super gt

Suzuka 2, gara
Colpaccio di Quintarelli-Matsuda

Marco Cortesi

Ronnie Quintarelli e Tsugio Matsuda hanno centrato nel sesto round del SuperGT ...

Leggi »
Mondiale Rally

Italia Sardegna, finale
Sordo resiste e trionfa

Jacopo Rubino

Per il secondo anno consecutivo Dani Sordo trionfa al Rally d’Italia Sardegna: pilota Hyun...

Leggi »
PrecedentePagina 1 di 10Successiva
18 Ott [17:38]

Monza - Gara 3
Delli Guanti, vittoria da sogno

Massimo Costa

Era nell'aria che Pietro Delli Guanti e BVM Technorace potessero cogliere un bel risultato a Monza. Il 16enne pugliese, già protagonista in diverse gare 2020 (zona punti e spesso vicino a entrare nella top 5), sul circuito lombardo aveva un passo da podio. Ma in gara 1, partito undicesimo, è stato sospinto fuori pista all'uscita della Ascari da Dino Beganovic quando era in settima posizione, in gara 2 (scattato sesto) è stato colpito da Filip Ugran a Lesmo 2 mentre era risalito terzo, e poco prima era stata chiamata la safety-car provocando il rallentamento di Francesco Pizzi e Gabriele Minì con conseguente incidente innescato dal romeno. 

Nella terza corsa, Delli Guanti si è schierato in seconda fila, terza piazzola, ed aveva gomme nuove. Il biondo della squadra ravennate non è partito bene, scivolando quinto, ma con grinta è risalito secondo superando Sebastian Montoya, Leonardo Fornaroli e approfittando della tamponata di Andrea Rosso a Minì. Delli Guanti ha quindi ingaggiato un bel duello con il leader Pizzi, all'inseguimento del terzo successo dopo le vittorie nelle prime due gare, ma che non disponeva di un treno di gomme nuove, già sfruttato. Al 12° giro, il pilota di BVM Technorace ha passato il rivale del team VAR con una bella manovra alla variante della Roggia e all'ultimo giro si è dovuto guardare da Gabriel Bortoleto che ha compiuto una incredibile rimonta dalla ventiduesima posizione di partenza, anche lui con pneumatici "freschi".

Ultimo giro da brividi, ma Delli Guanti ha mantenuto la freddezza per contenere il brasiliano della Prema e mettere a segno una vittoria da sogno. Delli Guanti corre con pochissimo budget e dopo i test invernali svolti con Technorace, ha affrontato il primo appuntamento stagionale con BVM. Una operazione messa in piedi a pochi giorni dal via del campionato grazie alla disponibilità concessa da Giuseppe Mazzotti, team principal. Il binomio Delli Guanti-BVM ha ben funzionato finché dall'appuntamento del Mugello, alla squadra romagnola si è affiancata la Technorace di Alessandro Perullo per offrire un contributo alla parte tecnica. Se in Toscana alcuni errori di Delli Guanti e un calo del motore in gara 3 non hanno mostrato il vero potenziale, a Monza c'è stata l'esplosione.

E' una bella storia quella che coinvolge i suddetti protagonisti perché dimostra che nonostante risorse economiche ridotte al minimo, se sul piatto vengono messi talento, capacità tecniche e buona gestione della squadra, nella super competitiva F4 Italia dove vi sono team di grande qualità e budget notevolissimi, si può conquistare una bella vittoria. Per BVM è un ritorno sul gradino più alto del podio dopo tanti anni: era il 2012 quando la squadra di Mazzotti proprio a Monza vinse tre gare su tre nella Formula Abarth con Antonio Giovinazzi (due) e Santiago Urrutia (una).

Con il leader del campionato Minì tamponato da Rosso alla staccata della prima variante al 3° giro, entrambi KO, per Pizzi si è presentata la grande occasione di accorciare ulteriormente lo svantaggio in campionato dal pilota del team Prema. Superato da Delli Guanti, nel finale il 15enne del team VAR ha commesso una piccola sbavatura alla Ascari che ha favorito l'avvicinamento di Bortoleto, il quale lo ha scavalcato al 15° giro, e Fornaroli, che ha compiuto il sorpasso all'ultima curva dell'ultimo giro. Come detto sopra, in questa corsa Pizzi non aveva gomme nuove, a differenza del brasiliano, oltre che Delli Guanti. Il ragazzo di Frascati ha comunque ridotto a 36 punti il divario da Minì (215 contro 179), ma con i cinque scarti del regolamento, diventano 22 (186 contro 164).

Terzo in gara 2, Bortoleto ha disputato una corsa a testa bassa sfiorando il colpaccio dopo essere partito dalla undicesima fila. Per lui un secondo posto notevole dopo la vittoria al Mugello gara 2. Applausi per Fornaroli, al primo podio stagionale. Il 15enne piacentino ha concluso un weekend di qualità che lo ha visto tra i primissimi in qualifica, due volte quarto tra gara 1 e gara 2, e infine terzo con un bel sorpasso all'esterno della Parabolica ai danni di Pizzi proprio all'ultimo giro. Una progressione importante per Fornaroli che sta crescendo bene di gara in gara grazie al bel lavoro di Iron Lynx che ha portato in zona punti anche Hamda Al Qubaisi. Bella anche la corsa di Santiago Ramos, quinto per Jenzer davanti a Sebastian Montoya e Dino Beganovic. Peccato per Francesco Simonazzi, compagno di Delli Guanti, che aveva disputato una corsa gagliarda, ma quando era settimo e vedeva la possibilità di puntare alla quinta posizione, in un contatto alla prima variante ha perso l'ala anteriore.

