28"560
14 - Maximilian Paul (Lamborghini) - T3 Motorsport - 1'28"651
15 - Daniel Juncadella (Mercedes) - Gruppe M - 1'28"772
16 - Mike Rockenfeller (Audi) - Abt - 1'28"853
17 - Esteban Muth (Lamborghini) - T3 Motorsport - 1'28"914
18 - Emsee Hawkey (Lamborghini) - T3 Motorsport - 1'29"078
19 - Sophia Florsch (Audi) - Abt - 1'29"295
20 - Dev Gore (Audi) - Rosberg - 1'29"300

4 Set [15:04]

Spielberg - Gara 1
Lawson e Ferrari si ripetono

Michele Montesano

Liam Lawson ha conquistato la sua seconda vittoria stagionale del DTM. Dopo le battute a vuoto del Nürburgring, in cui il neozelandese era scivolato in quinta posizione nella classifica generale, il successo di Spielberg l’ha rilanciato nuovamente nella lotta per il titolo. In Austria, con una gara perfetta controllata dal primo all’ultimo metro, il kiwi ha riconquistato con determinazione il terreno perso, issandosi al terzo posto nella classifica assoluta.

Dopo una partenza magistrale, Lawson ha tenuto a bada Maximilan Gotz nelle prime fasi di gara. Il team HRT ha provato un undercut richiamando ai box la Mercedes del tedesco al settimo giro, ma gli uomini di AF Corse hanno risposto al passaggio seguente ristabilendo le gerarchie. Complice le Audi di Nico Müller e Mike Rockenfeller non ancora rientrate ai box e decisamente più lente, nelle fasi finali Gotz ha provato a riavvicinarsi a Lawson, ma senza nemmeno riuscire a creare una manovra di sorpasso. Il pilota Ferrari-Red Bull ha tagliato per primo il traguardo con un margine di poco più di un secondo nei confronti del tedesco.

Kelvin Van der Linde, 5° al traguardo, mantiene la leadership di campionato
Kelvin Van der Linde, 5° al traguardo, mantiene la leadership di campionato 

La lotta per l’ultimo gradino del podio si è conclusa solamente all’ultimo giro, con Philip Ellis che è riuscito ad avere la meglio su Alex Albon e Kelvin van der Linde. La lotta fra l’anglo tailandese e il sudafricano è iniziata già dallo start, fra sorpassi e contro-sorpassi i due sono arrivati ai box con un margine esiguo. Un pit-stop più lento però, ha fatto perdere terreno ad Albon. Questi, nonostante i 25 chilogrammi di zavorra per la vittoria di gara 2 del Nürburgring, non si è dato per vinto superando in sequenza Arjun Maini e van der Linde.

Nel corso dell’ultimo passaggio Albon ha provato ad infilare Ellis, all’esterno di curva 6, ma è andato leggermente largo. Il pilota Mercedes ha potuto rifiatare fino alla bandiera a scacchi, mentre Albon ha dovuto rintuzzare gli attacchi di Kelvin van der Linde. Il pilota Audi Abt ha colto un quinto posto che gli permette di mantenere saldamente la leadership di campionato.

Miglior piazzamento nella stagione di debutto nel DTM per Maini: l’indiano del team GetSpeed ha avuto la meglio su Marco Wittmann, settimo al traguardo. Solamente ottavo il pilota di casa Lucas Auer, davanti alla Mercedes HRT del francese Vincent Abril. A chiudere la top-10 Timo Glock: il portacolori BMW è andato per la seconda volta in zona punti in questa stagione tutta in salita. Da sottolineare ancora una volta la performance di Maximilian Paul, il debuttante che è stato autore di una gara consistente conclusa al tredicesimo posto e primo fra i piloti Lamborghini.

Sabato 4 settembre 2021, gara 1

1 - Liam Lawson (Ferrari) - AF Corse - 39 giri - 57'48"232
2 - Maximilian Gotz (Mercedes) - HRT - 1"007
3 - Philip Ellis (Mercedes) - HTP Winward - 12"939
4 - Alexander Albon (Ferrari) - AF Corse - 14"282
5 - Kelvin Van der Linde (Audi) - Abt - 14"829
6 - Arjun Maini (Mercedes) - Get Speed - 15"196
7 - Marco Wittmann (BMW) - Walkenhorst - 15"543
8 - Lucas Auer (Mercedes) - HTP Winward - 17"007
9 - Vincent Abril (Mercedes) - HRT - 19"744
10 - Timo Glock (BMW) - Rowe - 22"160
11 - Daniel Juncadella (Mercedes) - Gruppe M - 23"204
12 - Maximilian Buhk (Mercedes) - Mucke - 25"600
13 - Maximilian Paul (Lamborghini) - T3 Motorsport - 29"458
14 - Esteban Muth (Lamborghini) - T3 Motorsport - 29"985
15 - Mike Rockenfeller (Audi) - Abt - 38"175
16 - Emsee Hawkey (Lamborghini) - T3 Motorsport - 39"412
17 - Sophia Florsch (Audi) - Abt - 1'07"168

Giro veloce: Esteban Muth 1'29"691

Ritirati
Nico Muller (Audi) - Rosberg
Dev Gore (Audi) - Rosberg
Sheldon Van der Linde (BMW) - Rowe

Il campionato
1.K.Van der Linde 139 punti; 2.Gotz 116; 3.Lawson 108, 4.Wittmann 100; 5.Albon 94; 6.Ellis 87; 7.Rockenfeller 61; 8.Auer 54; 9.Muller 46; 10.Juncadella 43.

4 Set [11:06]

Spielberg, qualifica 1
Lawson conquista la sua prima pole

Michele Montesano

Liam Lawson, sul tracciato di Spielberg, ha conquistato la sua prima pole position nel DTM. Vera rivelazione dell’anno, il pilota neozelandese in diverse occasioni si era avvicinato al colpaccio ma ha dovuto attendere più del previsto per mettere tutti in riga. Il ferrarista già nella giornata di ieri aveva lasciato intendere che sarebbe stato l’uomo da battere, siglando rispettivamente il quinto e il primo tempo nelle due sessioni di prove libere. Lawson ha stampato già a metà qualifica il crono di 1’27”851, unico a scendere sotto il muro del 1’28”, di fatto imprendibile per gli avversari. Il team AF Corse ha di che gioire in vista della gara di oggi pomeriggio, sperando che il kiwi riesca a conquistare un altro successo.

Secondo crono, a quasi 3 decimi, per Maximilian Götz. Il pilota della Mercedes HRT, secondo in classifica generale, ha una buona occasione per cercare di limare il distacco dal leader Kelvin van der Linde. A partire dalla seconda fila, con il terzo tempo, l’indiano Arjun Maini autore della sua migliore performance nel DTM. Quarto Sheldon van der Linde, il sudafricano è stato il miglior pilota in casa BMW. A completare la top-5 la Mercedes griffata Winward di Philip Ellis.

Sesto crono per il vincitore di gara 2 del Nürburgring Alex Albon. L’ex F1 Red Bull ha pagato il maggior peso dovuto al success ballast sulla sua Ferrari 488, ciò nonostante ha preceduto l’esperto Marco Wittmann. Scelta strategica per Kelvin van der Linde, il leader di campionato ha utilizzato un solo treno di pneumatici preservando le gomme per il resto del weekend. Il sudafricano in ogni caso è stato il miglior esponente di casa Audi, con una R8 LMS non a suo agio sui saliscendi del Red Bull Ring.

Peccato per il debuttante Maximilian Paul che, dopo aver strabiliato nelle prove libere, non è riuscito a ripetersi nelle qualifiche. Il tedesco del T3 Motorsport, nell’ultimo tentativo, ha perso il controllo della sua Lamborghini Huracan insabbiandola nell’ultima curva. Partirà dalla sedicesima piazzola dietro al suo compagno di colori Esteban Muth.

Sabato 4 settembre 2021, qualifica 1

1 - Liam Lawson (Ferrari) - AF Corse - 1'27"851
2 - Maximilian Gotz (Mercedes) - HRT - 1'28"122
3 - Arjun Maini (Mercedes) - Get Speed - 1'28"240
4 - Sheldon Van der Linde (BMW) - Rowe - 1'28"241
5 - Philip Ellis (Mercedes) - HTP Winward - 1'28"251
6 - Alexander Albon (Ferrari) - AF Corse - 1'28"286
7 - Marco Wittmann (BMW) - Walkenhorst - 1'28"311
8 - Kelvin Van der Linde (Audi) - Abt - 1'28"337
9 - Vincent Abril (Mercedes) - HRT - 1'28"408
10 - Maximilian Buhk (Mercedes) - Mucke - 1'28"411
11 - Daniel Juncadella (Mercedes) - Gruppe M - 1'28"425
12 - Lucas Auer (Mercedes) - HTP Winward - 1'28"506
13 - Timo Glock (BMW) - Rowe - 1'28"540
14 - Nico Muller (Audi) - Rosberg - 1'28"577
15 - Esteban Muth (Lamborghini) - T3 Motorsport - 1'28"665
16 - Maximilian Paul (Lamborghini) - T3 Motorsport - 1'28"737
17 - Emsee Hawkey (Lamborghini) - T3 Motorsport - 1'28"977
18 - Mike Rockenfeller (Audi) - Abt - 1'28"984
19 - Dev Gore (Audi) - Rosberg - 1'29"367
20 - Sophia Florsch (Audi) - Abt - 1'29"371

PrevPage 1 of 10Next

News

dtm
v

FirstPrevPage 1 of 3NextLast
FirstPrevPage 1 of 3NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone