formula 1

Tutti i segreti sulla operazione
che ha portato Albon alla Williams

Qualche settimana dopo l'annuncio di Alexander Albon da parte della Williams per la stagione 2022, ingaggio voluto dalla ...

Leggi »
F4 Spanish

Valencia - Gara 1
Øgaard domina, Van't Hoff ko

1 - Sebastian Øgaard - Campos - 16 giri in 27'09"8912 - Josep Martí - Campos - 10"9403 - Maksim Arkhangelskii -...

Leggi »
dtm

Assen - Gara 1
Wittmann batte la penalità, Bortolotti 2°

In gara 1 del DTM ad Assen, ecco il secondo successo stagionale di Marco Wittmann: un colpaccio, perché il tedesco ci è riusc...

Leggi »
dtm

Assen - Qualifica 1
Lawson si conferma con la pole

Liam Lawson prosegue nella scia del grande weekend a Spielberg, con doppia vittoria, e partirà in pole-position per gara 1 de...

Leggi »
formula 1

Binotto "spinge" Giovinazzi
ma forse è tardi e spunta Zhou

Dopo settimane di silenzio, dopo l'annuncio di Valtteri Bottas, dopo che nel paddock fin da Budapest circolavano voci neg...

Leggi »
formula 1

La Ferrari a Imola con
i titolari e... i giovani

Due giornate di test a Imola per la Ferrari. Con la vecchia SF71H, Carlos Sainz e Charles Leclerc sono tornati in pista dopo ...

Leggi »
PrevPage 1 of 10Next
15 Set [21:39]

Mugello, test
Montoya precede Fornaroli

Mattia Tremolada

Dopo una sola giornata di riposo, i protagonisti della Formula 4 Italia sono tornati in azione per due giornate di test collettivi al Mugello, organizzati da Kateyama. Il circuito toscano sarà la sede del sesto e penultimo appuntamento della stagione, che avrà la propria conclusione a Monza, dove sono in programma due giornate il 28-29 settembre. Assente il team Van Amersfoort, l'unico a correre a tempo pieno nella serie italiana e in quella tedesca. Oliver Bearman, Nikita Bedrin e Bence Valint non erano quindi presenti, mentre Joshua Dufek e Han Cenyu hanno trovato una soluzione alternativa, accasandosi rispettivamente in Mucke e Cram.

Con la squadra della famiglia Rosei sono scesi in pista anche Nico Baptiste, reduce dal primo successo rookie della stagione, e Rafael Camara, che prosegue nel lavoro di preparazione alla stagione 2022. Oltre al pilota brasiliano erano presenti numerose new entry, come Christoph Von Moos (Jenzer), Brando Badoer, Kim Hwarang e Nikhil Bohra (AKM) e Jesse Carrasquedo Jr, che in BVM ha preso il posto dell'infortunato Ehron Rexhepi dopo aver recentemente vinto due gare della Formula 4 danese. Ha girato solamente nella prima giornata Francesco Simonazzi, ottimo quinto a conferma della gran velocità mostrata a Spielberg. Mercoledì è invece sceso in pista con la Dallara F320, con cui farà il proprio debutto in Euroformula a Monza. 

Per quanto riguarda la classifica assoluta, in entrambe le giornate Sebastian Montoya ha preceduto Leonardo Fornaroli di un paio di decimi. Terzo Tim Tramnitz, diventato ormai il favorito al titolo di vice-campione, dopo i due successi ottenuti a Spielberg. Buon quarto posto per Kimi Antonelli, staccato di soli tre decimi dalla vetta della classifica, mentre Joshua Durksen ha preceduto Kirill Smal, sesto. Ancora a sei punte la formazione della Prema, che ha portato Conrad Laursen ottavo, Charlie Wurz nono e Hamda Al Qubaisi undicesima. Tra di loro si sono inseriti i due piloti italiani Lorenzo Patrese, ottimo settimo, e Francesco Braschi, decimo e ormai vero punto di riferimento del plotone Jenzer.

Martedì 14 e mercoledì 15 settembre 2021, classifica combinata

1 - Sebastian Montoya - Prema - 1'47"819 - 136 giri
2 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'48"050 - 121
3 - Tim Tranmitz - US Racing - 1'48"085 - 139
4 - Andrea Kimi Antonelli - Prema - 1'48"156 - 140
5 - Joshua Durksen - Mucke - 1'48"196 - 136
6 - Kirill Smal - Prema - 1'48"225 - 135
7 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'48"252 - 138
8 - Conrad Laursen - Prema - 1'48"255 - 139
9 - Charlie Wurz - Prema - 1'48"463 - 133
10 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'48"468 - 146
11 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'48"525 - 137
12 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'48"591 - 123
13 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'48"607 - 103
14 - Erick Zuniga - Mucke - 1'48"610 - 135
15 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 1'48"630 - 153
16 - Francesco Simonazzi - BVM - 1'48"632 - 67
17 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1'48"689 - 154
18 - Pedro Perino - US Racing - 1'48"751 - 120
19 - Maya Weug - Iron Lynx - 1'48"802 - 169
20 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1'48"843 - 139
21 - Joshua Dufek - Mucke - 1'48"966 - 110
22 - Rafael Camara - Cram - 1'49"002 - 128
23 - Levante Revesz - AKM - 1'49"024 - 167
24 - Cenyu Han - Cram - 1'49"023 - 163
25 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'49"104 - 173
26 - Jonas Ried - Mucke - 1'49"306 - 150
27 - Brando Badoer - AKM - 1'49"417 - 145
28 - Kim Hwarang - Jenzer - 1'49"551 - 144
29 - Samir Ben - Jenzer - 1'49"560 - 65
30 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1'49"709 - 148
31 - Jesse Carrasquedo Jr - BVM - 1'49"813 - 101
32 - Nikhil Bohra - AKM - 1'50"032 - 152
33 - Christoph Von Moos - Jenzer - 2'07"003 - 39

12 Set [19:01]

Spielberg - Gara 3
Tramnitz emerge nella pioggia

Da Spielberg - Massimo Costa - Foto Speedy

La terza gara della F4 Italia a Spielberg è stata contraddistinta dalla pioggia che ha iniziato a cadere poco prima della partenza. Con grande sorpresa, tutti si sono schierati con le gomme slick, ma al termine del 1° e del 2° giro, dietro safety-car, quasi tutti hanno imboccato la corsia box per montare le Pirelli rain. Stranamente, il leader del campionato Oliver Bearman, Nikita Bedrin e Francesco Braschi, thanno proseguito con le slick: il pilota italiano del team Jenzer aveva chiesto di rientrare per il cambio gomme, ma gli è stato detto di proseguire perché la pioggia stava calando. Consiglio decisamente errato.

Quando la corsa è partita, Bedrin ha passato Bearman (entrambi del team VAR), ma si è presto capito che i piloti con le rain li avrebbero raggiunti. Joshua Dufek, loro compagno, ha fatto la scelta giusta e li ha superati entrambi mentre è rinvenuto forte Tim Tramnitz. Il tedesco di US Racing al 13° giro ha superato Dufek e si è involato verso un difficile quanto meritato successo, il secondo consecutivo dopo quello di gara 2 e il quarto stagionale. Tramnitz è saldamente al secondo posto in campionato dietro a Bearman (finito 20esimo mentre Bedrin ha chiuso 17esimo a conferma dell'errore nel procedere con le slick) e viene da chiedersi cosa poteva ottenere se non avesse saltato due tappe del campionato italiano per dare la precedenza a quello tedesco.

Sul terzo gradino del podio, Kirill Smal (Prema), il quale ha dato vita ad un epico duello con il bravo Francesco Simonazzi del team BVM, quarto all'arrivo. Il parmense ha completato un weekend da applausi dopo aver ottenuto due settimi posti in gara 1 e 2. Simonazzi ha più volte attaccato Smal, all'esterno, all'interno, in rettifilo, ma il russo ha sempre chiuso la porta. Un bel confronto e una bella prova per Francesco, rientrato alla grande in F4 dopo l'incidente nei test pre Misano che lo aveva tenuto lontano dalle corse un paio di mesi. Ora per lui si apre la possibilità di debuttare in Euroformula a Monza tra due settimane, sempre con il team BVM, che a sua volta rientra in quella serie.



Applausi a scena aperta per Nicolas Baptiste e per il team Cram, nella foto sopra. L'eccellente cambio gomme, tra i più veloci, ha permesso al 15enne pilota colombiano di issarsi nelle prime posizioni. Baptiste ha poi tenuto il passo dei primi conquistando la quinta posizione, suo miglior risultato in F4. Alle sue spalle, un ottimo e convincente Lorenzo Patrese (AKM), nella foto sotto, poi Leonardo Fornaroli. Il piacentino di Iron Lynx era risalito quinto, ma nel finale, per qualche istante gli è rimasta inserita la terza marcia in rettifilo ed ha perso due posizioni.

Bella prova, considerando le notevoli difficoltà offerte dalle condizioni meteo, per i rookie del team Prema, Charlie Wurz (alla sua seconda esperienza nel campionato dopo Imola) e Andrea Antonelli, al debutto assoluto al Red Bull Ring. L'austriaco ha concluso ottavo mentre il bolognese Junior Mercedes ha tagliato il traguardo in nona piazza. Entrambi sono risaliti forte dalle retrovie dopo il pit-stop evidenziando ottime qualità. Sebastian Montoya ha invece commesso l'ennesimo errore e questa volta ha coinvolto Francesco Braschi, spinto nella ghiaia.



Domenica 12 settembre 2021, gara 3

1 - Tim Tramnitz - US Racing - 15 giri 31'48"820
2 - Joshua Dufek - VAR - 2"509
3 - Kirill Smal - Prema - 6"074
4 - Francesco Simonazzi - BVM - 6"193
5 - Nicolas Baptiste - Cram - 8"313
6 - Lorenzo Patrese - AKM - 8"634
7 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 9"274
8 - Charlie Wurz - Prema - 9"460
9 - Andrea Antonelli - Prema - 9"588
10 - Pedro Perino - US Racing - 10"263
11 - Conrad Laursen - Prema - 10"680
12 - Georgios Markogiannis - Cram - 11"241
13 - Cenyu Han - VAR - 12"644
14 - Levante Revesz - AKM - 15"390
15 - Erick Zuniga - Mucke - 15"899
16 - Maya Weug - Iron Lynx - 17"273
17 - Nikita Bedrin - VAR - 18"476
18 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 18"591
19 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 18"687
20 - Oliver Bearman - VAR - 19"686
21 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 20"164
22 - Joshua Durksen - Mucke - 24"648
23 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 25"169
24 - Jorge Garciarce - Jenzer - 26"824
25 - Samir Ben - Jenzer - 26"833
26 - Leonardo Bizzotto - BVM - 28"522
27 - Bence Valint - VAR - 29"333