Domenica 18 ottobre 2020, gara 3

1 - Pietro Delli Guanti - BVM Technorace - 16 giri
2 - Gabriel Bortoleto - Prema - 0"466
3 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 0"651
4 - Francesco Pizzi - VAR - 0"808
5 - Santiago Ramos - Jenzer - 2"423
6 - Sebastian Montoya - Prema - 2"607
7 - Dino Beganovic - Prema - 2"615
8 - Filip Ugran - Jenzer - 2"960
9 - Hamda Al Qubaisi - Abu Dhabi - 3"958
10 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 4"365
11 - Dexter Patterson - Bhaitech - 4"910
12 - Lorenzo Fluxa - AKM - 5"097
13 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 5"856
14 - Francesco Braschi - Jenzer - 6"722
15 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 7"269
16 - Han Cenyu - VAR - 9"063
17 - Taylor Barnard - AKM - 9"365
18 - Bence Valint - VAR - 11"346
19 - Georgios Markogiannis - Cram - 11"802
20 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 25"627
21 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 30"943
22 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1 giro

Ritirati
Axel Gnos
Andrea Rosso
Gabriele Minì

Non partiti
Lorenzo Patrese
Jasin Ferati

Il campionato
1.Minì 215 punti; 2.Pizzi 179; 3.Rosso 139; 4.Bortoleto 125; 5.Ugran 120; 6.Beganovic 110; 7.Edgar 107; 8.Crawford 85; 9.Fornaroli 74; 10.Montoya 66: 11.Delli Guanti 65; 12.Durksen 43; 13.Salmenautio 39; 14.Bearman 38; 15.Ramos 24; 16.Chovanec 18; 17.Wisnicki 14; 18.Ogaard 12; 19.Simonazzi 10; 20.Patterson, Valint 8; 22.Smal, Gnos 6; 24.Barnard, Al Qubaisi 2; 25.Kaprzyk, Bernier 1.‍

18 Ott [11:32]

Monza - Gara 2
Pizzi fa il bis davanti a Minì

Da Monza - Mattia Tremolada - Foto Speedy

Francesco Pizzi ha infilato la doppietta a Monza, vincendo anche la seconda corsa in programma. Questa volta Gabriele Minì non è riuscito ad avere la meglio sul pilota di Frascati, accontentandosi della seconda posizione in volata al termine di una gara davvero combattuta. Con il gioco delle scie è infatti difficile prendere il largo, e come già successo nella corsa di ieri, il gruppo di testa è rimasto molto numeroso fino alla fine.

Il primo colpo di scena è arrivato nel giro di schieramento, con lo stop di Andrea Rosso. Il pilota di Cram non ha potuto posizionarsi in pole position a causa di un problema elettrico, impossibile da risolvere prima della partenza dagli uomini della squadra brianzola. Il cavo della batteria, infatti, che si trova sotto al sedile del pilota, era tranciato di netto, togliendo corrente alla vettura.

Minì nel finale ha avuto la meglio su Sebastian Montoya, che con una bella gara era risalito secondo. Dopo aver subito il sorpasso dal pilota siciliano, il figlio di Juan Pablo è arrivato al contatto con Gabriel Bortoleto, avendo la peggio e finendo nella ghiaia alla prima variante. Il brasiliano ha così preso la terza posizione davanti a Leonardo Fornaroli, che nel finale ha anche tentato l’attacco sul pilota Prema, ma si è dovuto accontentare di un’altra quarta posizione dopo quella ottenuta ieri. Il portacolori di Iron Lynx ha fatto segnare il giro più veloce e potrà sicuramente andare all’attacco del podio in gara 3, dove scatterà dalla prima fila. Bel quinto posto di Santiago Ramos, che ha preceduto il compagno in Jenzer Piotr Wisnicki, ottimo sesto davanti a Jesse Salmenautio (Bhaitech), Montoya, il rookie Taylor Barnard e Sebastian Ogaard, ancora a punti dall’ultima piazza e nonostante un pit stop.

Tanti i contatti e gli errori anche in questa corsa. Hamda Al Qubaisi è arrivata lunga in prima variante, speronando Han Cenyu. La direzione gara ha dovuto chiamare in azione la safety car per recuperare le due vetture. Pizzi e Minì hanno così alzato il piede, ma il gruppo ancora compatto alle loro spalle non si è accorto delle bandiere gialle esposte e Filip Ugran ha colpito l’incolpevole Pietro Delli Guanti. Entrambe le vetture hanno riportato grossi danni, con il pilota di BVM Technorace che ha perso l’occasione di conquistare il primo podio in carriera, ritirandosi mentre occupava la terza posizione.

Dopo aver colpito con violenza un dissuasore nelle qualifiche di sabato mattina, Jasin Ferati si è ritirato dall'evento con forti dolori alla schiena.

Domenica 18 ottobre 2020, gara 2

1 - Francesco Pizzi - VAR - 14 giri
2 - Gabriele Minì - Prema - 0"438
3 - Gabriel Bortoleto - Prema - 1"184
4 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1"542
5 - Santiago Ramos - Jenzer - 1"963
6 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 3"495
7 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 3"895
8 - Sebastian Montoya - Prema - 5"856
9 - Taylor Barnard - AKM - 6"199
10 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 10"219
11 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 10"563
12 - Bence Valint - VAR - 11"936
13 - Lorenzo Fluxa - AKM - 15"911
14 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 19"202
15 - Dino Beganovic - Prema - 25"472
16 - Francesco Braschi - Jenzer - 1 giro
17 - Georgios Markogiannis - Cram - 1 giro

Ritirati
Dexter Patterson
Lorenzo Patrese
Han Cenyu
Pietro Delli Guanti
Filip Ugran
Hamda Al Qubaisi
Zdenek Chovanec
Axel Gnos

Non partiti
Andrea Rosso
Jasin Ferati

Il campionato
1.Minì 215 punti; 2.Pizzi 167; 3.Rosso 139; 4.Ugran 116; 5.Edgar 107; 6.Bortoleto 107; 7.Beganovic 104; 8.Crawford 85; 9.Fornaroli 59; 10.Montoya 58: 11.Durksen 43; 12.Delli Guanti 40; 13.Bearman, Salmenautio 38; 15.Chovanec 18; 16.Ramos, Wisnicki 14; 18.Ogaard 12; 19.Simonazzi 10; 20.Patterson, Valint 8; 22.Smal, Gnos 6; 24.Barnard 2; 25.Kaprzyk, Bernier 1.‍

17 Ott [18:26]

Monza - Minì penalizzato,
la vittoria di gara 1 va a Pizzi

Da Monza - Massimo Costa

E' andata a Francesco Pizzi la vittoria di gara 1 della F4 Italia. Gabriele Minì è stato penalizzato di 5" per il sorpasso alla curva Parabolica, all'ultimo giro, al rivale del team VAR. Sorpasso compiuto all'esterno e oltre i limiti della pista. Minì scivola al decimo posto mentre per Pizzi si tratta della seconda vittoria stagionale dopo quella di Misano gara 3 e con i 7 punti in più acquisiti sale al secondo posto in campionato. Andrea Rosso scala da terzo a secondo nella classifica di gara, ma da secondo a terzo in quella di campionato, mentre sul terzo gradino del podio sale (virtualmente) Filip Ugran.

Sabato 17 ottobre 2020, gara 1

1 - Francesco Pizzi - VAR - 14 giri 
2 - Andrea Rosso - Cram - 1"723 
3 - Filip Ugran - Jenzer - 1"763 
4 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1"817 
5 - Sebastian Montoya - Prema - 3"575 
6 - Bence Valint - VAR - 3"710 
7 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 4"200 
8 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 4"392 
9 - Santiago Ramos - Jenzer - 4"792 
10 - Gabriele Minì - Prema - 5"000 **
11 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 5"207
12 - Dexter Patterson - Bhaitech - 6"314
13 - Han Cenyu - VAR - 10"247
14 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 10"646
15 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 10"809
16 - Georgios Markogiannis - Cram - 11"260
17 - Dino Beganovic - Prema - 19"554

** Penalizzato di 5"

Ritirati
Gabriel Bortoleto
Lorenzo Fluxa
Jesse Salmenautio
Taylor Barnard
Pietro Delli Guanti
Lorenzo Patrese
Hamda Al Qubaisi
Axel Gnos

Non partiti
Jasin Ferati
Francesco Braschi

Il campionato
1.Minì 197 punti; 2.Pizzi 142; 3.Rosso 139; 4.Ugran 116; 5.Edgar 107; 6.Beganovic 104; 7.Bortoleto 92; 8.Crawford 85; 9.Montoya 54: 10.Fornaroli 47; 11.Durksen 43; 12.Delli Guanti 40; 13.Bearman 38; 14.Salmenautio 32; 15.Chovanec 18; 16.Ogaard 11; 17.Simonazzi 10; 18.Patterson, Valint 8; 19.Smal, Gnos 6; 22.Ramos, Wisnicky 4; 24.Kaprzyk, Bernier 1.‍

17 Ott [16:20]

Monza - Gara 1
Minì vince in volata su Pizzi, ma...

Da Monza - Massimo Costa

Una gara 1 epica, piena di duelli e che su tutti ha visto due primi attori: il poleman Francesco Pizzi e Gabriele Minì. Una battaglia (con gran rispetto tra i due piloti) che si è conclusa in volata sotto la bandiera a scacchi e che ha visto prevalere Minì per 15 millesimi. Ma il sorpasso finale, all'ultima curva dell'ultimo giro, mentre scriviamo è sotto la lente di ingrandimento dei commissari sportivi. Minì ha infatti passato Pizzi all'esterno ed avrebbe superato i limiti della pista. In ogni caso, i due 15enni Gabriele del team Prema e Francesco del team VAR, si sono superati una infinità di volte: alla prima variante, alla Roggia, alla Ascari, alla Parabolica, all'interno e all'esterno. Entrambi meriterebbero la vittoria.

Consistente Andrea Rosso, che ha collezionato un ottimo terzo posto con la vettura del team Cram. Il piemontese, che rimane secondo in campionato, ha lottato duramente per conquistare il podio, messo al sicuro nei chilometri finali domando Filip Ugran (Jenzer), scatenatosi nei giri finali e quarto al traguardo. Quinta piazza per Leonardo Fornaroli (Iron Lynx) che partiva dalla prima fila. Il giovane emiliano è stato costantemente tra i protagonisti e non si contano i sorpassi fatti e subìti. Fornaroli ha però retto bene nella bagarre e la quinta piazza è sicuramente un bel premio.

Nella bagarre se l'è cavata bene Sebastian Montoya (Prema), sesto all'arrivo davanti a un sorprendente Bence Valint del team Van Amersfoort. L'ungherese ha colto il suo miglior risultato stagionale domando Sebastian Ogaard (Bhaitech) che da ultimo in griglia di partenza causa uscita di pista in qualifica, è risalito con veemenza. Punti anche per Piotr Wisnicki e Santiago Ramos, entrambi del team Jenzer.

Per un soffio fuori dalla top 10, Francesco Simonazzi di BVM Technorace, bravo nel districarsi a centro gruppo. Il suo compagno di team, Pietro Delli Guanti, dopo un'iniziale passeggiata nella ghiaia che gli ha fatto perdere qualche posizione, era risalito forte in nona posizione, ma alla Ascari è stato spinto fuori da Dino Beganovic perdendo l'ala anteriore. Lo svedese della Prema ha concluso attardato mentre Gabriel Bortoleto (Prema), che ricordiamo vincitore della gara 2 al Mugello, si è dovuto ritirare dopo qualche contatto. Ritirato per uscita Lorenzo Patrese di AKM, squadra che ha visto fermarsi ai box anche Taylor Barnard e Lorenzo Fluxa.

Sabato 17 ottobre 2020, gara 1

1 - Gabriele Minì - Prema - 14 giri
2 - Francesco Pizzi - VAR - 0"015
3 - Andrea Rosso - Cram - 1"738
4 - Filip Ugran - Jenzer - 1"778
5 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1"832
6 - Sebastian Montoya - Prema - 3"590
7 - Bence Valint - VAR - 3"725
8 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 4"215
9 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 4"407
10 - Santiago Ramos - Jenzer - 4"807
11 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 5"207
12 - Dexter Patterson - Bhaitech - 6"314
13 - Han Cenyu - VAR - 10"247
14 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 10"646
15 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 10"809
16 - Georgios Markogiannis - Cram - 11"260
17 - Dino Beganovic - Prema - 19"554

Ritirati
Gabriel Bortoleto
Lorenzo Fluxa
Jesse Salmenautio
Taylor Barnard
Pietro Delli Guanti
Lorenzo Patrese
Hamda Al Qubaisi
Axel Gnos

Non partiti
Jasin Ferati
Francesco Braschi

Il campionato
1.Minì 221 punti; 2.Rosso 136; 3.Pizzi 135; 4.Ugran 113; 5.Edgar 107; 6.Beganovic 104; 7.Bortoleto 92; 8.Crawford 85; 9.Montoya 52: 10.Fornaroli 45; 11.Durksen 43; 12.Delli Guanti 40; 13.Bearman 38; 14.Salmenautio 32; 15.Chovanec 18; 16.Simonazzi 10; 17.Ogaard 9; 18.Patterson 8; 19.Smal, Gnos, Valint 6; 22.Ramos 3; 23.Wisnicki 2; 24.Kaprzyk, Bernier 1.‍

17 Ott [10:26]

Monza - Qualifica 1-2
Pizzi, Rosso e Minì in pole

Da Monza - Mattia Tremolada

Trionfo tricolore nelle qualifiche della Formula 4 Italia a Monza. Francesco Pizzi, Andrea Rosso e Gabriele Minì si sono divisi le pole position in palio, ma anche alle loro spalle si sono messi in luce tanti piloti italiani. Nel Q1 Pizzi ha beffato tutti sotto la bandiera a scacchi, facendo firmare il tempo di 1’54”547 e assicurandosi la prima pole position in carriera nella serie tricolore. Leonardo Fornaroli ha sperato fino all’ultimo secondo nel colpaccio, ma il pilota di Iron Lynx si dovrà accontentare di una comunque ottima prima fila. Rosso e il leader della classifica Minì hanno chiuso in terza e quarta posizione, mentre Lorenzo Patrese, alla seconda apparizione stagionale è ottimo sesto.

Anche nel secondo turno i piloti italiani l’hanno fatta da padrone, con Rosso che ha conquistato la seconda pole stagionale davanti a Minì e Pizzi. Solo Filip Ugran è riuscito a spezzare il dominio tricolore, inserendosi davanti a Fornaroli e a Pietro Delli Guanti. Il portacolori di BVM Technorace è stato intelligente a restare lontano dal gruppo nel finale del Q2, riuscendo a migliorarsi nell’ultimo giro a disposizione dopo una lunga neutralizzazione in Full Course Yellow, causata da un testacoda di Han Cenyu a Lesmo 1.

Gabriel Bortoleto ha chiuso quinto nel primo turno, ma è rimasto attardato nel secondo. Jesse Salmenautio ha fatto firmare due volte il settimo crono, sempre davanti a Sebastian Montoya. Le due sessioni sono state fermate a più riprese. Nella prima la bandiera rossa è stata necessaria per recuperare la macchina di Sebastian Ogaard, che non è più riuscito a ripartire. Uscita di pista anche per Francesco Braschi, che ha potuto però riprendere la via per i box. In Q2 contatto tra i compagni di squadra in AKM Patrese e Taylor Barnard. Il figlio di Riccardo è stato costretto a fermarsi, causando l'esposizione della bandiera rossa, mentre il britannico è rientrato in pit lane senza ala posteriore. Fuori anche Georgios Markogiannis, finito contro il muro alla variante Ascari.

Sabato 17 ottobre 2020, qualifica 1

1 - Francesco Pizzi - VAR - 1'54"547
2 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'54"615
3 - Andrea Rosso - Cram - 1'54"737
4 - Gabriele Minì - Prema - 1'54"869
5 - Gabriel Bortoleto - Prema - 1'54"908
6 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'55"313
7 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 1'55"327
8 - Sebastian Montoya - Prema - 1'55"422
9 - Filip Ugran - Jenzer - 1'55"438
10 - Taylor Barnard - AKM - 1'55"492
11 - Pietro Delli Guanti - BVM Technorace - 1'55"493
12 - Hamda Al Qubaisi - Abu Dhabi - 1'55"534
13 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 1'55"559
14 - Dino Beganovic - Prema - 1'55"639
15 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 1'56"017
16 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'56"100
17 - Han Cenyu - VAR - 1'56"205
18 - Jasin Ferati - Jenzer - 1'56"251
19 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'56"648
20 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'56"688
21 - Dexter Patterson - Bhaitech - 1'56"831
22 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'56"841
23 - Bence Valint - VAR - 1'56"853
24 - Axel Gnos - G4 Racing - 1'56"932
25 - Lorenzo Fluxa - AKM - 1'57"020
26 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 1'57"588
27 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 2'00"809

Sabato 17 ottobre 2020, qualifica 2

1 - Andrea Rosso - Cram - 1'54"644
2 - Gabriele Minì - Prema - 1'54"720
3 - Francesco Pizzi - VAR - 1'54"901
4 - Filip Ugran - Jenzer - 1'55"024
5 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'55"094
6 - Pietro Delli Guanti - BVM Technorace - 1'55"130
7 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 1'55"230
8 - Sebastian Montoya - Prema - 1'55"516
9 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'55"700
10 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'55"823
11 - Dexter Patterson - Bhaitech - 1'56"007
12 - Dino Beganovic - Prema - 1'56"064
13 - Axel Gnos - G4 Racing - 1'56"081
14 - Taylor Barnard - AKM - 1'56"116
15 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 1'56"240
16 - Gabriel Bortoleto - Prema - 1'56"285
17 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 1'56"374
18 - Lorenzo Fluxa - AKM - 1'56"383
19 - Bence Valint - VAR - 1'56"385
20 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 1'56"580
21 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'56"807
22 - Hamda Al Qubaisi - Abu Dhabi - 1'57"033
23 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'57"515
24 - Jasin Ferati - Jenzer - 1'57"705
25 - Lorenzo Patrese - AKM - no time
26 - Han Cenyu - VAR - no time
27 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - no time


16 Ott [16:03]

Monza - Libere 2
C'è Minì davanti a tutti

Da Monza - Mattia Tremolada

Gabriele Minì è stato il più veloce nel secondo turno della Formula 4 Italia a Monza. Dopo aver già svettato nel turno del mattino, il pilota Prema si è confermato al vertice, precedendo di un decimo Filip Ugran di Jenzer. Terzo Dino Beganovic, che ha avuto la meglio di Francesco Pizzi e Andrea Rosso. I due piloti italiani seguono Minì nella classifica di campionato, con l'alfiere Cram che è riuscito nel sorpasso ai danni del rivale di Van Amersfoort al Mugello. 

Gabriel Bortoleto è sesto davanti alle sorprese Dexter Patterson, Hamda Al Qubaisi e Piotr Wisnicki. La ragazza araba è stata anche protagonista di un'uscita nella ghiaia alla seconda di Lesmo, provocando l'esposizione della Full Course Yellow nel finale della sessione. Chiude la top-10 Sebastian Montoya, che ha preceduto Taylor Barnard, undicesimo anche questa mattina nel primo turno. Pietro Delli Guanti e Francesco Simonazzi di BVM Technorace circondano Leonardo Fornaroli di Iron Lynx, tredicesimo. In risalita Lorenzo Patrese, diciassettesimo dall'ultimo posto di questa mattina, mentre è sprofondato nelle retrovie Jasin Ferati, nono nel primo turno.

Venerdì 16 ottobre 2020, libere 2

1 - Gabriele Minì - Prema - 1'53"897 - 14 giri
2 - Filip Ugran - Jenzer - 1'53"991 - 14
3 - Dino Beganovic - Prema - 1'54"107 - 16
4 - Francesco Pizzi - VAR - 1'54"492 - 15
5 - Andrea Rosso - Cram - 1'54"565 - 15
6 - Gabriel Bortoleto - Prema - 1'54"743 - 16
7 - Dexter Patterson - Bhaitech - 1'54"806 - 16
8 - Hamda Al Qubaisi - Abu Dhabi - 1'54"816 - 13
9 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'54"866 - 14
10 - Sebastian Montoya - Prema - 1'54"894 - 14
11 - Taylor Barnard - AKM - 1'55"009 - 14
12 - Pietro Delli Guanti - BVM Technorace - 1'55"032 - 15
13 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'55"140 - 14
14 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 1'55"216 - 14
15 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 1'55"298 - 15
16 - Lorenzo Fluxa - AKM - 1'55"572 - 14
17 - Lorenzo Patrese - AKM - 1'55"764 - 14
18 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 1'55"817 - 15
19 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'56"003 - 13
20 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 1'56"009 - 13
21 - Axel Gnos - G4 Racing - 1'56"096 - 15
22 - Bence Valint - VAR - 1'56"118 - 15
23 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'56"601 - 5
24 - Han Cenyu - VAR - 1'56"907 - 14
25 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'57"689 - 13
26 - Jasin Ferati - Jenzer - 1'58"588 - 4
27 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 1'59"146 - 8

16 Ott [11:43]

Monza - Libere 1
Tris Prema, Minì leader

Da Monza - Massimo Costa

Nel primo turno della F4 Italia, svoltosi con pista bagnata, Gabriele Minì ha subito fatto valere la propria leadership nel campionato cogliendo la prima posizione. Il pilota siciliano del team Prema ha piazzato il miglior tempo in 2'08"763 precedendo i compagni di squadra Gabriel Bortoleto, 2'08"994, e Dino Beganovic, 2'09"235. Nella prima parte della sessione, a comandare il gruppo è stato Filip Ugran (Jenzer), poi sceso al quinto posto. Quarto, invece, Francesco Pizzi (VAR), terzo nella classifica di campionato, che era stato il più veloce nella giornata di test di mercoledì.

Il 15enne di Frascati non avrà come compagno di squadra Jonny Edgar e Jak Crawford, impegnati a Spielberg nella F4 tedesca. Buon inizio di weekend per Sebastian Montoya (Prema) sesto davanti a Jesse Salmenautio, in top 10 per Bhaitech. Protagonista al Mugello, Santagio Ramos (Jenzer)  è ottavo davanti al compagno Jasin Ferati (tra l'altro autori dello stesso crono) e ad Andrea Rosso (Cram), secondo in campionato.

Venerdì 16 ottobre 2020, libere 1

1 - Gabriele Minì - Prema - 2'08"763 - 17 giri
2 - Gabriel Bortoleto - Prema - 2'08"994 - 17
3 - Dino Beganovic - Prema - 2'09"235 - 16
4 - Francesco Pizzi - VAR - 2'09"242 - 16
5 - Filip Ugran - Jenzer - 2'09"353 - 17
6 - Sebastian Montoya - Prema - 2'09"495 - 16
7 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 2'09"896 - 16
8 - Santiago Ramos - Jenzer - 2'10"022 - 16
9 - Jasin Ferati - Jenzer - 2'10"022 - 17
10 - Andrea Rosso - Cram - 2'10"044 - 17
11 - Taylor Barnard - AKM - 2'10"124 - 17
12 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 2'10"314 - 16
13 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 2'10"330 - 17
14 - Francesco Braschi - Jenzer - 2'10"401 - 17
15 - Pietro Delli Guanti - BVM Technorace - 2'10"612 - 15
16 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 2'10"919 - 17
17 - Bence Valint - VAR - 2'11"063 - 16
18 - Axel Gnos - G4 Racing - 2'11"148 - 16
19 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 2'11"153 - 17
20 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 2'11"194 - 16
21 - Han Cenyu - VAR - 2'11"302 - 16
22 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 2'11"492 - 16
23 - Dexter Patterson - Bhaitech - 2'11"890 - 16
24 - Hamda Al Qubaisi - Abu Dhabi - 2'12"589 - 16
25 - Lorenzo Fluxa - AKM - 2'13"490 - 17
26 - Georgios Markogiannis - Cram - 2'13"518 - 16
27 - Lorenzo Patrese - AKM - 2'13"940 - 15

14 Ott [19:40]

Monza, test
Pizzi il più veloce

Da Monza - Mattia Tremolada

Francesco Pizzi è stato velocissimo nei test pre gara della Formula 4 Italia sul circuito Brianzolo di Monza. Il pilota di Frascati ha ottenuto il miglior tempo nelle due sessioni pomeridiane, mostrando di essere competitivo anche senza la scia, che ricoprirà un ruolo cruciale a livello strategico sui lunghi rettifili di Monza. Filip Ugran, ha chiuso secondo a due decimi da Pizzi, precedendo la coppia di Prema formata da Sebastian Montoya e Gabriele Minì. Ottimo quinto Leonardo Fornaroli di Iron Lynx.

Gabriel Bortoleto ha preceduto Bent Valint, sorprendente quarto nell'ultima sessione in programma e settimo nella classifica combinata di giornata. In top-10 anche le altre due vetture di Jenzer di Santiago Ramos e Jasin Ferati, oltre a Francesco Simonazzi di BVM Technorace, che ha schierato una terza vettura per il francese Noah Abramczyk. Undicesima la prima Bhaitech di Sebastian Ogaard, un decimo più rapido di Andrea Rosso di Cram. Dino Beganovic e Jesse Salmenautio hanno chiuso davanti a Pietro Delli Guanti. Si è rivisto Lorenzo Fluxa, già presente ai test del Mugello con AKM e impegnato nella F4 Spagnola dopo aver chiuso secondo alle spalle di Pizzi nella serie degli Emirati.

Mercoledì 14 ottobre 2020, classifica di giornata

1 - Francesco Pizzi - VAR - 1'53"146 - 70
2 - Filip Ugran - Jenzer - 1'53"401 - 70
3 - Sebastian Montoya - Prema - 1'53"463 - 69
4 - Gabriele Minì - Prema - 1'53"472 - 64
5 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 1'53"618 - 70
6 - Gabriel Bortoleto - Prema - 1'53"668 - 67
7 - Bence Valint - VAR - 1'53"775 - 70
8 - Santiago Ramos - Jenzer - 1'53"778 - 68
9 - Jasin Ferati - Jenzer - 1'53"781 - 70 
10 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 1'54"019 - 63
11 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 1'54"170 - 65
12 - Andrea Rosso - Cram - 1'54"223 - 73
13 - Dino Beganovic - Prema - 1'54"225 - 65 
14 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 1'54"237 - 65
15 - Pietro Delli Guanti - BVM Technorace - 1'54"376 - 70
16 - Taylor Barnard - AKM - 1'54"456 - 74
17 - Francesco Braschi - Jenzer - 1'54"589 - 75
18 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 1'54"692 - 75
19 - Nicolas Baptiste - Cram - 1'54"713 - 67
20 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 1'54"755 - 66
21 - Axel Gnos - G4 Racing - 1'54"984 - 76
22 - Lorenzo Patrese - AKM Motorsport - 1'54"997 - 73
23 - Dexter Patterson - Bhaitech - 1'55"001 - 70
24 - Han Cenyu - VAR - 1'55"014 - 64
25 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 1'55"044 - 69
26 - Lorenzo Fluxa - AKM Motorsport - 1'55"083 - 70
27 - Vittorio Catino - Cram - 1'55"200 - 67
28 - Hamda Al Qubaisi - Abu Dhabi - 1'55"382 - 70 
29 - Georgios Markogiannis - Cram - 1'55"629 - 58
30 - Noam Abramczyk - BVM Racing - 1'56"871 - 72

4 Ott [18:26]

Mugello - Gara 3
Minì domina, tris per la Prema

Dal Mugello - Massimo Costa

Finalmente il tempo è stato clemente al Mugello e la terza e ultima gara del fine settimana toscano si è disputata con pista asciutta. Gabriele Minì, partito dalla seconda piazzola dello schieramento, è stato semplicemente perfetto in ogni situazione. Passato al via il poleman Gabriel Bortoleto, gestita bene la situazione di safety-car verificatasi al 5° giro, il pilota del team Prema gestito da Nicolas Todt, ha sempre avuto il totale controllo della corsa. Ed ora lo ha anche del campionato perché con il quarto, il secondo e il primo posto ottenuti nelle tre gare toscane, comanda in serenità la classifica generale con 196 punti. 

Le monoposto del team Prema hanno fatto il bello e cattivo tempo. Bortoleto ha sempre occupato la seconda posizione, ma nel duello con Jonny Edgar, alla prima curva, ha perso il retrotreno, è andato largo ed ha toccato l'inglese, il quale ha perso posizioni. La direzione gara ha così affibbiato 5" di penalità al brasiliano e nella classifica finale è sceso al terzo posto, dietro a Dino Beganovic. Quarta piazza per Andrea Rosso che lascia il Mugello al secondo posto in campionato, con 121 punti. Il pilota del team Cram ha disputato tre gare di notevole fattura cancellando il brutto weekend austriaco.

Fantastica la quinta posizione di Francesco Pizzi. Partito sedicesimo, il 15enne del team VAR ha dato vita a una poderosa rimonta. Sorpasso dopo sorpasso, duello dopo duello (splendido il confronto con Jak Crawford) è arrivato alle spalle di Rosso. Pizzi ha così riscattato le due qualifiche e le prime due gare, sul bagnato, in cui la squadra aveva perso "la bussola" ed è terzo in campionato con 117 punti. I suoi compagni Crawford ed Edgar, nei giri finali si sono ritrovati in bagarre e come spesso accade, i due Junior Red Bull sono entrati in contatto in maniera piuttosto sciocca.

Finalmente una bella gara per il team Bhaitech. Zdenek Chovanec ha strappato un sesto posto notevole, suo secondo miglior risultato stagionale, precedendo un buon Sebastian Montoya (Prema) in recupero dal centro griglia. Punti anche per il finlandese della Bhaitech, Jesse Salmenautio, ottavo davanti a Francesco Simonazzi, nono per BVM Technorace dopo una corsa arcigna. Peccato per il suo compagno Pietro Delli Guanti: era risalito in sesta posizione, ma negli ultimi chilometri di gara un problema tecnico lo ha rallentato ed ha concluso dodicesimo. Filip Ugran questa volta ha pagato dazio, con un errore alla prima curva dopo il via ed ha terminato undicesimo, fuori dai punti. Da segnalare un contatto tra Han Cenyu e Lorenzo Patrese oltre all'uscita di pista di Vittorio Catino.

Domenica 4 ottobre 2020, gara 3

1 - Gabriele Minì - Prema - 16 giri 32'58"776
2 - Dino Beganovic - Prema - 1"194
3 - Gabriel Bortoleto - Prema - 5"647 **
4 - Andrea Rosso - Cram - 7"871
5 - Francesco Pizzi - VAR - 8"145
6 - Zdenek Chovanec - Bhaitech - 14"538
7 - Sebastian Montoya - Prema - 14"792
8 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 15"700
9 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 16"794
10 - Santiago Ramos - Jenzer - 18"860
11 - Filip Ugran - Jenzer - 18"887
12 - Pietro Delli Guanti - BVM - 18"913
13 - Axel Gnos - G4 Racing - 20"119
14 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 20"539
15 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 20"594
16 - Francesco Braschi - Jenzer - 21"243
17 - Kyrill Smal - Prema - 22"547
18 - Jak Crawford - VAR - 25"176
19 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 26"314
20 - Jasin Ferati - Jenzer - 27"131
21 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 27"410
22 - Dexter Patterson - Bhaitech - 28"156
23 - Hamda Al Qubaisi - Abu Dhabi - 28"638
24 - Taylor Barnard - AKM - 30"526
25 - Bence Valint - VAR - 50"731

** 5 secondi di penalità

Ritirati
Jonny Edgar
Han Cenyu
Lorenzo Patrese
Vittorio Catino

Il campionato
1.Minì 196; 2.Rosso 121; 3.Pizzi 117; 4.Edgar 107; 5.Beganovic 104; 6.Ugran 101; 7.Bortoleto 92; 8.Crawford 85; 9.Montoya 44: 10.Durksen 43; 11.Delli Guanti 40; 12.Bearman 38; 13.Fornaroli 35; 14.Salmenautio 32; 15.Chovanec 18; 16.Simonazzi 10; 17.Patterson 8; 18.Smal, Gnos 6; 20.Ogaard 5; 21.Ramos 2; 22.Kaprzyk, Bernier, Ramos 1.‍

4 Ott [12:51]

Mugello - Gara 2
Bortoleto nella pioggia

Dal Mugello - Massimo Costa

Sul bagnato lui ha qualcosa in più. Gabriel Bortoleto lo aveva dimostrato già in gara 1 risalendo da dodicesimo (dove era stato confinato per penalità dovuta a cambio motore) a secondo. Il pilota brasiliano del team Prema, nella seconda corsa della F4 Italia al Mugello, sempre con pioggia, ha dettato le regole ed ha conquistato la prima vittoria stagionale dopo essere partito dalla pole. Una gara 2 di grande spessore quella di Bortoleto, bravo nel reagire a Gabriele Minì che inizialmente lo aveva sorpreso passando al comando.

I due giovanissimi della Prema, non si sono risparmiati superandosi un paio di volte, finché Bortoleto non ha preso definitivamente la prima posizione inanellando giri velocissimi. Niente da fare per Minì, che ha visto allontanarsi sempre più Gabriel. Andrea Rosso, con la croce della penalità di 10" per partenza lanciata (dopo 2 giri in safety-car) non regolare, non si è certo arreso e da quarto ha superato Dino Beganovic puntando poi Minì. Il duello è stato serrato e al 13° giro Rosso ha superato il pilota siciliano andando a caccia di Bortoleto. Il ragazzo del team Cram ha poi tentato di tenersi il podio in quanto il suo vantaggio su Beganovic saliva giro dopo giro, ma non ce l'ha fatta ed è stato classificato quarto a un solo decimo dallo svedese. Bravo lo stesso, dopo la vittoria di gara 1.

Si è così registrata una bella tripletta Prema con Bortoleto-Minì-Beganovic mentre quarto ha concluso Jonny Edgar del team VAR. Per la squadra olandese, quello del Mugello non è certo un weekend da ricordare. L'inglese però, fuori in gara 1, ha recuperato punti importanti che lo tengono in "piedi" per il campionato. Il suo compagno Jak Crawford ha lottato a lungo per la nona posizione, ma nel finale è crollato undicesimo. E' andata malissimo a Francesco Pizzi che è stato colpito al 3° giro da Jesse Salmenautio mentre tentava una difficile rimonta dalla diciottesima posizione di partenza. Il 15enne del team VAR ha perso così la seconda posizione in campionato.

Sesta piazza per un sempre consistente Filip Ugran del team Jenzer, poi Francesco Simonazzi, buon settimo per BVM Technorace. L'emiliano partiva quarto, ma pur non avendo il passo dei primi quattro, ha corso con determinazione nel gruppetto composto da Edgar, Ugran e Santiago Ramos, poi giratosi e rovinando così la bella gara che stava disputando. Dietro a loro, più staccato, un altro gruppetto di piloti in piena bagarre fin dall'inizio e composto da Axel Gnos, Pietro Delli Guanti, Jak Crawford, Leonardo Fornaroli e Sebastian Montoya. Gnos è sempre stato davanti seguito da Crawford, mentre Delli Guanti (bel recupero da quattordicesimo al via) e Fornaroli si sono spesso trovati a stretto contatto. Nell'ultimo giro, Delli Guanti ha passato Crawford (poi scavalcato anche da Montoya) arrivando sotto la bandiera a scacchi in volata con Gnos.

Domenica 4 ottobre 2020, gara 2

1 - Gabriel Bortoleto - Prema - 14 giri 33'38"426
2 - Gabriele Minì - Prema - 5"056
3 - Dino Beganovic - Prema - 11"383
4 - Andrea Rosso - Cram - 11"383 **
5 - Jonny Edgar - VAR - 24"870
6 - Filip Ugran - Jenzer - 25"034
7 - Francesco Simonazzi - BVM Technorace - 25"921
8 - Axel Gnos - G4 Racing - 33"330
9 - Pietro Delli Guanti - BVM Technorace - 33"353
10 - Sebastian Montoya - Prema - 34"383
11 - Jak Crawford - VAR - 34"388
12 - Leonardo Fornaroli - Iron Lynx - 34"673
13 - Kyrill Smal - Prema - 39"592
14 - Santiago Ramos - Jenzer - 44"029
15 - Taylor Barnard - AKM - 48"531
16 - Piotr Wisnicki - Jenzer - 49"497
17 - Lorenzo Patrese - AKM - 56"261
18 - Sebastian Freymuth - AS Motorsport - 56"412
19 - Sebastian Ogaard - Bhaitech - 56"499
20 - Jesse Salmenautio - Bhaitech - 1'00"095
21 - Dexter Patterson - Bhaitech - 1'11"761
22 - Jasin Ferati - Jenzer - 1'13"884
23 - Vittorio Catino - Cram - 1'27"132
24 - Han Cenyu - VAR - 1'29"022
25 - Hamda Al Qubaisi - Prema - 1'29"022
26 - Bence Valint - VAR - 2'00"104

** Penalità di 10"

Giro più veloce: Andrea Rosso 2'08"345

Ritirati
Zdenek Chovanec
Francesco Braschi
Francesco Pizzi

Il campionato
1.Minì 171; 2.Rosso 109; 3.Pizzi, Edgar 107; 5.Ugran 101; 6.Beganovic 86; 7.Crawford 85; 8.Bortoleto 77; 9.Durksen 43; 10.Delli Guanti 40; 11.Bearman, Montoya 38; 13.Fornaroli 35; 14.Salmenautio 28; 15.Chovanec 10; 16.Patterson, Simonazzi 8; 18.Smal, Gnos 6; 20.Ogaard 5; 21.Kaprzyk, Bernier, Ramos 1.‍

PrecedentePagina 1 di 10Successiva

News

F.4 Italia
v

PrimaPrecedentePagina 1 di 4SuccessivaUltima
PrimaPrecedentePagina 1 di 4SuccessivaUltima

Tutti i nostri Magazine

I Magazine da leggere e sfogliare anche su tablet e smartphone