Ritirati
Santiago Ramos
Sebastian Montoya
Francesco Braschi
Jonas Ried

Il campionato
1.Bearman 262; 2.Tramnitz 184; 3.Fornaroli 157; 4.Montoya 133; 5.Smal 129; 6.Dufek 95; 7.Durksen 84; 8.Bedrin 69; 9.Laursen 48; 10.Lomko 37; 11.Bernier 30; 12.Simonazzi 28; 13.Browning 27; 14.Qubaisi 23; 15.Meguetounifi 22; 16.Valint, Wurz 20; 18.Braschi 19; 19.Zuniga 18; 20.Patrese 17; 21.Baptiste 14; 22.Ried, Han 13; 24.Ben 12; 25.Armanni, Bizzotto 8; 27.Antonelli 4; 28.Catino, Revesz 2; 30.Garciarce, Perino 1.

12 Set [12:01]

Spielberg - Gara 2
Tramnitz leader davanti a Fornaroli

Da Spielberg - Massimo Costa - Foto Speedy

Ritorno alla vittoria nella F4 Italia per Tim Tramnitz che si era imposto nell'apertura di Le Castellet nelle prime due gare. Il tedesco di US Racing, che ha saltato due appuntamenti della serie tricolore, ha subito superato il poleman Leonardo Fornaroli ed ha condotto la seconda corsa di Spielberg fino al traguardo. Corsa che si è conclusa in safety-car, entrata ben tre volte.

Tramnitz sale al secondo posto in campionato superando Fornaroli mentre Oliver Bearman prosegue la sua indisturbata cavalcata al vertice. L'inglese del team VAR si è piazzato terzo ed ha rischiato grosso in un contatto con il compagno di squadra Nikita Bedrin nel tratto che porta alla curva 2. Bearman ha chiuso leggermente e il russo che lo stava affiancando a destra, con la ruota anteriore sinistra ha colpito la posteriore destra del leader della F4. Un bel rischio, ma Bearman ha proseguito, Bedrin invece si è dovuto ritirare.



Fornaroli ha condotto una buona gara controllando bene Bearman, ma non è mai riuscito ad avvicinare Tramnitz. Per il pilota piacentino di Iron Lynx, la seconda posizione al Red Bull Ring rappresenta il sesto podio stagionale. Quarta piazza per Kirill Smal (Prema), che ha cercato l'affondo su Bearman, ma senza successo. Joshua Durksen si è presa la quinta posizione davanti a un pimpante Francesco Braschi. L'italiano del team Jenzer, decimo in gara 1, è risalito bene e dopo un ottimo primo giro che da 12esimo l'ha portato ottavo, ha superato Francesco Simonazzi ed ha duellato con Durksen riuscendo a superarlo. Ma poco dopo, una sbavatura l'ha portato fuori traiettoria e il paraguyano del team Mucke si è ripreso la quinta posizione. Braschi ha comunque vinto la classifica rookie, il suo primo successo stagionale.

Ancora una bella prestazione per Simonazzi (BVM) che ha replicato la settima piazza di gara 1. Dietro di lui, Charlie Wurz, autore di una corsa positiva e un ottimo Lorenzo Patrese del team AKM. Il figlio di Riccardo è riuscito a concludere pur avendo una gomma che si stava lentamente sgonfiando. Andrea Antonelli, che ricordiamo è al debutto assoluto in F4 con la Tatuus del team Prema, da 17esimo al via era risalito decimo, ma dopo il restart dalla seconda safety-car si è fatto beffare da Patrese ed Erick Zuniga concludendo soltanto 12esimo. Sebastian Montoya si è dovuto ritirare al 1° giro dopo un contatto ed è arrivato ai box con la gomma anteriore sinistra a terra

Domenica 12 settembre 2021, gara 2

1 - Tim Tramnitz - US Racing - 18 giri 33'00"040
2 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 0"171
3 - Oliver Bearman - VAR - 0"275
4 - Kirill Smal - Prema - 0"492
5 - Joshua Durksen - Mucke - 0"677
6 - Francesco Braschi - Jenzer - 0"970
7 - Francesco Simonazzi - BVM - 1"782
8 - Charlie Wurz - Prema - 2"120
9 - Bence Valint - VAR - 2"783
10 - Lorenzo Patrese - AKM - 3"399
11 - Erick Zuniga - Mucke - 3"619
12 - Andrea Antonelli - Prema - 3"842
13 - Conrad Laursen - Prema - 3"998
14 - Maya Weug - Iron Lynx - 4"876
15 - Santiago Ramos - Jenzer - 5"034
16 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 5"771
17 - Nicolas Baptiste - Cram - 6"236
18 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 6"875
19 - Pedro Perino - US Racing - 7"211
20 - Levante Revesz - AKM - 7"426
21 - Leonardo Bizzotto - BVM - 8"429
22 - Cenyu Han - VAR - 9"534

Ritirati
Pietro Armanni
Samir Ben
Georgios Markogiannis
Jorge Garciarce
Eron Rexhepi
Hamda Al Qubaisi
Joshua Dufek
Nikita Bedrin
Jonas Ried
Sebastian Montoya

Il campionato
1.Bearman 262; 2.Tramnitz 159; 3.Fornaroli 151; 4.Montoya 133; 5.Smal 114; 6.Durksen 84; 7.Dufek 77; 8.Bedrin 69; 9.Laursen 48; 10.Lomko 37; 11.Bernier 30; 12.Browning 27; 13.Qubaisi 23; 14.Meguetounifi 22; 15.Valint 20; 16.Braschi 19; 17.Zuniga 18; 18.Wurz, Simonazzi 16; 20.Ried, Han 13; 22.Ben 12; 23.Patrese 9; 24.Armanni, Bizzotto 8; 26.Baptiste 4; 27.Antonelli, Catino, Revesz 2; 30.Garciarce 1.

11 Set [13:04]

Spielberg - Gara 1
Bearman, vittoria perentoria

Da Spielberg - Massimo Costa - Foto Speedy

Bella vittoria di Oliver Bearman e del team VAR nella prima gara della F4 Italia a Spielberg. Un successo che il leader del campionato voleva fortemente per cancellare i dubbi che erano piombati sulla sua monoposto dopo la squalifica (motore) dalla gara 3 di Misano che aveva vinto. Bearman partiva dalla seconda piazzola, ma nel corso del 1° giro ha avuto ragione del poleman Sebastian Montoya. Il colombiano del team Prema nella bagarre ha anche perso la seconda piazza venendo passato da Tim Tramnitz.

I tre hanno proseguito in questo ordine fino alla bandiera a scacchi con Bearman mai impensierito, ma non andato in fuga, e il tedesco di US Racing che in un paio di occasioni ha avuto contatti ravvicinati con il colombiano del team Prema. Montoya ha anche ricevuto una bandiera bianco-nera ed è stato poi chiamato dai commissari sportivi per essere partito prima dello sventolio della bandiera verde in occasione del giro di ricognizione. Infrazione che non dovrebbe costargli una penalità. Con questo successo, Bearman incrementa ulteriormente il proprio vantaggio nella classifica generale e Montoya ha perso una occasione per avvicinarlo.

Quarta posizione per Kirill Smal (Prema), bravo a liberarsi di Nikita Bedrin al restart dalla safety-car, avvenuto al 4° giro, causa uscita di pista di Nicolas Baptiste e di Pedro Perino, urtato da Leonardo Bizzotto. Il russo si è poi dovuto ritirare dopo aver danneggiato l'ala anteriore in un contatto con Joshua Durksen, a sua volta fermatosi ai box definitivamente. Quinto ha così concluso Joshua Dufek del team VAR che per tutta la gara ha tenuto a bada Leonardo Fornaroli di Iron Lynx. Bella la settima piazza conquistata da un determinato Francesco Simonazzi (BVM) che non ha mai permesso a Erick Zuniga (Mucke) di avvicinarlo.

Nona posizione e primo tra i rookie per Andrea Antonelli. Il debuttante assoluto del weekend, con la monoposto del team Prema si è ben comportato. Scattato decimo, nelle prime fasi ha respinto gli attacchi di Lorenzo Patrese prima e Francesco Braschi poi. Quest'ultimo è anche stato stretto verso il muretto box ed è stato superato da Patrese. Tra il figlio dell'ex F1 Riccardo e il pilota di Jenzer si è così scatenato un lungo duello che ha permesso ad Antonelli di avvantaggiarsi. Quando con una bella manovra Braschi ha superato Patrese, ha iniziato a girare regolarmente 3-4 decimi più rapido di Antonelli riducendo il distacco, ma era troppo tardi per tentare l'aggancio. Buon debutto quindi per Antonelli, che ha anche ricevuto bandiera bianco-nera per aver superato troppe volte i track limits. Patrese ha poi perso terreno su Braschi per un problema al fondo vettura.

Sabato 11 settembre 2021, gara 1

1 - Oliver Bearman - VAR - 20 giri 32'32"683
2 - Tim Tramnitz - US Racing - 0"639
3 - Sebastian Montoya - Prema - 1"430
4 - Kirill Smal - Prema - 3"223
5 - Joshua Dufek - VAR - 3"435
6 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 4"074
7 - Francesco Simonazzi - BVM - 11"141
8 - Erick Zuniga - Mucke - 11"731
9 - Andrea Antonelli - Prema - 12"060
10 - Francesco Braschi - Jenzer - 13"834
11 - Lorenzo Patrese - AKM - 19"481
12 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 20"688
13 - Conrad Laursen - Prema - 21"260
14 - Samir Ben - Jenzer - 22"648
15 - Bence Valint - VAR - 23"068
16 - Santiago Ramos - Jenzer - 23"595
17 - Maya Weug - Iron Lynx - 23"847
18 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 24"391
19 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 24"947
20 - Cenyu Han - VAR - 25"388
21 - Charlie Wurz - Prema - 26"915
22 - Eron Rexhepi - BVM - 26"974
23 - Levante Revesz - AKM - 33"225
24 - Georgios Markogiannis - Cram - 34"983
25 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 35"363
26 - Jonas Ried - Mucke - 37"785
27 - Jorge Garciarce - Jenzer - 39"073

Ritirati
Nikita Bedrin
Joshua Durksen
Pedro Perino
Leonardo Bizzotto
Nicolas Baptiste



11 Set [9:18]

Spielberg - Qualifiche
Pole di Montoya e Fornaroli

Da Spielberg - Massimo Costa - Foto Speedy

Si infiamma il campionato italiano di F4. Sebastian Montoya ha siglato la pole nella Q1 mentre Leonardo Fornaroli, con un guizzo fantastico all'ultimissimo giro, si è preso il miglior tempo nella Q2, che è anche il primo crono assoluto della sessione. Oliver Bearman invece, leader della classifica generale, è risultato secondo in Q1 e sesto in Q2. Per quanto riguarda invece la graduatoria dei secondi migliori tempi della Q1 e Q2, davanti a tutti c'è Tim Tramnitz, ma Fornaroli è buon secondo e Bearman quarto. Dunque, Montoya e Fornaroli hanno la possibilità concreta di accorciare il notevole distacco che hanno in campionato da Bearman, il quale conduce con 222 punti contro i 125 dell'italiano e i 118 di Montoya. Ma è anche vero che l'inglese può permettersi di viaggiare di conserva considerando il grande vantaggio che ha in classifica.

La Q1 ha visto Montoya protagonista assoluto. Prima con il tempo di 1'31"420, poi con 1'31"142 e infine con 1'31"099. Una bella progressione per il figlio di Juan Pablo, sempre presente al suo fianco. Il colombiano del team Prema (in realtà la famiglia vive a Miami dove il ragazzo è cresciuto) è alla seconda pole dopo quella di Vallelunga in Q2. Alle spalle di Montoya si sono alternati Bearman del team VAR e Joshua Durksen di Mucke, ma alla fine è stato l'inglese a chiudere secondo in 1'31"153 mentre Tim Tramnitz (US Racing) è balzato in terza posizione nel finale con 1'31"218 precedendo un buon Nikita Bedrin, primo dei rookie. A seguire, Kirill Smal (Prema) e Joshua Dufek (VAR), poi Durksen e Fornaroli di Iron Lynx, non troppo concreto in questa sessione.



Il pilota piacentino è stato il primo italiano della sessione ed ha preceduto di poco un Francesco Simonazzi protagonista di un eccellente rientro dopo l'incidente nei test di Misano. Il ragazzo parmense, grazie anche al buon lavoro di BVM, si è piazzato nono davanti al debuttante assoluto del weekend, Andrea Kimi Antonelli, decimo. Il ragazzino del team Prema, Junior Mercedes, si è visto togliere un paio di tempi per track limits, ma considerando che si trattava della sua prima qualifica, la decima prestazione è un risultato di tutto rispetto. Ci si aspettava di più da Lorenzo Patrese (AKM) e Francesco Braschi (Jenzer), scivolati in 14esima e 15esima posizione.

La Q2 invece, ha visto il confronto tra Tramnitz e Fornaroli. Il tedesco si è subito portato in testa e quando ha iniziato a spingere ha segnato i tempi di 1'30"835, 1'30"673, 1'30"614. Sembrava finita così, con Fornaroli secondo in 1'30"715, ma l'italiano perfettamente assistito dalla Tatuus di Iron Lynx, ha estratto dal casco un giro finale splendido che lo ha portato in pole con 1'30"605. Terza prestazione per Dufek (1'30"643), poi Montoya che in questa sessione non è riuscito a essere incisivo come nella precedente e si è fermato sul crono di 1'30"801, di poco davanti a Bedrin e Bearman. Simonazzi ha registrato ancora una bella prova chiudendo ottavo mentre Patrese si è riscattato risalendo in decima posizione. Bel recupero anche per Leonardo Bizzotto con la seconda vettura BVM, 11esimo, mentre meglio ha fatto Braschi, 12esimo. E' andata peggio per Antonelli, soltanto 16esimo.

Sabato 11 settembre 2021, qualifica 1

1 - Sebastian Montoya - Prema - 1'31"099
2 - Oliver Bearman - VAR - 1'31"153
3 - Tim Tramnitz - US Racing - 1'31"218
4 - Nikita Bedrin - VAR - 1'31"253
5 - Kirill Smal - Prema - 1'31"280
6 - Joshua Dufek - VAR - 1'31"376
7 - Joshua Durksen - Mucke - 1'31"438
8 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'31"452
9 - Francesco Simonazzi - BVM - 1'31"477
10 - Andrea Antonelli - Prema - 1'31"550
11 - Erick Zuniga - Mucke - 1'31"772
12 - Bence Valint - VAR - 1'31"849
13 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 1'31"893
14 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'31"931
15 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'31"951
16 - Conrad Laursen - Prema - 1'31"991
17 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'32"133
18 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'32"152
19 - Maya Weug - Iron Lynx - 1'32"175
20 - Samir Ben - Jenzer - 1'32"214
21 - Pedro Perino - US Racing - 1'31"245
22 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'31"387
23 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'31"412
24 - Charlie Wurz - Prema - 1'31"426
25 - Levante Revesz - AKM - 1'31"518
26 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1'31"583
27 - Cenyu Han - VAR - 1'31"589
28 - Eron Rexhepi - BVM - 1'31"612
29 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'31"714
30 - Jonas Ried - Mucke - 1'31"923
31 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1'32"958
32 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1'33"180

Sabato 11 settembre 2021, qualifica 2

1 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'30"605
2 - Tim Tramnitz - US Racing - 1'30"614
3 - Joshua Dufek - VAR - 1'30"643
4 - Sebastian Montoya - Prema - 1'30"801
5 - Nikita Bedrin - VAR - 1'30"884
6 - Oliver Bearman - VAR - 1'30"898
7 - Kirill Smal - Prema - 1'30"983
8 - Francesco Simonazzi - BVM - 1'31"018
9 - Joshua Durksen - Mucke - 1'31"214
10 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'31"293
11 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1'31"323
12 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'31"343
13 - Charlie Wurz - Prema - 1'31"361
14 - Bence Valint - VAR - 1'31"390
15 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'31"417
16 - Andrea Antonelli - Prema - 1'31"436
17 - Conrad Laursen - Prema - 1'31"599
18 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'31"691
19 - Jonas Ried - Mucke - 1'31"764
20 - Erick Zuniga - Mucke - 1'31"780
21 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 1'31"782
22 - Samir Ben - Jenzer - 1'31"793
23 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1'31"907
24 - Maya Weug - Iron Lynx - 1'31"937
25 - Pedro Perino - US Racing - 1'31"970
26 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'31"990
27 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'32"045
28 - Cenyu Han - VAR - 1'32"081
29 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'32"081
30 - Eron Rexhepi - BVM - 1'32"314
31 - Levante Revesz - AKM - 1'32"449
32 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1'32"601

10 Set [14:49]

Spielberg, libere 2
Bearman ritrova la vetta

Da Spielberg - Massimo Costa - Foto Speedy

E' tornato in vetta Oliver Bearman. Il leader del campionato e il team VAR, nel secondo turno libero della F4 Italia a Spielberg, hanno voluto cancellare la squalifica di Imola relativa a gara 3 ed hanno ottenuto il primo tempo in 1'30"965. Ma Sebastian Montoya, schierato dal team Prema, lo bracca da vicino chiudendo la sessione staccato di soli 96 millesimi e realizzando il tempo di 1'31"061. In crescita Nikita Bedrin (VAR), autore del terzo crono in 1'31"138 mentre il leader del turno mattutino, Tim Tranmitz di US Racing, è risultato quarto in 1'31"219.

Joshua Dufek (VAR) si è confermato al vertice rispetto alla sessione iniziale occupando la quinta posizione davanti a Conrad Laursen (Prema), risalito notevolmente rispetto al mattino. Settima prestazione per Leonardo Fornaroli, primo degli italiani con la vettura di Iron Lynx. A seguire, Kirill Smal di Prema e poi il debuttante Andrea Antonelli, nuovamente nelle prime posizioni. Il nuovo arrivato nella F4 Italia ha chiuso la sessione con in scia gli ottimi Leonardo Bizzotto di BVM e Francesco Braschi con Jenzer. Poco lontano Lorenzo Patrese di AKM.

Venerdì 10 settembre 2021, libere 2

1 - Oliver Bearman - VAR - 1'30"965 - 23 giri
2 - Sebastian Montoya - Prema - 1'31"061 - 18
3 - Nikita Bedrin - VAR - 1'31"138 - 23
4 - Tim Tranmitz - US Racing - 1'31"219 - 17
5 - Joshua Dufek - VAR - 1'31"376 - 22
6 - Conrad Laursen - Prema - 1'31"440 - 19
7 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'31"528 - 20
8 - Kirill Smal - Prema - 1'31"594 - 16
9 - Andrea Antonelli - Prema - 1'31"726 - 20
10 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1'31"755 - 21
11 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'31"759 - 22
12 - Erick Zuniga - Mucke - 1'31"774 - 20
13 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'31"858 - 22
14 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'31"901 - 19
15 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'31"971 - 20
16 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 1'31"976 - 22
17 - Bence Valint - VAR - 1'31"999 - 22
18 - Cenyu Han - VAR - 1'32"061 - 22
19 - Charlie Wurz - Prema - 1'32"077 - 22
20 - Maya Weug - Iron Lynx - 1'32"118 - 23
21 - Eron Rexhepi - BVM - 1'32"134 - 20
22 - Joshua Durksen - Mucke - 1'32"145 - 13
23 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1'32"196 - 22
24 - Francesco Simonazzi - BVM - 1'32"212 - 20
25 - Jonas Ried - Mucke - 1'32"220 - 22
26 - Samir Ben - Jenzer - 1'32"304 - 23
27 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1'32"329 - 21
28 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'32"342 - 23
29 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'32"378 - 22
30 - Pedro Perino - US Racing - 1'32"478 - 17
31 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'32"541 - 22
32 - Levante Revesz - AKM - 1'32"952 - 22

10 Set [9:27]

Spielberg, libere 1
Tranmitz leader, Antonelli quinto

Da Spielberg - Massimo Costa - Foto Speedy

La F4 Italia torna in pista dopo un mese e mezzo, precedente appuntamento a Imola a fine luglio, trascinandosi le polemiche derivate dalla squalifica (sul circuito del Santerno) del vincitore della terza gara, nonché leader del campionato, Oliver Bearman per irregolarità nel motore della vettura del team VAR. Sul circuito austriaco di Spielberg, tanta è anche la curiosità per il debutto ufficiale nella categoria di Andrea Antonelli col team Prema mentre si è rivisto il team tedesco US Racing che era già intervenuto a Le Castellet e Vallelunga.

E proprio Tim Tranmitz, pilota della coppia Ungar-Schumacher, ha colto il primo tempo nel turno libero che ha aperto il weekend austriaco. Il tedesco si era subito posto come principale rivale di Bearman nel campionato tricolore, ma purtroppo non ha partecipato a tutte le tappe della serie tricolore privilegiando il campionato teutonico. Tranmitz ha ottenuto il crono di 1'31"356 ed ha preceduto dopo un bel confronto il paraguayano Joshua Durksen del team Mucke (1'31"659), lo scorso anno vincitore al Red Bull Ring di gara 1 dopo aver ottenuto la pole, e Joshua Dufek del team VAR, 1'31"826.

Nel finale, Sebastian Montoya si è preso il quarto posto con la Tatuus della Prema in 1'31"916 sopravanzando il debuttante assoluto Andrea Antonelli. Il giovanissimo Junior Mercedes, compiuti i 15 anni, ha finalmente potuto fare il suo ingresso ufficiale nel motorsport. Il suo approccio in questo turno è stato notevole: dopo un avvio tranquillo, ha cominciato a spingere sul finale del turno siglando un ottimo quinto tempo in 1'32"075. Antonelli si è così proposto subito come miglior italiano in classifica.

Alle sue spalle ha chiuso Nikita Bedrin (VAR), poi Kirill Smal della Prema e il leader della F4 Italia, Bearman. Bene in nona posizione Francesco Braschi schierato da Jenzer il quale ha preceduto Leonardo Fornaroli, secondo in campionato e parte del team Iron Lynx. Rientro di Francesco Simonazzi con BVM dopo un periodo di guarigione in seguito a un incidente subìto a Misano durante i test svolti prima del secondo appuntamento stagionale.

Va detto che nel turno alcuni piloti hanno subito effettuato una simulazione di qualifica, considerando che domani la Q1 si svolgerà allo stesso orario, 8.30. Altri invece, come Bearman, visto che il meteo mette pioggia per la giornata di sabato, hanno preferito risparmiare le gomme.

Venerdì 10 settembre 2021, libere 1

1 - Tim Tranmitz - US Racing - 1'31"356 - 16 giri
2 - Joshua Durksen - Mucke - 1'31"659 - 18
3 - Joshua Dufek - VAR - 1'31"826 - 18
4 - Sebastian Montoya - Prema - 1'31"916 - 17
5 - Andrea Antonelli - Prema - 1'32"075 - 20
6 - Nikita Bedrin - VAR - 1'32"130 - 20
7 - Kirill Smal - Prema - 1'32"227 - 19
8 - Oliver Bearman - VAR - 1'32"295 - 16
9 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'32"427 - 18
10 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'32"455 - 21
11 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'32"528 - 18
12 - Leonardo Bizzotto - BVM - 1'32"574 - 18
13 - Francesco Simonazzi - BVM - 1'32"606 - 20
14 - Bence Valint - VAR - 1'32"687 - 21
15 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'32"855 - 20
16 - Kacper Sztuka - AS Motorsport - 1'32"923 - 21
17 - Cenyu Han - VAR - 1'32"947 - 19
18 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'33"077 - 20
19 - Conrad Laursen - Prema - 1'33"119 - 17
20 - Erick Zuniga - Mucke - 1'33"126 - 16
21 - Charlie Wurz - Prema - 1'33"185 - 17
22 - Samir Ben - Jenzer - 1'33"264 - 19
23 - Pedro Perino - US Racing - 1'33"281 - 18
24 - Pietro Armanni - Iron Lynx - 1'33"292 - 21
25 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'33"346 - 21
26 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'33"375 - 19
27 - Maya Weug - Iron Lynx - 1'33"402 - 21
28 - Eron Rexhepi - BVM - 1'33"527 - 19
29 - Jonas Ried - Mucke - 1'33"577 - 17
30 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'33"720 - 16
31 - Levante Revesz - AKM - 1'34"107 - 20
32 - Jorge Garciarce - Jenzer - 1'34"362 - 19

1 Set [17:01]

Fornaroli crede ancora nel titolo
"La squalifica di Bearman riapre i giochi"

Mattia Tremolada - Foto Speedy

Una vittoria, una pole position e cinque podi. Dopo il positivo debutto nel 2020, Leonardo Fornaroli e il team Iron Lynx di Andrea Piccini e Sergio Pianezzola erano attesi ad un 2021 da protagonisti nella Formula 4 Italia, e non stanno certamente deludendo le attese. A Misano è infatti arrivato il primo successo in carriera per il 16enne di Piacenza, che ha portato per la prima volta la squadra di Cesena sul gradino più alto del podio in monoposto, aggiungendo questa vittoria a quelle ottenute con Ferrari in GT.

Dopo quattro appuntamenti, Fornaroli occupa la seconda posizione nella classifica di campionato, e in diverse occasioni è parso l’unico in grado di contrastare il leader Oliver Bearman, la cui squalifica dalla terza corsa di Imola gli ha fatto perdere 25 punti importanti in classifica. Il pilota inglese mantiene un ampio margine di vantaggio sugli inseguitori, ma il binomio tricolore Fornaroli-Iron Lynx è più deciso che mai a mettergli i bastoni fra le ruote, come dichiarato da Leonardo ai nostri microfoni.

“La prima parte della stagione è stata sicuramente positiva - afferma Fornaroli, tracciando un bilancio sull'avviio di campionato - Ho conquistato la mia prima vittoria in monoposto e sono salito sul podio in quasi tutti gli appuntamenti. Sono in seconda posizione in campionato e carico per il gran finale, dal momento che Spielberg, Mugello e Monza sono tra i miei circuiti preferiti”.

A Misano è arrivato il primo successo in Formula 4, che cosa ha rappresentato per te e Iron Lynx?

“È stato uno dei weekend migliori della mia carriera. Già dai test e dalle prove libere siamo stati tra i più veloci e nelle qualifiche siamo riusciti a conquistare la pole position e due prime file. Ho vinto gara 1, mantenendo la testa dalla partenza fino alla bandiera a scacchi e sono salito sul podio nelle altre due gare”.

Nel corso della stagione però ci sono stati anche momenti difficili.

“A Le Castellet, nonostante i test fossero stati molto positivi, non siamo riusciti a trovare il passo giusto, ma siamo comunque riusciti a portare a casa punti importanti per il campionato, sfiorando anche il podio in gara 3. Vallelunga, invece, è stato senza dubbio il weekend più difficile della stagione. La temperatura dell’asfalto era alle stelle e abbiamo faticato a trovare il giusto set-up. Non sono riuscito a far segnare un buon tempo in qualifica e questo ci ha costretto a scattare dalle retrovie nelle tre gare. Rimanendo lontani dai guai siamo comunque riusciti a risalire sempre in zona punti”.



Nello scorso appuntamento di Imola è poi arrivato un pronto riscatto.

“È stato importante tornare subito sul podio a Imola, con il secondo posto in gara 2 e gara 3 maturato in seguito ad un’ottima qualifica. Peccato per il ritiro di gara 1, causato dalla rottura del perno dell'anteriore sinistra, dovuta alle grandi sollecitazioni a cui sono sottoposte le sospensioni a Imola, dove con le monoposto di Formula 4 siamo costretti a saltare sui cordoli della Variante Alta”.

A questo punto cosa ti aspetti dal finale di stagione?

“Sono in seconda posizione in campionato. Bearman ha vinto diverse gare consecutive, ma la squalifica per irregolarità al motore dalla terza di Imola gli ha fatto perdere molti punti. Il team Van Amersfoort ha fatto appello alla decisione, ma se la squalifica dovesse essere confermata ci permetterebbe di rilanciarci alla grande per la vittoria del campionato”.

Facendo un passo indietro, nel 2020 hai avuto un’ottima stagione da rookie. Ti aspettavi di essere così competitivo da subito?

“Il 2020 è stata una stagione molto positiva, anche se è mancata un po’ di costanza nei risultati. Sono rimasto sorpreso della velocità che ho mostrato di avere in alcune piste, nonostante fossi al mio primo anno in monoposto e ogni tracciato fosse nuovo per me. Buona parte deI merito è del team Iron Lynx, a cui sono rimasto legato nel 2021. I miei meccanici sono gli stessi dello scorso anno e questo dà continuità al lavoro iniziato nel 2020 e accresce la mia sicurezza quando sono alla guida”.

Cosa vedi nel tuo futuro a medio e lungo termine?

“L’obiettivo nei prossimi anni è quello di continuare a correre in monoposto per accrescere il mio bagaglio di esperienza e migliorare la mia tecnica di guida. Devo ammettere di essere molto attratto dagli sviluppi del mondo endurance e dai nuovi regolamenti LMDH e Hypercar, dove saranno presenti diversi costruttori con vetture estremamente prestazionali. Penso che tutto questo darà grande slancio al mondo endurance e attirerà molti giovani piloti”.

30 Ago [11:12]

Kimi Antonelli con Prema
a partire da Spielberg

Mattia Tremolada

Una settimana dopo aver compiuto 15 anni, Andrea Kimi Antonelli ha svelato i piani per il proprio debutto in Formula 4. Stella del karting, il pilota di Bologna vanta nel proprio palmares numerosi titoli, tra cui la WSK Champions Cup e la ROK Cup in classe Mini, la WSK Open Cup, Euro Series, Final Cup e Super Master Series in OKJ, la WSK Euro Series e il FIA European Championship in OK. Risultati che lo hanno portato all'attenzione di Toto Wolff, che lo ha inserito nel programma giovani di Mercedes.

Antonelli ha già avuto modo di saggiare in numerose giornate di test le monoposto del team AKM, di proprietà di papà Marco Antonelli, ma per il proprio debutto in F4 ha deciso di fare le cose in grande, approdando nella squadra campione in carica della serie tricolore, la Prema della famiglia Rosin. Kimi prenderà parte agli ultimi tre appuntamenti della stagione, a partire dalla tappa di Spielberg, in programma la seconda settimana di settembre. A ottobre sarà poi la volta del Mugello, che precederà il gran finale di Monza. Disputando solamente tre fine settimana nel 2021, Antonelli conserverà così lo status di rookie anche per la stagione 2022.

Antonelli diventa il terzo pilota a scendere in pista nel corso della stagione con la quinta monoposto di Prema, dopo le apparizioni di Charlie Wurz a Vallelunga e di Maceo Capietto a Imola. Il figlio d'arte austriaco dovrebbe essere nuovamente al via di altri appuntamenti, sia nella serie tricolore, sia nell'ADAC F4, con la squadra italiana che potrebbe quindi presentarsi con sei monoposto già a Spielberg.

PrevPage 1 of 10Next

News

F4 Italia
v

FirstPrevPage 1 of 4NextLast
FirstPrevPage 1 of 4NextLast

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone